LA MACCHINA MEDIATICA – LA “GRANDE MENTITRICE & MERETRICE” E IL “PROTETTORATO ITALIA” – RICORDO DI SERGIO RAMELLI – ALTRE NEWS…


anteprima di web : Associazione Culturalsociale “Azimut” – NAPOLI 
Servizio – tra breve in rete : Tuesday, April 29, 2014
OGGI :  LA << MACCHINA MEDIATICA >> – LA “GRANDE MENTITRICE & MERETRICE” E IL “PROTETTORATO ITALIA” – RICORDO DI SERGIO RAMELLI – ALTRE NEWS… [ “AZ.-NEWS”:30.04.’14 ]
————————————————————————–
[ “AZ.” ]     ( ULTIMA – NOSTRA – EMAIL ANTEPRIMA DI WEB – TRA BREVE SERVIZIO IN SITO )
————————————————————————–
 Associazione Azimut – NAPOLI
<< 69.MO DI INFAMIE E BARBARIE >> – 28 APR. 1945 “MUSSOLINI – ODE” – “BENITO COME GIA’ COLA ED ANIELLO”  ( GIANCARLANTONIO OLIVIERI ) –  ALTRE NOTIZIE…..[ “AZ.-NEWSLETTER “: 28.04.’14 ]
————————————————————————–
————————————————————————————
Quasi un milione a Roma per Wojtyla e Roncalli santi
[ “AZ.” ]     ( PENULTIMA – NOSTRA – EMAIL ANTEPRIMA DI WEB – TRA BREVE SERVIZIO IN SITO )
——————————————————————————-
  • foto di Piergiorgio Franci.
  • Arturo Stenio Vuono QUATTRO GRANDI PONTEFICI DELLA << CHIESA ROCCIA E BASTIONE >>…
[ << SPECIALE CANONIZZAZIONE – “DUE UOMINI – DUE PAPI – DUE SANTI” >>  – tutto tratto dal web ]
anteprima di web : Associazione Culturalsociale “Azimut” – NAPOLI 
Servizio – tra breve in rete : April 27, 2014
OGGI : ROMA 27 DI APRILE DEL 2014 – GIOVANNI XXIII E GIOVANNI PAOLO II SANTI – PIAZZA SAN PIETRO TUTTA PER ANGELO RONCALLI E KAROL JOZEF WOJTYLA – ALTRE NOTIZIE
[“AZIMUT-NEWS”:26-27.04. ’14]
——————————————————————————————————————————————————
OGGI : LA << MACCHINA MEDIATICA >> – LA “GRANDE MENTITRICE & MERETRICE” E IL “PROTETTORATO ITALIA” – RICORDO DI SERGIO RAMELLI  – ALTRE NEWS… 
Evidenza - Manifestazione tricolore 
[ tra breve in rete – anteprima ]
( PER UNA BUONA LETTURA ! )

“Azimut” NAPOLI – Ufficio Stampa : Ferruccio Massimo Vuono

massimovuono@libero.it – 29/04/2014 – Anteprima di web: associazioneazimut@tiscali.it –

( servizio – tra breve in rete ) 

https://azimutassociazione.wordpress.com ]

[“AZ.-NEWS”:30.04.’14]

 ——————————————————————————————————————————————————-

[ “AZ.” ]     ( IN COPERTINA )

Ferruccio Massimo Vuono  
SERGIO RAMELLI PRESENTE!!
Foto: SERGIO RAMELLI PRESENTE!!


 

 

Sergio Ramellimuore militante F.d.G. Dopo 48  – Rai Storia – Rai.it 

 

www.raistoria.rai.it/articoli/sergioramellimuoremilitante-f-d-g/12880/default.aspx3 mag 2012
Sergio Ramellimuore militante F.d.G.. Accadde oggi – Anni ’70 – 29/04/1975. Dopo …

 

 

  [ “AZ.” ]  IN QUESTO NUMERO : RICORDO DI SERGIO RAMELLI ( vedi : oltre ]

—————————————————————————-

OGGI : LA << MACCHINA MEDIATICA >> – LA “GRANDE MENTITRICE & MERETRICE” E IL “PROTETTORATO ITALIA”  – ( . . . ) –  ALTRE NEWS… [ “AZ” – 30.04.’14 ]

———————————————————————————

[ “AZ.” ]    ( QUESTA EUROPA NON CI PIACE – QUESTA UE NON E’ LA NOSTRA EUROPA )

———————————————————————————

foto di Movimento Sociale Italiano - Sezione Sergio Ramelli Torino Nord.

 

[ “AZ.” ] –  [vedi : oltre ]
ASSOCIAZIONE CULTURALSOCIALE “AZIMUT” – NAPOLI
 [ “AZ.” ]  ( BANKSTER –  MUNGITORI DI VACCHE –  EUROBORSAIOLI –  FINIRANNO  CON IGNOMINIA ! ! )
UEISTI – MERIKANISTI – MONDIALISTI : ALLA GOGNA ! ! !
  
[ DA “AZIMUT – ARCHIVIO ONLINE” ]

( DA MESSAGGIO – “POSTATO” SU FACEBOOK – NAPOLI)

DEDICATO AI NUOVI GIACOBINI – << “UEISTI” – “MERIKANISTI” – “MONDIALISTI” >> …..

Editing video : Bosco Michele
PER CONTATTI:
Giovanni Mauro 3923867825
terraemares@tiscali.it
maurog74@gmail.com
Caricato da Terraemares
—————————————————————————–
[ “AZ.” ]   ( DEI FATTI E DEI MISFATTI – DAL WEB  )
—————————————————————————–
Ennesimo allarme sbarchi: 800mila migranti sulle coste libiche

cronaca Ennesimo allarme sbarchi: 800mila migranti sulle coste libiche

Secondo il ministero dell’Interno sono ottocentomila gli immigrati in arrivo in Europa dall’Africa. Nel 2014 sono arrivati via mare 25mila migranti, più della metà di quelli giunti nel 2013.

guarda il video Alfano: “Mare nostrum è al termine”
Commenta  
Immigrazione, i media e i limiti del giornalismo

 

—————————————————————————–
[ “AZ.” ]     (  REPETITA IUVANT )
————————————————————————–
[ NELLA FOTO : IL CAPO DELLO STATO – GIORGIO NAPOLITANO ]
[ “AZ.” ]     ( IL << DUO >> E I MEDIA CHE “TIRANO LA VOLATA”… )

 

( NON SI TOLLERANO INTRUSIONI NEL “GIOCO DELLE PARTI”… CAPITE ? )

 

Shoah, Merkel: parole assurde.  Grillo-Renzi: rissa in diretta in streaming "Non sei credibile". "E tu esci dal blog" 

Ordine del Merito britannico 

“PROTETTORATO ITALIA” – TRA VASSALLI DEGLI ANGLI – VALVASSORI DELLE AMBASCIATE USA ITALY…- VALVASSINI DELLA CANCELLIERA DI PRUSSIA  A CAPO DEI LURCHI ( “…PARTITO BRITANNICO DOCET… )

(ATTENTI AI DUE : << GRILLOSCOOP & RENZISPOT >> “REALTA’ DEGLI ITALIANI IGNARI”SINO A QUANDO?)

