ROMA – MERCOLEDI 18 DICEMBRE 13: PATRIA, LIBERTA’, GIUSTIZIA, COSTITUZIONE PAPA FRANCESCO: “SONO A FIANCO DI CHI IN QUESTI GIORNI PROTESTA IN ITALIA”


ROMA – MERCOLEDI’ 18 DICEMBRE’13 : PATRIA, LIBERTA’, GIUSTIZIA, COSTITUZIONE. PAPA FRANCESCO : “SONO A FIANCO DI CHI IN QUESTI GIORNI PROTESTA IN ITALIA”

[ “AZIMUT-NEWSLETTER” : LUNEDI’, 16 DIC.’13 ]

https://azimutassociazione.wordpress.com

“AZIMUT” – Ufficio Stampa : Ferruccio Massimo Vuono

Ass. “Azimut” – Napoli. – << “CORSI” & “RICORSI” >>  : CAOS E IMPOTENZA. LETTA COME FACTA… ( ? )… ]
O G G I
<< D E M O C R A Z I A    T O T A L I T A R I A >>    “D E M O C R A Z I A    P R E P O T E N T E” !
Trasporti, caos nelle città. Studenti in piazza: scontri a Milano Allarme Istat: povertà o emarginazione, rischia uno su tre Tensione a Roma davanti  sede Ue in centro (da sito Casapound)
[ ULTIME – TRATTE DA WEB ]
Tre mesi al leader di Casapound: avrà obbligo di firma Renzi e Grillo: tra il dire e il fare, meglio la verità <i>- di Beha</i>Fondi, blitz e perquisizioni: altri 4 indagati, c'è Oppi dell'Udc Ladri di tasse. I soldi dei contribuenti usati per fare shopping
Napolitano con Laura Boldrini, presidente del Senato (Ansa)
[ ULTIME – TRATTE DA WEB ]
Napolitano: “Troppo malessere sociale, stavolta è vietato fallire con le riforme”

[ASSOCIAZIONE CULTURALSOCIALE “AZIMUT” – NAPOLI. MA IL TEMPO DEI SERMONI E’ SCADUTO ! – ( . . . )  La lingua batte dove il dente duole – ( … ) e come dire che quando ti fa male qualcosa ci vai a sbattere sempre contro ( . . . ) – Absit iniuria verbis : “sia lontana l’ingiuria dalle parole…”]
Il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, durante la cerimonia per lo scambio di auguri con le alte cariche al Quirinale invita a procedere con la riforma della seconda parte della Costituzione e ad agire responsabilmente per la tenuta del governo, soprattutto di fronte a manifestazioni sempre più palpabilie diffuse del disagio sociale che attanaglia gli italiani. “Mancare anche questa volta l’obiettivo della revisione della seconda parte della Costituzione – dice – sarebbe fatale per il rilancio delle potenzialità e del progresso della nazione”.Il capo dello Stato ha ricordato che l’obiettivo di riformare la Carta “era stato tracciato già nel 1992 nel messaggio di insediamento del presidente Scalfaro”.
A ciascuno la sua responsabilità –  “Governo, Parlamento, presidente della Repubblica: ciascuna istituzione ha le sue, ben distinte, responsabilità. Le sorti del governo poggiano soltanto sulle sue forze, sono legate soltanto al rapporto di fiducia con la sua maggioranza” ha sottolineato il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, nel suo intervento al Quirinale. E precisa: “E’ nel pieno rispetto dell’autonoma responsabilità del governo che il capo dello Stato interviene in spirito di cooperazione e con contributi di riflessione”. Secondo il capo dello Stato nell’ultimo anno la scena politica italiana “ha conosciuto mutamenti incalzanti, ancora lontani da un chiaro assestamento e tali da presentare incognite non facilmente decifrabili”. Sono molti i segnali di malessere dei cittadini. “Occorre accompagnare il più severo richiamo al rispetto della legge con la massima attenzione a tutte le cause e casi di più acuto malessere sociale”, ha commentato su questo tema, “la massima attenzione va data a quanti non sono raggiunti da risposte al loro disagio: categorie, gruppi, persone, che possono farsi coinvolgere in proteste indiscriminate e finanche violente, in un estremo e sterile moto di contrapposizione totale alla politica e alle istituzioni”.
Berlusconi non evochi colpi di Stato – Silvio Berlusconi può certamente “tentare la strada di possibili procedimenti di revisione” o ricorsi “in sede europea”, Ma questo “non autorizza a evocare immaginari colpi di Stato e oscuri disegni cui non sarebbero state estranee le più alte istituzioni di garanzia” ha detto ancora il presidente della Repubblica, secondo cui “queste estremizzazioni di ogni giudizio o reazione non giovano a nessuno e possono solo provocare guasti nella vita democratica”. L’altro appello alla responsabilità politica va alla nuova Forza Italia affinché l’uscita dalla maggioranza “non comporti l’abbandono del disegno di riforme costituzionali”. Un invito che il capo dello Stato rivolge anche a “le forze di opposizione che hanno osteggiato” la modifica all’articolo 138 “ma non in linea pregiudiziale la scelta di determinate riforme”.
Valutazioni sulla sostenibiltà della carica – “Nel ringraziare il Parlamento per la fiducia accordatami – ha ricordato il capo dello Stato – ebbi modo di indicare inequivocabilmente i limiti entro cui potevano impegnarmi a svolgere ancora il mandato di presidente, di quei limiti credo che abbiate memoria e io doverosamente non mancherò di rendere nota ogni mia ulteriore valutazione della sostenibilità, in termini istituzionali e personali, dell’alto e gravoso incarico affidatomi”. Con queste parole Napolitano ha concluso il suo discorso.
O R A    E’    T R O P P O !    O R A    B A S T A !

MUTUANDO DAL PASSATO

[ DUE VIDEO : SO ‘VENUTE LI EUROPESE…RESISTENZA ALL’EUROPLIRE… ]

Napolincanto – Canto dei Sanfedisti – YouTube

30/giu/2010 – You need Adobe Flash Player to watch this video. … So’venute li Francise … resistenza ai francesi 1799-1806by pedritoya20,215 views …

ROMA – MERCOLEDI’ 18 DICEMBRE 2013

  
P A T R I A    L I B E R T A’   G I U S T I Z I A   C O S T I T U Z I O N E
[ DA MESSAGGIO “POSTATO” SU FACEBOOK : “LE PREROGATIVE”… ]
“ANGELINO” – DIXIT…
Forconi – Piazza Tricolore Roma –  Articolo Vincenzo Nardiello (dal Roma) – Altre notizie… 
[ NELLA FOTO – A FIANCO – IL GENERALE FIORENZO BAVA BECCARIS ]
Napolitano: reagire a clima di sfiducia IL << GARANTE >> ( ? )

Articolo 1 della Costituzione italiana – Wikipedia

it.wikipedia.org/wiki/Articolo_1_della_Costituzione_italiana

Voce principale: Costituzione della Repubblica Italiana. … La sovranità appartiene al popolo, che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione. » (Articolo …

Cosa significa che “la sovranità appartiene al popolo”? – Yahoo 

answers.yahoo.com › … › Politics & Government › Law & Ethics

24/nov/2009 – La Sovranità è la capacita concreta di usare tutti i poteri che vengono … al popolo , che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione.

Art. 17. I cittadini hanno diritto di riunirsi pacificamente e senz’armi.

