CEI NELLA FESTIVITA’ DELL’ASSUNZIONE PREGHIERA PER MARTIRI CRISTIANI – PAPA FRANCESCO IN COREA “PACE E UNITA’…NO GUERRA” – E ALTRO…


CEI NELLA FESTIVITA’ DELL’ASSUNZIONE PREGHIERA PER MARTIRI CRISTIANI – PAPA FRANCESCO IN COREA “PACE E UNITA’…NO GUERRA” – E ALTRO…

[ “AZ.-NEWS”:15.08.’14]
————————————————————————————————————————–
giovedì, 14 agosto 2014
I FATTI DEL GIORNO ( tratto dal web )
——————————————————————————————————————————-

FotoIl Papa in volo verso Seul, un 'selfie' con una giornalista sudcoreana - Foto EPA/DANIEL DAL ZENNARO/POOL (ANSA)
Papa Francesco in Corea del sud

Il Papa, in Corea del Sud per una visita di cinque giorni, chiede “pace e unità”, ma la Corea del Nord risponde sparando tre razzi da 30 millimetri a corto raggio dalla costa orientale direttamente nel mar del Giappone. A darne notizia il comando di Stato maggiore congiunto di Seul. I razzi sono stati sparati da un lanciatore multiplo sistemato vicino a Wonsan, città sulla costa nordorientale, e sono finiti nel mar del Giappone dopo aver coperto una distanza di circa 220 chilometri. Le foto.

don Pierino Gelmini (ANSA)

  1. Le note dell’Alleluia, gli applausi e lo sventolio delle bandiere della Comunità Incontro hanno salutato il feretro di don Pierino Gelmini al …

Pier Luigi Camilli, il padre del videoreporter italiano Simone Camilli ucciso a Gaza (ANSA) Medio Oriente.

Napolitano: La morte di Simone Camilli sia “monito alle parti in conflitto e a tutti noi affinché ci si impegni per un’immediata e definitiva cessazione delle ostilità”. I funerali forse domani a Pitigliano

————————————————————————————————————————–
IRAQ E NON SOLO – IL NOSTRO COMMENTO ( REPLICA )
————————————————————————————————————————–

  • Arturo Stenio VuonoAI NOSTRI LETTORI E VISITATORI – AI NOSTRI CONTATTI – IL NOSTRO PUNTO DI VISTA
  • ( L’EDITORIALE – VEDI : SOTTO )

[ “AZIMUT” – IL POST DEL PRESIDENTE – VERSIONE D’INVIO ALLA STAMPA QUOTIDIANA ]