 

[ E LOR SODALI – E COMPAGNI DI MERENDE… ]

 

Quelli che vedete in foto NON SONO DI CENTRO DESTRA!! Con i vostri voti stanno facendo governare la sinistra. Chi li continuerà a votare abbraccerà la loro scelta di essere degli utili idioti in mano del Partito Democratico. NON MERITANO FIDUCIA e per questo andrebbero cancellati dal panorama politico italiano!!! Alfio Bosco RivaDestra  Iscrivetevi alla nostra pagina cliccando sopra https://www.facebook.com/RivaDestraPaginaUfficiale e dopo su "mi piacefoto di Occidente 2.1.
buona Pasquetta ..... di resurrezione delle coscienze !!
L’EDITORIALE – 23 marzo 2014 – replica

Evidenza - Manifestazione tricolore vuono

Arturo Stenio Vuono ( Ai lettori – visitatori e collaboratori )

——————————————————————————-

[ “AZ.” ] POST DEL PRESIDENTE *

URNE DI MAGGIO – DOMESTICI DI MAGGIORANZA – << ENTRISMO >> DA “ANTAGONISTI” – E ALTERNATIVA POSSIBILE – Alle << europee >> prove generali della nuova “gioiosa macchina da guerra”  – attrezzata come da giano bifronte.

——————————————————————————–
Abbiamo già detto di questa Europa – che non è la nostra – come, di recente, giustamente, Marine Le Pen, l’Ue, una macchina che fabbrica povertà. Alle urne di maggio, senza farsi facili illusioni, così stando le cose, si rinnova Strasburgo che dovrà, volendo o nolendo, gestire solo il futuro massacro del fiscal compact [ 1 ] . Non è sufficiente, però, manovrare – come per il passato – sulle elezioni europee; non basta solo la predisposizione, congenita a un dna servile e prono, della genia (post?)comunista , unitamente al filone – ventriloquo, cosiddetto del cattolicesimo democratico ( in casa Pd ), per garantire il tutto è in ordine e niente a posto. Non è sufficiente solo l’attuale personale degli addetti del protettorato Italia. Nossignori, serve allo scopo anche una opposizone funzionale che gridi – e remi contro ( si fa per dire ) – ma, poi, sempre inchiodata ai molti se o ma. E’ già partito all’uopo, il lavorio per tirare una doppia volata. Renzi da una parte ( 2 ) e Grillo dalla’altra ( 3 ). Entrambi si prestano alla bisogna : il primo per investitura da parte di coloro che, in illo tempore, servirono il sovietismo e, oggi, ovviamente, riciclatisi in ueisti – merikanisti – mondialisti; il secondo, ancora meglio, quale prezioso agente, superprotetto e supercoperto,  di coloro che, evidentemente, temono il populismo trasversale – autonomo e indipendente – e ne progettano la metabolizzazione onde renderlo inocuo. Entrambi, telecomandati, parlano alla cosiddetta pancia del paese, in perfetta sintonia con le aspettative della gente, perciò, soltanto per prosciugare le tematiche del già e arcinoto vituperato berlusconismo; ma per puntare, nei fatti, a operare – esattamente – per l’incontrario. Questa, in sintesi, la realtà della quale gli italiani sembrano – ancora – non accorgersi; e sino a quando ? I domestici della maggioranza, com’è noto, sono stati sempre una costante della nostra repubblica ovvero della colonia Italia che, adesso, come questa Europa, non ci piaceva; erano, per molti anni, una sorta di necessità della guerra fredda cui si contrapponeva, parimenti, l’opposta pletora di maggiordomi. Una diversa, differente, posizione non era permessa, non fu mai concessa, pena essere rinchiusi nel ghetto e, ove non bastasse, tacciata di tutte le infamità. Siamo stati sommersi, per decenni, da una girandola di angherie e di trasformismi, e dalle grandi manovre che, sin dall’inizio, azzeravano le diverse alternative; si potè contare, a  partire dal qualunquismo, sullo strumento dell’ entrismo che’era, infatti, più che idoneo ad infiltrare e ad inquinare. Siamo stati sommersi, sino a quando lo stesso baricentro politico vacillò ( 4 ), in bagni di sangue che straziavano la patria della quale, noi, dell’allora Msi, ci sentivamo una costola privilegiata e, nonostante tutto, una riserva per il futuro. L’entrismo, una piaga, era fatto da manovalanza che, per l’oggi – sempre – manovrabile ma difficilmente reperibile ( 5 ), ebbe il volto di molti colori – abbondantemente mostrati – ma i cui mandanti, e burattinai, ancora restano, sostanzialmente, sconosciuti. Correva l’anno del Signore 1994 e il ventisette di marzo, orsono vent’anni, il corto circuito del potere si incrociò con una nuova alternativa; e dal divino Silvio ( 6 ), angelo e demonio, partorì la vittoria sulla gioiosa macchina da guerra; poi l’altalena, fatta di successi e di sconfitte, che ci hanno portato ai nostri giorni e al teorema che ha da essere, comunque sia, l’uomo dei festini e l’evasore, il corruttore. Siamo al ritorno del putridune che, a forza di cortine fumogene e polveroni, finisce per non ammorbare l’aria che respiriamo ma per brillare, Renzi docet; e siamo al ritorno, seppure in edizione riveduta e corretta, per ora non cruenta, che – tanto per fare un solo esempio – genera l’occupazione della protesta ma la totale sterilità del dissenso, Grillo docet. Maggioranza e opposizione del sistema di potere, appassionatamente unite nell’espulsione dell’intruso, sono immerse nello sterco che, quotidianamente, schizza – direttamente o indirettamente – su tutti noi. Tra la commiserazione, la compassione, compiacenze e imposizioni dei satrapi dell’europlire; e le frequentazioni di cancellerie ed ambasciate che guidano la quadriglia. Una ( loro ) democrazia che tutto vede e provvede; e le elezioni, salvo quelle – come le imminenti – utili e concesse, ormai considerate solo una schiocchezza; nel mentre che i governi si succedono per staffetta e, ancora non necessario per l’Italia, con licenziamenti ed esoneri per il tramite di rivolgimenti di piazza. Resta il paradosso di scuole, e università, che consentono ai giovani, per farne l’anello debole della possibile rivincita sul regime, la doppia canna – rispettivamente – per doparsi e il perpetuarsi delle tiritere sulle dittature ( come – da noi – il fascismo ) e le riconquistate libertà ( 7 ). Capite ? Un quadro, dunque, impietoso e una brutale realtà che rende problematico l’affrontare il tentativo di rivincita d’una nuova macchina da guerra, attrezzata – per l’oggi – come giano bifronte; ma che non ci toglie la speranza di un ritorno alle urne di quella buona metà degli italiani che, in verità, di nausea e disgusto ne hanno ben donde. Questa l’alternativa possibile per spazzarli via. 
—————————————————————————-
[ NOTE ALL’EDITORIALE – Per approfondire le documentazioni, a supporto del commento, è sufficiente andare al sito : https://azimutassociazione.wordpress.com – clicca il link e  troverai i servizi – tra gli argomenti trattati in merito – trovi il servizio, con l’editoriale, e per leggere tutto – parimenti – clicca il testo ]

————————————————————————–

[ “AZ.” ]       ( IL MANIFESTO – TUTTO UN PROGRAMMA…PER DIRE BASTA ! )

————————————————————————–

[ “AZ.” ]   (  SEMPRE – SU SILVIO BERLUSCONI : L’UNICO E VERO ANTAGONISTA )

————————————————————————————

Al vaglio dei giudici le frasi in Tv di Berlusconi. Vietti: scherza col fuoco

( . . . ) – Al vaglio dei giudici le frasi in Tv di Berlusconi. Vietti: scherza col fuoco ( . . . )

Berlusconi: "Napolitano aveva il dovere di darmi la grazia"

Berlusconi: “Napolitano doveva darmi la grazia motu proprio. Renzi? L’avrei preso volentieri in FI”

Leggi altri articoli simili su istella

Berlusconi si sente trascurato dal Capo dello Stato. “Avevo chiesto a Napolitano la grazia, senza presentare alcun atto formale richiesta, avevo detto che aveva il dovere morale di assegnarmi la grazia motu proprio”, afferma a Piazzapulita. Gli aveva detto: “Lei ha il dovere morale di assegnarmi la grazia motu proprio’ perché la Costituzione la assegna come un potere monarchico”. Quanto alla sentenza “è non solo mostruosa, ma anche ridicola. Vedrà come tutto questo” fra non molto “verrà a galla”.