Costituzione italiana – Art. 17

Articolo 17. I cittadini hanno diritto di riunirsi pacificamente e senz’armi. Per le riunioni, anche in luogo aperto al pubblico, non è richiesto preavviso ( . . . )

Rettore (. . . ) In molti ordinamenti è detto rettore l’organo monocratico posto
al vertice… (SI’..”POSTO”..capite ? )                   
"Abolito il finanziamento ai partiti". Grillo: "Una farsa"    L. & A. – ASSE DI LATTA BLA-BLA-BLA – LETTA “RE TRAVICELLO DEMOCRAT” & “ANGELINO & C. – UTILI IDIOTI N.C.D.”: TERRIBILE SARA’ L’IRA DEGLI ONESTI [CON BENEDIZIONE DI NAPOLITANO - "GOVERNICCHIO MONOCOLORE ROSSO" - PIU' I "TRANSFUGHI DI DESTRA" - E LA FORZOSA, BENEVOLE, ATTESA DI "RENZI IL BELLO"] – (AHINOI!) Nebbia mediatica su Grillo e Berlusconi -<i>di Oliviero Beha</i> Saccomanni: disoccupazione alta ma stiamo uscendo dalla crisi
[ ASSOCIAZIONE “AZIMUT” – NAPOLI. – ( LETTA ) : IL RETTORE PROVOCA
E( ANGELINO ALFANO ) , IL COLLABORAZIONISTA, MINACCIA —
IL << NUOVO >> SI DEFILA —IL “RIVOLUZIONARIO” LATITA —
E…IL SACCOMANI “PROCEDE”… ]
"Il cavaliere nero": caccia al tesoro nascosto di Berlusconi IL << CONVITATO DI PIETRA” ( SILVIO, SENZA PELI SULLA LINGUA… )
   
[ “AZIMUT” – NAPOLI. ALFANO TIRA LA VOLATA…E…Letta  si erge a difensore della democrazia italiana “che è duramente attaccata…” – Il premier all’assemblea Pd -]
 [ ASSOCIAZIONE CULTURALSOCIALE “AZIMUT” – NAPOLI  ] 
[ IL “TEAM AZIMUT ONLINE” : QUESTO SERVIZIO VA IN RETE, COME ULTIMO CONTRIBUTO ALLA LEGITTIMA, DEMOCRATICA E PACIFICA PROTESTA POPOLARE CHE, SE COSI’ NON SARA’ A ROMA ( PER IL MERCOLEDI’ P.V. ), SE SFOCERA’ IN VIOLENZE E DISORDINI, L’EVENTO NON SARA’ OPERA DEI PROMOTORI E DI TUTTI COLORO CHE, SINO A TUTT’OGGI, E SINO A PROVA CONTRARIA, HANNO CONDOTTO GRANDI E LECITE INIZIATIVE DI FORTE << CORAGGIO CIVILE >>.
IL PROSSIMO MERCOLEDI’, AVENDO PRIMA DETTO E SCRITTO, ANDREMO IN RETE ( SOLO ) CON UNA PAGINA BIANCA. NESSUNA CRONACA E NESSUN SERVIZIO. NULLA. SARANNO I NOSTRI “CONTATTI”, LETTORI E VISITATORI ( SEGUENDO I CANALI TELEVISIVI E LEGGENDO LA RASSEGNA .- STAMPA ) A GIUDICARE E STABILIRE CHI STA UCCIDENDO LA DEMOCRAZIA. NULL’ALTRO DA AGGIUNGERE…

[ I NOSTRI LINK ]

https://azimutassociazione.wordpress.com

//
home

Ultimo post:

SCOSSONE – FORCONI (E NON SOLO) – CARRELLATA IN WEB; I VIDEO ANGELI – ANIMA – L’ALDILA’ – ETC (E ALTRE NOTIZIE) …

SCOSSONE – FORCONI (E NON SOLO) – CARRELLATA IN WEB; I VIDEO ANGELI – ANIMA – L’ALDILA’ – ETC (E ALTRE NOTIZIE) …

Inviato da azimutassociazione ⋅ 15 dicembre 2013
2 Votes

SCOSSONE – FORCONI (E NON SOLO) – CARRELLATA IN WEB; I VIDEO ANGELI – ANIMA – L’ALDILA’ – ETC (E ALTRE NOTIZIE) …

   https://twitter.com/AssAzimut

Associazione Azimut, Naples, Italy. 

Tweet

SCOSSONE – FORCONI (E NON SOLO) – CARRELLATA IN WEB; I VIDEO ANGELI – ANIMA – L’ALDILA’ – ETC (E ALTRE NOTIZIE) … http://wp.me/p2IJHA-B5  

 Riepilogo Nascondi  Risposta

  1.  Retweet  Ritwittato  Elimina
  2.  Aggiungi ai preferiti  Aggiunto ai preferiti
     Altro
  • Incorpora Tweet 

 http://www.facebook.com/AssociazioneAzimut

Associazione Azimut ha condiviso un link.
SCOSSONE – FORCONI (E NON SOLO) – CARRELLATA IN WEB; I VIDEO ANGELI – ANIMA – L’ALDILA’ – ETC (E ALTRE NOTIZIE) … http://wp.me/p2IJHA-B5

SCOSSONE – FORCONI (E NON SOLO) – CARRELLATA IN WEB; I VIDEO ANGELI – ANIMA – L’ALDILA’ – ETC (E…
azimutassociazione.wordpress.com
[ REPETITA IUVANT ]
 
 Associazione Azimut. – Il presidente Arturo Stenio Vuono Arturo Stenio Vuono
PUBBLICHIAMO – IN REPLICA – IL NOSTRO BREVE EDITORIALE, GIA’ IN RETE ( IN ULTIMO SERVIZIO ), PURE INVIATO PER E.MAIL – ANTEPRIMA DI WEB ( 15 DIC. ’13 ]
an.arenella@libero.it – associazioneazimut@tiscali.itFORCONI E NON SOLO. SEGNALI INQUIETANTI E REPRESSIONE. E’ ALLARME ROSSO – ATTENZIONE ![ “AZIMUT- NEWSLETTER” : 16 DICEMBRE 2013 ]ARTURO STENIO VUONO *

  EDITORIALE

E’ L’ALLARME ROSSO

Giorni decisivi, entro il prossimo mercoledì del raduno popolare a Roma-tricolore della piazza , il periodo in cui tutto – e il contrario del tutto – si sa che potrà avvenire; per esperienza, noi, di certo, conosciamo bene tutte le infinite risorse………..  cui potrà dare mano la  geometrica, e possente, la nota  macchina del << sistema di potere >> .  Le avvisaglie ci sono già, e ci spieghiamo. -Il solito Saccomanni, corre al soccorso, che fornisce una costante copertura egregia al disastro in cui versa la nazione; nel mentre che la zelante tecnocrazia continua a indicare come certa l’uscita dal tunnel della crisi. —-  L’entrismo, suonata la sveglia per sindacati e antagonisti in letargo…. , che  mira ad inquinare e fuorviare il nuovo, genuino, reale movimentismo – e non solo dei forconi – ch’è  ben lontano dalle solite manifestazioni; ch’è, in verità,  decisamente, invece, pronto a dare un definitivo  e globale scossone……Ma non manca, in verità, all’appuntamento il leader del centrodestra, Silvio Berlusconi, non solo nel dire ma considerando – chiaramente -legittima, ortodossa, tuttala protesta popolare; i democrat,ora con il Renzi, però dribblano, come sempre, nicchiano;Grillo,e il movimento delle”5 Stelle”, a parte l’altalenare tra il tutto e il contrario di tutto, in pratica, si sono già chiamati fuori…….. Epperò, questo strano, curioso, atteggiamento del “beppe nazionalpopolare” è il più vicino, coincidente, solo e solo, con il  c.d. << partito amerikano >>; che, dopo la c.d.  ”destituzione del cavaliere” , mira alla sua spoliazione  e all’arresto.E in Italia, dato e considerato l’ordine censorio a tutti i media, questi perciò all’interno dediti a semplici cronache e all’estero con l’ignorare completamente, insomma nulla di nulla sta avvenendo. Quello che è, non è mai esistito.— Tutti i segnali, inquietanti, portano- poi – alla constatazione che il metodo di repressione è già in moto, con primi “arresti” per futili, speciosi motivi; e come quello della provocazione che, prima o poi, porterà allo scontro ( ! )  fra << opposti >>. —- A suo tempo, e in periodi -come oggi- di tempesta, non mancarono i botti che non erano da petardi…. e neppure originati da fuochi d’artificio; furono, per l’appunto, preceduti dall’arcinota “contrapposizione indotta”  ( ! ) tra le c.d.<< opposte fazioni >> , “scontri con le forze dell’ordine” e, quindi, a post, dalla << mano pesante >> “utile e necessaria” a ristabilire l’ordine ( sic ) . E oggi ? Servirà, di nuovo, la solita “scaletta” ? ……………. Non lo sappiamo ma è “allarme rosso”! ATTENZIONE ! ! !

