FUORI DAL GREGGE (EDITORIALE – ARTURO STENIO VUONO) ALTRE NOTIZIE – MESSAGGI – CORRISPONDENZE DIVERSE


Friday, November 29, 2013
FUORI DAL GREGGE ( EDITORIALE – ARTURO STENIO VUONO ). ALTRE NOTIZIE – MESSAGGI – CORRISPONDENZE DIVERSE. [ “AZIMUT-NEWSLETTER” :SABATO, 30 NOVEMBRE 2013 ]
  [ IN QUESTO NUMERO, TRA LE TANTE E ALTRE NOTIZIE : SULLA CHINA – E NON SOLO – REPORT LAOGAI FOUNDATION  ITALIA ONLUS ] – ( PER LEGGERE TUTTO – VEDI : DOPO IL TERMINE DEL SERVIZIO )
 UNA BUONA LETTURA E UNA BUONA DOMENICA !
 Associazione Azimut – NAPOLI 
Thursday, November 28, 2013 
 FUORI DAL GREGGE – EDITORIALE
( PER LEGGERE TUTTO – VEDI : OLTRE )
 [ “AZIMUT-NEWSLETTER” : 30 NOVEMBRE 2013 ]

IN COPERTINA

  [ MESSAGGIO – “POSTATO” SU FACEBOOK : Berlusconi Marina ]

Questo Paese e questa democrazia devono vergognarsi per quello che mio padre sta subendo. Questa politica si dovrà pentire di essersi ancora una volta arresa  ad una magistratura che intende distruggere chiunque provi ad arginare il suo strapotere. L’Italia non merita di vedere l’uomo che milioni di italiani hanno scelto con il voto venire allontanato da uno dei luoghi più solenni della Repubblica, in base ad una assurda condanna senza prove e calpestando principi costituzionali, normative, prassi minime di civiltà.  Una violenza di questo tipo rappresenta una macchia che peserà sulla storia del nostro Paese. Mio padre decade da sen…atore, ma non sarà certo il voto di oggi a intaccare la sua leadership e il suo impegno. La vera decadenza è quella imboccata dalle nostre Istituzioni: sono loro, e non mio padre, ad uscire profondamente umiliate dallo scempio cui oggi ci è toccato assistere. Marina Berlusconi

LO “SCUDISCIO” DI LEHNER

—– Original Message —–

From: “Giancarlo Lehner” <giancarlolehner>To: ( . . . )
Sent: Thursday, November 28, 2013 5:54 PM
Subject: FW: Lehner: Enrico Letta si vergogni

Visto che siamo in clima, perché non far decadere all’istante l’intero governo delle strette intese ovvero degli incapaci, visto che sino a metà giornata di oggi non si sapeva se l’acconto delle tasse slittasse al 10 dicembre o rimanesse fissato il termine del 2 dicembre.
Quindi, pare sia arrivata la conferma del 2, con la conseguenza di una corsa alle banche, venerdì e lunedì prossimi venturi.
Enrico Letta si vergogni e chieda scusa ai tartassati contribuenti, ai quali il suo sciatto Esecutivo non sa fornire neppure la certezza sulle date del loro dissanguamento.
Giancarlo Lehner
   

—– Original Message —– From: Giancarlo Lehner – To: ( . . . ) 
 Sent: Thursday, November 28, 2013 2:46 PM
Subject: FW: Lehner: il ruggito del coniglio
 

Angelino entra di diritto nella cronaca familiare diversamente nera, per via del primo  parricidio, a memoria d’uomo, con delega ad estranei. Insomma, siamo al ruggito del coniglio.
Giancarlo Lehner

—-Messaggio originale—-Da: massimovuono@libero.it
Data: 29/11/2013 10.56
A: <associazionjeazimut@tiscali.it>
Ogg: ultimo servizio

Associazione Azimut ha condiviso un link. 
ESPULSA LA LEGITTIMAZIONE POPOLARE DERIVA LIBERTICIDA E CRISI DI SISTEMA, “QUANDO LA CANAGLIA IMPERA…” – E ALTRO… “QUANDO NEL MONDO LA CANAGLIA IMPERA, LA PATRIA DEGLI ONESTI E’ LA GALERA
ESPULSA LA LEGITTIMAZIONE POPOLARE DERIVA LIBERTICIDA E CRISI DI SISTEMA, “QUANDO LA CANAGLIA…
azimutassociazione.wordpress.com

[ DA FOTO – TRATTA SUL WEB – CON AGGIUNTA DI POST SU FACEBOOK ]

Hitler nel carcere di Landsberg nel 1924].
  foto di Mauro Tomasina.
[ DA MESSAGGIO “POSTATO” SU FACEBOOK ]
Rosella Masciha pubblicato qualcosa sulDX e CDX uniti per restituire la dignità agli Italiani

GLI ALFANIANI HANNO TRADITO IL MANDATO ELETTORALE !!! PAGHERANNO AVOGLIA SE PAGHERANNO!!

Letta: "Fiducia dopo le primarie del Pd, poi gioco in attacco" SE N’E’ ANDATO DI TESTA…MA DOVE VAI…SE LO SCETTRO NON CE L’HAI…?

Arturo Stenio Vuono NAPOLI, 29 NOVEMBRE 2013. EDITORIALE. ARTURO STENIO VUONO, PRESIDENTE ASSOCIAZIONE CULTURALSOCIALE “AZIMUT” – NAPOLI –https://azimutassociazione.wordpress.com 