“Non mi sento umiliato dai servizi sociali” – Del resto però non si sente umiliato dall’affidamento ai servizi sociali. “Io sono assolutamente sereno perché sono sicuro che questa cosa sarà un boomerang per chi l’ha voluta”, dice il Cavaliere, ormai ex. “Non penso sia una cosa umiliante, piuttosto – sottolinea – è una cosa ridicola, non per me ma per il Paese, pensare che la persona che per più tempo è stata a capo del governo e che ha presieduto per tre volte il G8, si possa rieducare consegnandola a dei servizi sociali e a dei colloqui”.

“Renzi? L’avrei preso nel mio partito” – Ma l’ex premier parla anche di Renzi e lo fa ancora una volta tessendone le lodi. “Non lo considero davvero un avversario fino in fondo – dice – lo avrei preso nel mio partito, potrebbe stare in Forza Italia” perché, tra l’altro, “non è comunista”. Davanti a Formigli tuttavia precisa che “ora Renzi è nel Pd e, quindi, è influenzato da Pd”.

“Il riformatore sono io” – “Il riformatore sono io, non il Pd”, aggiunge poi Berlusconi.  Che qualcuno “tenti di far passare Renzi come per chi vuole l’ammodernamento dello stato non possiamo accettarlo, l’ammodernamento lo abbiamo voluti noi”.

“Dell’Utri è persona perbenissimo” – Marcello Dell’Utri invece “è una persona perbenissimo, torturato da 20 anni da accusa assurda, che deriva da reato che non è previsto da codici ma è un’invenzione, concorso esterno in associazione mafiosa”, precisa il Cavaliere. “Non sapevo” fosse in Libano, “è stata una sorpresa”, aggiunge.

—————————————————————————–

[ “AZ.” ]       ( AL TEMPO D’OGNI CAMPO HOBBIT – E NON SOLO )

———————————————————————————————————————————————————–

 RICORDO DI SERGIO RAMELLI 

——————————————————————————

LA MUSICA ALTERNATIVA PER  SERGIO E TUTTI I GOVANI MARTIRI DI DESTRA

 

DEDICATO A SERGIO RAMELLI – YouTube 

► 3:51

 

http://www.youtube.com/watch?v=yJwFceUxEVo28 apr 2011 – 4 min – Caricato da Bruno Carmignani
Questa canzone è stata scritta negli anni ’70 dal gruppo di musica … You need Adobe …

 

Dedicato a Sergio Ramelli, martire di destra, vittima del comunismo  

► 3:40

 

http://www.youtube.com/watch?v=wN4k8SHdqVc22 giu 2012 – 4 min – Caricato da Nordpatrioter
Musica della COMPAGNIA DELL’ANELLO: “Il domani appartiene a noi”. Sergio …

SERGIO RAMELLI – YouTube 

► 9:20

 

http://www.youtube.com/watch?v=_TJETscBE881 lug 2008 – 9 min – Caricato da Roberto Adinolfi
In omaggio a Sergio Ramelli,giovane militante della destra ucciso dall’odio comunista …

 

NEREO ZEPER – NOTIZIE – TESTO CANZONE

1950

Nereo Zeper, figlio di Alfredo Zeper   (autista della Nettezza Urbana) e Alice Deponte  (casalinga), nasce a Trieste il 30 dicembre. Fino all’età di trentacinque anni abiterà la centralissima via San Maurizio nel rione di Barriera. ( . . . ) – 1980-1983 – Fa parte, come aggiunto, del Coro del Conservatorio G. Tartini  di Trieste, diretto dal maestro Gianpaolo Coral. Partecipa a una decina di concerti.- 1980 Assieme a Zolia e a un altro amico, partecipa alsecondo Campo Hobbit  (Castel Camponeschi – AQ), …(…). In questa circostanza si esibisce per la prima volta su un palcoscenico cantando le sue canzoni.- 1980-1982 Tiene numerosi mini-concerti , invitato da varie organizzazioni ( . . . ) , compreso il Movimento Sociale Italiano. Lo introduce con presentazioni di carattere ideologico Tullio Zolia. Limitatamente a questi ambienti le sue canzoni otterranno un discreto successo.- 1980-1984 Assieme a Zolia e a un gruppo (  . . . ) , porta avanti un progetto di comunità che, parecchio velleitario e inconsistente, non realizzerà altro che una serie di campeggi estivi  in montagna e qualche incontro conviviale. –1981 Pubblica un’audiocassetta con alcune sue canzoni, dal titolo All’insegna del Cerchio Antico.  ( . . . )

Per chi visse d’amore – Home  

Le nostre son storie di un attimo solo e durano tutta un’eternità: chi ancor le
rammenta, chi ancor le racconta si veli del nostro pudore che abbiamo lasciato …

Le nostre son storie di un attimo solo / che durano tutta un’eternità / e chi ancor le rammenta, / chi ancor le racconta / si veli del nostro pudore / che abbiamo lasciato laggiù / e si passi una mano sul viso / poiché per gli eroi / qui non c’è paradiso, / poiché per gli eroi / qui non c’è paradiso. / Avvezzi non fummo / alla morte e alla guerra, / avvezzi non fummo / a fuggire la vita, / eppure ci colse / la fredda sorella, / sembrò ci guardasse negli occhi / e per noi si facesse più mesta / mettendo una mano sul cuore, / poiché per gli eroi / qui non c’è che dolore, / poiché per gli eroi / qui non c’è che dolore. / Morire nell’ombra di vicoli scuri / fu quel che ci spiacque, alla fine di tutto: / il sogno che in fondo /avevamo nutrito / era quello di giungere / all’ultima ora in battaglia, / era il sogno più bello / di una vita intera / di giungervi un giorno / di primavera, / di giungervi un giorno / di primavera. / La vampa di fuoco / ci colse nel petto, / che importa la mano / e chi fu l’assassino! / Noi senza tristezza / lasciammo la terra, / alla vita volgemmo le spalle / e senza rimpianto partimmo / che tutto sommato morire di maggio / non ci vuole poi / proprio tanto coraggio,/ non ci vuole poi / proprio tanto coraggio. / Le lacrime, i pianti, / i lamenti, i sospiri, / le belle parole / lasciamole agli altri, / un gesto ci basta,
ci basta un ricordo, / ci basta che un giorno si insegni / a chi prenderà il nostro posto / che alta sta sopra gli affanni / la morte che, bella, / ti giunge a vent’anni, / la morte che, bella, / ti giunge a vent’anni. / 
Fratelli l’amore / vi faccia più saldi / e l’odio vi stringa / più forte al nemico! / Il tempo che passa / cancella le tracce / di tutti gli eventi, / di tutte le storie,  / di tutti i rancori! / Chi l’odio non porta nel cuore / può dire che mai / è vissuto d’amore, / può dire che mai / è vissuto d’amore.