* presidente Associazione Culturalsociale “Azimut” – Napoli

http://azimutassociazione.wordpress

QUALCHE BREVE AGGIORNAMENTO

 [ domenica, 15 dic. ’13 – da messaggio “postato” su facebook ]

IERI PAPA FRANCESCO…‪

IERI PAPA FRANCESCO PRO #9DICEMBRE
[ TRATTO DAL WEB ]

[ lunedi, 16 dic. ’13 – Tratto dal web ]

per approfondire i contenuti – di cui ai titoli sottostanti – clicca e leggi tutto

 Danilo Calvani, uno dei leader dei Forconi

I Forconi si spaccano, a Roma protesta a metà

— Cronaca —

Ferro e Chiavegato prendono le distanze, annunciano che non riconoscono più la manifestazione del 18 a Roma e che ne organizzeranno un’altra nella Capitale. Alfano ai manifestanti: ‘State dentro le regole’.

[ TRATTO DA STAMPA LIBERA ]

[ SPAZIO LIBERO, APERTO A TUTTI, SENZA FILTRI O CENSURE ]

 Sta scoppiando il movimento?

15 dicembre 2013 | Autore Nicoletta Forcheri | Stampa articolo Stampa articolo

http://www.ilgiornale.it/news/interni/forconi-ordine-sparso-ferro-non-sar-roma-976104.html?fb_action_ids=10201834253792349&fb_action_types=og.likes&fb_source=other_multiline&action_object_map=%5B183208545208925%5D&action_type_map=%5B%22og.likes%22%5D&action_ref_map=%5B%5D

Ferro: “Non sarò a Roma, rischio di infiltrazioni di violenti”. Ma Calvani non molla

Il movimento dei Forconi siciliani di Mariano Ferro e il Life di Lucio Chiavegato si dissociano dal sit in di mercoledì prossimo. Calvani non retrocede: “Saremo in piazza”

Redazione – Dom, 15/12/2013 – 17:36
La galassia dei Forconi si disgrega in vista del sit-in di mercoledì prossimo a Roma. A rompere le fila è il leader del Movimento dei Forconi Mariano Ferro che annuncia di non aver intenzione di partecipare alla manifestazione capitolina: ”Non parteciperemo al raduno, per senso di responsabilità e per motivi di ordine pubblico, perché temiamo strumentalizzazioni“.

Ma il pericolo che spaventa di più il leader siciliano è quello delle infiltrazioni da parte di gruppi di violenti.

Uno scenario che ha trovato ampio spazio nei giornali e che, se si verificasse, screditerebbe tutto il movimento: “Non vogliamo essere coinvolti da chi cerca lo scontro con la polizia. Tira una brutta aria. Ciò non vuol dire tirarsi indietro ma volevamo portare in piazza le famiglie, ma non c’è il clima giusto”. Non solo, Ferro apre anche a un possibile tavolo con l’esecutivo: “Se il governo ha delle soluzioni ce le dia. Credo che non ce ne siano, ma non voglio dare adito a Letta per fargli dire che siamo solo dei facinorosi. Voglio sedermi col governo, poi si decide”. Un cambio di rotta che marca una spaccatura all’interno del movimento: da una parte i siciliani con i veneti che aprono al dialogo, dall’altra il movimento di Calvani che esclude ogni possibilità di dialogo con le istituzioni.

Sulla stessa lunghezza d’onda si posiziona anche Lucio Chiavegato, del coordinamento 9 dicembre, che conferma che “la maggiorparte del movimento non sarà a in piazza del Popolo. Abbiamo deciso di dissociarci dall’operato di Danilo Calvani del Cra e Gabriele Baldarelli. Noi restiamo sul territorio e continuiamo i presidi ad oltranza”.

Ma Calvani non retrocede e rilancia: “Noi in piazza ci saremo e con noi la maggior parte dei comitati. Noi abbiamo sempre detto che non vogliamo trattare con il governo evidentemente per loro non è più lo stesso. Avranno cambiato idea… Io sarò in piazza anche per garantire che non ci siano disordini non sarà una protesta nè violenta nè incivile”.

A pesare sulla scelta di Ferro e Chioavegato le parole pronunciate da Letta a Milano e anche il quelle di Angelino Alfano che ha ribadito il pugno di ferro delle istituzioni nei confronti di chi contesta: “Con quelli saremo durissimi: siamo durissimi nel difendere il diritto a protestare, ma siamo durissimi contro chi impedisce alle merci di circolare e alle persone di spostarsi nelle citta?”. Nel frattempo, in Piazza dei Partigiani a Roma, i manifestanti festeggiano una settimana di “presidio” in attesa del corteo del 18. E anche nel resto del Paese il fuoco della protesta non sembra essersi spento. Ora, per vedere chi ah veramente in mano le redini del popolo dei Forconi, non resta che aspettare mercoledì. A Roma i Forconi si conterannoe decideranno cosa fare della loro “rivolta”:

( Non sorprende molto la posizione di Ferro. Costui ha dato del malato  mentale a Zunino il leader del Piemonte, per aver detto  che l’ITALIA é  SCHIAVA delle banche ( ….. )  ndr

 31 2 0 47

Pubblicato in DOMINIO E POTERE
[ LA STORIA : SPAZIO LIBERO, APERTO A TUTTI, SENZA FILTRI O CENSURE ]

     Giovedì 5 dicembre ho ricevuto dal quotidiano Brescia Oggi una mail contenente un allegato dal titolo: “I rischi della continua rincorsa al revisionismo&quot”. Sono d’accordo che il revisionismo possa essere un pericolo, si tratta di stabilire PER CHI!

L’allegato ricevuto contiene una serie di accuse nei confronti di Mussolini circa le Leggi Razziali del 1938. E allora, Signori del Brescia Oggi, contestate quanto Vi ho inviato e qui di seguito riportato.

SIGNORI DEL QUOTIDIANO BRESCIA OGGI VI SFIDO AD UN CONFRONTO SULLA VERITA’ STORICA

di Filippo Giannini

In occasione della ricorrenza della “Giornata della Memoria”, leggo su “Il Messaggero”: “Nasce il museo della Shoah nel cuore di Villa Torlonia”. E’noto che Villa Torlonia fu, per un certo periodo, la residenza di Benito Mussolini. Con questa iniziativa si vuole rafforzare la tesi della responsabilità del Duce circa le malefatte – reali, supposte o false che siano – di Hitler.

Il 25 aprile 1945 Luigi Longo, uno dei massimi esponenti del Pci e quindi del CLNAI (Comitato Italiano Liberazione Alta Italia), nell’impartire disposizioni per l’esecuzione della condanna a morte del Duce, ordinò: <Lo si deve accoppare subito, in malo modo, senza processo, senza teatralità, senza frasi storiche>.

A distanza di oltre settanta anni ancora si parla di questo argomento. Perché?