FUORI DAL GREGGE
Foto: Ridateci Berlusconi dobbiamo riprendere a beelare!!!!!
FUORI DAL GREGGE. – Ci sorprende, ma non ci stupisce, la novità di masse silenti e l’assenza di esultanza popolare che, nei giorni scorsi, ha contraddistinto il panorama italico e ha accompagnato l’estromissione parlamentare del << cavaliere >> . Silvio Berlusconi, in verità, non è ancora << out >> e  non lo diciamo noi, ciò è la risultante della semplice, e pura, presa d’atto – prudente e senza le solite contumelie – che, per l’occasione, ha registrato – unanimemente – la stampa nazionale ed estera. Contrariamente a quel che si pensi, nei fatti e nella sostanza, l’ after day ha già mostrato come resti, comunque sia, il maggiore arbitro dello << scenario >> e, in ogni caso, assolutamente non privo di consenso e di legittimazione popolare. Che lo si voglia, o no.
Il primo passo, ufficiale, deciso ma non duro – diplomaticamente a non richiedere un “dietrofront” – , della rinata Forza Italia -. che già è almeno al 20% sulle decisioni di voto ( su chi ha deciso di portarsi alle urne ) – , ha determinato che il << Colle >> , a prescindere dal voto di fiducia ottenuto – dall’esecutivo – sulla Legge di Stabilità, s’è trovato costretto ad invitare il premier di rivolgersi alle camere per una nuova maggioranza che, ora, lo sostiene e, quindi, in pratica, nulla la “ratifica” precedente. Di conseguenza, a parte la prepotente boutade di Letta – che vorrebbe attendere gli esiti della competizione interna ai democrat ( arriva il Renzi ? Forse che sì, e forse che no… ) – ne sortirà una coalizone, in parlamento, prevalentemente di centrosinistra, con la stampella del gruppuscolo degli scissionisti che, bontà loro, si autodefiniscono N.C.D. ovvero il nuovo centrodestra ( sic ). Giorgio Napolitano, lo ricordiamo, per il suo secondo mandato, non solo ha giurato sulla costituzione repubblicana ma ha solennizzato, altresì, una << postilla >> ch’è stata la condizione – sine qua non – per accettare l’investitura; ovverosia l’unità delle forze politiche che lo avevano richiamato in nome di un comune programma politico-eonomico-riformista che non c’è più; e la foglia di fico dell’asse Letta – Alfano, per il presunto passaggio dalle larghe alle solide intese, a poco potrà servire. E chi vivrà, vedrà. Il capo dello Stato, a nostro avviso, non avrà che una sola via di uscita, obtorto collo, per mantenersi fedele all’impegno preso : traghettarci verso nuove consultazioni elettorali, meglio se con nuove norme e con l’abbinamento alle << europee >>, ed immediatamente – successivamente – rimettendo il suo secondo mandato ch’è già un fatto eccezionale. Che si vada alle urne è la soluzione logica e legittima, vuoi con l’attuale legge elettorale o vuoi con una nuova regolamentazione, alla partenza – almeno per l’attuale – i tre potenziali blocchi : centrodestra, centrosinistra e Movimento 5 Stelle; che, in ogni caso, nulla potrà cambiare – ai fini della governabilità – il “fuori uno e tutti a casa” di Beppe Grillo  il quale, nella vagheggiata evenienza del “primeggiare”, sarebbe condannato – comunque sia – ad allearsi proprio con coloro che, da mane a sera, stigmatizza essere la peggiore classe dirigente. Ma ristabilire la normalità, tuttavia, resta – sempre – il problema, urgente e principe, onde azzerare i vulnus e le anomalie. Sin dai suoi primi vagiti la nostra repubblica, in verità, ha mostrato come fosse già ingiusto un regime che poneva più di un discrimine e si presentava con ricette non giuste e storicamente non equamini. Minoranze attive che occuparono, a suo tempo, tutti  i banchi parlamentari ch’erano lasciati liberi a destra, esercitarono – allo scopo – quella <<  alternativa di sistema >> , coerente – cosa buona e giusta – , sino al sopravvenire dell’implosione dei primi anni novanta. L’esordio, in politica, dell’abile imprenditore – vale ricordarlo – consentì di non consegnare l’Italia alla Sinistra ( postcomunista ? ) e, per intanto, è rimasta – sempre – la variabile indipendente che ha destabilizzato lungamente, con vantaggio di tutti gli italiani – e non solo – dei cosiddetti “berluscones” – , un vecchio << sistema di potere >> che sembrò avesse fatto il suo tempo. Rigenerare il Sistema – Italia, una questione irrisolta, nel garantire la stabilità nell’alternanza, fu – e non a caso – il << Progetto >> di forze politiche, nuove, che non erano state presenti nella << Costituente Repubblicana >>. E’, per l’apppunto, dal 1994 che, con buona pace, di chi ritiene l’esito di tribunali il << verbo >> , si dispiega il ventaglio delle indagini, avvisi di garanzia, intercettazioni, perquisizioni e processi, all’intruso che sparigliò le carte; e l’acme, finale, nel presentarlo come un corruttore e concussore, dedito alle frodi, e meno male che disponendo di mezzi di tutto rispetto, non si sia potuto aggiungervi – anche –  il “lenone”. Non abbiamo mai creduto alla “giustizia a due velocità” e guardato, con tanto dubbio – operando parte della magistratura -, a tutte le altre grandi inchieste che – al ritmo di lumaca – non trovano mai l’esito esaustivo: per cui, a parte il solo Silvio Berlusconi, tutto il resto sembra essere candido e immacolato ( capite ? ). Non siamo stati, da sempre, a fare parte del << gregge belante >>. Metà degli italiani, come noi, se non di più, non è mai stato gregge e per l’altra metà, volendo – alfine – riflettere  su ciò che il cosiddetto  “vieto” << berlusconismo >> ha rappresentato – e rappresenta – quale contrappeso a una “democrazia prepotente ” , sino a dovere divenire una << democrazia totalitaria >>, dall’ovile può sempre uscire. Ogni cittadino, intellettualmente onesto, può ancora uscire dal gregge. Silvio Berlusconi, coerentemente, oggi rilancia Forza Italia e di nulla – politicamente – si può rimproverarlo, avendo esperito ogni e qualsiasi tentativo di consolidare l’unitario blocco, in un solo movimento, del centrodestra e di “ancora oltre”. L’incoerenza, contrariamente, risiede in Altri. Una nuova << Casa delle LIbertà >> ? Certo una soluzione per ribaltare l’assalto alla diligenza del centrosinistra, separati e alleati, di certo, potenzialmente con più messe di voti, è possibile. Ostacolo, a ben vedere il nuovo << doroteismo >> dei ministri ex – PdL, e sodali, esercitanti il potere per il potere; i << rifondatori An >> , in tutte altre faccende affaccendati, con l’occhio e la mano pronta per la riconquista del cospicuo, e più, “tesoretto” nonchè patrimonio – in beni – della Fondazione Alleanza Nazionale; la reiterata estromissione – dalla guida della Lega – di Umberto Bossi che deriverà dal nuovo irrompere dell’ << orologio della giustizia  >> ( ! ) ; la “prigione dorata” di Pierferdinando Casini che, difficilmente, potrà uscire fuori dalla sposata formula del << centrismo pendolare >> e la “politica dei due forni >>; e tutto il resto. Ma non disperiamo, non ci spostiamo neppure di un millimetro dlla nostra linea di sempre. Fuori dal gregge !

Sondaggio Swg: In caso di voto Pd primo partito ma centrodestra vincerebbe

LaPresse
Roma, 29 nov. (LaPresse) – Se oggi si tornasse alle urne la coalizione di centrodestra ne uscirebbe, seppur di poco, vincente, con il 35,2% delle preferenze, a fronte del 35,1% del centrosinistra. E’ quanto emerge da un sondaggio Swg sulle intenzioni di voto. A crescere dello 0,5% rispetto alla settimana precedente è Forza Italia, che passa dal 21,1% al 21,6%. Complessivamente, però, la coalizione perde quasi due punti percentuali, passando dal 37% al 35,2%. A scendere sono tutti gli altri partiti: il Nuovo centrodestra di Alfano (dal 6% al 5,2%), la Lega (dal 5,1% al 4,5), Fratelli d’Italia (dal 2,9% al 2,4%).
Sul fronte del centrosinistra, il Partito democratico cresce di quasi tre punti, passando dal 27,4% al 30,2% e confermandosi quindi primo partito. Scende dal 4,3% al 4% Sinistra ecologia e libertà. Discesa anche per il centro, con Udc che passa dall’1,6% all’1,3% e Scelta Civica che passa dal 2,7% al 2,6%. Lieve flessione anche per il Movimento 5 Stelle, fermo al 19,4%, in calo dello 0,4% rispetto alla settimana precedente e di quasi sei punti percentuali rispetto alle elezioni dello scorso febbraio. Il partito degli indecisi e degli astenuti resta comunque il più forte, in crescita dello 0,5% rispetto alla scorsa settimana: 40,5 cittadini su 100 non saprebbero chi votare oggi o, nel caso di voto, si asterrebbero dall’andare alle urne.
29 novembre 2013