 

ZPM – Sergio Ramelli – YouTube

► 3:55
http://www.youtube.com/watch?v=8Zjpwl1oJPk28 apr 2009 – 4 min – Caricato da PassoCasuale
You need Adobe Flash Player to watch this video. … ZPM – Sergio Ramelli … 5:17 ZPM – La …

 

ZPM-Sergio Ramelli – YouTube

► 3:50
http://www.youtube.com/watch?v=FMOvvmJcnFg29 apr 2011 – 4 min – Caricato da Nuovo Fronte
You need Adobe Flash Player to watch this video. … ZPM-Sergio Ramelli … 5:17 ZPM – La …
Primavera a Marzo era entrata, era entrata a Milano, / ne avvertivi il tepore e tra il fumo e il cielo lontano / ne avvertivi la gioia nella ragazza che tu tenevi per mano. / Finalmente l’ultima campana, è finita la scuola / anche per oggi potrai tornare a casa tua per riposare / ma sotto casa, davanti al portone, ti attendeva la morte, / non me immaginavi l’assurda ragione. Un colpo, due colpi e altri colpi sul capo, / finché non furon certi di averti finito
i loro volti eran coperti dal rosso / come il tuo volto dal sangue che avevi già addosso. / La morte di un tempo / aveva la falce, / la morte di oggi ha pure il martello, / lasciò la sua firma su quel muro di calce, / proprio difronte al tuo cancello. / Per quarantasette giorni una madre / ha sperato e pregato accanto al letto del figlio morente
fino a quando una notte il suo cuore ha ceduto / ma alla gente non importò niente. / Era morto un “Fascista”, non valeva la pena / guastarsi l’appetito o rovinarsi una cena. / Era morto un “Fascista”, andava in fretta sepolto / avevan paura anche di un morto. / Andava sepolto e dimenticato perché così vuole / la giustizia del proletariato. / Era morto un “Fascista”, andava in fretta sepolto / avevan paura anche di un morto.

——————————————————————————-

 

 
[ “AZ.” ]     ( << PERISCOPIO >> )
( VISITA – ANCHE – IL SITO )

  1. Vincenzo Mannello – Opinioni Personali

    www.vincenzomannello.it/

     Vincenzo Mannello: opinioni personali e domande ai media Senza Risposta. … ”
    Questo sito non rappresenta una testata giornalistica né è da considerarsi un …
—————————————————————————
—– Original Message —– From: Vincenzo Mannello – To:  ( . . . ) –
 Sent: Monday, April 28, 2014 8:52 PM
Subject: i frutti allucinogeni dell’Alberoni
 
Da non credere se non verificato….(ho letto con i miei occhi,fidatevi).
Francesco Alberoni,notissimo psicologo,giornalista,scrittore ed opinionista individua su il Giornale : “i fanatici del tanto peggio,tanto meglio”.
Alberoni parte dalla premessa che ci sono,nella storia dell’umanità,”movimenti collettivi che si propongono una radicale trasformazione della società,la distruzione  della intera classe dominante e promettono di instaurare un regno in cui non ci sono più leggi ed oppressione,ma tutti si autogovernano nell’uguaglianza,in un mondo di benessere e di felicità….”.
“Tutti i tentativi di tradurre questo sogno in realtà sono finiti con dittature sanguinarie e spaventosi massacri”.
Da qui il dotto elenco degli “empi”: millenaristi medievali,rivoluzionari giacobini,comunisti staliniani,nazisti e fascisti…,per il passato.
Tutti uniti dal motto “tanto peggio,tanto meglio” nel cui assunto hanno “combattuto chi voleva migliorare la società,far star meglio la gente”.
Servendosi,per lo scopo,di ghigliottina,gulag e lager.
Attenzione però,aggiunge Alberoni,”anche in Italia c’è (oggi) un movimento rivoluzionario con questi stessi principi,che vuole eliminare la democrazia rappresentativa,i nemici politici ed incita all’odio. Anche esso ha al vertice un dittatore fanatico,di cui nessuno si accorge,neppure in Europa”.
Caspita,questo è uno scienziato della psiche collettiva ? Nonché un analista storico ? Da tali maestri c’è sempre da imparare,anche perché i rudimentali insegnamenti che possiamo (io e la media dei lettori interessati) avere ricevuto non portano a cotanta conoscenza.
I millenaristi medievali sognavano l’avvento della Nuova Gerusalemme  ? In verità,per quel poco che so,non credo la “vecchia” Gerusalemme fosse quell’oasi di pace,speranza e carità vagheggiata dalle Scritture più o meno Sacre. E neppure che i nemici degli apocalittici (la Chiesa in primis) volessero “migliorare la società”.
Saranno stati visionari i millenaristi ma sul rogo ci finivano loro,spesso e malvolentieri,no ?
E la ghigliottina dei rivoluzionari alla Robespierre ?
Intanto il professore dimentica che non la inventarono loro e che successivamente la presero a modello in mezzo mondo.
Poi che rimase in vigore fino al 1977,nella Francia “democratica ed antifascista nata dalla resistenza al nazismo”.
Ovviamente “per migliorare la società e far star bene la gente”.
Riallacciandosi a gulag e lager,realizzati dai cattivoni stalinisti (curiosità,quelli di Mao e di Pol Pot erano più umani ?) e nazisti ,risulta chiaro  come fossero mirati alla “distruzione fisica degli avversari”,lo sentenzia sempre il professore.
Per il quale sicuramente le riserve indiane,  con relativo genocidio di pellirossa,sono state una tappa del bene comune americano.
Come Hiroshima la risposta benefattrice Usa al male assoluto.
Andando via di seguito sarei pure curioso di sapere cosa pensa Alberoni delle prigioni israeliane,del muro in Palestina e del lager di Gaza. Probabilmente servono per far star meglio gli ebrei nella “loro” Gerusalemme.
Ma è la conclusione dell’articolo in questione che dovrebbe scuotere la psiche di noi tutti,europei compresi.
Chi è il nuovo Führer che si aggira in Italia  ? Quali armate,eredi di millenaristi,giacobini,comunisti,fascisti e nazisti invasati lo seguono ?
Non fa nomi,il professore.
Neppure rivela indizi sufficienti a tracciare il profilo di chi sta “combattendo coloro che vogliono migliorare la società e far star bene la gente”.
Tranne che…siano proprio i frutti dell’Alberoni ad essere allucinogeni !

Grazie per l’attenzione.
Vincenzo Mannello

————————————————————————-

[ “AZ.” ]      ( DAL MONDO DEL VOLONTARIATO )
————————————————————————-

—-Messaggio originale—-
Da: notification+acf6oy26@facebookmail.com
Data: 28/04/2014 23.32
A: “MODAVI – Federazione provinciale di Napoli”<54175958376@groups.facebook.com>
Ogg: [MODAVI – Federazione provinciale di Napoli] STATI GENERALI DEL SUD

Alessandro Sansoni
Alessandro Sansoni

28 aprile 23.32.06
STATI GENERALI DEL SUD
1. Contrasto alla violenza contro le donne, conseguimento delle Pari Opportunità (“Quale modello per le Pari Opportunità?”)
2. Mobilità giovanile europea e fondi strutturali. Le opportunità messe a disposizione dall’UE a favore di giovani e donne per la crescita personale e occupazionale. Costruzione in rete di progettualità efficaci ed innovative (Erasmus Plus, Youth Guarantee, ecc)
3. Salute e sviluppo. Il ritorno all’agricoltura dei giovani, la nuova frontiera dell’agricoltura sociale, salute e stili di vita sani, dieta mediterranea.
4. Immigrazione. Analisi e strategie per una corretta gestione del fenomeno migratorio in una logica “comunitaria” (modelli a confronto: inglese, francese, americano).
Sono questi i temi che il MODAVI ONLUS analizzerà, predisponendo contestualmente un percorso formativo adottando dinamiche di educazione non formale, insieme ai giovani che parteciperanno alle attività del progetto STATI GENERALI DEL SUD. Il primo appuntamento è previsto mercoledì 30 aprile alle 11 a via Speranzella 81 c/o la Scuola della Pace.
AFFRETTATEVI AD ISCRIVERVI CONTATTANDOCI VIA MAIL ALL’INDIRIZZO info@modavinapoli.it O TELEFONANDO ALLO 0814107138


Visualizza post su Facebook · Modifica impostazioni e-mail · Rispondi a questa e-mail per aggiungere un commento.