Per avere una visione più chiara su quell’Uomo, è necessario partire dal “Trattato di Pace” del febbraio 1947. Indicare questo Trattato come iniquo è riduttivo. Ricordiamo quanto recita l’articolo 17 (Sezione I – Clausole Generali): <L’Italia, la quale, in conformità dell’art. 30 della Convenzione di Armistizio, ha preso misure per sciogliere le organizzazioni fasciste in Italia, non permetterà, in territorio italiano, la rinascita di simili organizzazioni>. E i politici italiani succeduti dal 1945 ad oggi, si sono piegati vergognosamente a questo diktat, inventando, manipolando e storpiando la storia, non curandosi minimamente, per giungere allo scopo prefisso, di infangare la memoria di un morto che operò in modo completamente difforme dalle accuse di cui è stato fatto carico.

Una qualsiasi persona di media intelligenza dovrebbe chiedersi “cosa può interessare ad una grande democrazia come quella americana, se ci sia o meno un movimento fascista in Italia?”. La risposta la dette proprio Mussolini in una delle sue ultime interviste: “Le nostre idee hanno spaventato il mondo”; per “il mondo” intendeva quello del grande capitale, la plutocrazia, l’imperialismo liberista. E allora, ecco la necessità delle grandi menzogne e delle mascalzonate.

“L’operazione demonizzazione del fascismo” è sviluppata con diversi tentacoli. Leggiamo, sempre su “Il Messaggero”: <A scuola. Lezioni, mostre e percorsi virtuali nei campi di sterminio>. In pratica  “il sistema” fa dei nostri ragazzi degli automi, il cui carburante è la menzogna.

Per costruire il mostro (e i mostri) si è montata un’accusa che riteniamo la più infamante e la più menzognera: l’essere stato Mussolini un vessatore e il responsabile della consegna degli ebrei ai tedeschi. I detrattori, per rendere l’accusa più plausibile hanno coniato il sostantivo “nazifascista”: termine dispregiativo tendente ad accomunare in un’unica responsabilità fascismo e nazismo per le atrocità commesse da quest’ultimo, sempre che queste non siano frutto di una enorme montatura, come molti studiosi sostengono.

Le diversità dottrinali fra fascismo e nazionalsocialismo sono trascurabili per i detrattori, ma sono evidenziate da diversi studiosi e, tra questi, citiamo Renzo De Felice (“Intervista sul Fascismo”, pag. 88): <Fra fascismo italiano e nazismo tedesco ci sono semmai più punti di divergenza che di convergenza, più differenze che somiglianze>.

Trattare l’argomento “fascismo – ebrei” è stato (e lo è ancora) un cozzare contro un muro eretto dall’antifascismo internazionale: muro costruito e cementato da falsità che con la Storia non hanno nulla a che vedere. Cerchiamo allora un varco che possa dissipare le nebbie artatamente montate e avvicinarci a qualche sprazzo di verità. Questo lavoro è dedicato, quindi, a tutti gli Ebrei di cui ho la massima stima, come d’altra parte l’aveva Benito Mussolini che ad una domanda di Yvonne De Begnac, rispose: <Io preminentemente contro gli ebrei? Ma se lo fossi stato, avrei portato in Parlamento i Dino Philpsin, i Gino Arias, i Guido Jung, i Riccardo Luzzati, i Gino Olivetti (…)?>.

E allora, facciamo un po’ di Storia. Ma documentata.

Il 29 aprile 1945, dopo la barbara e macabra esposizione dei corpi appesi a Piazzale Loreto, a Charles Poletti (plenipotenziario americano in Italia occupata) fu detto: “La storia è fatta così. Alcuni devono non solo morire, ma morire vergognosamente”. Così ancor oggi, le accuse reiterate su “quel morto” sono le più variegate e le più singolari e tutte poco convinte e, ancor meno convincenti. Ma l’accusa più falsa e più infamante, ripetiamo, e nello stesso tempo più menzognera, è quella di essere stato un vessatore e il responsabile della consegna degli ebrei ai tedeschi.

Lo dobbiamo ricordare: anche se in Italia l’adesione al fascismo da parte degli ebrei era pressoché totale, l’ebraismo internazionale, invece, si era schierato contro il Fascismo, sia nella guerra civile di Spagna che nel decretare le sanzioni, per continuare poi negli anni successivi. Mussolini impose per il problema ebraico le leggi razziali (certamente odiose e inique), ma con l’ordine “discriminare, non perseguire”. Stabilito ciò,  <il fascismo fece propria la dottrina razziale più per opportunità politica – evitare una difformità così stridente all’interno dell’Asse – che per interna necessità della sua ideologia e della sua vita politica> (De Felice, pag. 102). E nel prosieguo vedremo le motivazioni.

All’orizzonte si stagliava, intanto, sempre più minacciosa la figura di Adolf Hitler, bramoso (non davvero a torto) di riscattare le terre strappate alla Germania a seguito del delinquenziale Trattato di Versailles. E’ sufficiente leggere la storia di quel decennio per ricavare la netta impressione che le democrazie spinsero l’Italia fascista verso un’alleanza con Hitler, alleanza non assolutamente voluta da Mussolini.

Se questo è vero e se è vero che la spina dorsale della dottrina nazionalsocialista era il principio della superiorità della razza ariana, anche biologica e, l’antisemitismo, perché allora le leggi razziali del 1938? Nel contempo non possiamo dimenticare che nello stesso momento nel quale Hitler salì al potere in Germania, le lobby ebraiche internazionali dichiararono guerra alla Germania nazionalsocialista. Eppure sino a quel momento nessun attentato alla vita o ai beni ebraici venne attuato. Le teorie hitleriane sull’antisemitismo si fermavano ad una pura teoria filosofica.

A solo titolo di esempio proponiamo quanto scrisse a settembre 1933 (attenzione alle date) il dottor Manfred Reifer nella rivista ebraica Czernowitzer Allgermeine Zeitung: <La Germania è il nostro nemico pubblico numero uno. Ė nostra intenzione dichiararle guerra senza pietà>. Oppure: il 24 marzo 1933 il Daily Express scrisse nella prima pagina: <L’Ebraismo dichiara guerra alla Germania: Ebrei di tutto il mondo unitevi. Il popolo israelita del mondo intero dichiara guerra economica finanziaria alla Germania. Il commerciante ebreo lasci il suo commercio, il banchiere la sua banca, il negoziante il suo negozio, il mendicante il suo miserabile cappello allo scopo di unire le forze nella guerra santa contro il popolo di Hitler>. Tutto questo nel pieno della crisi economica che aveva investito il mondo.

E’ ovvio e accettato che per dare un giudizio storico su un certo avvenimento accaduto in un determinato periodo, è necessario riportarci alla situazione politica di “quel periodo” e, nel caso specifico alla situazione politica internazionale degli anni ’30

“La Seconda Guerra Mondiale”, Vol. 2°, pag. 209 di Winston Churchill: <Adesso che la politica inglese aveva forzato Mussolini a schierarsi dall’altra parte, la Germania non era più sola>. O anche lo storico inglese George Trevelyan nella sua “Storia d’Inghilterra”, pag. 834: <E l’Italia che per la sua posizione geografica poteva impedire i nostri contatti con l’Austria e con i Paesi balcanici, fu gettata in braccio alla Germania>. Oppure la denuncia del grande giornalista svizzero, Paul Gentizon: <Solo Mussolini si levò non soltanto a parole ma a fatti contro Hitler, il nazionalsocialismo, il pangermanesimo. Se le democrazie occidentali lo avessero ascoltato, il destino del mondo sarebbe stato ben differente>.

Ed ecco, allora, di nuovo, l’interpretazione, di Renzo De Felice. <Una volta che Mussolini fu gettato nelle braccia della Germania di Hitler, era impensabile che anche l’Italia non avesse le sue leggi razziali”. Anche lo studioso israeliano Meir Michaelis osserva: “Non si trattava quindi di un problema interno, bensì di un aspetto di politica estera>. E, più specificatamente De Felice (“Intervista sul Fascismo”, pagg. 101-102): <Il fascismo fece propria la dottrina razziale più per opportunità politica – evitare una difformità così stridente all’interno dell’Asse – che per interna necessità della sua ideologia e della sua vita politica>.