L’INTERVENTO

CRISTIANI, IL MARTIRIO E L’OLOCAUSTO DEI MANSUETI

di Arturo Stenio Vuono *

Solo di recente, per i centomila e più ch’erano in fuga dall’Iraq verso il Kurdistan autonomo, sotto attacco jihadista, denunciato dal patriarca caldeo di Babilonia, è riemersa la tragedia di fedeli e religiosi cristiani che si va consumando da tempo, in tutto il mondo, e che Papa Francesco ha più volte richiamato alla coscienza di tutta la  comunità internazionale.Gli integralisti islamici tolgono le croci dalle chiese e bruciano gli antichi manoscritti, conducono le donne cristiane velate in nero e in catene per venderle all’asta; l’ottanta per cento delle stragi di religione sono di cristiani e si stima in settanta milioni il numero dei soppressi di ogni fede  e di martiri cristiani, vittime di questa folle carneficina, di cui più della metà s’è già consumata nel ventesimo secolo, cosicchè la fede in Cristo è la più perseguitata. Il riluttante Mr.Obama, con tante responsabilità ascrivibili alla politica Usa nel recente come nel passato,sensibile a ben altri interessi, perciò  interventore seppure tardivo, tanto per salvarsi la faccia, sembra che si sia accorto dell’ultimo tentativo di genocidio e, alfine, sono piovuti bombe sui massacratori e aiuti in viveri sui profughi in marcia forzata verso i curdi. Nulla di più. L’offensiva contro i credenti cristiani, una mattanza spesso e volentieri oscurata e ignorata, si manifestò e si manifesta  dall’Egitto, non più a guida di Mubarak,  dell’attacco suicida alla Chiesa copta di Alessandria, alla Turchia dove non sono mancati casi di omicidi di religiosi e a Cipro con chiese sconsacrate e saccheggiate; dalla Nigeria con azioni terroristiche , rapimenti e uccisioni di fedeli; al Pakistan della blasfemia con imprigionamenti e condanne a morte; dalla Corea del Nord con zone cristiane totalmente spopolate per uccisioni indiscriminate e alla Cina con l’abbattimento di chiese e croci , ufficialmente non in sintonia con i piani urbanistici; alla Siria con tutte le comunità cristiane a rischio, di certo non ad opera di Assad, e alla Libia, senza più Gheddafi, con gli esodi di massa; in Sudan con processi e condanne, e potremmo continuare. Ora cruenta in Iraq che non è più di Saddam Hussein. L’Islam che predica la convivenza con il cristianesimo e l’ebraismo, dove sta e cosa fa ?  Il sorgere di califfati, anche per via degli scontri tra le diverse fazioni islamiche, e le nuove persecuzioni dell’Isil, non si limitano solo a colpire i cristiani e si allargano nell’agire contro tutte le altre minoranze che non condividono questa rinnovata e brutale serie di uccisioni di massa. Pure gran parte della catastrofe umanitaria dei migranti, che cercano scampo nel mediterraneo, è il risultato di questa generale offensiva dell’integralismo islamico che, per certi versi, supera di  molto finanche il risultato delle devastazioni di guerre che, a suo tempo, condusse il feroce Saladino ma che non si accaniva sui vinti, con  ebrei lasciati vivere nelle loro terre e il consentito culto nelle chiese cristiane. Oggi su croci improvvisate, ad esempio ed avvertimento, vengono appesi i cristiani, e non solo, con sgozzamenti a colpi di scimitarra che vengono filmati e ampiamente pubblicizzati nei minimi e crudeli particolari. Quello dei cristiani è, in termini assoluti, il più grande e drammatico martirio di massa di tutti i tempi ed è un vero e proprio olocausto dei mansueti. Una vergogna che l’intero occidente non può più continuare soltanto a guardare e a stigmatizzare con semplici petizioni di principio; e con l’ignavia di tollerarlaulteriormente.Con buona pace di tutti gli apprendisti stregoni che hanno peraltro tifato per le cosiddette primavere arabe e con buona pace dell’ineffabile  pacifismo, ad ogni costo, quello  di panciafichisti in servizio continuo e permanente effettivo. Cosa s’intende fare, nel concreto, per fermare la barbarie ? Lo chiediamo, chiaro e tondo, a coloro cui compete ogni risposta in merito.  Ad iniziare dai soloni dell’Ue, che tutti si diano dunque una mossa.

* presidente Associazione Culturalsociale “Azimut” – Napoli

https://azimutassociazione.wordpress.com
————————————————————————————————————————–
BERGOGLIO IN ASIA
————————————————————————————————————————–
Asia.

Dalla Corea del Nord lancio di razzi in mare. Il pontefice incoraggia “gli sforzi per riconciliazione e stabilità nella penisola coreana”, “unica strada” per una “pace duratura”

Papa Francesco in Corea del Sud (ANSA) Papa Francesco in Corea del Sud

————————————————————————————————————————
LA GIORNATA DI PREGHIERA DELLA CONFERENZA EPISCOPALE ITALIANA
————————————————————————————————————————
—-Messaggio originale—-
Da: lepanto@lepanto.org
Data: 13/08/2014 12.31
A: <an.arenella@libero.it>
Ogg: Centro Culturale Lepanto aderisce alla Giornata di preghiera della CEI

 
Caro amico, gentile amica,
la Conferenza episcopale italiana – Cei ha promosso per il 15 agosto, nella solennità dell’Assunzione, una Giornata di preghiera per i cristiani vittime di persecuzione. 
 
Tutte le comunità ecclesiali – riferisce una nota della presidenza Cei – sono invitate ad “unirsi in preghiera quale segno concreto di partecipazione con quanti sono provati dalla dura repressione”.
 
Il Centro Culturale Lepanto invita tutti i suoi amici e simpatizzanti a partecipare alla importante iniziativa fortemente sostenuta da Papa Francesco con la riflessione allegata qui di seguito.
 
In unione di preghiera.
Suo,
in Gesu’ e Maria

Fabio Bernabei

 

Unione europea e califfato: 

l’impotenza della Cristianità

Valéry Giscard d’Estaing, allora Presidente della Convenzione a cui fu affidato il compito di redigere il testo della Costituzione dell’Unione Europea, non soddisfece le aspettative di quanti chiedevano di inserire nel preambolo il riconoscimento delle “radici cristiane” dell’Unione.

