NELLA FESTA DELL’IMMACOLATA APRE IL GIUBILEO 2015 INTERVISTA AL VESCOVO DI SASSARI E LA DIFESA DEL PRESEPE


NELLA FESTA DELL’IMMACOLATA APRE IL GIUBILEO 2015 INTERVISTA AL VESCOVO DI SASSARI E LA DIFESA DEL PRESEPE 

LEGGI IL “SECOLO d’ITALIA”  E ALTRE NEWS
anteprima di web
[ “Azimut-Newsletter” : 7 Dicembre 2015 ]
 
SE TROVI SPAZI IN BIANCO  PROSEGUI UGUALMENTE – IL SERVIZIO CONTINUA
 
Associazione Azimut
Associazione Culturale Azimut
IN COPERTINA
 
Risultati immagini per immacolata concezioneRisultati immagini per giubileo 2015
————————————————————————————————————————————————————————-
 —-Messaggio originale—-
Da: ufficiostampalaboccetta@gmail.com
Data: 4-dic-2015 11.16
A: <azimutassociazione@libero.it>,
Ogg: Presentazione Libro.
Invito del 21.12.2015-001
Ave, o Maria, piena di grazia, il Signore è con Te. Tu sei benedetta fra le donne e benedetto è il frutto del tuo seno, Gesù. Santa Maria, Madre di Dio, prega per noi peccatori, adesso e nell’ora della nostra morte. Amen.
IN LATINO
Ave, Maria, gratia plena, Dominus tecum, Benedicta tu in mulieribus, et benedictus fructus ventris tui, Jesus. Sancta Maria, Mater Dei, ora pro nobis peccatoribus, nunc et in hora mortis nostrae. Amen.
 
Circa 34.900.000 risultati  (0,59 secondi) 

Risultati di ricerca

AVE MARIA – canto angelico – YouTube 

19 apr 2011 – Caricato da darioski

Il saluto angelico, Ave Maria, o Ave Maria (Latina) è una preghiera tradizionale cristiana per chiedere …

Ave Maria di Schubert – YouTube 

11 gen 2010 – Caricato da Susa… di una nostra artista della suggestiva e commovente Ave Maria di … possono eseguire le musiche …
————————————————————————————————————-
Tg4
 LA DIFESA DEL PRESEPE
 
Nei giorni della caldissima polemica sul presepe, scatenata dall’affairedella scuola di Rozzano, Mario Giordano, nel suo Tg4, prende posizione. Come? È presto detto: in studio compare un bel presepe, posizionato proprio accanto al conduttore del tg, nella fattispecieAngelo Macchiavello, che spiega in diretta: “Per noi le nostre tradizioni mai come in questo momento sono da difendere e così, da oggi e fino al 6 gennaio, troverete il presepio sempre qui, proprio per ricordarci questo”. Un messaggio a presidi, filo-islamici e a chi il Natale lo vuole cancellare.
——————————————————————————————————————————————————————————————–
 INTERVISTA AL VESCOVO DI SASSARI – TRATTO DAL WEB
———————————————————————————————————————————————————————
 
 
Il vescovo di Sassari: “A scuola entra chiunque ma non la Chiesa. Si accolgano tutte le religioni” Intervista con monsignor Paolo Atzei dopo le polemiche alla elementare di San Donato. “Il modello francese? Penso tutto il male possibile”
 
       
di Antonella Loi   –  Twitter: @an_loi

Una tavola rotonda a metà dicembre con “sindaco, imam, dirigenti scolastici e i ragazzi”: tutti insieme a parlare di accoglienza e integrazione. Il 15 di questo mese nella scuola elementare e primaria di San Donato a Sassari, si “porrà rimedio” alla decisione del collegio dei docenti di non accoglierel’arcivescovo, monsignor Paolo Atzei, nella visita pastorale pre-natalizia. “Abbiamo la metà di studenti non cattolici”, ha spiegato alla stampa la dirigente scolastica, Patrizia Mercuri, subito travolta da fiumi di inchiostro e relative polemiche, visto anche il tema “caldo”. Anche perché pochi giorni prima la bufera si era scagliata sulla scuola di Rozzano, poi rivelatasi una mezza bufala. Alla fine “l’incidente” di Sassari è rientrato? “Certamente: ma ho fatto tutto io, ho risolto tutto io. La direttrice era piuttostoin difficoltà”, spiega l’arcivescovo che raggiungiamo al telefono nel suo palazzo nel centro della città sarda. “Però – continua – mi faccia precisare una cosa”.