28 NOV 2013 18:32

SALLUSTI NON MOLLA L’OSSO NAPOLITANO: “HA FATTO LE PEGGIO PORCATE DELLA STORIA, SERVE L’IMPEACHMENT”

Il direttore del “Giornale” s’intravaglia e spara contro Re Giorgio: “Lui di colpi di stato se ne intende: negli anni ’50 voleva fare un golpe comunista in Italia e ha benedetto quello in Ungheria. Ci vorrebbe l’impeachment come dicono i grillini, e Forza Italia dovrebbe appoggiarli”…

Il coniglio e i piccoli uomini

Si chiama Pietro Grasso, da poco è presidente del Senato. Ha diretto il plotone di esecuzione violando anche le ultime norme che erano rimaste da violare

Alessandro Sallusti – Gio, 28/11/2013 – 15:00

Piccoli uomini, senza il senso della Storia, della giustizia e della libertà hanno messo in scena una Piazzale Loreto bis, aggiungendo vergogna a vergogna nazionale.

Il piccolo presidente Napolitano, detto dagli amici «il coniglio», si è goduto lo spettacolo al riparo della fortezza del Quirinale durante la giornata, per poi festeggiare in serata all’Opera di Roma. Ha mandato avanti, il coniglio, un altro piccolo uomo suo servitore, che guarda caso è un fresco ex pm. Si chiama Pietro Grasso, da poco è presidente del Senato. Il Grasso ha diretto il plotone di esecuzione violando anche le ultime norme che erano rimaste da violare, così, tanto per non farsi mancare nulla. Gli altri non meritano neppure citazione, tanto piccoli uomini si sono dimostrati. Faccio un’eccezione per il piccolo Schifani, il più infido tra i traditori di Forza Italia. Nei suoi mielosi interventi dentro e fuori l’aula per l’ipocrita difesa di Berlusconi, ha detto di sentire un «dovere morale». Dichiarazione fuorviante perché potrebbe far credere ai più distratti che lui sappia che cosa sia la morale. Meglio avrebbe fatto a dire: faccio così perché sono «uomo d’onore».

E come sempre, quando c’è da fare scorrere sangue senza nulla rischiare, non potevano mancare gli intellettuali. In questo caso si chiamano senatori a vita, tipo l’architetto Renzo Piano e lo scienziato Carlo Rubbia. Parliamo di due amici di Napolitano (tanto amici che ce li farà mantenere a noi fin che campano) che l’Italia sanno a malapena dove è sulla cartina geografica. Ma hanno un pregio persino superiore ai loro meriti accademici: sono rigorosamente di sinistra. Ieri, per la prima volta da quando sono stati nominati, hanno onorato (si fa per dire) il loro lauto vitalizio e si sono presentati in aula per partecipare alla mattanza e da domani, orgogliosi, racconteranno l’avventura e l’emozione alle dame dei salotti radicalchic, sorseggiando champagne tra una tartina di caviale e l’altra.

Questa è l’Italia che vorrebbe riscrivere la storia: due compari siciliani, Grasso e Schifani (fino a pochi mesi fa il primo praticamente indagava sul secondo), quattro rimbambiti grillini (che se Berlusconi non avesse governato a lungo mai e poi mai avrebbero avuto la giusta libertà di dire e fare ciò che hanno detto e fatto negli ultimi anni), un centinaio di senatori di sinistra così ipocriti e vigliacchi da non fare scattare neppure l’applauso all’annuncio della decadenza. Se l’avessero fatto, li avrei rispettati. Ma in tal caso si parlerebbe di uomini, non di piccoli uomini.

I senatori a vita assenteisti si fiondano in Aula per fucilare il Cav

27 novembre 2013 | Autore Redazione | Stampa articolo Stampa articolo

Fonte: http://www.ilgiornale.it/news/interni/i-senatori-vita-assenteisti-si-fiondano-aula-fucilare-cav-971232.html

Sono Elena Cattaneo, Carlo Rubbia e Renzo Piano. C’è anche Monti

Nico Di Giuseppe – Mer, 27/11/2013 – 12:36

Alcuni di loro, fino al 7 novembre, non avevano collezionato alcuna presenza in Senato.

Oggi, giorno della decadenza da senatore di Silvio Berlusconi, si sono fiondati a Palazzo Madama. Roba da stakanovisti. Parliamo di tre dei quattro senatori a vitanominati nell’ultima tornata del 30 agosto da Giorgio Napolitano. Sono Elena Cattaneo, Carlo Rubbia e Renzo Piano. Proprio contro quest’ultimo si è scagliato Maurizio Gasparri, che ha parlato di “un comportamento discutibile di un senatore a vita recordman di assenteismo, si presenta oggi per contribuire al vergognoso rito dell’illegalità, il fatto si commenta da solo. Che brutta figura”. Anche il coordinatore di Forza Italia, Sandro Bondi, si è scagliato contro i senatori a vita: “Vergognatevi. Chiedo ai colleghi senatori se ritengono opportuno e accettabile se coloro che sono stati di recente nominati senatori a vita che non si sono contraddistinti per una loro presenza fattiva siano oggi presenti per un voto come questo sulla decadenza del leader del centrodestra italiano”.  A inizio novembre, Pdl e M5S hanno trovato convergenza su un ordine del giorno che prevedeva l’allargamente dell’absence tax (quel meccanismo per cui un senatore per ogni giorno in cui non è presente ad almeno il 30 per cento delle votazioni si vede decurtare un quindicesimo della parte variabile della diaria) anche ai senatori a vita. Presente in Senato anche l’altro senatore a vita, Mario Monti, anche lui nominato dal Colle. “L’articolo 1 del regolamento del Senato afferma che i senatori acquisiscono le prerogative della carica e tutti i diritti per il solo fatto dell’elezione e della nomina. Questo può bastare”, ha dichiarato il presidente del Senato Pietro Grasso. Anche il capogruppo del Pd, Luigi Zanda, è intervenuto affermando che “i senatori a vita sono senatori a tutti gli effetti e partecipano a tutte le sedute. Mi auguro che continuino a partecipare attivamente”.