A questo riconoscimento fu opposta l’implicita affermazione della radice illuministica dell’Unione stessa, così svolta nel paragrafo con cui inizia il preambolo della Costituzione, ove si fa riferimento “alle eredità culturali, religiose e umanistiche dell’Europa, da cui si sono sviluppati i valori universali e inalienabili della persona, della libertà, della democrazia, dell’eguaglianza, e dello Stato di diritto”.

In realtà i bravi e generosi difensori del sacrosanto concetto di Radici cristiane dell’Europa, come San Giovanni Paolo II, datosi che Omnia munda mundis, non vedevano la malizia di chi vuole confondere la gloriosa storia delle Nazioni della Cristianità europea con l’istituzione della Comunità europea prima e dell’Unione europea poi, strutture dalla radice illuministica e nichilistica (cfr. LepantoFocus n.4).

È lo stesso errore subdolamente coltivato da chi scrive che “per rimanere in Europa” dobbiamo accettare le più rovinose cessioni di sovranità.

L’illuminismo però è un gigante dalle gambe di ferro ma dai piedi d’argilla, due gambe corrispondenti l’una al giacobino Stato burocratico e socializzatore, l’altra all’irrazionalismo (o “ragione critica” o “ragione complessa”) del libero mercato caotico ed autogestito (cfr. LepantoFocus n.13).

Fra le sue molte debolezze ha anche quella di illudersi di aver messo alle spalle, nella pattumiera della Storia, le guerre di religione, addirittura appiccicando alla Guerra dei Trent’Anni (1618-1648) l’etichetta di “ultima guerra di religione”.

Il risultato è quello di non avere oggi un modello di azione per salvare i Cristiani perseguitati, essendo stato archiviato quello coloniale dalle sue stesse motivazioni economiche.

Si noti che il terrorismo di al Qaeda ed il disordine delle cd. “primavere arabe” ancora poteva rientrare nello schema politico in cui si rispecchia il libero mercato caotico ed autogestito.

Ma la politica illuminista, malgrado i grandi mezzi tecnologici, è del tutto incapace di gestire, e persino di “vedere” sinteticamente, le drammatiche questioni poste dal Califfato dell’ISIL, dall’Emirato della Cirenaica o dalla decisione del capo della Turchia, Erdogan, di seguire il rituale della presa di potere dei Sultani.

La crisi dell’Unione Europea sta straripando dal campo economico delle disgraziate Nazioni associate a quello politico mondiale.

La artificiosa impotenza nella quale l`illuminismo tiene schiava la Cristianita’ occidentale puo` essere vinta solo nell`unione, franca e sincera, dei cuori dei fedeli alla preghiera del Vescovo di Roma, Papa Francesco.

 
INOLTRA questa email a un amico

Questa mail è stata inviata a an.arenella@libero.it, da parte di lepanto@lepanto.org |  
Centro Culturale Lepanto | C.P. 6080 | Roma | 00195 | Italy

————————————————————————————————————————

DALL’AMICO GIANCARLO LEHNER
————————————————————————————————————————
—-Messaggio originale—-Da: giancarlolehner
Data: 13/08/2014 10.09
A: ( . . . )
Ogg: Lehner: l’informazione casa e bottega

Forse una delle ragioni per le quali nel mondo contiamo meno di Malta, vedi il Brasile che non ci restituisce l’assassino Cesare Battisti o l’India che ha sequestrato i nostri marò,  sta nell’ignoranza militante riguardo alla geografia ed alla politica estera. Il nazicomunista russo Zhirinovskij dice in pubblico che la terza guerra mondiale è vicina, che i primi popoli ad essere spazzati via dalle atomiche russe saranno i polacchi ed i baltici, che Stalin è sempre  vivo e lotta con loro  per realizzare l’Apocalisse occidental . Ebbene, l’informazione di tutto il mondo dà gran risalto al delirio, visto che è, purtroppo, condiviso da gran parte dell’opinione pubblica russa, fuorché quella italiana, che glissa del tutto.
Se la follìa dovesse prevalere – e non sarebbe la prima volta – noi italiani non moriremo per l’Ucraina, che magari non sapremmo neppure individuare su una cartina geografica, bensì a causa di un’ informazione provinciale, tutta casa e bottega.

