ALTO GRADIMENTO PER LA NOVELLA VERITA’ ‘ZU FRANCISCU. ( L’ALTRA STORIA ) E OMAGGIO AI NOSTRI VISITATORI E LETTORI CALABRESI SPECIALE VIDEO


ALTO GRADIMENTO PER LA NOVELLA VERITA’ ‘ZU FRANCISCU. ( L’ALTRA STORIA ) E OMAGGIO AI NOSTRI VISITATORI E LETTORI CALABRESI SPECIALE VIDEO [ AGOSTO 2015 ]

[ “AZ.” ] ALTO GRADIMENTO PER LA NOVELLA VERITA’ ‘ZU FRANCISCU. ( L’ALTRA STORIA ) E  OMAGGIO AI NOSTRI VISITATORI E LETTORI CALABRESI SPECIALE VIDEO [ AGOSTO 2015 ]
 
——————————————————————————————————–
FUORISACCO
——————————————————————————————————–
 
RENZI – FINE DELLA CORSA ? ALTRO TURNO, ALTRO GIRO !
SI PREPARANO A SBARAZZARSI DEL MATTEO…..
 
[ TRATTO DAL << Secolo d’Italia” ]
 
 
 
——————————————————————————————————–
IL SERVIZIO ODIERNO
——————————————————————————————————–
 
“Azimut” – il presidente Arturo Stenio Vuono
 
A distanza di circa due anni : spigolando in rete, per una felice coincidenza, abbiamo ripescato un servizio interessante in cui, tra l’altro, pubblicammo l’articolo ( tratto dal “Roma” di Napoli )  dell’amico Vincenzo Nardiello sul vero significato del 4 Novembre; che, oggi, trova non solo sostanziale conferma e documentazione, grazie al lavoro del nostro collaboratore online da Cosenza – Giancarlantonio Olivieri – ,  ma certifica la validità d’una tesi – controcorrente – sulla Grande Guerra che sarà, d’ora innanzi, assai difficile, se non impossibile, demolire; e, ciò, per la diretta testimonianza che, a suo tempo, rese l’umile fante calabrese – accompagnata dai tanti fatti inediti e sconosciuti – che “Azimut” ha avuto la fortuna di mandare in rete, con cinque puntate, registrandosi l’alto gradimento per la novella verità.Per tutti noi, e per l’autore di ‘Zi Franciscu. ( l’altra Storia ), in verità, una grandissima soddisfazione. 
 
LINK 2013 – con articolo Vincenzo Nardiello

CANTIERE – ITALIA IN DISARMO TEMPO DI LUPI E … 

02 nov 2013 – 23/mag/2013 – https://azimutassociazione.wordpress.com : Associazione “Azimut” Anteprima di web : Associazione CulturalSociale “Azimut” …

CANTIERE – ITALIA IN DISARMO TEMPO DI LUPI E … 

02 nov 2013 – Posts about CANTIERE – ITALIA IN DISARMO TEMPO DI LUPI E AVVOLTOI … wp.me/p2IJHA-108Associazione Azimut 2 days ago …

 
LINK 2015 – con ‘Zu Franciscu. ( l’altra Storia )

Associazione Azimut – WordPress.com 

Raccolta di e-mail dell’Associazione Culturale Azimut (per Production Reserved) … DELL’ITALIA NELLA GRANDE GUERRA E DALLA LEGGENDA DEL PIAVE.