[ IL SERVIZIO CONTINUA ]

————————————————————————-
[ “AZ.” ]     ( SPAZIO LIBERO, APERTO A TUTTI, SENZA FILTRI O CENSURE )
————————————————————————-
—– Original Message —– From: Publio Fiori – Newsletter
Sent: Tuesday, April 29, 2014 5:54 PM
Subject: IL PATRIOTTISMO SOCIALE


Verso il Consiglio Nazionale di “Rinascita Popolare”

 IL PATRIOTTISMO SOCIALE

 di Publio Fiori

FINE PREMATURA DELL’INTESA BERLUSCONI-RENZI: SI APRE UNA NUOVA FASE

Ora che, come era prevedibile, l’ambigua intesa per le riforme, costruita da Berlusconi e Renzi sulla sabbia degli equivoci, mostra le sue inevitabili contraddizioni e di fatto entra in crisi, si ripropone l’esigenza di una maggioranza capace di riforme istituzionali e di programmi politici realmente idonei a far uscire il Paese da questo declino. Senza quegli opportunismi e trasformismi che spingono a scelte in funzione degli interessi dei partiti anziché dei problemi dell’Italia. Il primo atto deve essere il riconoscimento che le riforme debbano recuperare la “Sovranità popolare” restituendo ai cittadini il diritto di partecipare realmente alla vita politica (elezioni e partiti); subito dopo che i programmi debbano poggiare su un preciso tessuto etico al fine di soddisfare i grandi interessi popolari e i diritti irrinunciabili indicati nella Costituzione. Insomma, questo nuovo “fallimento” ci deve far capire una volta per tutte che la politica non può ridursi a colpi di scena, promesse demagogiche, comunicazioni drogate, enunciazioni retoriche e iniziative prevalentemente d’immagine. Ci vuole qualcosa di più che fondi la propria ragione d’essere sui valori, sulla cultura, sui principi, sulla storia e la tradizione di un popolo.

DAL DECLINO ALLA RINASCITA

Anche per quanto riguarda i primi provvedimenti del Governo l’impressione è che siano più frutto di una preoccupazione di tipo elettorale che l’avvio di una complessa strategia politica. Poiché però non ho mai condiviso i comportamenti di coloro che si limitano a criticare senza fare proposte alternative, tenterò di esporre, in vista del prossimo Consiglio Nazionale, il progetto di “Rinascita Popolare” per l’avvio di un rilancio del Paese e il superamento del clima di declino sempre più diffuso. Cominciamo da questa seconda problematica. Sono convinto che causa e conseguenza dell’attuale situazione è l’aver smarrito il senso della Comunità e della consapevolezza dell’appartenenza ad una storia e ad un destino comune; l’aver perduto i riferimenti ideali, spirituali e religiosi che trasformano una moltitudine di gente insediata in un territorio in un popolo legato da valori fondanti. L’analisi delle cause di tutto ciò sono molte e complesse con responsabilità diffuse che coinvolgono istituzioni civili, politiche, culturali e religiose.

LA DISSOLUZIONE DEI VALORI COMUNITARI: DISUGUAGLIANZE E FINAZ-CAPITALISMO

Limitiamoci, per ora, a prendere atto di questa dissoluzione dei valori comunitari e dell’emersione prepotente di individualismi, egoismi (personali, istituzionali e geografici) e narcisismi che hanno consentito ai poteri finanziari di conquistare in modo determinante la sostanziale guida del Paese, occupando quella centralità che era sempre stata appannaggio della politica democraticamente ispirata. C’è però una vicenda, a mio avviso la più importante, di cui dobbiamo prioritariamente parlare perché rappresenta nello stesso tempo sia la causa della crisi morale-sociale-politica che la conseguenza di questa. Mi riferisco alle disuguaglianze che sono esplose, nei paesi e tra i paesi, quando il neo-capitalismo si è trasformato in finaz-capitalismo; quando, cioè, il capitale, dopo aver tentato di vedere aumentare i propri profitti deprimendo salari e stipendi, ha ottenuto l’effetto opposto con una caduta dei consumi e con la crisi di tutto l’impianto industriale. Ha deciso, così, di abbandonare il finanziamento delle industrie manifatturiere e di passare agli investimenti finanziari-speculativi che non hanno bisogno di produzione, di fabbriche e di lavoratori.

LA POLITICA DEGLI OPPORTUNISMI CONTRAPPOSTI

Ne è scaturita una nuova deriva di disoccupati, inoccupati, sottoccupati e una ulteriore crisi dei livelli di vita, dei consumi e del PIL. Di qui la crescita delle disuguaglianze con lo scontro tra ceti, ambienti, gruppi; tra chi vive bene e molto bene e chi fatica (o non ce la fa) ad arrivare alla fine del mese. I partiti (vecchi e nuovi), i capi politici (vecchi e nuovi) si sono infilati in questo scontro tentando di diventare punto di riferimento delle proteste compromettendo ancora di più il senso comunitario della società, nel tentativo di gestire una parte del malcontento soffiando sulle diversità e le ingiustizie, mettendo sotto accusa di volta in volta (anche a ragione) categorie di cittadini che hanno redditi eccessivi. Senza però mai prospettare una soluzione che non sia solo lo scontro tra ricchi e poveri, ma che colga anche le ragioni delle disuguaglianze e indichi una linea etica e politica per il loro superamento.

GIUSTIZIA FISCALE E GIUSTIZIA SOCIALE

Se la principale responsabilità è del finaz-capitalismo, va detto; e, soprattutto, vanno prese misure serie per fargli almeno pagare le tasse. Finora non si è visto nulla. Innanzitutto ci vorrebbe una Tobin-Tax seria, ovvero con aliquote serie: non dico il 20-30% che pagano i lavoratori e i pensionati, ma certamente non l’attuale 0,5%. L’art. 53 della Costituzione pone due principi: che tutti debbano contribuire alle spese pubbliche in proporzione al proprio reddito e che le imposte debbano essere fissate in base al criterio progressivo, cioè chi ha di più deve pagare di più, ma non in senso proporzionale bensì con aliquote via via crescenti. Con l’attuale Tobin-Tax si è seguito, invece, il sistema inverso: le grandi rendite finanziarie pagano imposte con aliquote molto minori rispetto ai cittadini; per meglio dire progressivamente minori. In secondo luogo sarebbe necessaria una rimodulazione progressiva delle imposte ponendo aliquote molto più alte per i redditi maggiori con una aliquota anche del 60% a carico dei redditi sopra il milione di euro. Una specie di “tassa sulle grandi ricchezze”.