 14 2 0 21

Pubblicato in DOMINIO E POTERE

COMMENTO – “POSTATO” SU FACEBOOK

Tatiana Josipovic piace un link.
Monza · 525 seguono la domanda
E come dargli torto??
Napolitano, che tutti portano in palmo di mano (non si capisce perchè) è il peggio Presidente che si potesse sperare di avere in Italia!
Un cospiratore che si fa scudo della sua carica per fare porcherie di ogni genere, che ogni giorno con il suo burattino Letta fa e disfa intrallazzi, per far star su un governo che non fa niente di niente e che quando fa combina guai!
Adesso ci hanno piazzato un Commissario alla spendig rewiev che arriva direttamente Fondo Monetario Internazionale, praticamente un ometto che ha più potere di chiunque altro, passa inosservato, non ha auto blu, cammina a piedi, ma decide della vita e della morte di tutti noi, ogni cosa passa sotto il suo controllo e lui deciderà quanto e dove potremo spendere e tagliare….capito!!!
Praticamente abbiamo la Troika in casa, ma l’hanno fatta passare per un uomo, deciso da Saccomanni, per trovare le spese da tagliare!
Saccomanni è un incapace allo stato puro! E chi lo ha voluto come ministro dell’Economia?? Ma Napolitano, che domande!!
Napolitano, se non viene mandato a casa in fretta ci farà andare in default, solo per il gusto di veder Berlusconi,magari arrestato, ma sopratutto per vedere il governo deciso da lui, rimanere in piedi a qualunque costo!
Ha nominato 4 senatori a vita, che ci costano 100 mila euro al mese….solo per tenere in piedi questo governo!
Ma come mai, nessuno di noi, se ne rende conto??
Quello è un uomo pericoloso, un uomo che non ha più niente da perdere, ha un età che gli permette di fare qualunque cosa, potrebbe scoppiare domani, quindi lui vive i suoi giorni al colle come se fosse ogni giorno l’ultimo e quindi si sente padrone di fare e disfare a suo piacimento!
Sallusti lo ha capito,ma prima di lui lo ha capito quel energumeno di Travaglio, che detesto cordialmente,ma che in questo caso, bisogna ammettere che ha avuto ragione, sarà perchè lui, Travaglio, essendo coperto dalle Procure, non si preoccupa di niente e quindi ha la forza di dire quello che pensa, non gli verrà contestato dal colle,perchè anche napolitano sa benissimo, quali sono le coperture di Travaglio e sono un gradino più su delle sue!
Insomma cari amici, questa è la situazione, siamo messi male, e ogni giorno è peggio!
Non è il dispiacere per la decadenza che mi fa scrivere così, anzi, quella parte, in fondo, mi ha dato quasi sollievo!!
Vi scrivo,come al solito, perchè è quello che mi passa per la testa e quindi lo condivido con voi!
Alfano fa conferenze stampa nelle quali, oggi dice, “noi siamo in un numero sufficiente per tenere in piedi il governo, ma anche per il contrario.” Capito!!!
Adesso si è messo a fare i ricatti, che sono stati tanto rimproverati a Berlusconi…..che perlomeno li faceva per farci togliere l’Imu e in quello è riuscito ampiamente! Alfano lo fa solo per dimostrare che lui è forte e che i sondaggi lo danno alto ( sogna….)
Che razza di governo è mai questo?
Senza?? Cosa accadrebbe??
Nulla!!
Forse rischieremo, meno, di vedere lo sfacelo totale e di doverci sorbire Letta Napolitano Alfano Renzi e quanti simili, che ogni giorno si minacciano tra loro, fregandosene altamente di noi, che tanto non esistiamo!
Alla salute!!
Brindiamo! Questa è l’Italia che ci piace!
Daltronde….rappresenta noi!!
O forse no?!!!!!
SALLUSTI NON MOLLA LOSSO NAPOLITANO: HA FATTO LE PEGGIO PORCATE DELLA STORIA, SERVE LIMPEACHMENT

IMMAGINI RECENTI
NOI 
TUTTI per il NOSTRO LEADER 
FORZA SILVIO !! Foto
Oggi una rappresentanza della Giovane Italia è intervenuta ad Uno Mattina con un collegamento dalla sede romana di Forza Italia.  Presenti Maria Tripodi, Dirigente nazionale con delega all'organizzazione e Alessandro Colorio, Coordinatore Regionale del Lazio.  Ai ragazzi è stato chiesto un commento sulla giornata politica di ieri, che ha visto la decadenza da Senatore del Presidente Berlusconi.  Maria Tripodi ha dichiarato: "Ieri è stata una giornata di lutto per le Istituzioni del Paese e per chi crede ancora - come noi - nella democrazia. Come sempre siamo pronti a ripartire più uniti di prima, forti del fatto che - a differenza del Partito Democratico - noi non siamo giustizialisti o rottamatori ma lavoriamo con sacrificio per il bene del Paese, per diffondere i valori di Forza Italia.  Noi siamo i moderati che lavorano per un Paese moderno, produttivo, libero da ogni faziosità. Tra di noi ci sono tantissimi giovani brillanti, vere e proprie leve del futuro. Non sgomitiamo: abbiamo solo bisogno di essere ascoltati dalla nostra classe dirigente che, sicuramente, ci ascolterà".  Il mio impegno, come rappresentante della Giovane Italia in Parlamento, è che le parole di Maria non cadano nel vuoto. foto di Forza Italia Calabria.
Giovane Italia San Demetrio ha condiviso la foto di Annagrazia Costanza Calabria.

Oggi una rappresentanza della Giovane Italia è intervenuta ad Uno Mattina con un collegamento dalla sede romana di Forza Italia.

Presenti Maria Tripodi, Dirigente nazionale con delega all’organizzazione e Alessandro Colorio, Coordinatore Regionale del Lazio.

Ai ragazzi è stato chiesto un commento sulla giornata politica di ieri, che ha visto la decadenza da Senatore del Presidente Berlusconi.

Maria Tripodi ha dichiarato: “Ieri è stata una giornata di lutto per le Istituzioni del Paese e per chi crede ancora – come noi – nella democrazia. Come sempre siamo pronti a ripartire più uniti di prima, forti del fatto che – a differenza del Partito Democratico – noi non siamo giustizialisti o rottamatori ma lavoriamo con sacrificio per il bene del Paese, per diffondere i valori di Forza Italia.
Noi siamo i moderati che lavorano per un Paese moderno, produttivo, libero da ogni faziosità. Tra di noi ci sono tantissimi giovani brillanti, vere e proprie leve del futuro. Non sgomitiamo: abbiamo solo bisogno di essere ascoltati dalla nostra classe dirigente che, sicuramente, ci ascolterà”.

Il mio impegno, come rappresentante della Giovane Italia in Parlamento, è che le parole di Maria non cadano nel vuoto.

Visualizza altro

APPUNTAMENTI
—-Messaggio originale—-
Da: 
notification+acf6oy26@facebookmail.com
Data: 28/11/2013 13.12
A: “Arturo Stenio Vuono”<
an.arenella@libero.it>
Ogg: Antonio ti ha invitato a Presentazione del Libro “Una Repubblica Senza Patria” di Vittorio Feltri e…

CORRISPONDENZE
—– Original Message —– From: Assessorato alla Cultura e Turismo Città di Capri
Sent: Friday, November 29, 2013 5:19 PM
Subject: Natale in Piazzetta. Ricco carnet di eventi per il Natale-Capodanno 2013 a Capri