Dica.
“La prima cosa da correggere è che non c’è stato il collegio dei docenti. La professoressa ha contattato qualcuno dei docenti via mail o con il telefonino. Questi si sono sentiti in autorità di convincere la direttrice ad assumere quella posizione. E’ brutto dirlo, ma è così: lei non può prendere una decisione escludendo i genitori che sono il co-soggetto, insieme allo Stato, per la tutela dei diritti dei bambini”.

Cosa vede dietro questa decisione?
“Chiusura e imposizione della chiusura. Una non apertura a ciò che significa le rilevanza della Chiesa cattolica nel territorio. Soprattutto a San Donato, quartiere molto bisognoso. Dove opera la Caritas e dove la Chiesa ha proposto e portato avanti per anni la scuola della cittadinanza”.

Perché fare attività di culto nelle scuole pubbliche oltre che in chiesa?
“E’ il solito sbaglio: noi ci stiamo svendendo a tutto ciò che non è cattolico in Italia. Ed è una cosa assurda: vedremo scomparire la Chiesa da casa nostra senza neanche accorgercene”.

Addirittura?
“Questa è la dabbenaggine italiana, dove un’Europa e un’America stanno dettando una visione anche politica dell’uomo. Si rende conto lei che oggi abbiamo una visione dell’uomo dettata dall’agnosticismo e ateismo e un certo politicismo imperante? Questa visione becera dell’uomo è insopportabile”.

Per questo la Chiesa deve entrare a scuola?
“Noi ci basiamo sulle persone e sulle famiglie che ci danno il diritto di entrare nelle scuole. E perché l’Italia ha riconosciuto che questo è un fatto civile, storico e strutturante. Che poi nelle scuole, diciamolo, entrano cani e porci…”

Cioè?
“Di tutto e di più. Persone non autorizzate ad entrare, che invece entrano e dicono quello che vogliono”.

Ci faccia capire meglio.
“In una scuola una volta non mi hanno fatto entrare, hanno detto: oggi no. Senza nessuna spiegazione. Il giorno prima però c’era un giovane promotore di preservativi, ha capito?”.

In quale scuola?
“Era sarda, ma non voglio dirle quale perché non voglio andare a maciullare la scuola. Ci sono ideologie a monte. Ecco: questa è la scuola italiana”.

Insomma: lei nota resistenze nelle scuole pubbliche verso la Chiesa.
“Ci sono preconcetti assoluti. Ma l’ideologia che affibbiano alla Chiesa ce l’hanno loro. L’altro ieri la direttrice mi ha detto: però Padre Paolo, la tavola rotonda la facciamo noi, mi dica il tema qual ���, altrimenti… “

E’ la dirigente della scuola.
“Io le ho chiesto: professoressa ma lei è libera o raccomandata, di che cosa ha paura? Io dialogo con tutti e lei ha paura di un dialogo con me nella sua scuola? Ecco i preconcetti, il pregiudizio. Va bene: vorrà dire che usciremo allo scoperto come Chiesa sempre di più. E comunque il fatto che l’abbiano massacrata a certi livelli parla da sé”.

Lei dice che nelle scuola pubblica devono poter entrare tutti i religiosi. Quindi gli imam, i buddisti, gli induisti…
“Tutti coloro che possono fare cultura nella scuola. Non come fa l’università italiana che butta fuori la teologia. Siamo stati noi a creare a San Donato la scuola della cittadinanza e adesso ci hanno buttato fuori”.