Se è vero che trattare l’argomento “fascismo-ebrei” è stato (e lo è tutt’ora) come accostare un fiammifero ad una polveriera, ma questo solo per circoscritti motivi di interessi, che non hanno nulla a che vedere con la verità storica. La verità è che anche intorno a quei drammi è stata costruita una cortina di falsità per i motivi sopra indicati. Vediamo, allora, di cercare uno spazio fra le nebbie, chiamando a testimoniare studiosi e personaggi non  davvero fascisti.

Un attento storico dell’”Olocausto ebraico” (oltretutto il termine “Olocausto” è improprio nel caso specifico) Mordekai Poldiel, israelita, che scrive: “L’Amministrazione fascista e quella politica, quella militare e quella civile, si diedero da fare in ogni modo per difendere gli ebrei, per fare in modo che quelle leggi rimanessero lettera morta”.

Sarebbe sufficiente questa attestazione di uno dei massimi storici israeliani per chiudere l’argomento. Ma dato che l’informazione non consente un libero dibattito, ci vediamo costretti ad approfondire il tema. Quelle certamente odiose leggi, furono concepite per necessità politica e, proprio per questo applicate in modo da arrecare il minor danno possibile. Per approfondire l’argomento rimandiamo il lettore al mio volume: “Uno schermo protettore – Mussolini, il Fascismo e gli Ebrei” dove troverà ampissima documentazione.

Continuiamo nella Storia.

Nel 1934 in occasione dell’incontro con Weizmann, Mussolini concesse tremila visti a tecnici e scienziati ebrei che desideravano stabilirsi in Italia. Nel 1939 (l’Asse Roma-Berlino era già in atto) vennero aperte delle aziende di addestramento agricolo, le “haksharoth” (tecniche poi trasferite in Israele) che entrarono in funzione ad Ariano (Como), Alano (Belluno), Orciano e Cavoli (Pisa). Così, sempre in quegli anni, nei locali della Capitaneria di Porto, la scuola marinara di Civitavecchia ospitava una cinquantina di allievi che poi diverranno i futuri ufficiali della marina israeliana.

Tutto ciò può essere un sufficiente esempio per illustrare il criterio delle applicazioni delle “Leggi Razziali” in Italia. Nel 1979, in occasione della presentazione del film “Olocausto”, la televisione francese “Antenne 2”, riunì un gruppo di scampati dai “campi di sterminio”. Di questo gruppo faceva parte Simon Veil, che se non esistesse uno strano caso di omonimia, dovrebbe essere stata l’ex Presidentessa del Parlamento europeo. Le domande dell’intervistatore vertevano sul tema: “E’ vero che in Francia nella zona di occupazione italiana non ci fu alcuna persecuzione? E’ vero che sulla Costa Azzurra i carabinieri italiani impedirono ai poliziotti francesi l’arresto degli ebrei?” E la risposta fu unanime: Sì, è proprio così, rispose per tutti la signora Veil.

<Era la fine del 1939, quindi la Germania e l’Urss avevano già invaso la Polonia e l’Italia era alleata del Terzo Reich, e nasceva in Italia la Delasem (Delegazione Assistenza Emigrati), un’organizzazione ebraica che avrebbe salvato migliaia di israeliti profughi dai Paesi dell’Est europeo e, in particolare dalla Germania e dai territori che i nazisti andavano occupando. Il 1 dicembre 1940 Dante Almani (Rappresentante ufficiale della Delasem) ebbe un colloquio chiarificatore con il capo della polizia Bocchini>. Così scrive Rosa Paini, ebrea, nel volume “I sentieri della speranza, pag. 28”. E’ da tener presente che Bocchini era l’unica persona alla quale Mussolini concedeva ogni mattina udienza per essere relazionato sui fatti giornalieri.

Mentre si svolgevano questi drammi, il Governo italiano intensificò i suoi sforzi per salvare e assistere i fuggitivi. In merito De Felice scrive (“Storia degli Ebrei sotto il Fascismo”, pag. 404): <Già abbiamo visto come in pratica il Ministero dell’Interno non impedì mai l’afflusso in Italia degli ebrei stranieri in cerca di salvezza (…). Egualmente fu respinta la richiesta di estradizione avanzata da Berlino per alcuni ebrei tedeschi rifugiati in Italia e accusati di attività antinazista>.

Ancora Rosa Paini (pag. 111) riferisce: “Nella sua visita di febbraio ’43 a Roma, Ribbentrop insistette per tre giorni presso Mussolini per ottenere la consegna degli ebrei jugoslavi; alla fine, dopo parecchio tergiversare il duce accondiscese”.

A questo punto si inserisce un fatto che illustra lo “stile” con il quale è stato condotto lo studio della storia  in questo interminabile dopoguerra. Nel gennaio 1998, il giornalista della televisione italiana, Paolo Frajese, conduttore di un servizio sulla vita degli ebrei nelle zone occupate dalle nostre truppe durante l’ultimo conflitto, nel ricordare il “visto” concesso da Mussolini alla richiesta di Ribbentrop, commentando il fatto, con voce di rimprovero e di condanna, disse: “Così il Duce dette l’ordine di consegnare gli ebrei ai nazisti”. Il solerte Frajese ha trascurato un particolare, ricordato da De Felice (e altri studiosi onesti e seri) con queste parole: “Ma subito dopo il Duce, parlando con il Generale Robotti, confermò il suo disappunto: E’ stato a Roma per tre giorni e mi ha tediato in tutti i modi il Ministro Ribbentrop che vuole a tutti i costi la consegna degli ebrei jugoslavi. Ho tergiversato, ma poiché non si decideva ad andarsene, per levarmelo davanti, ho dovuto acconsentire (…). Ma voi inventate tutte le scuse che volete per non consegnare neppure un ebreo”.

E così fu: non fu mai consegnato un ebreo, sia esso residente in Grecia, a Salonicco, in Jugoslavia, in Francia, in Italia. Qualunque sia la storia stroppiata scritta e ripetuta con la penna della “vulgata resistenziale”, mai a un ebreo fu torto un capello: esso era protetto, come ha scritto lo storico ebreo Lèon Poliakov (“Il nazismo e lo sterminio degli ebrei”, pagg. 219-220): <Mentre, in generale, i Governi filofascisti dell’Europa asservita non opponevano che fiacca resistenza all’attuazione di una rete sistematica di deportazioni, i capi del fascismo italiano manifestarono in questo campo un atteggiamento ben diverso. Ovunque penetrassero le truppe italiane, uno schermo protettore si levava di fronte agli ebrei (…). Un aperto conflitto si determinò fra Roma e Berlino a proposito del problema ebraico (…). Appena giunte sui luoghi di loro giurisdizione, le autorità italiane annullavano le disposizioni decretate contro gli ebrei”.

Anche il dottor Salim Diamond, autore del libro “Internment in Italy – 1940-1945”, ha scritto: “Non ho mai trovato segni di razzismo in Italia (…). Nel campo controllato dai Carabinieri e dalle Camicie Nere, gli ebrei stavano come a casa loro”. Il dottor Diamond attesta che il Governo fascista concedeva otto lire (al valore dell’epoca) al giorno agli internati i quali potevano spenderle come desideravano.

Il famoso docente dell’Università ebraica di Gerusalemme, George L. Mosse, nel suo libro: “Il Razzismo in Europa”, a pag. 245, fra l’altro scrive: <Come abbiamo già detto, era stato Mussolini stesso a enunciare il principio: discriminare non perseguire. Tuttavia l’esercito italiano si spinse anche più in là, INDUBBIAMENTE CON IL TACITO CONSENSO DI MUSSOLINI>.