COMUNICATO STAMPA

Natale in Piazzetta
Ricco carnet di eventi per il Natale-Capodanno 2013  

Capri 29 Novembre 2013

Al via domani con i mercatini di Natale il cartellone di manifestazioni che l’Assessorato al Turismo del Comune di Capri, guidato da Marino Lembo,  ha organizzato sino al prossimo 6 gennaio. Un fitto calendario di eventi dedicati a bambini e adulti che prenderà il via con la vendita di beneficenza di prodotti natalizi che animerà i giardini della Flora Caprense,  che per l’occasione sono stati trasformati in un vero parco incantato, con animazione e mini-show dei personaggi dei cartoni animati di Walt Disney. E’ stata quindi dedicata ai più piccoli la prima giornata della rassegna, che ogni anno vede in campo l’amministrazione comunale che dedica l’ultimo mese dell’anno ai propri cittadini di tutte le età. Il 7 dicembre sarà Slow Food, con il Terra Madre Day ad interessare agricoltori, casalinghe e i cultori dei prodotti dell’orto, che nello spazio del Club Art Epochè potranno ascoltare gli esperti di Slow Food e saranno i protagonisti di una giornata dedicata ai mercatini di Terra Madre. Il 14 Dicembre, per gli appassionati della lettura, nella sala consiliare del Comune sarà presentato il libro di Antonio Bassolino “Le Dolomiti di Napoli”, ed il 19 Dicembre un’altra giornata dedicata ai bambini con Caprilandia. Il 20 Dicembre nella chiesa del S. Salvatore nel complesso monumentale di Santa Teresa manifestazione dedicata al viaggio “Betlemme alle radici della fede”. E ancora gli appassionati del libro e dell’enogastronomia il 21 Dicembre potranno partecipare alla partecipazione del libro di Antonino Esposito, il mago della pizza, che presenterà il suo ultimo lavoro “Fantasie di Pizza”. Il 22 Dicembre torna a Palazzo Cerio il Salotto Caprese Speciale Natale, con canzoni e recite natalizie della Compagnia Napoli Incanto di Luciano Capurro, e poi sarà il salotto del mondo ad ospitare il concerto Gospel in Piazzetta. Il 27 dicembre l’isola intera si trasformerà  in un grande set all’aperto, sino al 2 gennaio, per ospitare la XVIII edizione di Capri Hollywood, la kermesse cinematografica prodotta da Pascal Vicedomini, in collaborazione con il Comune di Capri e di Anacapri,  che porta sull’isola i grandi personaggi dello star system internazionale, e le giornate capresi sono diventate quasi un’anteprima degli Oscar che vengono consegnati a Los Angeles a Febbraio, e che quest’anno vedrà una mostra dedicata ad Ingrid Bergman alla Casa Rossa di Anacapri, a sessant’anni dal capolavoro di Roberto Rossellini Viaggio In Italia, girato fra Capri, Napoli e Pompei. Il 28 Dicembre grande spettacolo di danza in piazzetta con le ballerine dell’associazione Dance Danza ed ancora per i bambini il 29 sbarca sull’isola per uno show Mago Lukas. E la piazzetta è stata anche la location scelta per i due maxiconcerti, quello del 29 dicembre che vedrà sul palco Guido Lembo che lascerà la sua taverna per esibirsi all’aperto per la gioia dei suoi compaesani e per i turisti che affolleranno l’isola, e il 30 Dicembre lo chansonnier caprese passa il testimonial a Morgan, lo stravagante cantautore e severo giudice di X Factor. Il 31 Dicembre torna in scena la tradizione con gli auguri di fine anno cantati da La Meza de Seje, e allo scadere della mezzanotte la piazzetta di trasformerà in una discoteca all’aperto sino all’alba con la musica live degli Spillenzia. Il primo ed  6 Gennaio cala il sipario sulla kermesse organizzata dall’Assessore al Turismo Marino Lembo, con l’esibizione delle bande folkloristiche, ma la sorpresa di quest’anno è quella che nei giardini della Flora Caprense sarà installata per la prima volta una pista di pattinaggio sul ghiaccio una vera e propria novità unica per Capri e gli isolani.

Clicca qui per la fotogallery

Contatti :

Ufficio Cultura Turismo Città di Capri

culturaturismo@cittadicapri.it

CORRISPONDENZE

—– Original Message —– From: Daniele Sannino
Sent: Friday, November 29, 2013 3:31 PM
Subject: Messaggio del Presidente
Si trasmette Messaggio del Presidente A.N.I.D.A. (Associazione Nazionale Italiana Diversamente Abili) Giuseppe Sannino.

Staff A.N.I.D.A.
—– Original Message —– From: Nunzia Russo
Sent: Friday, November 29, 2013 3:38 PM
Subject: Messaggio del Presidente
Si trasmette Messaggio del Presidente A.N.I.D.A. (Associazione Nazionale Italiana Diversamente Abili) Giuseppe Sannino.
 
Staff A.N.I.D.A.

A.N.I.D.A. Onlus                     

Associazione Nazionale Italiana Diversamente Abili 

Il Presidente                                                                                     Napoli 29 novembre 2013

MESSAGGIO DEL PRESIDENTE

L’Associazione, che mi pregio di rappresentare, giorno dopo giorno evidenzia e parzialmente risolve le problematiche che attanagliano i Diversamente Abili.

Nonostante il nostro Paese sia annoverato tra quelli che hanno prodotto e ratificato le migliori leggi a favore dei Diversamente Abili, quasi sempre tutti i diritti in pratica vengono calpestati.

A sostegno di quanto affermo, basta citare un episodio tra i tanti, da oltre 15 anni assistiamo alla irregolare applicazione della legge 68799 “Norme per il diritto al lavoro dei disabili”.

Nonostante ciò, mi rivolgo a tutti quei Diversamente Abili, che vogliono ancora credere nel nostro Paese (pur comprendendo che è difficile, ma non ci sono alternative).

Ci troviamo molto spesso a galleggiare su un mare di palese violazioni, compiute da faccendieri arrivisti che affollano enti ed istituzioni.

È tempo di reagire !! È tempo di far argine civile per contenere e respingere questi faccendieri arrivisti, che nulla fanno e nulla vogliono fare per la trasparenza ed il rispetto delle norme in questo ed altri settori.

Siete chiamati a compiere un atto di fiducia, l’atto più coraggioso che si possa compiere, dare fiducia alle nostre scelte perché sono le uniche che possono realmente cambiare questo stato di cose.

Credo che l’A.N.I.D.A. in questi anni abbia dimostrato di meritare tale fiducia, per la passione, la dedizione e l’impegno profuso, nonché per la quantità e la qualità del lavoro realizzato e per quello che si appresta a realizzare.

L’A.N.I.D.A. ha scelto la completa autonomia e questo gli è costato caro, come nel caso dello sfratto dalla propria sede ad opera del sindaco di Napoli Luigi De Magistris.

Noi non rinunceremo mai alla nostra libertà ed autonomia, perché solo in questo modo possiamo compiere le nostre scelte senza costrizioni o compromessi.

Sulla base di quanto affermato ritengo sia indispensabile la Vostra adesione e partecipazione alle battaglie che a breve ci vedranno protagonisti in difesa dei diritti dei Diversamente Abili.

Vi invitiamo a partecipare come potete alla vita associativa, perché le vostre impressioni, idee, esperienze e pareri, sono utili alla causa comune.

In attesa di sentirvi presto e soprattutto di vedervi, vi invio i più affettuosi saluti.