EVASIONE FISCALE E IMPOSTA PATRIMONIALE

Sarebbe una soluzione equa perché anziché andare a caccia di titolari di stipendi e pensioni troppo alti con tagli, riduzioni e contributi di solidarietà (dichiarati più volte incostituzionali dalla Corte) si creerebbe un sistema dove tutti i contribuenti pagherebbero in relazione al proprio reddito con quelle aliquote fortemente progressive che costringerebbero i “ricchi” a pagare le tasse in modo più che proporzionale, ripristinando quindi quella giustizia fiscale e sociale che tutti chiedono. Senza cavalcare e incentivare contestazioni e rotture nei confronti delle categorie di cittadini più fortunati, ottenendo di fatto lo stesso risultato perequativo. E senza contare che questa scelta rappresenterebbe la strada espressamente indicata dagli art. 3 e 53 della Costituzione. Come la recente sentenza della Corte Costituzionale (n. 223/2013) ha ribadito. A tutto ciò andrebbe infine aggiunta una vera “tassa patrimoniale” che, escludendo i piccoli patrimoni frutto dei risparmi di una vita (prima casa, BOT, depositi bancari sotto un certo livello, ecc.), vada a colpire i grandi patrimoni (ad es. sopra i cinque milioni di euro) che spesso costituiscono la patrimonializzazione di evidenti evasioni fiscali. Infine una vera e propria lotta all’evasione, ma cominciando dall’alto; per esempio con coloro che hanno esportato illegalmente valuta e con coloro che tengono un tenore di vita ben al di sopra dei redditi dichiarati. Perché Renzi con questo Suo encomiabile attivismo non conclude rapidamente una intesa col Governo svizzero per farci consegnare la lista dei depositi effettuati da cittadini italiani? Dando naturalmente a questi la possibilità di una preventiva sanatoria per il rientro volontario di detti capitali con il pagamento di una imposta ragionevole.

 UN ALTRO POSSIBILE RISPARMIO: L’ABOLIZIONE DELLE “AUTORITA'”

 Le “Autorità” introdotte da alcuni anni nel nostro ordinamento sono del tutto ingiustificate e hanno un costo elevato. La Costituzione all’art. 97 stabilisce che “I pubblici uffici sono organizzati in modo che siano assicurati il buon andamento e l’imparzialità dell’amministrazione”. Ciò vuol dire che, a differenza di quanto avviene in altri Paesi, come ad es. negli USA, l’Amministrazione dello stato è sottratta all’influenza politica dei partiti vincenti ed è regolata solo da leggi che ne garantiscono la totale neutralità, eguaglianza e imparzialità. Pertanto, si tratta di far rispettare questo principio ricorrendo ove necessario alla Magistratura, senza costituire altri soggetti politici (le Autorità) per garantire ciò che la Costituzione già garantisce. Si tratta, in sostanza, di una ulteriore e ingiustificata garanzia, un doppione del dettato dell’art. 97 della Costituzione che pone già l’esigenza dell’imparzialità, della legalità, dell’efficienza della Pubblica Amministrazione. Con costi molto alti e stipendi e indennità certamente al di sopra del trattamento economico del Presidente della Repubblica, del Primo Presidente della Cassazione e dei Ministri. Un vero spreco in favore, molto spesso, di ex politici ed ex manager pubbici.

————————————————————————-
[ “AZ.” ]     ( SPAZIO LIBERO, APERTO A TUTTI, SENZA FILTRI O CENSURE
————————————————————————-
—– Original Message —– From: NINO LUCIANI
Sent: Sunday, April 27, 2014 11:20 AM
Subject: 1) La pagina della domenica (27 aprile) di Alessi; 2) G. Cantelli, Fare piena luce sul sistema dei partiti (UDC, NCD); 3) N. Luciani, Berlusconi a PORTA A PORTA sfiducia Renzi. Come uscire dal nuovo impasse.
 
___________________

Centro studi per l’ IMPEGNO Politico dei CATTOLICI
ORGANO DELLA DEMOCRAZIA CRISTIANA NUOVA
http://www.impegnopoliticocattolici.bo.it/
Sede in Bologna, via Titta Ruffo 7 – 347 9470152
Prof. NINO LUCIANI, 
Direttore responsabile

– Al popolo DC
– A TUTTI GLI INTERESSATI

Per trovare gli scritti, cliccare su :  http://www.impegnopoliticocattolici.bo.it/
1.- La pagina della domenica (27 aprile 2014) del Segretario Naz.le On. Dr. A. Alessi, Ricordi democristiani
2.- G. Cantelli,  
Fare piena luce sul sistema dei partiti in Italia (vedi UDC e NCD)
3. – Nino Luciani, 
Berlusconi a PORTA A PORTA sfiducia Renzi.  Adesso l’ultima spiaggia  è quella stessa, post-elettorale (ritorno Governo di larghe intese, per le riforme costituzionali,  con  altro cavallo. Bersani Premier ?)
4.- Ricostruzione della GRANDE FAMIGLIA DC . Ripubblichiamo ( 27 aprile
) il progetto di Confederazione Paritetica dei DC, approvato da CDU, DCN, FNMR DC il 2 aprile 2014.
________________________
(27 aprile 2014) Ristampa del COMUNICATO del 2 aprlle 2014
 della avvenuta approvazione del progetto della CONFEDERAZIONE PARITETICA per i DC:

Oggi 2 aprile 2014, si sono riuniti, a Roma, i rappresentanti del CDU – Cristiani Democratici Uniti e della DCN – Democrazia Cristiana Nuova ,  per valutare la possibilita’ di realizzare una Confederazione Paritetica dei rispettivi Partiti in vista della ricostruzione della GRANDE FAMIGLIA DEI DEMOCRISTIANI, con unico simbolo che sara’ definito di comune intesa.
Le parti valutano positivamente la soluzione prospettata, e aperta a tutti i partiti e movimenti di derivazione democristiana e liberale, disponibili a ritrovarsi per la difesa degli ideali sturziani e degasperiani.
Gli iscritti ai partiti aderenti alla Confederazione potranno essere titolari della doppia tessera: quella del partito da cui si proviene e quella della Confederazione.
La Confederazione ritiene indifferibile una riforma costituzionale e elettorale che garantisca all’Italia:
a) governi di durata pari alla legislatura, in sistema di alternanza dei partiti al governo, nell’ambito della repubblica parlamentare;
b) i diritti del parlamento e il suo buon funzionamento.
La Confederazione si impegna fin d’ora a mobilitare nel Paese ogni energia per contrastare il disegno costituzionale e la riforma elettorale dell’attuale intesa PD-FI, che cancella pluralismo, rappresentativita’ degli eletti e partecipazione, che minacciano la democrazia.
Per le riforme costituzionali e’ necessario procedere con il sistema proporzionale puro in modo da garantire tutte le espressioni politiche del Paese. La polarizzazione dei partiti eletti puo’ essere ottenuta in sede parlamentare attraverso incisive modifiche del Regolamento, elevando significativamente la soglia minima per la costituzione dei gruppi parlamentari.
F.ti: ALBERTO ALESSI, UGO GRIPPO, MARIO TASSONE

——————————————————————————————————————————————————-
[ “AZ.” ]      ( INIZIATIVE MERITORIE – RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO )
——————————————————————————————————————————————————  
—– Original Message —– From: ettoredonadio@virgilio.it
To: associazioneazimut@tiscali.it ; (  . . . )
Sent: Saturday, April 26, 2014 8:26 PM
Subject: comunicato URGENTE doceda

COMUNICATO   URGENTE  DOCEDA

 

CARI COLLEGHI, LA DOCEDA HA OTTENUTO UN INCONTRO PRESSO L’I.C. CASANOVA DI NAPOLI ( PIAZZA CAVOUR) PER LUNEDI’ 28 APRILE ALLE ORE 10.30 CON LA PRESIDE MUSELLA CHE A SUA VOLTA HA CONVOCATO TUTTI IPRESIDI DEI CTP DELLA CAMPANIA PE R  DISCUTERE DELLA CIRCOLARE N.2968/U

DELL’UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE DELLA CAMPANIA  INEREN TE ALL’ISTITUZIONE DEI NUOVI  CPIA.