Potrei continuare a lungo, ma non posso abusare più di tanto dello spazio a me concesso. Però desidero porgere alcune domande (che sicuramente non avranno risposta) al signor Pacifici e alle signore Fiamma Nirestein e Tullia Zevi:

1)      perché gli ebrei che fuggivano dalla Germania e dalle zone occupate dai nazisti si rifugiavano in Italia? Eppure, qui, erano in atto le “leggi razziali”;

2)      perché, invece di cercare rifugio nell’Italia fascista non si recarono in Gran Bretagna, o in Francia, o negli Stati Uniti? Forse perché quelle frontiere erano a quegli infelici sbarrate? Infatti Roosevelt fece intervenire la Us Navy per impedire con la forza l’approdo di un gruppo di ebrei fuggiaschi da Amburgo. E che fine fecero quei disgraziati? Lo dice il giornalista Franco Monaco (“Quando l’Italia era ITALIA”, pag. 175): “Quando fu vietato l’attracco a New York quei fuggiaschi vennero accolti in Italia e poi dislocati in varie zone della Francia, della Dalmazia e della Grecia” (neanche a dirlo, vero?). Oppure perché no nella regina delle Democrazie: in Gran Bretagna? Forse perché gli inglesi, in Palestina fucilavano e impiccavano gli ebrei? Oppure perché a Solina, nel Mar Nero il Console britannico salì a bordo di una nave che trasportava un gruppo di fuggitivi, informandoli che se non si fossero immediatamente allontanati aveva l’ordine di prenderli a cannonate?

3)      E qui “la cosa” assume l’aspetto fosco. Scrive lo storico Robert Tucker (“The revolution from above 1928-1941): “Non ho conosciuto mai la violenza di un terrorismo di Stato pari a quello verificatosi in Unione Sovietica; in quegli anni furono fucilate milioni di persone dopo essere state torturate alla Lubianka, o deportate nei campi di lavoro della Siberia (…). Tra questi c’erano tutti gli ufficiali ebrei”. Oppure quanto scrive Paolo Veltri (Stalin e gli ebrei) il quale attesta che dal settembre 1939 al luglio successivo, in seguito alle annessioni sovietiche, due milioni di ebrei dei tre Stati Baltici passarono sotto l’Urss. Nella zona polacca occupata dai sovietici, a partire dal febbraio 1940, la polizia Nkvd di Beria arrestò e deportò circa mezzo milione di ebrei. Molti morirono durante il viaggio. Queste operazioni continuarono anche negli anni Quaranta. “Un’intera generazione di sionisti ha trovato la morte nelle prigioni sovietiche, nei campi, in esilio”. E ancora – ma non ultimo – lo scrittore russo Arkady Vaksberg  nel suo libro “Stalin against the Jews” sostiene “dopo accurate ricerche” che gli ebrei eliminati da Stalin siano stati “presumibilmente cinque milioni”. Sempre lo stesso autore afferma che, esistendo l’alleanza Molotov-Ribbentrop, migliaia di famiglie di ebrei che fuggivano dall’incalzante avanzata delle truppe tedesche in Polonia, si rifugiarono nel territorio occupato dall’Urss, ebbene Stalin le fece restituire ai nazisti.

Credo che la domanda sorga spontanea. Voi lettori avete mai notato le stesse denunce circa i massacri perpetrati dai sovietici, la stessa enfasi forcaiola per quelle commesse dai tedeschi?

Perché questa differenza?

Ma torniamo a Benito Mussolini. Se una colpa gli si può adottare fu quella di aver salvato decine di migliaia di ebrei.

Allora, fu una colpa? Se non lo fu, sollecito un atto di giustizia: che similmente ad altri meritevoli, venga innalzato a suo nome un monumento nella “Valle dei Giusti” in Israele. D’altronde sarebbe in ottima compagnia, perché in quel luogo vengono ricordati altri fascisti che ebbero gli stessi meriti, fra questi voglio ricordare: Guelfo Zamboni (console italiano a Salonicco); Giovanni Palatucci (Questore di Fiume durante la Rsi, deportato e ucciso in un lager perché accusato della salvezza degli ebrei); Giorgio Perlasca (che operò a Budapest nel salvataggio di circa cinquemila ebrei).

Perché tanto rancore contro Benito Mussolini? Provo a dare una risposta sempre avvalendomi di personaggi “al di sopra di ogni sospetto”. Il 13 ottobre 1937 Bernhard Shaw in una intervista concessa al “Manchester Guardian”, fra l’altro disse: “Le cose da Mussolini già fatte lo condurranno prima o poi ad un serio conflitto con il capitalismo”.

Cosa aveva fatto Mussolini di tanto grave?

Prova a spiegarlo Zeev Sternhell, professore di Scienze Politiche presso l’Università di Gerusalemme, col saggio “La terza via Fascista”, nel quale fra le tante e varie considerazioni attesta: <Il Fascismo fu una dottrina politica, un fenomeno globale, culturale che riuscì a trovare soluzioni originali ad alcune grandi questioni, che dominavano i primi anni del secolo (…). Il corporativismo riuscì a dare la sensazione a larghi strati della popolazione che la vita fosse cambiata, che si fossero dischiuse delle possibilità completamente nuove di mobilità verso l’alto e di partecipazione>. E da qui giungere alla “Socializzazione dello Stato” il passo sarebbe stato breve. Immaginatevi il danno che un’idea del genere avrebbe arrecato a “coloro che possedevano le chiavi delle casseforti mondiali”.

E allora guerra. E per non far rivivere quell’idea, ancora oggi attuabile, si carichi su quell’uomo e sul suo regime ogni infamia possibile.

D’altronde la cosa non riuscì difficile… l’importante è avere a disposizione l’informazione; ed il gioco è fatto!

Tutto ciò – e tanto altro ancora – può essere un esempio sufficiente per illustrare il criterio delle applicazioni delle “Leggi Razziali” in Italia.

Quanto sin qui scritto è solo l’inizio della lunga storia che riguarda i rapporti fra il fascismo e gli ebrei. La documentazione più completa, ripetiamo, è contenuta in un mio libro che tratta appunto l’argomento, ma desidero porre alcune domande ai detrattori, ai dispensatori di ingiurie maramaldesche, scagliate un po’ per ignoranza e molto per un bieco, ignobile, servile tornaconto, contro un Uomo che tutto il mondo ci invidiava:

1)      perché non spiegare alle scolaresche e ai telespettatori cos’era la DELASEM? Da chi fu autorizzata? che funzioni svolgeva? E, soprattutto, in quali anni operò?

2)      Perché gli ebrei tedeschi, austriaci e quelli che vivevano nei Paesi occupati dalle truppe germaniche si rifugiavano nell’Italia fascista? E pur, sapendo bene che nell’Italia fascista vigevano le leggi razziali?

3)      Perché quegli stessi ebrei non chiedevano asilo ai “Paesi democratici” o, meglio ancora, al “paradiso sovietico”.

4)      Perché non ricordare quanto hanno scritto su questo argomento storici ebrei come Mordekai Poldiel, Rosa Paini, George L. Mosse, Menachem Shelah, Emil Ludwig? E questo è solo un frammento di quanto c’è da raccontare e da scrivere.

5)      Perché non parlare di personalità ebraiche come Ludwig Gumplowicz, Cesare Goldman, Duilio Sinigaglia, Aldo Finzi, Dante Almasi, Guido Jung, Margherita Sarfatti e mille altri ancora?

6)      Perché non ricordare gli ordini che dette Mussolini al generale Robotti dopo la visita di Ribbentrop?

7)      Perché non far presente quando e in quale occasione i tedeschi misero le mani su tanti infelici sino a quel giorno al sicuro dietro lo “scudo protettore” italiano?

8)      Quindi, e di conseguenza, sarebbe fuori luogo asserire che gli ebrei furono consegnati alle camere a gas (sempre che siano esistite realmente) dal primo governo antifascista? Cioè da Badoglio?