Il Presidente

Giuseppe Sannino

Giuseppe Sannino Via Duca d’Aosta,64 80026 Casoria (Na)cell. 347-8140954 sito www.anidaonlus.it  e-mail anidaweb@libero.it

INVITI
—– Original Message —– From: Sede Nazionale Rinascita Popolare – Newsletter
Sent: Friday, November 29, 2013 5:31 PM
Subject: INVITO PRESENTAZIONE LIBRO “A VOLTE RITORNANO” DI PUBLIO FIORI

PUBLIO FIORI

VIA F. CONFALONIERI, 5

E-MAIL: sedenazionale@rinascitapopolare.it

INVITO

La grave crisi etica, socio-economica e politica che stiamo vivendo pone con forza la “questione cattolica”, I’esigenza cioè di recuperare unitariamente una proposta politica fondata sui valori della Dottrina sociale cristiana e del Popolarismo presenti nella nostra Costituzione.

II libro “Talvolta ritornano!” è una raccolta di interventi che partecipano a questo dibattito nel tentativo di dare un contributo alla ricerca della strada per il necessario cambiamento in nome di una nuova stagione politica.

Mi auguro di incontrarci alla presentazione del 3 Dicembre.

A presto e cordiali saluti.

 

Sara Iannone – Invita Al “Salotto d’Autore” – Martedì 3 dicembre – A Palazzo Ferrajoli – Piazza Colonna, 355 – ore 18,00 – Per la presentazione del libro “A VOLTE RITORNANO!” I CATTOLICI PER UNA NUOVA STAGIONE POLITICA di Publio Fiori – sarà presente l’autore –Conduce Alfredo Meocci, giornalista – Relatori Fausto Bertinotti – Marco Damilano, giornalista de l’Espresso – Paolo Cirino Pomicino 

R.S.V.P – 366/49.10.426 – sara.iannone@gmail.com 

 

CORRISPONDENZE

—– Original Message —–  From: newsletter@mpv.org
Sent: Friday, November 29, 2013 11:52 AM
Subject: Rassegna stampa del 29 novembre 2013
torna in Home Page
CHI SIAMO PROGETTI PRIVACY LINK
Venerdì 29.11.2013 – 11:45 AM
Motore di ricerca
Home  Area Stampa
 

29/11/2013
Si parla di noi
Torino, i cattolici lanciano il Manifesto sulla Famiglia
Vaticaninsider.lastampa.it

 

29/11/2013
Si parla di noi
“Sì alla famiglia. No a leggi che creino reati di opinione”
Zenit.org

 

29/11/2013
Si parla di noi
Caldiero. La gara con il Chievo porta mille euro al centro “Giulia”
L’Arena

 

29/11/2013
Si parla di noi
Cena di beneficenza per madri in difficoltà
La Voce di Romagna

 

29/11/2013
Si parla di noi
Quel telefono che squilla sempre
Il Cittadino di Lodi

 

29/11/2013
Si parla di noi
Sarezzo. Teoria del gender e famiglia: incontro con il prof. Gandolfini
Giornale di Brescia

 

29/11/2013
Si parla di noi
Sempre più mamme chiedono aiuto
Il Cittadino di Lodi

 

29/11/2013
Aborto
Rajoy, pugno di ferro
Espresso

 

29/11/2013
Varie
Farmacisti di coscienza
Zenit.org
Movimento Per la Vita italiano – Lungotevere dei Vallati, 2 00186 Roma || C.F. 03013330489 || mpv@mpv.org – credits
copyright © 2008 – Movimento Per la Vita italiano

CORRISPONDENZE
—– Original Message —– From: Forum delle Associazioni Familiari
Sent: Friday, November 29, 2013 12:39 PM
Subject: FORUM FAMIGLIE – rassegna stampa del 29nov2013

   Rassegna stampa del 29 Novembre 2013

   
29 Novembre 2013 – Avvenire
Legge Di Stabilit� – Finanziaria
SI PARLA DI NOI :: Tasse per i comuni mortali 409 KB

28 Novembre 2013 – Ansa
Legge Di Stabilit� – Finanziaria
SI PARLA DI NOI :: Per noi il danno e la beffa 69 KB

28 Novembre 2013 – RedattoreSociale
Legge Di Stabilit� – Finanziaria
SI PARLA DI NOI :: Beffa per le famiglie 55 KB

28 Novembre 2013 – SirQuotidiano
Legge Di Stabilit� – Finanziaria
SI PARLA DI NOI :: Oltre al danno la beffa 79 KB

28 Novembre 2013 – Zenit
SI PARLA DI NOI :: TORINO. S� alla famiglia 67 KB

28 Novembre 2013 – VaticanInsider
SI PARLA DI NOI :: TORINO. I cattolici lanciano il manifesto sulla famiglia 323 KB

29 Novembre 2013 – Stampa
AOSTA. Inaugurato il nuovo Centro famiglie 55 KB

29 Novembre 2013 – QN
Societ� E Welfare
Welfare privato in Lombardia 119 KB

29 Novembre 2013 – ItaliaOggi
Giovani coppie, fondi ai mutui 63 KB

29 Novembre 2013 – Venerdi
Adozione E Affido
L’adozione costa una fortuna 408 KB

29 Novembre 2013 – Venerdi
Unioni Di Fatto
Ecco il modello Coop 264 KB

29 Novembre 2013 – Unit�
Unioni Omosessuali
La chiesa anglicana apre ai matrimoni gay 265 KB

04 Dicembre 2013 – Tempi
Unioni Omosessuali
Vignetta Clericetti 81 KB

 

BARBARIE [ NAPOLI ] – DA RASSEGNA – STAMPA
ma non è intervenuto”. Il quartiere piange Samuele e lo ricorda così

Barbone muore di freddo a pochi passi dal Comune. Denuncia choc a Retenews24: “Ho chiamato il 118 per aiutarlo ma non è intervenuto”. Il quartiere piange Samuele e lo ricorda cosìPubblicato 1 giorno fa |