COME SAPRETE PURTROPPO SI STA PROFILANDO UN’ACCELERAZIONE ABNORME PER L’ATTUAZIONE DEI NUOVI CPIA,SALTANDO NUMEROSI OBBLIGATORI PASSAGGI ISTITUZIONALI IMPORTANTI ,TRA CUI LA MANCATA CONVOCAZIONE DEI TAVOLI TECNICI. PERCIO’, PRIMA DI RISPONDERE AL QUESTIONARIO INVIATO AI CTP E ALLE SCUOLE SERALI DALLA CALISE,  VI CHIEDIAMO DI PARTECIPARE NUMEROSI ALLA SUDDETTA RIUNIONE ANCHE PER MANIFESTARE LA NOSTRA CONTRARIETA’ A UNA RIFORMA CHE VORREBBE IN EFFETTI SOLTANTO PRODURRE DEI TAGLI AL PERSONALE SENZA TENER CONTO DELL’IMPORTANZA SOCIALE CHE HA L’EDUCAZIONE DEGLI ADULTI.

IL PRESIDENTE DELLA  DOCEDA-ASSOCIAZIONE PROFESSIONALE INSEGNANTI CTP E SC. SERALI

  PROF.  ETTORE DONADIO—CELL.366-7330946

—– Original Message —– From: ettoredonadio@virgilio.it
To: ( . . . ) – Sent: Tuesday, April 29, 2014 1:24 PM
Subject: I: VERBALE DELLA RIUNIONE DOCEDA del 28/04/2014 – Doceda | Riunioni Doceda

—————————————————————————-

[ “AZ.” ]      ( LA “POLEMICA”…”BOTTA E RISPOSTA” )

—————————————————————————-

—-Messaggio originale—-
Da: 
update+acf6oy26@facebookmail.com
Data: 27/04/2014 23.04
A: “Arturo Stenio Vuono”<
an.arenella@libero.it>
Ogg: Anche Mario Mormone ha commentato il suo stato.

facebook
Anche Mario Mormone ha commentato il suo stato.
Mario ha scritto: “veramente Arturo mi farebbe piacere conoscere quale sarebbe l’anticonformismo scoperto al quale ti vanti di appartenere tu…”
Rispondi a questa e-mail per commentare questo stato.
[ << “MARIO – L’ANTICONFORMISTA” & “ARTURO IL CONFORMISTA” ]
[ RISPONDE – PUBBLICAMENTE – ARTURO STENIO VUONO : AL GIOVANE ( RISPETTO A ME ) – MA VECCHIO “AMICO DI CORDATA” ( IN ILLO TEMPORE ) – RIVOLGO, A MIA VOLTA, UNA MIA DOMANDA… DELLE CENTO PISTOLE ( CH’E’ MOLTO DI PIU’ D’UNA RISPOSTA AL GRATUITO “QUESITO”… ) : PUO’ FARMI CONOSCERE UNO SOLO CHE MI ABBIA TENUTO A REGISTRO? E UNO SOLO CHE MI ABBIA DATO UN’ORDINE? UNO SOLO
CHE MI ABBIA “PRIVILEGIATO” ? PER IL RESTO – QUANTO AL MIO PERCORSO – RISPONDANO GLI ALTRI !
“…E QUI VULT CAPERE..CAPEAT…” – ( A SCANSO DI TUTTO QUEL “…TI VANTI DI APPARTENERE TU… ]

 

—————————————————————————-

[“AZ.” ]     ( NON SOLO POLITICA – VECCHI AMICI RITROVATI IN RETE  – NOTIZIE COSENZA)

—————————————————————————-

Nino Alò Tonino Linori Roberto Matragrano Mario Palumbo

NINO ALO’ – TONINO LINORI – ROBERTO MATRAGRANO – MARIO PALUMBO

Paolo Gonzales Gennaro Pirozzi I love everybody
PAOLO GONZALES – GENNARO PIROZZI – UGO MARTIRE
[ risiedono – ancora a Cosenza – solo Matragrano / Palumbo / Pirozzi )
Nino Alò ha condiviso la foto di Instagramers Cosenza.

La condivido perchè dietro alle case demolite c’era l’Archivio Notarile di Stato dove ho lavorato negli anni 1960,1961 e parte del 1962,poi l’8 giugno sono partito per servire la Patria a Cormons (GO) 1261 km di strada ferrata da Cosenza.Nelle case abbattute c’era il tabacchino dei f.lli Greco,si vede l’insegna’,successivamente trasferitosi a sinistra nel palazzo Quirinale,all’angolo invece c’era il negozio di alimentari di Confessore.

Cosenza back to the Past:   1959 - Piazza Fera ancora da definirsi, qui ancora di forma "triangolare" con via Caloprese e Corso Mazzini collegate direttamente, successivamente le case a destra (in basso, si vedono i tetti) furono demolite delineando la nuova piazza e il neo Corso d'Italia (ph Silvio Cavalcanti)

Cosenza back to the Past:

1959 – Piazza Fera ancora da definirsi, qui ancora di forma “triangolare” con via Caloprese e Corso Mazzini collegate direttamente, s…uccessivamente le case a destra (in basso, si vedono i tetti) furono demolite delineando la nuova piazza e il neo Corso d’Italia (ph Silvio Cavalcanti)

Nino Alò ha condiviso la foto di Catia Maletta.
La mia famiglia materna.... Marino detti i FUMIERI di Piazza Riforma

La mia famiglia materna…. Marino detti i FUMIERI di Piazza Riforma

—————————————————————————-

[ “AZ.” ]      ( CORRISPONDENZE )

—————————————————————————-

—– Original Message —– From: Forum delle Associazioni Familiari
Sent: Tuesday, April 29, 2014 1:29 PM
Subject: FORUM FAMIGLIE – rassegna stampa del 29aprile2014
 
   Rassegna stampa del 29 Aprile 2014

PRIMA PAGINA – Il Forum incontra il ministro Poletti

Una delegazione del Forum ha incontrato ieri, in clima di cordialità e dialogo, il ministro del lavoro Giuliano Poletti accompagnato dal sottosegretario Luigi Bobba. Al ministro è stato manifestato il disagio delle famiglie con figli in tutte le loro declinazioni che a tutt’oggi, da sessantanni a questa parte, vengono penalizzate da politiche miopi. È stata illustrata al ministro la necessità di ripartire dal “Piano nazionale per la famiglia”, approvato dai governi precedenti che, seppur inopinatamente orfano della parte fiscale, rappresenta un qualificante punto di partenza per sviluppare appropriate politiche familiari.
La delegazione del Forum ha anche invitato il ministro alle celebrazioni previste per il 15 maggio, Giornata internazionale della famiglia.

Aprile 2014 – SiallaVita
SI PARLA DI NOI :: Un Manifesto per la vita e la famiglia 157 KB

Aprile 2014 – SiallaVita
SI PARLA DI NOI :: Vote for family (Pubblicit�) 107 KB

29 Aprile 2014 – CorrieredellaSera
Strategia Lgbt
Denunciati i prof che fanno leggere il sesso gay 159 KB

29 Aprile 2014 – Repubblica
Strategia Lgbt
Libro sull’amore gay, prof denunciati 247 KB

29 Aprile 2014 – Messaggero
Strategia Lgbt
Brano gay in classe, prof denunciate 492 KB

29 Aprile 2014 – Avvenire
Divorzio
No al divorzio fai da te 226 KB

29 Aprile 2014 – ItaliaOggi
Scuola
Ecco le deleghe per la scuola 65 KB

29 Aprile 2014 – CorrieredellaSera
Famiglia E Lavoro
Casa e ufficio: italiane da record 55 KB

25 Aprile 2014 – FattoQuotidiano
Unioni Omosessuali
Voglio la mamma, i circoli di Adinolfi 122 KB

29 Aprile 2014 – ItaliaOggi
Tv2000, Ruffini e Brunelli direttori 290 KB

—————————————————————————-

[ “AZ.” ]       ( L’INFORMAZIONE – RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO )

