CONVEGNO “il SUDSIAMONOI AZIONE MERIDIONALE” SABATO 31 GENNAIO 2015 A NAPOLI – GRECIA SYRIZA DI TSIPRAS – ALTRE NEWS


CONVEGNO “il SUDSIAMONOI AZIONE MERIDIONALE” SABATO 31 GENNAIO 2015 A NAPOLI –  GRECIA  SYRIZA DI TSIPRAS – ALTRE NEWS

il SUDSIAMONOI
AZIONE MERIDIONALE
Sabato, 31 Gennaio 2015
ore 10,30
Via Speranzella, 81

NAPOLI

CONVEGNO “il SUDSIAMONOI AZIONE MERIDIONALE” SABATO 31 GENNAIO 2015 A NAPOLI –  GRECIA  SYRIZA DI TSIPRAS – ALTRE NEWS 
( PARTE PRIMA ) 
 
UNA NUOVA FRONTIERA AVANTI ! ! ! “A NAPOLI CI PIOVE”!
PER L’ITALIA E PER IL SUD !
 
[ “AZ. NEWSLETTER” – 28 GENNAIO 2015 ]
 
 
[ PARTE PRIMA ]
   
Arturo Stenio Vuono PER L’ITALIA E PER IL SUD !
Arturo Stenio Vuono
presidente Associazione Culturalsociale
Napoli
“…..Come già per il Regno delle Due Sicilie si vide la grande spoliazione, per l’attuale si assiste all’opera di devastazione dell’Italia intera da parte degli ueisti e dei mondialisti. Chi più di noi meridionali può muovere la giusta battaglia ? Le mie sono elucubrazioni, credo di no e credo di essere in buona compagnia. …Recentissimamente, in contesto assai più vasto, direi immensamente planetario, nel quale diviene di fatto vieppiù incluso il sacrificato nostro mezzogiorno, esempio di come  può incidere l’altrui << devastazione >>, il sacco ed il saccheggio con violenza, l’occupazione cruenta, lo stesso Papa Francesco ha testualmente detto che : “E’ giunta l’ora di costruire assieme l’Europa…No a sistemi uniformanti di potere finanziario al servizio di imperi sconosciuti”. Io dico, con grande convinzione, che – quì da noi – per riformare assieme l’Italia, occorre a maggior ragione ricostruire il mezzogiorno d’Italia. Diamoci, dunque, questa consegna…..” [tratto da “Il post del presidente” – Azimut online]
——————————————————————————————————————–
 IN COPERTINA
IL FATTO DEL GIORNO – << SVOLTA DI ATENE >> UN NOSTRO BREVE COMMENTO [ “AZIMUT” – NAPOLI ] – per leggere tutto – vedi: oltre
L’AEREO GRECO PRECIPITATO

…Caccia F16 caduto su base Nato in Spagna, sale a 11 bilancio vittime

Il ministro Pinotti: ‘Un velivolo italiano danneggiato’…

[ tratto dal web – per leggere tutto vedi: oltre ]
 
[ “AZIMUT” – NOTIZIA “MORDI E FUGGI” – NON S’E’ N’E’ PARLATO PIU’ DI TANTO. MORTI E FERITI DI FRANCIA – GRECIA – ITALIA – SPAGNA. UNA STRANA E CURIOSA COINCIDENZA CHE APPARE COME UNA SORTA DI “AVVERTIMENTO”. NESSUNA DIETROLOGIA MA AD ATENE ACCADE QUEL CHE SI PAVENTA PURE PER LE ALTRE TRE NAZIONI MEDITERRANEE DELL’EUROPA DOVE E’ CRESCENTE UN FORTE SENTIMENTO – TRASVERSALE ( DALLA DESTRA ALLA SINISTRA ) – DI NON CONDIVISIONE DELLA POLITICA DI AUSTERITA’ IMPOSTA DALLA TROIKA E DI UNA VERA AVVERSIONE  AI SACRIFICI PER L’EURO… ]
———————————————————————————————————————
PER L’ITALIA E PER IL SUD !
I———————————————————————————————————————
IN QUESTO NUMERO :
——- Original Message ——–
Subject: [Evento] I diritti umani in Cina e la battaglia per la vita e la famiglia nel mondo (diretta streaming). Per il 2015 la Cina ordinerà vescovi indipendenti contro la Santa Sede. Miniere cinesi, minaccia all’ecosistema e alla vita dei tibetani.
Date: Sun, 25 Jan 2015 15:27:09 +0000
From: Laogai Research Foundation <info@laogai.it>
To: associazioneazimut@tiscali.it
[Evento] I diritti umani in Cina e la battaglia per la vita e la famiglia nel mondo (diretta streaming). Per il 2015 la Cina ordinerà vescovi indipendenti contro la Santa Sede. Miniere cinesi, minaccia all’ecosistema e alla vita dei tibetani.
 
[ PER LEGGERE TUTTO – VAI AL TERMINE DEL SERVIZIO – dopo la locandina redazionale ]
———————————————————————————————————————
 
TRA CRONACA E STORIA
 
<< “TEMPI  NON FECONDI” & “TEMPI FECONDI”  >>
“Nelle democrazie progressiste il posto meno sicuro per un essere umano è il grembo della propria madre. Ogni aborto procurato è l’esecuzione di una condanna a morte. In Italia dal 1978 al 2006 sono stati effettuati 4.736.000 aborti. e la strage continua ininterrotta nella più generale indifferenza” [ letto da messaggio “postato” su facebook ]
 
 
facebook
Giuseppe Sasso ha condiviso un link sul tuo diario.
Visualizza
 
 
 
Giuseppe Sasso ha condiviso un video sul tuo diario.
Mussolini inaugura Littoria, il discorso integrale
07:29
350.694 visualizzazioni

Il 18 dicembre 1932 Mussolini inaugura Littoria. Ecco il suo celebre discorso

———————————————————————————————————————

PER L’ITALIA E PER IL SUD !

[ “Azimut” “…Quando la  << casa comune >>  è a rischio d’incendio e di crollo, ogni cittadino ( . . . ) “


“…Quando la  << casa comune >>  è a rischio d’incendio e di crollo, ogni cittadino compie il suo dovere, senza se e  ma, similmente a quando il fuoco sta per invadere una casa o un sismo ne potrebbe minare la stabilità; ….”[ tratto da “Il post del presidente” – Azimut online]

—————————————————————————————-

PER L’ITALIA

Una nuova frontiera. Avanti ! ! !   

 [ ARCHIVIO – 26 SETTEMBRE 2913 ] 

AZIMUT – NAPOLI. Un “fronte trasversale degli italiani” per la salvezza.

 [ La presidenza ]

Quando la  << casa comune >>  è a rischio d’incendio e di crollo, ogni cittadino compie il suo dovere, senza se e  ma, similmente a quando il fuoco sta per invadere una casa o un sismo ne potrebbe minare la stabilità; per l’incendio vicino si forma una solidale catena di secchi d’acqua, atta allo spegnimento, e per il pericolo del ripetersi delle scosse si portano a cautelare salvamento persone e cose. Prima che arrivi ogni tipo di soccorso e s’intravedano gli interventi. Ognuno non fa caso a chi ha a fianco, non si chiede da dove provenga o in nome di cosa è arrivato. Così come per l’agire, nell’emergenza, è l’esercizio del << coraggio civile >> , parimenti, e in specie, è per tempi eccezionali il prevalere del << patriottismo >> . In entrambi i frangenti conta, perciò, una sola divisione : da una parte chi corre per il salvataggio e chi attende per lo << sciacallaggio >>. Coloro che hanno agito, e che hanno fatto fronte comune, si conosceranno e si spiegheranno dopo. Cosicchè, oltre ogni muro, oltre ogni steccato, nasca il << partito degli italiani >> : del nuovo centrodestra ( ? ), o meglio ( ? )della << destra – centro >>, sì, ma non basta; e vengano  gli astensionisti disposti a reagire, gli orfani d’ogni sinistra , delle sinistre, se avversi alla << restaurazione >> , gli antagonisti stanchi della protesta senza progetto e sbocco, tutti gli italiani di buona volontà che – da destra, o al centro, come alla sinistra – con onestà, e coerenza, hanno però rigettato / rigettano il vecchio << sistema di potere >>.