barbone 630

A cura di redazione

E’ possibile morire di freddo tra l’indifferenza totale nel 2013? A Napoli si può. Ecco la lettera-denuncia inviata a Retenews24 dall’avvocato Giovanni Cappiello in merito alla tragica morte di un barbone in pieno centro a Napoli. “La triste vicenda che sto scrivendo mi ha profondamente scosso e purtroppo mi riguarda personalmente. Solo domenica scorsa per puro caso ho seguito la trasmissione Lucignolo su Italia 1 ed un servizio riguardava proprio Napoli e la sua gente, su come si comportava nei confronti delle persone che si sentivano male per strada cronometrando in quanto tempo veniva chiamato il soccorso del 118. E, memore di ciò ieri sera intorno alle 18.25 affacciandomi alla finestra del mio studio in via San Giacomo, traversa che collega la centralissima via Toledo a Piazza Municipio, noto sdraiato a terra un barbone, conosciuto nella zona, che incurante del freddo e senza nessuna copertura si rantolava sul marciapiede. Preso da un rimorso di coscienza e memore del servizio di Lucignolo ho immediatamente chiamato il 118 per far giungere un’autoambulanza sul posto. Una voce mi avvisa che la telefonata è registrata e immediatamente mi risponde una centralinista, la quale dopo essermi presentato con nome e cognome e raccontato il fatto, con una voce fredda e senza interessarsi minimamente dell’accaduto mi risponde che non avrebbe fatto intervenire nessun mezzo perché deve essere la persona stessa a chiedere l’intervento. Nonostante le mie rimostranze e avendo specificato di non trovarmi personalmente sul posto ma bensì all’interno del mio studio la solerte centralinista mi invitata a chiamare i passanti per chiedere al “ferito” se volesse l’intervento dell’autoambulanza. Scoraggiato più che mai chiudo la telefonata nella speranza che forse un vigile urbano o un altro cittadino avrebbe fatto un’altra segnalazione. E così con la rabbia nel cuore torno a casa raccontando a moglie ed amici ciò che era successo. Questa mattina alle ore 10 sono all’interno del mio studio e il suono di un’autoambulanza che si ferma a via San Giacomo distoglie la mia attenzione dal pc. Mi affaccio e noto che il barbone è ancora lì nella stessa posizione di ieri sera, solo che su di lui c’è un lenzuolo bianco che lo copre e vicino un cappuccino lasciato da qualche passante. E’ morto! E’ vero non lo conoscevo, forse se l’avessi incontrato per strada l’avrei evitato, ma è un essere umano che per l’indifferenza delle istituzioni e della gente è morto di freddo”. Samuele era il barbone più gentile del mondo, i suoi occhi sprigionavano una dolcezza fuori dal comune”. Le parole sono di chi quotidianamente assisteva il barbone morto stanotte per il freddo a due passi da Palazzo San Giacomo. La signora interpellata da Retenews24 non è l’unica ad essere addolorata per la scomparsa del clochard. In tanti lo conoscevano, “non era italiano ma parlava benissimo la nostra lingua, era giovane – non arrivava a 50 anni – ed ha passato una vita intera a ripararsi sotto l’ex banco di Napoli”. Oggi Samuele non c’è più, stroncato dal gelo e, a quanto pare, dall’indifferenza del 118 che allertato da un avvocato della zona non sarebbe prontamente intervenuto. “Eppure noi siamo andati a trovarlo domenica scorsa, indosso aveva sciarpa e scarpe che gli regalammo tempo fa”, prosegue la dottoressa con ufficio in via Roma. Poi, stamattina, la terribile scoperta: “Come ogni giorno sono passata lì per salutarlo, ma ho trovato solo la coperta”. Il corpo sotto quel pezzo di stoffa ora sparito, forse nell’indifferenza di chi avrebbe dovuto compiere il proprio dovere e nel dolore di chi invece lo aiutata con piacere.

Tags: barbone mortoretenews24

Redazione

IMMAGINI – DA COSENZA

Stenio Vuonoha pubblicato qualcosa sulLA CALABRIA DAI MILLE COLORI

Trebisacce: lungomare

Trebisacce: lungomare

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO
—– Original Message —– From: Souad Sbai
Sent: Thursday, November 28, 2013 6:52 PM
Subject: Fwd: STRAGE DI THIBRINE, SBAI:«BENE AVVIO INCHIESTA MA NON DIMENTICHIAMO GLI ALTRI 380MILA MORTI”

Comunicato stampa

STRAGE DI THIBRINE, SBAI:«BENE AVVIO INCHIESTA MA NON DIMENTICHIAMO GLI ALTRI 380MILA MORTI”

“Apprendo con soddisfazione la notizia della probabile svolta nelle indagini sul massacro, avvenuto nel 1996, dei monaci cistercensi di Tibhirine, con la concessione al magistrato Trevidic di riesumare i corpi e interrogare i testimoni. Era da tempo che chiedevamo a gran voce che venissero accertate le responsabilità per fare luce su questa terribile vicenda che ha segnato profondamente la storia dell’Algeria. Ricordo però che ci sono ancora 380mila morti, barbaramente trucidati dai terroristi jahadisti, le cui famiglie stanno tuttora aspettando di avere giustizia. Auspico dunque nell’interesse di tutti, che l’inchiesta venga estesa al più presto anche a queste vittime, (tra cui quelle di Bentalha e altre coinvolte nelle rappresaglie terroriste) e che si individuino le fosse comuni che hanno coperto questi assassini per quasi venti anni.

I responsabili di questi genocidi vengano finalmente processati per crimini di guerra dal tribunale internazionale dell’Aja e non si perdano nell’oblio della storia”.

Lo dichiara in una nota l’ex parlamentare e presidente dell’associazione ACMID, Souad Sbai. 

Roma 28.11.2013

Ufficio stampa on. Souad Sbai

Veronica D’Agostino
cell. +39.3394211135

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO
—– Original Message —– From: ad stampa
Sent: Thursday, November 28, 2013 5:10 PM
Subject: Al Plart, mostra di orologi Swatch ed esposizione di manufatti realizzati dai giovani detenuti dell’Istituto Penale Minorile di Nisida – Giovedì 5 dicembre – h.18,30

COMUNICATO STAMPA
S/WATCH ME

Opening: 5 dicembre 2013 ore 18,30

“Plart Plastiche e Arte”, via Martucci 48 – Napoli

Al Plart mostra di orologi Swatch nel trentennale della nascita del marchio

ed esposizione di manufatti realizzati dai giovani detenuti dell’Istituto Penale Minorile di Nisida

Una collezione privata composta da circa 150 orologi Swatch che traccia la storia recente dell’azienda svizzera, con  una ricca esposizione  nella sala centrale della Fondazione Plart . Insieme ai celebri orologi in plastica colorata saranno esposti i manufatti “ ‘Nciarmati a Nisida”, opere realizzate  dai giovani detenuti dell’Istituto Penale Minorile napoletano nell’ambito delle attività di laboratorio organizzate e finanziate all’interno della struttura per i ragazzi, con il sostegno della  Fondazione “Il meglio di te – ONLUS”.

La mostra prenderà il via il 5 dicembre, per proseguire fino a fine anno. Il rapporto con il design, la moda, la comunicazione, la grafica, i personaggi condurranno il visitatore a scoprire modelli rari disposti su un nastro di corian bianco che ricorda una sorta di acquario/sommergibile, in linea con la campagna promozionale lanciata per il trentennale dell’azienda Swatch. Si potranno vedere pezzi rari come il modello Hollywood Dream del 1990 o alcuni della serie Arts degli anni’90, così come il modello dedicato a Marylin Monroe e quello coniato per le Olimpiadi di Atlanta del 1996.

“S/Watch me” vuole accendere i riflettori sull’universo degli orologi in plastica che scandiscono il tempo delle nostre esistenze da trent’anni.

Il progetto si inserisce nel percorso di valorizzazione e promozione avviato dal Plart molto tempo fa, con lo scopo di valorizzare le collezioni private di maggior prestigio. Un progetto avviato dalla Fondazione presieduta da Maria Pia Incutti nel 2010  con la mostra Tutte le epoche vengono al pettine  con pezzi storici e 12 opere realizzate dal famoso designer Andrea Branzi.

Contemporaneamente a “S /Watch me”,  la Fondazione Plart ospita prodotti realizzati dai  ragazzi  di Nisida, anche  in sinergia con Riccardo Dalisi, impegnato quest’anno in uno dei laboratori organizzati in carcere.