9)      Ma un altro “perché” è doveroso porlo,  anche se è drammatico e frustrante: perché dei discendenti del Duce (a parte Donna Rachele) mai nessuno si erse, o si erge a difenderne la memoria? Eppure le possibilità non sono mancate.

Per concludere: quell’Uomo merita davvero quanto questo infido sistema politico, per sopravvivere a se stesso fa, per infangarne la memoria?

Caro Giuseppe, qui di seguito potrai notare (iniziando dal fondo) la risposta di Brescia Oggi (del Sig. Bettinzioli). Io ti invio tutto, poi tu vedi cosa potrai fare, perché questa volta il tutto sarebbe veramente lungo.   

Le osservazioni di “Brescia Oggi”

I rischi della continua rincorsa al “revisionismo”

Gentile direttore, da un po’ di tempo si tenta in tutti i modi, ogni qualvolta si punta il dito sugli orrori del nazifascismo di fare una netta distinzione tra la ferocia del regime hitleriano e la «bonomia» di quello mussoliano. Nella peggiore delle ipotesi, il fascismo diventa dittatura all’acqua di rose ma c’è anche, in questa continua rincorsa al revisionismo più revisionista, chi assume atteggiamenti a dir poco irriverenti quando afferma (vedi l’ex presidente del Consiglio Berlusconi) che in fondo Mussolini si limitò a «mandare qualcuno in villeggiatura» (leggi confino). Non manca infine chi sostiene le tesi negazioniste più ardite: il volto disumano e oppressivo del fascismo è soltanto una invenzione degli antifascisti.
Per convincersi di quanto disumano e oppressivo fu il fascismo, basta leggere un articolo apparso sul Resto del Carlino il 2 dicembre 1943 che illustra il pensiero di Benito Mussolini sugli ebrei, eccolo: «Siamo da tempo nettamente convinti che gli ebrei, per loro stessa definizione di popolo superiore agli spregevoli ariani e di popolo senza patria in qualunque paese si trovino i suoi membri, sono istintivamente nemici del paese che li ospita, perchè legati fra loro da interessi di carattere internazionale. Perciò la massoneria è istituzione prevalentemente ebraica. Perciò gli ebrei sono elementi pericolosi sia nel campo economico che in quello politico, culturale e morale. Tutte le storture dell’arte cosidetta moderna sono il prodotto del malefico genio ebraico. Tutte le crisi e le guerre, le sciagure e le stragi che si sono riversate sul mondo, specie negli ultimi anni, hanno origine nella malefica influenza ebraica».
«Da tempo urgeva ripulire l’Italia dai giudei che insidiavano anche come centro della romanità e del cattolicesimo. È stato anzi un errore tardare troppo a provvedere. Lo si è constatato dopo il 25 luglio quando immediatamente gli ebrei hanno fatto la loro apparizione con rinnovamenti propositi di vendetta. E solo più tardi sapremo fino a qual punto la loro azione occulta ha contribuito al verificarsi del 25 luglio. Ed è naturale: si erano fatte le cose a metà, mentre quando si comincia bisogna sempre andare risolutamente al fondo, altrimenti è meglio non cominciare».
Nel dicembre 1938 la Camera ed il Senato convertirono in legge i provvedimenti «per la difesa della razza». Entrambe le votazioni si svolsero a scrutinio segreto. Risultati: unanimità alla Camera, 10 voti contrari al Senato. Da allora i cittadini si dividevano in due categorie: i non ebrei e gli ebrei. Per questi ultimi era la morte civile. Gran parte della gente comune mostrò consenso o indifferenza nei confronti della legislazione razzista. Salvo poche lodevoli e preziose eccezioni, i più assistettero impassibili all’emarginazione e alla persecuzione dei loro concittadini con cui fino al giorno prima avevano condiviso posto di lavoro e aula scolastica.
Il Fascismo fu un regime liberticida e totalitario (questo spiega, almeno in parte, la passività e l’indifferenza mostrata dai cittadini); e fu antisemita al punto di collaborare con i tedeschi alla deportazione degli ebrei nei campi di sterminio.
Leggi razziste e antisemite come quelle di 75 anni fa possono sempre riaffacciarsi anche oggi in un contesto di multi-etnicità che verosimilmente caratterizzerà sempre più il nostro futuro. Forse la prima cosa da fare per sconfiggere per sempre il razzismo e l’antisemitismo è – iniziando dalla scuola e, via via, negli ambienti di lavoro, nella società e nella cultura – contribuire tutti a ricostruire un nuovo umanesimo, fondato sull’accettazione dell’altro e sul concetto di convivenza tra diversi che si rispettano tra loro. Dico questo sotto la preoccupazione che, quando in futuro non lontanissimo i testimoni viventi della devastazione nazifascista non ci saranno più, l’oblio e l’incredulità aumenteranno e, Dio non voglia, forse prevarranno.
Manteniamo questa memoria a favore del futuro e dei posteri e non stanchiamoci mai di testimoniare il nostro impegno per la vita, la giustizia e la pace affinchè il futuro dei nostri figli e dei nostri nipoti sia migliore.
Renato Bettinzioli
BRESCIA