Giancarlo Lehner

————————————————————————————————————————

DEL GIOVIN SIGNORE DELLA SINISTRA – MATTEO IL BARONETTO – RENZISCOOP E RENZISPOT
——————————————————————————————————-
TRATTO DAL WEB

Renzi, tour al Sud: "Nessun caso Italia tutta l'eurozona in stagnazione"

Renzi, tour al Sud: “Nessun caso Italia tutta l’eurozona in stagnazione”

Renzi non è più Fonzie: una mezza vittoria che allontana i “giorni felici”

E A PROPOSITO – DA MESSAGGIO “POSTATO” SU FACEBOOK

“Di fronte all’arroganza di Draghi, ad uno verrebbe voglia di fare il tifo per Renzi, poi lo guarda in faccia e cambia idea. Renzi pensava di affascinare l’Europa con la sua riforma del Senato: non se l’è bevuta nessuno. All’ “Europa” del Senato non gliene può fregare di meno, invece interessa la precarizzazione totale del lavoro in Italia, arraffare quel po’ che ancora ha un valore (Eni, Cdp, Telecom, forse qualche pezzetto di Finmeccanica) e che gli italiani si spremano sino all’ultima goccia di sangue, diano fondo ai risparmi e si vendano casa per pagare gli interessi sul debito pubblico e, se possibile, ne restituiscano una parte attraverso il fiscal compact. Il resto sono solo chiacchiere.”

Politica ed economia: arriva la Troika? Cosa bolle in pentola. [Ma, mi si dirà, la troika interviene solo su richiesta dei paesi che sono a rischio default. Certo, ma dove è il problema? L’Italia richiederà l’intervento della Troika. Non vuole farlo? Allora si procederà con un nuovo “assedio dello spread”: quando, come nel novembre 2011 (quando c’era da cacciare Berlusconi) lo spread risalirà oltre i 500-600 punti, gli italiani, soprattutto grazie al loro ineffabile Capo dello Stato, faranno quello che devono fare e si troverà il Monti di turno che faccia il lacchè della troika...] http://www.aldogiannuli.it/2014/08/renzi-draghi-arriva-la-troika/

Politica ed economia: arriva la Troika? Cosa bolle in pentola.
[Ma, mi si dirà, la troika interviene solo su richiesta dei paesi che sono a rischio default. Certo, ma dove è il problema? L’Italia richiederà l’intervento della Troika. Non vuole farlo? Allora si procederà con un nuovo “assedio dello spread”: quando, come nel novembre 2011 (quando c’era da cacciare Berlusconi) lo spread risalirà oltre i 500-600 punti, gli italiani, soprattutto grazie al loro ineffabile Capo dello Stato, faranno quello che devono fare e si troverà il Monti di turno che faccia il lacchè della troika…]
http://www.aldogiannuli.it/2014/08/renzi-draghi-arriva-la-troika/

————————————————————————————————————————–
NOI IN RETE – ULTIMO SERVIZIO – LINK
————————————————————————————————————————–

Associazione Azimut ha condiviso un link.
Pubblicato da WordPress · 15 ore fa
BERGOGLIO IN COREA E 15 AGOSTO GIORNATA DI PREGHIERA CEI PER I CRISTIANI PERSEGUITATI (E NON SOLO IN IRAQ) – CRISTIANI IL MARTIRIO E L’OLOCAUSTO DEI MANSUETIhttp://wp.me/p2IJHA-Qx

BERGOGLIO IN COREA E 15 AGOSTO GIORNATA DI PREGHIERA CEI PER I CRISTIANI PERSEGUITATI (E NON…
azimutassociazione.wordpress.com
BERGOGLIO IN COREA E 15 AGOSTO GIORNATA DI PREGHIERA CEI PER I CRISTIANI PERSEGUITATI ( E NON SOLO IN IRAQ ) – CRISTIANI IL MARTIRIO E…

————————————————————————————————————————–
L’INVASIONE ASSISTITA DI “ANGELINO IL SICULO”….<< ….L’APPETITO VIEN MANGIANDO….>>
————————————————————————————————————————–
DA MESSAGGIO – “POSTATO” SU FACEBOOK


————————————————————————————————————————–

ASSOCIAZIONE CULTURALSOCIALE “AZIMUT”  NAPOLI 
 
 direzione responsabile: presidenza Associazione
 team azimut online:  Fabio Pisaniello webm. adm. des.
 Uff. Stampa Associaz. “Azimut”:   Ferruccio Massimo Vuono 
(Arturo Stenio Vuono – presidente di “Azimut” – Napoli)
“AZIMUT” – VIA P. DEL TORTO, 1 – 80131 NAPOLI
TEL. 340. 34 92 379 / FAX: 081.7701332
FINE SERVIZIO
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...