    Un “fronte trasversale degli italiani” per la salvezza. [ La presidenza ]

—————————————————————————————-

DEDICATO AL CABARETTISTA “ACCATTONE IPERMILONARIO”…

—————————————————————————————-

Questa la dedico al tutti i grillini napoletani , campani e meridionali e agli italiani tutti. Grillo e’ un altro della casta o almeno ci e’ diventato. Dietro ha gli americani o non so chi ma ormai e’ evidente che la sua azione ha prodotto solo 2cose: abbassamento della qualità dei parlamentari (ne’più ne’ meno degli altri partiti) e trasformato la politica in un continuo reality.Smettiamola di cercare un Masaniello che faccia la rivoluzione per noi, che gridi e che protesti al nostro posto. Ognuno di noi e’Masaniello e sarebbe anche arrivato il momento di dire basta a questi burattini da talk show o da you tube che ogni giorno se ne escono con uno slogan diverso. Io credo a ciò che vedo e innanzitutto voglio Coerenza e Trasparenza! Perché chi vuole occuparsi della Res Publica deve innanzitutto essere d’esempio per i suoi elettori e per tutti i cittadini. Basta con sti figuranti che fanno i “froci col culo degli altri”.

Altro…

—————————————————————————————-

( foto tratta dal web ) – Non è cosa rara, a Napoli, incrociare cittadini che si accompagnano all’antico vessillo del Regno delle Due Sicilie ( in moltissime occasioni : manifestazioni, riunioni, eventi sportivi come per fatti più dolorosi e lutti ). Un profondo radicamento con un passato nobile.

—————————————————————————————-

Napoli Capitale, ore 15,30. La nostra sacra bandiera è libera ed è in mani sicure, restituitaci dall'Ispettore Carandente del Commissariato S. Paolo a Fuorigrotta! Una piccola grande vittoria che onora la nostra causa e che dimostra ancora una volta chi fa i fatti e chi le chiacchiere! Grazie a tutti gli intervenuti e a chi ha gioito con noi del positivo e festoso evento!

il SUDSIAMONOI
AZIONE MERIDIONALE
Sabato, 31 Gennaio 2015
ore 10,30
Via Speranzella, 81
NAPOLI
 
 

per l’occasione – IL SALUTO DEL PRESIDENTE DI “AZIMUT”

[ inviato agli organizzatori del convegno ]

PER L’ITALIA E PER IL SUD !

Una nuova frontiera. Avanti ! ! !  

ABROGARE LA COLONIA MEZZOGIORNO  FARE PRESTO !
 
PERSONALMENTE  HO AVUTO – DA SEMPRE – UN SOGNO. Che amici, compagni, camerati e fratelli, che pure monarchici o repubblicani –  fratelli li compendia tutti – hanno da sempre in comune – nel Sud – e, forse, non lo sanno.Mancò e manca, da sempre, solo l ‘appuntamento. Da anni, ormai, non partecipo a convegni e iniziative diverse, convocati dalle varie e note nomenklature che privilegiano platee di sodali silenti e usi solo all’esercizio dell’applauso facile.Quando, infine, ci si ritrova, oggi, sul viale del bel tramonto si temono le dimenticanze e le emozioni. “… Io sono vecchio: e passata la settantina si perdono tanti bei piaceri e tanti invidiabili vantaggi, forse non si diventa nemmeno tanto più saggi (anzi, per la verità c’è il pericolo di rimbambire…), ma in cambio si acquista l’impagabile diritto di dir ormai quel che si vuole. Cari fratelli di non so più quale sponda, siamo stati felici anche quando  eravamo o ci ritenevamo o fingevamo di essere degli Arrabbiati. In fondo, il mondo era nostro: di noialtri happy fews, di noi emarginati e ghettizzati, odiati e disprezzati, discriminati e ( ……….. )  perseguitati, ma anche Signori dell’Isola-Che-Non-C’è…” ; e dico questo – che non è mio ma in cui mi ritrovo – perchè è venuto il momento che , per Napoli, ognuno deve approdare con la sua storia personale, di cui non vergognarsi, e perchè non c’è bisogno di pentiti e dissociati o rinnegati. Dico che il centralismo è sempre stato ed è  la controparte dei meridionali; vi sono centralismi  piccoli, vi sono centralismi grandi e centralismi – Stato come nel caso della Roma dei Palazzi. Confesso che, in cinquant’anni di militanza politica – senza mai avere richiesto mercede alcuna -, spazio non ci fu per la questione meridionale ma l’impegno di portare l’immenso masso in vetta non ce lo consentiva; e solo in questo avviato e successivo decennio, a Dio piacendo verso il traguardo del 2018, ne ho preso completa coscienza. Credo che rialzare il vessillo del “meno male che il Sud c’è”, il tentativo di far muovere da Napoli una vasta aggregazione di tutti i movimenti che,in tutto il sud, reclamano riparazioni che non vi sono mai state; ricompattare tutti quelli che, giustamente, sono decisi a creare un nuovo rapporto di forze fra gli italiani, già appartenenti all’ex Regno delle Due Sicilie, e l’apparato della prima repubblica – che si rigenera e si ricicla da sempre – non solo sia una giusta aspirazione ma una necessità che potrà rappresentare uno sbocco fecondo per l’intera Italia.In termini politici, in termini economici e in termini istituzionali.Abrogare, oggi,  la colonia mezzogiorno è una priorità ? Certo che sì; e almeno per due motivi: liberare energie, potenzialità e aspirazioni soffocate; riabilitare l’inventiva, la produzione e fantasia creatrice, impedite. L’aspirazione ad un fronte sudista, perciò, non solo va incoraggiato ma, per quel poco che si può, sostenuto e condiviso senza se o ma. Come già per il Regno delle Due Sicilie si vide la grande spoliazione, per l’attuale si assiste all’opera di devastazione dell’Italia intera da parte degli ueisti e dei mondialisti. Chi più di noi meridionali può muovere la giusta battaglia ? Le mie sono elucubrazioni, credo di no e credo di essere in buona compagnia. Recentissimamente, in contesto assai più vasto, direi immensamente planetario, nel quale diviene di fatto vieppiù incluso il sacrificato nostro mezzogiorno, esempio di come  può incidere l’altrui << devastazione >>, il sacco ed il saccheggio con violenza, l’occupazione cruenta,
lo stesso Papa Francesco ha testualmente detto  che : “E’ giunta l’ora di costruire assieme l’Europa…No a sistemi uniformanti di potere finanziario al servizio di imperi sconosciuti”. Io dico, con grande convinzione, che – quì da noi – per riformare assieme l’Italia, occorre a maggior ragione ricostruire il mezzogiorno d’Italia. Diamoci, dunque, questa consegna. D’altronde, come millenni di storia insegnano, sono state sempre le minoranze attive – controcorrente – a godere del carisma di innovare e portare alla sintesi delle antitesi. Quale sarà lo sviluppo, per il futuro, d’una “unificante meridionale”?. Nessuno pu� dirlo ma occorre e serve procedere per andare oltre; oltre gli schemi, oltre gli steccati e oltre l’attuale. Prima, evidentemente, sul piano culturale e, poi, ovviamente, trasferendola in ambito dell’agone politico vero e proprio; o coordinando l’inserimento, a promuovere una provvidenziale azione meridionale, in ambito di tutte le forze politiche di suoi aderenti, oppure con la concretizzazione di un nuovo e autonomo movimento.

E si può. IL SALVINI CHE CALA NEL SUD NON PUO’, DI CERTO, DISPIACERCI…( FA BENE A “PUNGOLARE”… ) MA NOI CHE FACCIAMO ? DIAMOCI UNA RISPOSTA !  La Lega Nord, col sen. Volpi,   ha già fatto il suo convegno a Napoli, “Noi con Salvini”, sotto la veste nuova.  

FINANCHE EUGENIO SCALFARI ALTRO “PENTITO & CONVERTITO” ha affermato che l’unificazione piemontese è stata occupazione.

 Se ancora potrò dedicare altri anni a una missione utile, e non dipende solo da me, il sogno è quello di contribuire a far nascere un comune direttorio, con una guida dirigente e giovane, rappresentativa di  tutti i meridionali e per parlare a tutti  gli italiani. Una nuova frontiera. Avanti ! ! !