—————————————————————————-

—– Original Message —– From: SMSengineering Marketing
Sent: Tuesday, April 29, 2014 4:13 PM
Subject: SMS Engineering candidata ai Microsoft Awards parteciperà alla WPC 2014 – Le Catacombe di San Gennaro e l’Innovazione Tecnologica

 

SMS ENGINEERING CANDIDATA AI MICROSOFT AWARDS, PARTECIPERA’ ALLA WORLDWIDE PARTNER CONFERENCE 2014 A WASHINGTON, CON UNA SOLUZIONE DI BUSINESS INTELLIGENCE UTILE ALLA MISURAZIONE DELLA BRAND REPUTATION SUL WEB E SUI SOCIAL NETWORK.
7 anni dopo la prima competizione internazionale, dopo 7 anni di innovazione e sviluppo, dopo 7 anni di investimentoSMS Engineering ci riprova e partecipa anche quest’anno ai Microsoft Awards – la prima nomination c’è stata nel 2007 – questa volta con un taglio legato alla Brand Reputation delle Aziende sul Web, in particolare sui Social Network, con la realizzazione di una Soluzione di Business Intelligence che prevede l’analisi dei dati Open Graph di Facebook, le REST API di Twitter e l’utilizzo del DWH aziendali su SQL Server 2012 per incrociare i Social BigData con i dati di vendita. La Microsoft World Partner Conference è un evento internazionale finalizzato a dare visibilità alle soluzioni software, realizzate dai partners nel mondo, che possono essere installate world wide poiché tecnologicamente avanzate e compliance con esigenze di business di natura globale. La BI è diventato uno strumento fondamentale per i proprietari ed i manager delle aziende in quanto consente di visualizzare in maniera semplice cosa sta accadendo alla propria impresa tramite dispositivi mobili. Oggi, in un momento di chiara recessione, gli imprenditori sono sempre fuori dall’azienda per generare nuovo business, per cui avere a disposizione strumenti per monitorare l’andamento delle attività anche da dispositivi mobili è fondamentale. La Soluzione, sviluppata dalla SMS Engineering nel 2000, è stata, negli anni, oggetto di una forte attività di Ricerca e Sviluppo, svolta anche in collaborazione con le Università Campane. Nel 2007 la versione realizzata per il monitoraggio delle vendite di grandi aziende multinazionali, ha ricevuto una nomination ai Microsoft WPC Awards di Denver, in Colorado, che ha visto la partecipazione dell’azienda partenopea alla Cerimonia di Premiazione, (durante la quale per la Business Intelligence fu premiata una software house egiziana). Durante l’evento Allison Watson,Microsoft Corporate Vice President, Worldwide Partner Group, ricevette (vedi foto sotto) per c/o di Bill Gates una maglietta della Eldo Napoli Basket da parte di Antonio Ascione e Massimiliano Canestro, rispettivamente President e Vice President di SMS Engineering. Nel 2014, la soluzione che partecipa alle selezioni è uno Stack BI in grado di acquisire i BigData dei profili Facebook e Twitter del cliente creando datasource e Share Queries con PowerQuery a cui è stato affiancato il datasource del Datawarehouse delle vendite su SQL Server 2012 (stack SSRS, SSIS, SSAS). Sono state create analisi adhoc con PowerView e PowerMap pubblicate sul portale PowerBI di SharePoint per analizzare Contact Clustering, Brand Reputation&Brand Engagement, Social Media Marketing Campaign Analysis e ROI Social Media Marketing Campaign.
La soluzione prevede la possibilità di creare in Self
Service BI, grazie a Excel di Office 365 e PowerView, delle analisi personali incrociando le Share Queries del Power BI Data Catalog. L’obiettivo primario di questa soluzione, non è direttamente vendere di più, ma guadagnare brand-reputation e brand-engagement, in seguito a un rapporto di scambio continuo e proficuo con i propri clienti sui Social Media (fatto di ascolto, relazione e azione). Le campagne di web marketing hanno lo scopo di far sentire l’utente parte di una comunità e rendere positiva l’esperienza di acquisto. In poche parole, trasformare i propri clienti nei migliori ambasciatori del proprio brand grazie al passaparola (o buzz) che in rete trova spazi e potenzialità molto più ampi di quelli offline. Tutto ciò va misurato e tenuto sotto controllo grazie all’analisi dell’enorme quantità di dati che è possibile estrapolare dai Social Media: i BigData. Analizzare il ROI di queste campagne richiede la capacità di poter incrociare i BigData con i dati transazionali classici di vendita. La WPC si svolgerà a Washington DC dal 13 al 17 luglio e terminerà con le premiazioni delle categorie dei Microsoft Awards

www.smsengineering.it

————————————————————————————-
[ IL SERVIZIO VOLGE AL TERMINE ]
————————————————————————————-
[ OLTRE IL NOSTRO SITO ]
————————————————————————————-

 

 

 

 

pagine simili:

 http://digilander.libero.it/an.arenella – http://www.associazioneazimut.it/ 

————————————————————————–

[ “AZ.” ]    NOSTRI LINK IN RETE )
—————————————————————————-

     http://www.facebook.com/AssociazioneAzimut

 https://azimutassociazione.wordpress.comhttps://twitter.com/AssAzimut

—————————————————————————–

[ “AZ.” ]  ( IL SERVIZIO ODIERNO VOLGE AL TERMINE )

——————————————————————————

[ “AZ.” ]   ( CHI SIAMO E DOVE STIAMO )
—————————————————————————

 

   

Sede: Via Pasquale del Torto,1 – 80131 Napoli

Municipalità V^ – Collina di Arenella – Vomero

 

 

 Azimut” – associazione   Festa della Liberazione Associazione CulturalSociale Napoli

<<  La Storia non ha i binari obbligati come le ferrovie  >>
[ Legum omnes  servi sumus ut liberi esse possimus ]
 pagine simili:

 http://digilander.libero.it/an.arenella – http://www.associazioneazimut.it/ 

—————————————————————————-

     http://www.facebook.com/AssociazioneAzimut

 https://azimutassociazione.wordpress.comhttps://twitter.com/AssAzimut

PER UNA BUONA LETTURA

—————————————————————————–

[ “AZ.” ]  ( IL SERVIZIO ODIERNO TERMINA )

——————————————————————————-

[ “AZ.” ]  ( LA “LOCANDINA REDAZIONALE” )

——————————————————————————-

 ASSOCIAZIONE CULTURALSOCIALE “AZIMUT”  NAPOLI 
 direzione responsabile: presidenza Associazione
 team azimut online:  Fabio Pisaniello webm. adm. des.
 Uff. Stampa Associaz. “Azimut”:   Ferruccio Massimo Vuono 
(Arturo Stenio Vuono – presidente di “Azimut” – Napoli)
“AZIMUT” – VIA P. DEL TORTO, 1 – 80131 NAPOLI
TEL. 340. 34 92 379 / FAX: 081.7701332
—————————————————————————-

[ Ass. “Azimut” ] –  INFORMATIVA AI SENSI DEL D.LGS. 196/2003. — Si informano i destinatari della presente email che gli indirizzi sono stati forniti direttamente dall’interessato o, in alcuni casi, reperiti direttamente in internet. Inoltre tali indirizzi vengono utilizzati  solo e unicamente per le comunicazioni di carattere politico, culturale, economico, etc., dell’Associazione e non verranno nè comunicati, ma nè ceduti a terzi. I titolari possono, ai sensi dell’articolo 7 del D.lgs. 196/2003 richiedere la cancellazione; comunicando — nei modi d’uso -agli indirizzi di posta elettronica : ogni loro decisione in merito

—————————————————————————-

FINE SERVIZIO
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...