Hai visitato questa pagina.
———————————————————————————————————————————————————————————
[ DA “AZIMUT ARCHIVIO ONLINE” : 2 NOVEMBRE 2013 ]
——————————————————————————————————–

  

https://azimutassociazione.wordpress.com

 UNA BUONA LETTURA !

  https://azimutassociazione.wordpress.com

IL 4 NOVEMBRE – DECISIVI I NAPOLETANI : GRAZIE A E.A. MARIO E AL GENERALE DIAZ FINIVA LA GUERRA FRATRICIDA E NASCEVA LA PATRIA. – LA DATA CHE UNI’ GLI ITALIANI

di Vincenzo Nardiello

Per molti, ma non per tutti. Complici scorie ideologiche e battaglie politiche, le feste nazionali sono da sempre oggetto di divisione più che di unione. Il concetto di « guerra civile della memoria », entrato di diritto nel dibattito storiografico, sta a simboleggiare proprio il carattere divisivo di certe celebrazioni italiche. Ecco perché, in una Nazione perennemente afflitta dalla malattia della fazione, è oggi più che mai importante celebrare il 4 novembre. Una festa corale e condivisa. La festa di tutti gli italiani. Delle Forze Armate, che il 4 novembre 1918 conquistarono la Vittoria, ma anche del popolo che lavorò e soffrì nelle retrovie in simbiosi con i suoi soldati al fronte della Grande Guerra. La festa dell’orgoglio di una Nazione che, messa in ginocchio a Caporetto, seppe riscattarsi a Vittorio Veneto.
Già nell’Ottocento, uno dei fondatori della sociologia, il francese Emile Durkheim, osservava che « non può esservi società che non senta il bisogno di conservare e rinsaldare a intervalli regolari i sentimenti collettivi e le idee collettive che costituiscono la sua unità e la sua personalità ». Ebbene, a differenza delle altre date simbolo della nostra storia nazionale – dal 17 marzo al 2 giugno, passando per il 25 aprile – il 4 novembre è l’anniversario non divisivo di una pagina il cui significato è ormai riconosciuto come centrale nella creazione dell’identità italiana. La ragione è semplice: fu sul Carso che per la prima volta gli italiani presero coscienza di esistere come comunità di destino, si parlarono e insieme s’immolarono in trincea in difesa della Patria. Nasceva un’Italia a ben vedere molto diversa da quella sorta nel 1861: piemontesi e siciliani, liguri e campani, lombardi e calabresi si erano sparati addosso nel compimento di un’unità bagnata dal sangue di una guerra che fu fratricida e continuò a esserlo anche dopo la cessazione delle ostilità. All’ombra della legge Pica sarebbero fiorite inenarrabili violenze in una terra, quella meridionale, che non avrebbe mai più dimenticato. Emigrazione e resistenza armata sarebbero state le due facce di una memoria offesa, derisa, che spacciava conquistatori per liberatori e degradava al ruolo di volgari banditi chi aveva ritenuto di difendere la propria terra, le proprie tradizioni, la propria libertà da coloro che considerava alla stregua d’invasori. Una memoria divisa e divisiva dunque, in cui una larga fetta di popolo non riusciva a identificarsi. Sarebbe stato invece proprio un napoletano, E.A.Mario, a scrivere la celeberrima “Leggenda del Piave” che accompagnò sui campi di battaglia la riscossa dei nostri soldati. Parole e musica che un altro partenopeo illustre della Grande Guerra, il Duca della Vittoria Armando Diaz, avrebbe definito così in uno storico telegramma: « Mario, la vostra Leggenda del Piave al fronte è più di un generale! ». A Vittorio Emanuele III, che volle conoscere quell’autore straordinario, il 25 novembre 1921 E.A Mario spiegò così i suoi versi: « Io non rappresento che la canzone di Napoli, non sono che un’espressione del sentimento popolare. Non ho fatto altro che trascrivere, fermandola in note musicali, l’onda fervida di un sentimento palpitante nell’aria ».
Non è un caso, come ricorda Maurizio Ridolfi nel suo “Le feste nazionali”, che « la data del 4 novembre è l’unica presente nei calendari civili dei sistemi politici – liberale, fascista, repubblicano – che si sono susseguiti nell’Italia del ventesimo secolo ». Nulla sarebbe stato più come prima. Gli italiani assunsero una nuova consapevolezza di se stessi e delle loro possibilità. Non sempre ne avrebbero fatto buon uso, ma ciò nulla toglie al carattere di spartiacque, grandioso e tragico, di quegli avvenimenti.
Parole che alle orecchie di un giovane, oggi culturalmente – prima ancora che cronologicamente – così lontano da quegli eventi eccezionali e terribili, potrebbero suonare come vuota retorica o,  peggio, bieco militarismo di ritorno. Così non fu allora. Così non è oggi.
Lo testimonia il fatto che non esiste Comune, grande o piccolo che sia, che non ricordi con un monumento, un parco o una semplice lapide i propri caduti della Grande Guerra. Senza distinzioni di colore politico o appartenenza geografica. Nonostante questo immenso patrimonio storico-artistico sia spesso abbandonato all’incuria da una classe dirigente dalla memoria corta, esso sta lì, irremovibile e ostinato, a ricordare tenacemente a tutti noi che il 4 novembre nacque la Patria. Onoriamola.
———————————————————————————————————————————————————————————