Arturo Stenio Vuono
Arturo Stenio Vuono
presidente Associazione Culturalsociale
Napoli
[ TRATTO DAL SITO “SIAMOTUTTIBRIGANTI” ]
Posted by Mario Picariello dic – 29 – 2014 0 Comment

2015 logo3

Protestare e continuare a subire di tutto e di più è puro autolesionismo. Il napoletano, purtroppo, si lamenta ma considera i suoi problemi una ineluttabile condizione, una sventura fatale da sopportare passivamente (…adda passà ‘a nuttata…piuttosto che : l’amma fà passà). Il napoletano ha smarrito l’onore, troppi anni di assoggettamento al potere altrui lo hanno reso anzichè incazzato, rassegnato, ripiegato sulle sue vicissitudini esistenziali e prono verso tutti.Oggi il napoletano è talmente diverso, mutato, rispetto alla sua essenza originaria che si rende irroconoscibile anche a se stesso…non è un caso che il peggior denigratore dell’essenza partenopea è proprio lo stesso napoletano. Coloro, poi, che avrebbero dovuto sostenere, con difficoltà ed ovvia sofferenza, l’ultima speranza di riscatto, ovvero i mentori dell’unicità del meridionalismo, i difensori dell’antica PATRIA, hanno in buona parte fallito, tra distinguo esistenziali, tra primogeniture, tra baruffe interne e mentite spoglie, si è sperperata una condizione di speranza ed aspettative che bene o male si era riusciti, tutti insieme, a creare. Il fallimento nasce dalla pochezza degli interpreti, dalla loro presunzione e dalla loro inaffidabilità…appena hanno avuto l’occasione si sono concessi allo storico nemico (tra l’altro a condizioni pietose, non avendo alcun peso contrattuale e nessuna base elettorale). Il 2014 da questo punto di vista è stato interlocutorio, ha preparato le basi per le scelte future. Meglio così, sarà più facile l’identificazione dei buoni e dei malamenti, il 2015 sarà la cartina di tornasole e chi vorrà potrà di certo meglio capire e fare le proprie scelte di campo. Noi BRIGANTI sopravviviamo alle vicissitudini, non ci prostituiremo a nessuno, continueremo orgogliosamente a declarare la nostra essenza ed a batterci per i nostri diritti, senza compromessi. Chi vorrà seguirci sarà il benvenuto, chi non è all’altezza del compito può andare altrove, i mediocri non ci servono, così come non servono alla causa i prezzolati, i nullafacenti ed i chiacchieroni a costo zero, ovvero coloro che ritengono di non dover mai investire nulla nell’impresa che vorrebbero condividere (questi sono i peggiori). Noi di SIAMOTUTTIBRIGANTI continueremo ad esistere e a far sentire la nostra voce. Finchè esisterà un solo brigante esisterà la nostra associazione. Auguri ai veri combattenti, auguri a chi vive in dignità, auguri a chi non abbasserà mai la testa. 

Mario Picariello presidente SIAMO TUTTI BRIGANTI

—————————————————————————————-

[ “AZIMUT” ] – RESTA IL PROTAGONISTA – COME 21 ANNI ORSONO CON LA SUA << DISCESA IN CAMPO >> – IERI COME OGGI  – ALLA CORSA PER IL COLLE SARA’ NUOVAMENTE KO ALLA << GIOIOSA MACCHINA DA GUERRA >>….LO SPERIAMO ! ! !

—————————————————————————————-

Quei 9 minuti e 25 secondi che rivoluzionarono la politica. Esattamente 21 anni fa il Presidente Silvio Berlusconi annunciò la sua “discesa in campo” e la nascita di Forza Italia, con l'ormai famoso video-messaggio inviato a tutti i telegiornali. Il discorso iniziava con la frase “L’Italia è il paese che amo” e finiva con “un nuovo miracolo italiano”, un messaggio che a distanza di 21 anni, il significato non è cambiato, un messaggio che inevitabilmente ha rivoluzionato la prassi della comunicazione politica. Dopo 21 anni Presidente, 21 anni fatti da grandi vittorie ma al tempo stesso anche da alcune amare sconfitte, noi siamo e saremo sempre al suo fianco per difendere la libertà nel nostro paese e per compiere finalmente un 'nuovo miracolo italiano'. Oggi più che mai, Forza Silvio! Forza Italia! #ForzaItaliaGiovani #SilvioBerlusconi #DiscesainCampo foto di Friedrich von Tannenberg.

—————————————————————————————-

SINISTRA RADICALE E DESTRA NAZIONALISTA -INDIPENDENTE – LA COALIZIONE CONTRO L’AUSTERITA’ E I SACRIFICI PER L’EURO GIA’ IMPOSTI DALLA TROIKA

(ANSA) – ATENE, 27 GEN – E’ stata resa nota la lista dei ministri del governo del neo-premier greco Alexis Tsipras. Alle Finanze c’è Yannis Varoufakis mentre Yannis Dragasakis sarà vice premier con delega ai negoziati con l’Ue. Al leader del partito di destra alleato di governo Panos Kammenos, è stato assegnato il ministero della Difesa mentre agli Esteri va Nikos Kotzias.

IL FATTO DEL GIORNO – << SVOLTA DI ATENE >> UN NOSTRO BREVE COMMENTO [ “AZIMUT” – NAPOLI ] – per leggere tutto – vedi: oltre [ NELLA PARTE SECONDA DEL SERVIZIO ODIERNO ]

—————————————————————————————

Grecia, primo consiglio dei ministri dell’era Tsipras. “Pronti a negoziare con l’Ue una soluzione reciprocamente utile”

Sono segnali di dialogo e non di rottura con l’Europa quelli che arrivano oggi dal primo consiglio dei ministri targato Alexi Tsipras. Il neo premier ha detto di voler “negoziare” con l’Ue una “soluzione fattibile, equa e reciprocamente utile”. Il leader di Syriza ha aggiunto che il suo esecutivo è pronto a “versare il sangue” per riaffermare la “dignità” del popolo greco. “Fra le nostre priorità – ha detto il neo primo ministro greco Alexis Tsipras – figura una rinegoziazione con i nostri partner per trovare una soluzione fattibile, equa e reciprocamente utile. Tipras ha sottolineato che il suo governo di “salvezza nazionale” non auspica una “rottura disastrosa reciproca” con i partner della Grecia, ma esige mettere la parola fine a “una politica di sottomissione”. Per questa ragione i colloqui previsti venerdì a Atene con il presidente dell’Eurogruppo Jeroen Dijsselbloem saranno “cruciali e produttivi”.
All’ordine del giorno anche la questione del Porto del Pireo – il nuovo governo fa sapere che verrà bloccata la vendita della quota di maggioranza del porto del Pireo. Lo ha detto in un’intervista il viceministro della Marina Thodoris Dritsas. “Noi non vogliamo vendere la quota di maggioranza dell’Autorità portuale del Pireo (Ppa). L’accordo con Cosco (l’azienda cinese che già gestisce metà del porto) sarà rivisto per il bene del popolo greco”, ha detto. La privatizzazione del porto era uno dei passaggi chiave del programma di dismissione di beni statali concordato con la troika. Cosco era stata scelta lo scorso anno insieme ad altri quattro concorrenti come potenziale acquirente del 67% delle azioni della Ppa. La scadenza per la presentazione delle offerte è a fine gennaio.
Ma non si placa la polemica per l’assenza di donne nel Governo – Alexi Tsipras ha fatto una squadra snella, tagliato da 16 a 10 il numero dei ministeri del suo governo, ma ha “dimenticato” le donne: nel nuovo esecutivo infatti nessuna poltrona, tra quelle dei ministri, si tinge di rosa. Nelle postazioni di punta del nuovo esecutivo ellenico appare solo il nome di Zoe Konstantopoulou nella carica di presidente del Parlamento greco (che in Grecia fa parte del consiglio dei ministri) mentre sono solo sei le donne che ricoprono i circa 40 incarichi governativi, ma unicamente tra le file di vice-ministri e sottosegretari. Anche se, in alcuni casi, in posizioni strategiche: come quella del sottosegretario Elena Kountoura, che avrà le deleghe del turismo, uno dei settori di punta di Atene. E almeno in questo, Tsipras ha seguito la linea del suo ‘rivale’ Antonis Samaras che contava solo una donna nel suo esecutivo, proprio nel turismo (oggi accorpato).
Il paradosso: a votarlo in maggioranza donne – La bassa, bassissima presenza femminile nei posti di punta del suo governo, sicuramente lascerà deluse le tante donne greche che hanno sostenuto Tsipras che ha raccolto uno storico 36% in una tornata elettorale dove sono state più donne (oltre 5 milioni) che uomini (circa 4,7 milioni) ad aver diritto al voto. Ma al grido ‘basta austerity’, sostegno ai bisognosi e alla ripresa e – soprattutto – guerra alla Troika, Tsipras per ora ha convinto i greci che vedono in lui la ‘speranza’ e un modello di leadership che finora non lo ha visto indifferente all’altra metà del cielo nelle scelte politiche.
 