…e le mie contro-osservazioni

Egr. Sig. Bettinzioli, debbo constatare che quanto da Lei scritto è un risultato di una serie di osservazioni completamente prive di validità storico-scientifiche, evitando in tal modo di rispondere a quanto riportarono studiosi non fascisti, ma validi storici ebraici e da me puntualmente richiamati. Provo a spiegarmi. In linea di massima quando faccio dei riferimenti mi rivolgo a soggetti antifascisti, ma questa volta mi permetta di citare uno storico fascista: Giorgio Pisanò; egli ha scritto: <Si giunse così al 1939, vale a dire allo scoppio della guerra e fu allora che all’insaputa di tutti, Mussolini diede inizio a quella grandiosa manovra, tuttora sconosciuta o faziosamente negata anche da molti di coloro che invece ne sono perfettamente a conoscenza, tendente a salvare la vita di quegli ebrei che lo sviluppo degli avvanimenti bellici aveva portato sotto il controllo delle forze armate tedesche>,. In merito al “confino”, osservo: Mussolini non fu una invenzione di Mussolini, ma lo ereditò dalla legislatura precedente e al confino inviò soprattutto i malavitosi e quando fa il Signor Bettinzioli fa riferimento ai campi di concentramento, dimenbtica che c’era la guerra e ai campi di concentramento (campi, veramente di sterminio, inventati dagli inglesi nel tempo della guerra boera del 1900), il regime fascista, come ogni altro Paese in guerra, rinchiudeva i cittadini nemici, ma in Italia NON ESISTEVA alcun campo di concentramento per ebrei. Questi ultimi se racchiusi lo erano perché o francesi, o inglesi in quanto con quei Paesi noi eravamo in guerra e non peché ebrei. Quando l’Autore osserva “mandare qualcuno in villeggiatura”, ecco quanto ha scritto l’ebreo Salim Diamond “Internement in Italy, 1940-1945”: <Per più di dieci anni vissi in Ialia dove lavorai, studiai e perfino in campi di concentramento. Posso onestamente affermare di conoscere gli italiani ed il loro pensiero, i loro sentimenti. (…). Non ho mai trovato un italiano che si avvicinasse a me, ebreo, con l’idea di sterminare la mia razza (…). Anche quando apparvero le leggi razzilali, le relazioni con gli amici italiani non cambiarono per nulla (…)>. Come vede, Signor Bettinzioli, io faccio dei riferimenti storici, indicando dati di riferimento. E mi spiego meglio: perché non contesta quanto hanno scritto i citati studiosi ebrei in merito alla persecuzione fascista? Hanno mentito? Se sì, perché? Con quale scopo? La prego, ci illumini su questa Sua verità!. Circa il citato discorso di Mussolini del 2 dicembre 1943 e riportato da “Il Resto del Carlino”, a me non risulta, infatti Mussolini tenne un discorso il 25 novembre 1943 a Gargnano, alla Villa delle Orsoline e un successivo, sempre alla Villa delle Orsoline il 16 dicembre 1943; fra i due discorsi non ne risulta alcun altro. Quello da Lei citato del 2 dicembre, la prego, sia più peciso, perché, ripeto, a me non risulta. Per quanto riguarda il (supposto) discorso di Mussolini citato dal “Resto del Carlino” del 2 dicembre 1943, osservo e trascrivo quanto riportato da Israel  Shahah (storico e scrittore ebreo) su “Storia Ebraica e giudaismo”, pag.11: <Quando il razzismo, la discriminazione e la xenofobia prevalgono fra gli ebrei, alimentate da motivazioni religiose, riproducono fedelmente il caso opposto, cioé l’antisemitismo con le sue radici religiose. Oggi mentre il secondo è ampiamente discusso, l’esistenza stessa del primo è generalmente ignorata, più fuori di Israele che entro i suoi confini>. A pag. 25: <Nel 1984, fu eletto al “Knesset” con un programma politico di espulsione di due milioni di arabi cittadini israeliani e di palestinesi da Israele e dai territori occupati. Kahane abbandonò qualsiasi forma di prudenza arrivando a chiamare “cani” gli arabi, vantandosi di dire apertamente quello che gli altri ebrei avevano il coraggio solo di pensare. Kahane presentò varie proposte di legge che senbrano copia conforme della legislazione del Terzo Reich contro gli ebrei Nella nota 5) si legge , pag. 33: <Kahane chiedeva che si proibisse a tutti gli “stranieri residenti” di “abitare” all’interno della cinta municipale di Gerusalemme, allo stesso modo in cui agli ebrei tedeschi era proibito affittare appartamenti a Berlino e a Monaco senza speciale permesso. Sempre come avevano fatto i nazisti con la “legge per la protezione del sangue e dell’onore tedesco” che, tra l’altro, sanzionava l’assoluto “apartheid” nelle scuole, nei dormitori e sulle spiagge per gli ebrei e i non ebrei. Kahane presentò un progetto di legge analogo per la “Prevenzione dell’assimilazione tra ebrei e non ebrei e per la sanità del popol ebraico”>. Le “Omissioni Talmudiche” vengono ristampate in Israele con il titolo “Hesrenost Shas, pag. 51: <Passi come quello in cui si prescrive a tutti gli ebrei di recitare una preghiera di benedizione quando passano davanti a un cimitero ebraico e, invece, di recitare una preghiera di maledizione alle madri dei morti se si tratta di un cimitero  non-ebraico sono oggi non solo diffusi liberamente, ma addirittura insegnati ai ragazzi nelle scuole> (Geremia 10 e secondo Isaia cfr. Isaia 44). Lo sa, Signor Bettinzioli che se una <donna ebraica, che ritorna dal suo bagno mensile di purificazione, dopo il quale è obbligatorio avere rapporti sessuali con il marito, deve guardarsi  dall’incontrare una delle quattro creature sataniche: il gentile, il porco, il cane e l’asino. Se le incontra, deve subito tornare indietro e fare un altro bagno> (pag. 97). Penso che per il momento quanto riportato sia sufficiente. Negli anni in cui in Italia vigevano le leggi razziali, ecco quanto ha scritto il giornalista Vicini su “L’Indipendente” del 20 luglio 1993: <Ebrei e comunisti sciamavano verso il Brennero, frontiera che possono varcare senza visto a differenza di altre (americane, sovietica ecc.) (…)> Dello stesso parere è Klaus Voigt che in “Rifugio Precario” osserva: <(…). Eppure  dal 1936, la Germania è il principale alleato e quegli “emigranti” sono suoi nemici. Polizia e carabinieri ricevono disposizioni dal Duce, chiare ed essenziali, anzi ridotte ad una sola parola: <Sorvegliare, non arrestare>. Torniamo per poco a Daniele Vicini, che osserva: <Meno schizzinosa, l’Italia accoglie tutti, dall’operaio comunista Jacob Rothchild e un drappello di scrittori fra i quali Walter Benjamin (“Angelus  Novus”), Franza Werfel (“I quaranta giorni di Mussa Dagh”) e sua moglie Alma, il futuro editore Leo Olscki, ecc. ecc.>. Come vede. Signor Bettinzioli, faccio nomi, cognomi e date. Ancora, come ricorda il giornalista Franco Monaco (“Quando l’Italia era ITALIA”, pag 175 (se il Signor Bettinzioli ricorda un filma dal titolo “La nave dei dannati”, quanto scrive Franco Monaco si riferisce a quel fatto):< Allorché a un piroscafo carico di ebrei partito da Amburgo, fu vietato l’attracco a New York, quei fuggiaschi vennero accolti in Italia e poi dislocati in varie zone della Francia, della Dalmazia e della Grecia>. Perché? Eppure in Italia vigevano le Leggi Razziali! Ce lo spieghi, Signor Bettinzioli.

Il Signor Bettinzioli mi conceda un consiglio: la Storia merita molta attenzione in quanto è soggetta a varie alterazioni, però una volta fissati dei paletti: dati e fatti da una parte, documenti e testimonianze dall’altra, al di fuori di questi non c’è che la fantasia e le favole, l’una e le altre non hanno nulla a che fare con la Storia. Inoltre termino ricordando al Signor Bettinzioli una massima di Voltaire: <L’onnopotenza di Dio, una volta terminati gli eventi, non è in grado di modificarli, mentre invece possono farlo gli storici mutando la narrazione degli avvenimenti effettivamente accaduti>.

Debbo concludere con una osservazione: su questo argomento qualcuno mente (coscientemente o per ignoranza) mentono Giorgio Pisanò, Renzo De Felice, Simon Veil, Rosa Paini, Robert Tucker, Paolo Veltri, Arkaday vaksberg, Bernard Shaw, Zeev Sternhell, Morderai Poldiel, George L. Mosse, Salim Diamone, Léon Poliakov? Ripeto: se la risposta fosse affermativa, perché?

È mio, dovere informare che quanto sopra scritto verrà trasmesso a “Il Popolo d’Italia”, periodico con il quale collaboro.

—– Original Message —– From: Bresciaoggi.it

To: fg@filippogiannini.it Sent: Saturday, December 07, 2013 6:41 PM Subject: Segnalazione articolo su Bresciaoggi.it

Gentile filippo ,

Gianmarco ha pensato di segnalarti un articolo su Bresciaoggi.it.

Per visualizzare l’articolo clicca sul link seguente: (*)

I rischi della continua rincorsa al &quot;revisionismo&quot;

Gianmarco ti invia anche questo messaggio:

Signor Giannini, ci ho pensato io con un commento, poi replicato in modo decisivo a uno scorbutico lettore. Vada in fono pagina, laddove troverà spazio “commenti”. n.b. ho tratto le sue parole dagli articoli che mi inviava.

Per ogni problema non esitare a contattarci all’indirizzo di posta elettronica abbonamenticlic@bresciaoggi.it.

Cordiali saluti
Bresciaoggi.it

(*) Se per qualche ragione il link non dovesse funzionare copia interamente il seguente indirizzo e incollalo nella finestra del tuo browser:

http://www.bresciaoggi.it/stories/lettere/603284_i_rischi_della_continua_rincorsa_al_revisionismo/

FINE SERVIZIO

ASSOCIAZIONE CULTURALSOCIALE “AZIMUT” – NAPOLI  

 direzione responsabile: presidenza Associazione
 team azimut online:  Fabio Pisaniello webm. adm. des.
 Uff. Stampa Associaz. “Azimut”:   Ferruccio Massimo Vuono 
 
(Arturo Stenio Vuono – presidente di “Azimut” – Napoli)
“AZIMUT” – VIA P. DEL TORTO, 1 – 80131 NAPOLI
TEL. 340. 34 92 379 / FAX: 081.7701332

FINE INTERVENTO

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...