I visitatori potranno “fare shopping solidale” e portare a casa  un  ricordo – oggetto, il cui ricavato sarà poi interamente devoluto al “Progetto Nisida” della Fondazione Il meglio di te – ONLUS per il finanziamento dei laboratori di ceramica e l’avviamento al  lavoro dei giovani in via di dimissione dall’Istituto.

Si chiede cortesemente ai colleghi giornalisti la restituzione, a mezzo mail, di copia degli articoli pubblicati, al fine di permetterne l’inserimento nella rassegna stampa ufficiale delle parti coinvolte nella manifestazione.

CONTATTI E ACCREDITI STAMPA:

FONDAZIONE “IL MEGLIO DI TE – ONLUS”
Via Ugo Foscolo, 2  – 80121 Napoli
www.ilmegliodite.it – info@ilmegliodite.it
Ufficio Stampa:
A. Yari Siporso
yari.siporso@gmail.com – 392.4042421

“PLART PLASTICHE E ARTE DI MARIA PIA INCUTTI – PALIOTTO”
Via Martucci, 48 – 80121 Napoli
www.fondazioneplart.it  –  info@plart.it
Ufficio Stampa:
Raffaella Tramontano
raffaella.tramontano@gmail.com – 3928860966

SI ALLEGA:
Comunicato stampa
Invito all’inaugurazione
Foto di alcuni dei manufatti in esposizione

DOPO IL TERMINE DEL SERVIZIO – LEGGI REPORT SU CHINA ( E ALTRO ) LAOGAI
[ FINE SERVIZIO ]

ASSOCIAZIONE CULTURALSOCIALE “AZIMUT” – NAPOLI  

 direzione responsabile: presidenza Associazione
 team azimut online:  Fabio Pisaniello webm. adm.
 Uff. Stampa Associaz. : Ferruccio Massimo Vuono
  
(Arturo Stenio Vuono – presidente di “Azimut” – Napoli)
“AZIMUT” – VIA P. DEL TORTO, 1 – 80131 NAPOLI
TEL. 340. 34 92 379 / FAX: 081.7701332

—– Original Message —–
Sent: Thursday, November 28, 2013 11:43 PM
Subject: Newsletter Novembre 2013

Genocidio in Tibet, dalla Spagna mandato d’arresto contro dirigenti cinesi

Tra gli imputati l’ex presidente e l’ex premier di Pechino. La corte ha emesso sette mandati d’arresto Continua alla Corte nazionale spagnola il procedimento per genocidio contro le alte autorita’ cinesi, sotto accusa per l’occupazione del Tibet. Il tribunale madrileno ha emesso oggi sette mandati d’arresto contro l’ex premier di Pechino, Li Peng, l’ex presidente, Jiang Zemin, e altri cinque dirigenti di rilievo. A inizio ottobre la Corte ha accettato la richiesta di appello presentata dal Comite de Apoyo al Tibet (Cat), gruppo parte del piu’ ampio International Tibet Network, organizzazione ombrello che raccoglie oltre 190 associazioni a livello globale.


Articoli correlati

Pechino: invita ambasciatore di Spagna per mandato di arresto contro ex leader PCC

Il ministero degli esteri della Cina il ha convocato per Giovedi l’ambasciatore di Spagna a Pechino a seguito della sentenza del tribunale spagnolo che ha emesso l’arresto di ex leader cinesi, tra cui due dei suoi ex presidenti. Gli ex leader cinesi citati nella sentenza potrebbero essere arrestati quando viaggiano attraverso i paesi che sono firmatari del principio di giustizia universale della Spagna.

Cina: Genocidio in Tibet, Pechino fa pressioni sulla Spagna

Durante gli incontri diplomatici a Pechino e Madrid, il regime cinese ha espresso il proprio malcontento per la recente decisione della Corte nazionale spagnola di emettere ordini di arresto nei confronti dell’ex capo del regime cinese Jiang Zemine altri quattro funzionari d’alto grado. Gli ordini di arresto si riferiscono alle indagini giudiziarie sul caso del genocidio in Tibet.

Cina irritata dal mandato di cattura internazionale emesso dal tribunale spagnolo contro alcuni leader del PCC

La Cina ha espresso il proprio disappunto per la sentenza del tribunale spagnolo che ha emesso il mandato di arresto per gli ex dirigenti cinesi tra cui i presidenti in pensione Jiang Zemin e Hu Jintao. Il portavoce del Ministero degli Esteri cinese Hong Lei dichiara che Pechino si oppone con risolutezza alla decisione del tribunale e ha minacciato di gravi conseguenze i legami tra i due Paesi.


Articoli recenti

ITALIA : Movimento Consumatori, “Gli OGM in Cina”
Turisti cinesi in Europa: “Non abbiamo alcun desiderio di tornare in Cina!”
MYANMAR – INDIA – ONU: Attivista birmano: dietro il dramma Rohingya, giochi di potere per colpire il Myanmar
Scoperto in Nepal il luogo di nascita del Buddha: e’ del sesto secolo avanti Cristo
Hong Kong: Reggie Littlejohn presenta ad Amnesty International il film documentario “E’ una ragazza”

Gli articoli:

ITALIA : Movimento Consumatori, “Gli OGM in Cina”

27 Nov 2013     Economia, News, prodotti pericolosi o contraffatti

La rivista Consumers Magazine ogni mese pubblica degli articoli redatti da Francesca Romana Poleggi membro e conferenziere della Laogai Research Foundation Italia Onlus su Movimento Consumatori()

Turisti cinesi in Europa: “Non abbiamo alcun desiderio di tornare in Cina!”

26 Nov 2013     News

Uno dei temi piu’ caldi tra i turisti cinesi in Europa quest’anno e’ stata la nebbia e la foschia onnipresenti ()

MYANMAR – INDIA – ONU: Attivista birmano: dietro il dramma Rohingya, giochi di potere per colpire il Myanmar

26 Nov 2013     Nepal – Birmania, News

di Francis Khoo Thwe: Tint Swe parla di un “fronte comune” nel Paese contro la risoluzione Onu, che preme per la cittadinanza alla minoranza musulmana. Oggi nazioni e movimenti ()

Scoperto in Nepal il luogo di nascita del Buddha: e’ del sesto secolo avanti Cristo

26 Nov 2013     News, Rubrica

A portare alla luce questa struttura, interamente in legno, e’ stato un gruppo internazionale dell’universita’ britannica di Durham e dell’Ente per lo sviluppo dell’area nepalese del Pashupati.()

Hong Kong: Reggie Littlejohn presenta ad Amnesty International il film documentario “E’ una ragazza”

25 Nov 2013     News, Politica figlio unico

Hong Kong. Il presidente Reggie Littlejohn della WRWF (Diritti della donna senza frontiere) e’ un conferenziere di spicco nella serie di film di Amnesty International contro la violenza sulle donne.()

Connettiti con noi: Indirizzo Mail Facebook Rss YouTube

Laogai Research Foundation Italia
www.laogai.it
laogai.italia@gmail.com

Questa mail ti e’ stata inviata perche’ iscritto a questa newsletter.
Cancellati immediatamente

2013 | Laogai. All rights reserved.

FINE DEL SERVIZIO

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...