 
28 gennaio 2015
Redazione Tiscali
Diventa fan di Tiscali su Facebook
il SUDSIAMONOI
AZIONE MERIDIONALE
Sabato, 31 Gennaio 2015
ore 10,30
Via Speranzella, 81
NAPOLI
CONVEGNO “il SUDSIAMONOI AZIONE MERIDIONALE” SABATO 31 GENNAIO 2015 A NAPOLI –  GRECIA  SYRIZA DI TSIPRAS – ALTRE NEWS 
( PARTE SECONDA ) 
 
UNA NUOVA FRONTIERA AVANTI ! ! ! “A NAPOLI CI PIOVE”!
PER L’ITALIA E PER IL SUD
 
[ “AZ. NEWSLETTER” – 28 GENNAIO 2015 ]
 
 
[ PARTE SECONDA ]
   
Arturo Stenio Vuono PER L’ITALIA E PER IL SUD !
Arturo Stenio Vuono
presidente Associazione Culturalsociale
—————————————————————————————-
GRECIA – HA VINTO LA SINISTRA RADICALE DI TSIPRAS 
 
 

IL COPIONE PREDISPOSTO – “…CAN CHE TROPPO ABBAIA NON MORDE…” MA C’E’ SEMPRE IL DIAVOLO CHE FA LE PENTOLE MA NON I COPERCHI…E COSI’… [ leggi il commento ]
 
—————————————————————————————-
Arturo Stenio Vuono  IL POST DEL PRESIDENTE
Arturo Stenio Vuono
presidente Associazione Culturalsociale
Napoli
( ATENE – domenica, 25 gennaio 2015 ) – Vince la sinistra radicale che assorbe interamente la protesta dei greci e che, nulla di nuovo sotto il sole ( la “scaletta è sempre – in ogni tempo – la stessa ), è subentrata alla potenziale rivolta. a sigla di << Alba Dorata >> , azzerata dall’esecutivo uscente con la scrematura  e la repressione – all’insegna di “Legge & Ordine” – del fronte antitroika.; e con l’isolamento di quei settori del centrodestra che, a riguardo dell’Europa, andavano assumendo una posizione << anti >> e << indipendente >>.e che hanno preso parte alle consultazioni con una propria lista, all’insegna dell’antiausterità e dell’antieuro. Il vincitore, preso in prestito – per trequarti – il programma antiausterità e per la sovranità di Marine Le Pen, onde affascinare le folle stremate dalle innumerevoli torchiature dei satrapi di Bruxelles e dei bankster, però non contro l’euro, ovviamente – antagonista e comunista – è sopratutto antipopulista e anti euroscettici. Rientra, di certo, a pieno titolo nella compagnia di bandiera che usa la preghiera al dio euro  “…nell’euro per l’euro e con l’euro…” l’ invocazione idolatra scimmiottante il rito della consacrazione, altro che nemico degli ueisti. Non a caso  il suo  referente in Italia, solo per dirne una,  è il Vendola ch’è sponsor di Prodi per il Quirinale ( assieme a grillini, minoranza del Pd e altri utili idioti , tutto un programma ). L’operazione è perfettamente riuscita. Governerà con molta facilità, da sinistra – evidentemente – verranno le adesioni che – allo stato – mancano per la maggioranza assoluta, sussidiato dal compromesso sul debito che Ue e Bce, e il Fmi, predisporranno alla bisogna. E non più tanto. Tutto ciò la dice lunga sull’accettazione – preventivata – quanto alla  reazione della Grecia, gettata sul lastrico.  IL COPIONE PREDISPOSTO – “…CAN CHE TROPPO ABBAIA NON MORDE…” MA C’E’ SEMPRE IL DIAVOLO CHE FA LE PENTOLE MA NON I COPERCHI…E COSI’…ha, invece, prevalso l’astuzia del vincitore che ha fatto correre sul suo conto la tranquillizzante velina di cui sinora abbiamo detto; un minuto dopo la vittoria, infatti, s’è avviato in direzione opposta e ha chiaramente caldeggiato l’appoggio e la collaborazione degli eletti della destra nazionalista e indipendente. Reggerà l’alleanza ? Forse che sì e forse che no ! 
Ma ne vedremo delle belle. A ben vedere è proprio il neo premier greco ad essere messo alla prova. Farà sul serio ? Forse che sì e forse che no !  Che dire ancora ? cosa aggiungere ? “Tutto a posto e niente in ordine”. E così sia ! Difficilmente i fatti ci smentiranno, Profezie ?

“AZIMIT” – LA PRESIDENZA

“….Quando mancano ormai poche schede per completare lo spoglio nelle elezioni politiche greche (19.466 sezioni scrutinate su 19.509) appare chiaro che il trionfatore Alexis Tsipras e il suo partito Syriza non hanno ottenuto la maggioranza assoluta. Secondo i dati diffusi dal Ministero degli Interni ellenico, Tsipras conquista finora il 36,34% e 149 seggi. Al secondo posto Nea Dimokratia del premier uscente Antonis Samaras col 27,81% e 76 seggi. Sette sono i partiti che entrano in Parlamento superando la soglia di sbarramento del 3%. Il partito filo-nazista Alba Dorata conquista il terzo posto nel paese con una percentuale del 6,28% …” [ LA PRIMISSIMA NOTIZIA SULL’ESITO DELLE ELEZIONI IN GRECIA – TRATTO DAL WEB ]

—————————————————————————————-
 
 LA CORSA PER IL COLLE
—————————————————————————————-
[ TRATTO DAL WEB ]
Ore decisive nelle consultazioni del premier Renzi sul prossimo nome per il Quirinale. Il capo del governo ha incontrato prima Alfano e Lupi (Ncd), poi l’ex segretario Pd Bersani (che a sua volta ha visto Speranza e Cuperlo), e a pranzo Berlusconi. A Palazzo Chigi anche l’ex presidente della Camera Casini. I parlamentari del M5S in assemblea scelgono la rosa di nomi da sottoporre alla rete. Lega e Fdi dicono no alla scheda bianca e candidano Vittorio Feltri.
Silvio Berlusconi a Palazzo Chigi per incontrare il premier Matteo Renzi e discutere con lui il candidato alla presidenza della Repubblica. Con il cavaliere, nella sede del governo Gianni Letta e Denis Verdini. Il pranzo tra il presidente del Consiglio e il leader di Forza Italia è durato circa due ore
.————————————————————————————————————————————————————
PRECIPITA CACCIA F-16 GRECO IN SPAGNA [ TRATTO DAL WEB ]
————————————————————————————————————————————————————

Un militare francese rimasto gravemente ferito ieri nell’incidente del caccia F-16 greco, precipitato in Spagna nella base aerea di Los Llanos durante un’esercitazione Nato, è morto oggi a causa delle ustioni riportate: lo riferiscono fonti del ministero spagnolo della Difesa. Sale cosi’ a 11 morti il bilancio della sciagura. I feriti sono 18, dei quali 12 italiani. Il militare morto era fra i cinque in prognosi riservata trasferiti al Centro Grandi Ustionati dell’ospedale La Paz di Madrid. Si chiamava François Combourie il militare francese morto oggi nell’ospedale madrileno di La Paz a causa delle gravi ustioni riportate nell’incidente dell’F-16 greco alla base Nato di Los Llano (Albacete), in Spagna. Sono nove i militari francesi morti nella sciagura, oltre ai due piloti greci ai comandi del caccia. Le condizioni del militare italiano e degli altri tre francesi ricoverati alla Unità Grandi Ustionati dell’ospedale La Paz restano “stabili” ma gravi, informano fonti del ministero della Difesa. Nell’ospedale di Albacete anche altri due militari francesi restano “stabili” ma gravi, mentre cinque feriti italiani sono ricoverati all’ospedale di Hellin (Albacete) in attesa di essere dimessi dopo una nuova visita medica alla quale saranno sottoposti nelle prossime ore. Il resto dei feriti è stato dimesso. Il ministro della Difesa, Pedro Morenes, ha visitato i feriti questa mattina nell’ospedale di La Paz. Il suo collega francese, Jean Yves Le Dria, arriverà a Madrid nelle prossime ore. Il ministro della Difesa ha decretato tre giorni di lutto per la sciagura di Los Llanos.