azimutassociazione@libero.it
Data: 31-lug-2015 22.08
” Ferruccio Massimo Vuono”<massimovuono@libero.it>
OMAGGIO AI NOSTRI VISITATORI E LETTORI CALABRESI SPECIALE VIDEO [ AGOSTO 2015 ]
——————————————————————————————–
DA “AZIMUT ARCHIVIO ONLINE” ( vedi : sotto )
——————————————————————————————–

OMAGGIO AI NOSTRI VISITATORI E LETTORI CALABRESI SPECIALE VIDEO [ AGOSTO 2015 ]
 
   
 
  Associazione Culturalsociale “Azimut”
Napoli
associazioneazimut@tiscali.it – azimutassociazione@libero.it


UN LINK – CLICCA LEGGI ASCOLTA


azimutassociazione@libero.it
Data: 31-lug-2015 21.47
“Associazione Azimut”<associazioneazimut@tiscali.it>
da “Azimut – archivio online”


A M A R C O R D
 

“MITICA COSENZA”: memoria, radici, tradizioni e folklore, etc 

03 nov 2013 – DELLE CALABRIE E LA “MITICA COSENZA”: memoria, radici, tradizioni e folklore, etc. 3 novembre 2013 … Associazione Azimut NAPOLI.


Citta_Di_Cosenza
1 VOTE


associazioneazimut@tiscali.it – Saturday, November 02, 2013
 [  SPECIALE DI VIDEO – “Az.-News”: 4.11.’13 ]
Da: Ferruccio Massimo Vuono – massimovuono@libero.it – associazioneazimut@tiscali.it –  an.arenella@libero.it –  

DELLE CALABRIE E LA “MITICA COSENZA” : memoria, radici, tradizioni e folklore, etc.

[ VIDEO – “Az.-News”: 4.11.’13 ]

 UNA BUONA LETTURA !

  https://azimutassociazione.wordpress.com

 
ASSOCIAZIONE CULTURALSOCIALE “AZIMUT” NAPOLI
VISITA IL SITO
———————————————————-
ASSOCIAZIONE CULTURALSOCIALE “AZIMUT” NAPOLI
 direzione responsabile: presidenza Associazione
team azimut online:  Fabio Pisaniello webm. adm. des.
Uff. Stampa Associaz. “Azimut”:
Ferruccio Massimo Vuono

“Azimut” associazione – Via P. Del Torto n. 1 – 80131 Napoli

Telfax 081 – 7701332 Info 340 – 3492379
E.mail: an.arenella@libero.it (segreteria)-massimovuono@libero.it (ufficio stampa)

FINE SERVIZIO

Annunci

4 pensieri su “ALTO GRADIMENTO PER LA NOVELLA VERITA’ ‘ZU FRANCISCU. ( L’ALTRA STORIA ) E OMAGGIO AI NOSTRI VISITATORI E LETTORI CALABRESI SPECIALE VIDEO”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...