Pinotti: ‘Un velivolo italiano danneggiato’

A causa delle condizioni in cui si trova la linea volo del Tlp, transennata e non accessibile per i dovuti accertamenti, ha spiegato oggi al Senato il ministro della Difesa Roberta Pinotti, “al momento non è possibile valutare l’entità dei danni agli aeromobili. Tuttavia, osservando l’area dell’incidente, si può rilevare che sicuramente uno dei velivoli Amx dell’Aeronautica è rimasto danneggiato dalle fiamme che si sono sviluppate in seguito all’impatto al suolo del velivolo greco”. L’Italia partecipa al corso TLP in svolgimento con un distaccamento composto da 30 militari e 2 velivoli AMX del 51° Stormo di Istrana dell’Aeronautica Militare e con un distaccamento della Marina Militare composto da 38 militari e 5 velivoli Harrier AV-8B. Il Tactical leadership programme (Tlp) è un programma Nato di addestramento istituito nel 1978 in base ad un accordo sottoscritto da Spagna, Stati Uniti, Regno Unito, Francia, Belgio, Olanda, Grecia, Germania, Danimarca e Italia, che vi aderisce dal 1996 con cellule di velivoli dei Reparti dell’Aeronautica e della Marina militare. Il TLP fornisce due tipologie di corsi: quelli esclusivamente teorici, gli Academic Courses (AC) e quelli in volo, i Flying Courses (FC). Dal 2009 il TLP si svolge in Spagna presso la base aerea di Albacete. L’obiettivo del programma TLP è quello di incrementare l’efficacia delle operazioni aeree condotte dalle Forze Alleate e potenziare la cooperazione multinazionale nelle operazioni aeronautiche, promuovendo lo sviluppo delle abilità di leadership e delle capacità di analisi, pianificazione, esecuzione e valutazione di attività aeree. Nello specifico, l’attività in corso ad Albacete, prevista tra il 19 gennaio ed il 13 febbraio – ha concluso il ministro Pinotti al Senato – rientra nell’ambito della programmazione annuale di 4 sessioni di Flying Courses (FC) previste dalla Nato per il 2015 alle quali parteciperanno assetti delle linee aerotattiche dell’Aeronautica e della Marina.

Aperta inchiesta Difesa e Nato

Il ministero spagnolo della Difesa e la Nato hanno aperto un’inchiesta sull’incidente del caccia F-16 greco, precipitato ieri nella base aerea di Los Llanos (Albacete) durante un addestramento del Tactic Leadership Programm (Tlp) dell’Alleanza Atlantica, che ha provocato 10 morti e 19 feriti, dei quali 12 italiani. Lo si apprende da fonti del ministero della Difesa. Ieri un’inchiesta per accertare le cause della sciagura era stata aperta dalla polizia giudiziaria della Guardia Civile.

Nell’incidente aereo avvenuto ieri nella base spagnola di Albacete sono rimasti feriti 12 italiani, di cui uno grave, con ustioni sul 60% per cento corpo. Lo ha riferito il ministro della Difesa Roberta Pinotti al Senato che ha aggiunto come il ferito grave sta per entrare in sala operatoria. Degli altri feriti italiani, ha aggiunto il ministro Pinotti, sei sono lievi e rimangono in osservazione, gli altri già rientrati alla base. Il ferito grave e’ stato trasportato all’hospital la Paz di Madrid dove lo stanno raggiungendo i genitori. L’incendio sulla linea di volo ha causato – ha spiegato Pinotti – il decesso di 10 militari stranieri e il ferimento di almeno altri 25.

—————————————————————————————————————————————–
 
DA ROMA ( GIANCARLO LEHNER )
 
——————————————————————————————————————————————————————–
 
—-Messaggio originale—-
Da: giancarlolehner@hotmail.com
Data: 27/01/2015 12.59
A: ( . . . )
Ogg: Lehner: Bagnasco dopo don Seppia

Capisco che di questi tempi, a cominciare dal clero bergogliano, nessuno crede più nell’Onnipotente, tuttavia il cardinal Bagnasco, quello della foto con don Seppia, potrebbe almeno far finta di discettare di spiritualità e di mistero, piuttosto che farci balenare l’idea di una nuova Porta Pia, perseverando nel trito eloquio politichese e sindacalese.

Giancarlo Lehner
—————————————————————————————————————————————–
DA CATANIA ( VINCENZO MANNELLO )
—————————————————————————————————————————————–

——– Original Message ——–

Subject: Siria : BombObama ci riprova
Date: Sun, 25 Jan 2015 11:52:52 +0100
From: Vincenzo Mannello <info@vincenzomannello.it>
To: ( . . . )


Siria : rinfreschiamo la memoria !!
Se BombObama ed il suo seguito di servi UEisti ed arabi non avessero deciso di rovesciare il legittimo governo di Assad,oggi non saremmo a questo punto.
Per farlo hanno creato l’Isis ed armato terroristi di ogni genere nella speranza di ripetere in Siria quanto operato in Libia con Gheddafi,compreso il suo assassinio.
Hanno sbagliato i calcoli…grazie al radicamento popolare di Assad in gran parte del territorio siriano ed alla sostanziale compattezza e professionalità del suo esercito.
Nonché,per fortuna differentemente da quanto accaduto in Libia,in quanto la Russia e l’Iran hanno contribuito a respingere l’attacco liberalcapitalista ad un Stato laico e non fondamentalista.
Ieri gli Usa hanno inviato 400 soldati,sul campo,per sostenere i “ribelli”…ipocrita maniera di definire i loro alleati.
Ed ipocriti sono governo e media italiani che sostengono BombObama pure in questa pericolosissima “crociata” anti Assad….che, quanti non abbocchiamo alle menzogne,segnaliamo alla pubblica opinione.


Grazie per l’attenzione.
Vincenzo Mannello

 
———————————————————————————-
DA ROMA ( FILIPPO GIANNINI )
 
———————————————————————————
 

——– Original Message ——–

Subject: Articolo
Date: Mon, 26 Jan 2015 19:57:26 +0100
From: “Filippo Giannini” <fg@filippogiannini.it>
To: associazioneazimut@tiscali.it
Reply-To: filip.giannini@tiscali.it


Questo articolo sarà pubblicato su “Il Popolo d’Italia”.
 
 
 
 

Sono stato bocciato da Euclde

ANCORA  CERCO  CASA

di Filippo Giannini

    Anni fa scrissi per un periodico un articolo dal titolo “Chiederò venia a Euclide”. Con questo mio richiamo al grande matematico greco, enunciatore di tanti trattati di geometria, intendevo impostare un ragionamento così logico che  chiunque lo avesse letto non avrebbe che potuto condividere le mie idee.

   Il mio messaggio non fu recepito, evidentemente perché Euclide è così grande da riuscire a quadrare il cerchio ed io, tutt’al più, posso continuare a usare il compasso. Di conseguenza – e a ragione – il matematico greco mi ha bocciato.

   Ora, dopo aver lasciato passare molto tempo, proverò a presentarmi di nuovo agli esami con la speranza che la mia preparazione sia migliorata e che il mio pensiero, che mira ad essere geometrico, e anche se non tridimensionale, per lo meno sia a due dimensioni.

   La gente si allontana sempre più dalla politica, è scritto sui giornali o così è ripetutamente lamentato sia in TV che alla radio.

   Perché il cittadino soffre di questa repulsione?

   Perché tutti partiti sono uguali. Tutti ladri. Uno vale l’altro, non cambierà mai nulla. Si sente dire non da molti, ma da tutti, e chi può dare loro torto? Ogni dibattito politico è una farsa.

   Sì, sono un fascista…Alt! Completo e mi correggo: Sono fascista in quanto mussoliniano. Mussolini ci ha lasciato una serie di messaggi e programmi, moltissimi dei quali risultarono di innegabile successo. Uno di questi è un chiaro incitamento a riprendere il cammino da lì dove la forza dei nemici plutomarxisti lo costrinse ad abbandonarlo. Egli ammonì, con un pensiero ben conosciuto, ma  che è bene ricordare: <Il mondo, me scomparso, avrà bisogno ancora dell’idea che è stata e sarà la più audace, la più originale e la più mediterranea ed europea delle idee>. Certamente con ciò Mussolini non si riferiva all’idea di garantire il salario d’accesso ai giovani, oppure al controllo del flusso migratorio o a idee del genere che, anche se importanti, non sono tali da giustificare che per quell’idea più audace, più originale, centinaia di migliaia di italiani dettero la vita. No!

   L’idea alla quale si riferiva Mussolini era certamente più grandiosa. E ce l’ha indicata ripetutamente. Dapprima mettendoci in guardia sulla fallacia di uno Stato basato sui partiti (in pratica quello attuale e quello preesistente al 1922) che egli così bollò: <La corruzione non è NEL sistema, ma è DEL sistema>. C’è qualche lettore che può contestare questo asserto? Poi Mussolini ci indicò la strada: <O lo Stato fascista è uno Stato Corporativo, o non è uno Stato fascista>.

   Ecco la grande rivoluzione che ci è stata indicata della quale noi dovremmo essere gli eredi. Quale rivoluzione può essere più grandiosa di quella che si prefigge di cambiare un Sistema, di uno Stato in un altro Sistema in un altro Stato?

  Le credenziali della validità dello Stato Corporativo? Ecco quanto ha scritto Rutilio Sermonti: <Quando una fazione rivoluzionaria assume il controllo di una Nazione – come fu il Fascismo nel 1925, e il Bolscevismo nel 1918 – ha davanti a se due strade: l’una (quella imboccata da Lenin) consiste nel cancellare tutte le preesistenti strutture della società, sostituendovi di punto in bianco quelle concepite (senza alcun collaudo di esperienza) della propria ideologia; l’altra (quella imboccata da Mussolini) é quella – pur avendo ben chiara la meta – di applicare riforme incalzanti ma graduali, tali da non inceppare i meccanismi produttivi che tra l’altro, assicurano al popolo il pane quotidiano e alla Nazione l’indipendenza. Quale sia stata la strada migliore ce lo insegna la storia; il primo metodo regalò alla Russia quattordici lustri di fame e di crisi produttiva (…).Il secondo, senza ammazzare nessuno, permise all’Italia di aumentare costantemente la produzione, di nutrire quotidianamente 45 milioni di italiani, di superare brillantemente la grande crisi del 1929-1931, di risanare le finanze, e di difendere vittoriosamente la propria moneta (…).>.

   Nessuno, lo auguro, potrà contestare quanto asserito da Sermoni; anche se lo Stato Corporativo concepito dal fascismo era appena agli albori e doveva svilupparsi secondo quei dettami che lo studioso ha ben indicato: <applicare riforme incalzanti, ma gradualmente>.

   L’idea Corporativa si stava estendendo nel modo a tal punto che non è errato affermare che ci sia stata un’epoca fascista. Nel Portogallo di Salazar la dicitura Estrado Novo voleva ribadire la radicale rottura con il passato e affermare la nuova idea Corporativa. <Così giungiamo al 1933, all’anno XI del Fascismo: la figura di Mussolini grandeggia nel mondo, le idee fasciste varcano i confini invadendo l’Europa (…)> (G. Valentini, Il Corporativismo in Portogallo). Così questo Paese, sotto la guida di Antonio de Oliveira Salazar, dopo decenni di colpi di Stato, di carestie, e di situazioni finanziarie catatrofiche, <realizzò una notevole opera di risanamento finanziario (il bilancio portoghese fu pareggiato per la prima volta dopo il 1854>. Esattamente nella stessa situazione – se non più grave – si trovava la confinante Spagna. Dopo secoli di fame e miserie, dopo la guerra civile del 1936-39 <Il governo spagnolo ha mantenuto l’organizzazione sociale corporativa(comitati misti)instaurato da Primo de Rivera a somiglianza di quella italiana> (E.G. Caballero, Ripercussioni del Fascismo in Spagna). Come non ricordare el milagro argentino realizzato da Peron?

   Visto che siamo in argomento, chiedo agli storici di RaiBufala: perché nelle vostre acute dissertazioni non parlate mai del perché il Presidente F.D. Roosevelt, nel 1934, quando un americano su quattro era disoccupato, inviò in Italia Tugwell e Moley, due fra i più preparati uomini del Brain Trust con l’incarico di studiare il miracolo italiano. Al termine della visita, sul suo Diario, Rexford Tugwell, fra l’altro,  annotò: <(…) il campione di macchina sociale (italiana) è la più efficiente che abbia mai visto>. Esattamente come oggi, vero bufolari di tutte le angolazioni? È superfluo ricordare che solo al ritorno dei due Cervelloni in America, F.D. Roosevelt firmò il First New Deal, e il Second New Deal venne firmato nel 1934-36.

   Certamente i governi a  ispirazione fascista e i partiti a orientamento corporativo, che videro la luce in decine di Paesi, avevano programmi diversi, perché diverse erano la storia e le situazioni  sociali-economiche rispetto a quelle italiana, ma i principi di base erano quelli del fascismo di Mussolini.

   E oggi? Dove sono finite quelle idee? <Le hanno dimenticate quegli stessi (cioè “Noi”, nda) che si sono considerati gli epigoni dell’idea del Fascismo e della Repubblica Sociale>. Questo è il duro rimprovero di Manlio Sargenti, che lanciò con amarezza, poco prima della sua morte.

   Spero questa volta di aver dato geometricità al mio pensiero e di trovare, non solo l’approvzione di Euclide, ma anche, prima o poi, quella casa nella quale mi riconosco, il cui edificio, che sia chiaro, deve poggiare su solide strutture portanti corporative. 

————————————————————————————————————————————————————————–

DA BOLOGNA ( NINO LUCIANI )

————————————————————————————————————————————————————————–

—-Messaggio originale—-
Da: nino.luciani@alice.it
Data: 26/01/2015 20.12
A: <universitas2@universitas.bo.it>
Ogg: UNIVERSITAS News, Edizione gratuita di gennaio 2015

___________________
UNIVERSITAS  News
Foglio Indipendente on Line
Sede in Bologna, via Titta Ruffo 7
NINO LUCIANI**, Direttore responsabile
Tel  347 9470152

– Ai Colleghi universitari in Italia e nel mondo
– Ad Altri cittadini, ovunque interessati

E’ uscita la Edizione di gennaio 2015.
Clicca su: http://www.universitas.bo.it/

ARGOMENTI :

1)  Comitato RODOTA’ avvia referendum per abolire “pareggio del bilancio” in Costituzione.
LUCIANI: La fabbricazione aggiuntiva di Euro (Qe) va nella logica del deficit spending, ma J. Stigliz ci dice che la UE ha fallito per difetti di “struttura bancaria” (la BCE non e’ “banchiere di ultima istanza”). Dunque il deficit spending, senza l’ombrello della BCE, non e’ quello di Keynes. Discutiamo come applicare correttamente il deficit spending  (NO TAX ?)
Adesso la vittoria di TSPRAS ci fa ricordare che l’Italia, nel suo semestre europeo, ha perso l’occasione d’oro di ridiscutere il Trattato di Mastricht, nonostante le parole anti-austerity.
CLICCA SU:  http://www.universitas.bo.it/INDEX.html#HOME – 2015

2) Il Presidente dei Rettori, Paleari, ridotto a scrivere a Il Sole 24 ORE: “Il Premier Renzi ha detto che “vuole una Universita’ che sia il motore della crescita economica e che sia parte della soluzione e non uno dei problemi dell’Italia”.
LUCIANI:  Più che pietire, SERVE:
a) non subire il calcolo del costo standard, fino a contrastarlo per varie illegittimita’ presso la magistratura costituzionale, via TAR;
b) e ri-creare una azione universitaria unitaria (vedi PIERO TOSI). Chi era costui ? Non dobbiamo dimenticare.
CLICCA SU:  http://www.universitas.bo.it/STATO%20Giuridico.htm#STATO GIURIDICO

3) Inaugurazione dell’anno accademico unibo, presente Matteo Renzi. In realta’, e’ proposto dal rettore Dionigi (non rieleggibile) un programma per la elezione del nuovo rettore di Bologna. Il rettore propone “no tasse” per gli studenti della laurea triennale ( ma non fa il rendiconto… ne’ dice una parola su domande rimaste celate, tipo: fondazione alma mater, alma mater srl, ceub).   DUE INTERVENTI DI GIANNI PORZI.
CLICCA SU: http://www.universitas.bo.it/FORUM3.htm#FORUM 3

4)  Le “probabili” 15 malattie della Curia, secondo il papa : 1. Sentirsi “immortale”, “immune” o addirittura “indispensabile”.2. Martalismo, o eccessiva operosita’. 3. Impietrimento mentale e spirituale. 4. Eccessiva pianificazione e funzionalismo spirituale. 4. Eccessiva pianificazione e funzionalismo. 5. Cattivo coordinamento. 6. Alzheimer spirituale. 7. Rivalita’ e vanagloria. 8. Schizofrenia esistenziale. 9. Chiacchiere, mormorazioni e pettegolezzi. 10. Divinizzare i capi. 11. Indifferenza verso gli altri. 12. Faccia funerea. 13. Accumulare. 14. Circoli chiusi 15. Profitto mondano, esibizionismi.
LUCIANI: Caro papa, vorrei solo dirti …
CLICCA SU: http://www.universitas.bo.it/FORUM4.htm#FORUM 4

5) Lino RIZZI, COSA VOTIAMO QUANDO VOTIAMO ? Se non scegliamo quelli che ci governano, per che cosa dovremmo votare? Concedere un mandato significa aprire al candidato un credito di fiducia che da’ autorevolezza ad un governo. Il mandato elettorale e’ libero da vincolo formali, ma si fonda sulla fiducia dei cittadini, non sulla fedelta’ al capo. Questa deriva sostituisce alla democrazia rappresentativa un regime fondato sull’acclamazione forzosa di  candidati ignoti.  Verso un potere che non sia stato legittimamente eletto, e che per di piu’ governi contro l’interesse dei più, abbiamo l’obbligo costituzionale di disobbedire.
CLICCA SU:  http://www.universitas.bo.it/FORUM1.htm#FORUM 1

.
6) Nel secondo anniversario del XIX congresso della dc del 2012 (poi annullato dalla magistratura), che elesse Gianni Fontana, Segretario,  un gruppo di lavoro ha messo a punto una road map  per la riorganizzazione della dc.
Dal verbale della riunione, le indicazioni sono state di “rifare il XIX congresso della dc,  ma transitando per l’assemblea dei soci, in base al codice civile”, e assumere come primo compito la modifica dello statuto, in base al codice civile.
Verso questo obiettivo, un passaggio intermedio, proposto, e’ un dibattito sul codice di comportamento di G. Gonella, 1982, qui pubblicato.
CLICCA SU:  http://www.universitas.bo.it/FORUM2.htm#FORUM 2

7) Per il CIPUR: trovata una lettera di Manzini, che era rimasta segreta. Dentro il Tribunale di Perugia, Sentenza n. 109/11, in data 27/1/2011, che riammise il prof. Nino Luciani nel Cipur.
CLICCA SU:  http://www.universitas.bo.it/INDEX.html#Tribunale di Perugia 

—-Messaggio originale—-
Da: nino.luciani@alice.it
Data: 27/01/2015 11.24
A: <impegno-dc-dint-808@impegnopoliticocattolici.bo.it>
Ogg: segnalazione di un articolo sulla DC, e altro.

Centro studi per l’ IMPEGNO Politico dei CATTOLICI
http://www.impegnopoliticocattolici.bo.it/
Sede in Bologna, via Titta Ruffo 7 – 347 9470152
Prof. NINO LUCIANI, Direttore responsabile
nino.luciani@alice.it

Oggetto: in preparazione una domanda, al tribunale, di convocazione della assemblea dei soci della dc

– Agli amici della DC
– A interessati, vicini alla DC

Cari Amici,
vi  segnalo un articolo sulla dc, nel Foglio On Line, Universitas News (clicca su:http://www.universitas.bo.it/FORUM2.htm#FORUM 2     )
Ivi si fa riferimento:
1)  al verbale di un Gruppo di lavoro, con il progetto-proposta per  “rifare il XIX congresso della dc,  ma transitando per l’assemblea dei soci, in base al codice civile”, e assumere come primo compito la modifica dello statuto, in base al codice civile.
2) al codice di comportamento di G. Gonella, come viatico, e che ivi viene ripubblicato ;
3)  Viene ripubblicato, con fotografie, anche un servizio sul XIX congresso del 2012, poi annullato dalla magistratura ( http://www.universitas.bo.it/FORUM4.htm#Congresso  ).
Gli amici iscritti dc, degli anni 1990-91-92-93, interessati a saperne di piu’, possono scrivermi: nino.luciani@alice.it
Cordialita’. Nino Luciani


————————————————————————————————————————————————————————–

DA ROMA ( MOVIMENTO PRIMA L’ITALIA )

————————————————————————————————————————————————————————–

——– Original Message ——–

Subject: PRIMA L’ITALIA 8 FEBBRAIO – LETTERA + SAVE THE DATE
Date: Mon, 26 Jan 2015 20:02:27 +0100
From: “Segreteria Prima l’Italia” <segreteria.primalitalia@gmail.com>
To:  



Il Movimento Prima l’Italia, nato circa due anni fa, ha organizzato per Domenica 8 Febbraio (ore 10.30, Cinema Adriano Piazza Cavour – Roma) un incontro aperto dedicato alla riaggregazione delle tante diaspore della Destra.

Si tratta di un primo appuntamento  rivolto a coloro che hanno a cuore il destino dell’Italia ed alcuni valori fondanti e non negoziabili, per verificare se esiste un bisogno diffuso di ritrovare una” Casa Comune “.

E’ solo un’ occasione di confronto e di dialogo rivolto anche a chi non è impegnato politicamente o ha smesso di esserlo, senza preclusioni né rendite di posizione.

Ci permettiamo di inviarLe  la locandina di invito e in allegato la “Lettera Appello” che stiamo diffondendo per presentare l’iniziativa.

Ci teniamo al Suo giudizio sullo spirito e sui contenuti dell’iniziativa ed alla Sua presenza all’incontro. Qualora fosse interessato a partecipare La preghiamo di confermare la Sua presenza rispondendo a questa mail in modo da poterLa accreditare.

La ringraziamo per l’attenzione e ci auguriamo di vederLa presto in questa o in altra occasione.

Segreteria Movimento Prima l’Italia

mail: segreteria.primalitalia@gmail.com

 

——————————————————————————————————————————————————————–

GLI UMORI DEL POPOLO DI FACEBOOK

——————————————————————————————————————————————————————–

———————————————————————————————————————-
GLI UMORI DEL POPOLO DI FACEBOOK
———————————————————————————————————————-
CONDIVIDI SE ANCHE TU VUOI DI NUOVO LA LIRA!Lira, mia cara lira, Quanto ci manchi. Sei sempre nei nostri pensieri, sperando tu possa tornare presto spaccando definitivamente l'euro che sta tartassando il nostro popolo. Prodi e "compagni" carissimi ( troppo cari ) avete distrutto la nazione. Siete responsabili della morte di coloro che hanno ceduto e si sono arresi.Fuori dalle scatole!
 

CONDIVIDI SE ANCHE TU VUOI DI NUOVO LA LIRA!

Lira, mia cara lira,
Quanto ci manchi. Sei sempre nei nostri pensieri, sperando tu possa tornare presto spaccando definitivamente l’euro che sta tartassando il nostro popolo. Prodi e “compagni” carissimi ( troppo cari ) avete distrutto la nazione. Siete responsabili della morte di coloro che hanno ceduto e si sono arresi.
Fuori dalle scatole!

 
——————————————————————————————————————————————————————————————–
DA NAPOLI ( FINMECCANICA )
 
——————————————————————————————————————————————————————————————–

——– Original Message ——–

Subject: Finmeccanica, Stefano Caldoro convoca i sindacati
Date: Sat, 24 Jan 2015 17:16:28 +0000
From: Aerospaziocampania/aeropolis <dsalenia@gmail.com>
To: <associazioneazimut@tiscali.it>


Per leggere la Newsletter sul WEB 

NEWSLETTER N°32 – 24 gennaio 2015

[ PER LEGGERE TUTTO – CLICCA LINK ]
 
——————————————————————————————————————————————————————————————–
DA NAPOLI ( GAETANO DANIELE – LINK )
 
——————————————————————————————————————————————————————————————–
 
 
 
 
 


Visualizza post su Facebook · Modifica impostazioni e-mail · Rispondi a questa e-mail per aggiungere un commento.

——————————————————————————————————————–
DA  CENTRO INIZIATIVE PER LA VERITA’ E LA GIUSTIZIA  – SE SEI INTERESSATO VAI AL SITO

——————————————————————————————————————–

——– Original Message ——–

Subject: Fwd: CIVG Informa N° 55
Date: Mon, 26 Jan 2015 14:59:31 +0100
From: “info@civg.it” <info@civg.it>
To: CIVG <info@civg.it>


——– Original Message ——–

Subject: Fwd: CIVG Iniziative – Pubblicazione libro sull’Ucraina
Date: Tue, 27 Jan 2015 09:08:01 +0100
From: “info@civg.it” <info@civg.it>
To: CIVG <info@civg.it>


——————————————————————————————————————-
DA NAPOLI ( NEO BORBONICI )
[ tratto da messaggio “postato” su facebook ]

——————————————————————————————————————–

foto di Fondazione Francesco II Di Borbone.

——————————————————————————————————————————————————————————

REPORT FOTO DALLE CALABRIE ( STENIO VUONO DA COSENZA )
SUL CONVENTO DEI FRATI CAPPUCCINI DELLA RIFORMA
[ foto visionabili tra breve in rete e con nostra successiva E.mail ]
fra Felice fra Umile
 
—————————————————————————————————————————————————————————–

——– Original Message ——–

Subject: foto
Date: Sun, 25 Jan 2015 09:36:56 +0000 (UTC)
From: stenio vuono <stevu48@yahoo.it>
To: “arturo s. vuono” <associazioneazimut@tiscali.it>, ( .. . . )


i frati cercatori della Riforma: Frà Felice  e Frà Umile

fra Felice fra Umile
——————————————————————————————————————-
DALLE CALABRIE ( MESSAGGIO “POSTATO” SU FACEBOOK )

——————————————————————————————————————-

“.interessante!!!!!

INVECE MUSICA nella LOCRIDE – ARDORE MARINA 14 Agosto 2009 – MATTANZA – calabrisella mia… (ulteriori informazioni) (meno informazioni)
youtube.com
 
——————————————————————————————————————–
 

——– Original Message ——–

Subject: [Evento] I diritti umani in Cina e la battaglia per la vita e la famiglia nel mondo (diretta streaming). Per il 2015 la Cina ordinerà vescovi indipendenti contro la Santa Sede. Miniere cinesi, minaccia all’ecosistema e alla vita dei tibetani.
Date: Sun, 25 Jan 2015 15:27:09 +0000
From: Laogai Research Foundation <info@laogai.it>
To: associazioneazimut@tiscali.it


[Evento] I diritti umani in Cina e la battaglia per la vita e la famiglia nel mondo (diretta streaming). Per il 2015 la Cina ordinerà vescovi indipendenti contro la Santa Sede. Miniere cinesi, minaccia all’ecosistema e alla vita dei tibetani.

 
 
associazioneazimut@tiscali.it

[ PER LEGGERE TUTTO – VAI AL TERMINE DEL SERVIZIO –dopo la locandina redazionale ]

 
——————————————————————————————————————–

——– Original Message ——–

Subject: [Evento] I diritti umani in Cina e la battaglia per la vita e la famiglia nel mondo (diretta streaming). Per il 2015 la Cina ordinerà vescovi indipendenti contro la Santa Sede. Miniere cinesi, minaccia all’ecosistema e alla vita dei tibetani.
Date: Sun, 25 Jan 2015 15:27:09 +0000
From: Laogai Research Foundation <info@laogai.it>
To: associazioneazimut@tiscali.it

[ PER LEGGERE TUTTO – VEDI : SOTTO )

( IL SERVIZIO VOLGE AL TERMINE – A PRESTO SENTIRCI ! )


[Evento] I diritti umani in Cina e la battaglia per la vita e la famiglia nel mondo (diretta streaming). Per il 2015 la Cina ordinerà vescovi indipendenti contro la Santa Sede. Miniere cinesi, minaccia all’ecosistema e alla vita dei tibetani.

Problemi di visualizzazione? Prova a visualizzare la newsletter nel tuo browser.

 
---

I diritti umani in Cina e la battaglia per la vita e la famiglia nel mondo

Il Presidente Toni Brandi e il Direttore Responsabile della Laogai Research Foundation Gianni Taeshin Da Valle saranno i relatori di una conferenza che si terrà presso il Teatro della Parrocchia Santa Ritagiovedì 5 febbraio alle ore 21.15 in Via dei Lecci 95, Viareggio.

Leggi tutto.

Diretta streaming

La Laogai Research Foundation utilizza la TV del futuro. Segui i suoi interventi in diretta streaming sulla pagina www.laogai.it/diretta-streaming/ e con un semplice click ti trovi comodamente seduto a partecipare all’evento.

---

CINA-VATICANO: per il 2015 la Cina ordinerà vescovi indipendenti contro la Santa Sede. Possibili reazioni dei cattolici

L’amministrazione statale per gli affari religiosi ha lanciato il piano di lavoro che prevede nuove ordinazioni senza mandato papale. Cancellati gli ammorbidimenti di Pechino verso la Santa Sede. Già ora i fedeli si rifiutano di partecipare alle cerimonie dei vescovi illeciti. Un ritorno alla politica maoista: l’ideale del Partito è distruggere le religioni. La campagna anti-corruzione di Xi Jinping non ha ancora toccato la corruzione dell’Associazione patriottica e del ministero degli affari religiosi, che hanno rubato 13 miliardi di euro.

Leggi tutto.

---
TIBET: Miniere cinesi, minacciaall'ecosistema e alla vita dei tibetani

TIBET: Miniere cinesi, minaccia all’ecosistema e alla vita dei tibetani

Nuove proteste nella provincia di Qinghai contro le operazioni minerarie. La popolazione locale denuncia la deforestazione delle montagne e l’inquinamento dei corsi d’acqua. La connivenza tra i proprietari degli impianti e l’amministrazione locale e centrale.

Leggi tutto.

---
Il mancato rispettodei diritti umani non frena l'export cinese

Il mancato rispetto dei diritti umani non frena l’export cinese

La rete prevede la crescita del peso di Pechino nell’economia globale, nonostante restino ampie le distanze istituzionali con il resto del mondo. La svalutazione dello yaun spingerà le vendite all’estero.

Leggi tutto.

---
Cina:

Cina: “assistenza psichiatrica” per i critici del governo

Secondo un recente rapporto la pratica di rinchiudere chi sfida il Partito Comunista Cinese in istituti psichiatrici è diventato un abuso endemico dei diritti nel sistema giuridico del paese.

Leggi tutto.

---
La Cina rafforza sempre più la presasull’Italia

La Cina rafforza sempre più la presa sull’Italia

MILANO. – La Cina rafforza la presa sull’Italia. People’s Bank of China ha messo a segno un altro acquisto sul listino di Piazza Affari, rilevando un pacchetto del 2% circa di Terna.

Leggi tutto.

---
Agromafie, Coldiretti-Eurispes: false eccellenze Made inItaly oltre 60 mld. Coldiretti denuncia pomodori cinesi coltivati nei Laogai

Agromafie, Coldiretti-Eurispes: false eccellenze Made in Italy oltre 60 mld. Coldiretti denuncia pomodori cinesi coltivati nei Laogai

Fino ad ora delle infiltrazioni criminali di Expo 2015 dedicato a “nutrire il pianeta, energia per la vita” si è parlato in buona parte solo in termini di “appalti truccati”, “tangenti” ed “intollerabili ritardi” ma il nostro Paese è sotto tiro da parte di organizzazioni criminali nazionali e transnazionali in grado di movimentare nel giro di pochi secondi ingentissime risorse finanziarie derivanti da traffici illeciti planetari di ogni tipo e natura, e tra questi anche traffici illegali di alimenti.

Leggi tutto.

---

Continua a seguirci anche sui social network

---

FINE SERVIZIO

[ PARTE PRIMA – CONTINUA ] 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...