Quindi secondo lei l’integrazione a scuola come si favorisce?
“Stando dentro la propria identità e confrontandosi con identità diverse nella ricchezza delle differenze”.

Tenere fuori i religiosi significa negare le identità?
“Significa essere beceri e ottusi nel capire che chiunque è portatore di cultura. Lo stesso imam di Sassari dice: che errore non aver accolto il vescovo”.

In Italia il dibattito è aperto. La Francia invece, che ha una cultura e un modello di integrazione diverso dal nostro, dice: fuori le religioni dalle scuole pubbliche.
“Non mi parli della Francia, lei lo sa come è nata la liberà in Francia?”

Da una rivoluzione.
“Ecco e lo sa quanta gente hanno ghigliottinato i francesi? La Francia con quello si è creata un futuro. E i musulmani, lo sa come li hanno trattati? Adesso ce li hanno in casa… ”.

Sta parlando della politica estera francese e del colonialismo?
“Sì parlo di tutto quello che è capitato negli ultimi settant’anni, in Algeria per esempio. Le banlieu non le ho mica inventate io”.

La Francia dove sbaglia?
“Sbaglia nel presumere che sia la patria della vera libertà. E sbaglia nell’assassinio dei suoi figli stessi. Quando ero vescovo a Tempio, sono stato invitato in Corsica per i 100 anni della Rivoluzione e per Napoleone. Ho detto: io non vado a festeggiare gente che ha ghigliottinato tutta la Chiesa cattolica”.

E’ storia: finirono alla ghigliottina re, regine e potentati oppressori del popolo. E tra questi la Chiesa.
“Vabé…”

Quindi, tornando alla scuola…
“Dove sta scritto che quella francese è la migliore idea? Della Francia penso tutto il male possibile. Restando in Italia il Concordato dice che la Chiesa a scuola ci deve essere”.

Il Concordato parla dell’insegnamento della religione cattolica, non delle visite del vescovo.
“Io non rivendico questo diritto. Dico solo che è cretinismo non accogliere, di fronte a cani e porci poi… ”.

Il crocifisso deve rimanere in classe?
“Non l’ho detto io, l’ha detto il grande Napolitano”.

Le leggi stanno al di sopra di Napolitano e delle opinioni personali: del crocefisso le leggi non parlano.
“Non sono opinioni personali, è una risposta data anche da chi di dovere, data dall’insegnamento della religione cattolica nelle scuole e data anche dall’importanza dei valori di fede all’interno della scuola”.

Quindi festeggiamo Natale e Ramadam?
“Certamente sì. Io sono il primo a fare gli auguri alla comunità musulmana. E faccio tutti i giorni attività di accoglienza con la mensa Caritas, incontrando i musulmani, parlandoci. Ieri mi hanno mandato un sms che diceva: che errore hanno fatto a non accogliere Padre Paolo che forse è l’unico uomo di dialogo nel quartiere. La scuola non è stata realistica. Tanto che la direttrice mi ha chiamato per chiedere conforto”.

Davanti alla scuola di Rozzano, in Lombardia, si sono radunati gruppi di genitori accompagnati da politici del calibro di Salvini e La Russa, che inneggiavano alle tradizioni cristiane. Poi però qualcuno di questi padri cristiani ha urlato contro un padre musulmano “tornatevene a casa vostra”. E’ un comportamento da cristiano?
“Il caso nostro però è diverso, non facciamo accostamenti. Di certo questi non li difendo io, perché la libertà deve essere libertà a tutto tondo”.

2 dicembre 2015
 
——————————————————————————————————————————————————————————–
ALTRE NEWS
——————————————————————————————————————————————————————————-

——– Original Message ——–

Subject: “Italiani” n. 174: RENZI E LA CULTURA
Date: Fri, 4 Dec 2015 21:55:04 +0100
From: archifress@tiscali.it
To: associazioneazimut@tiscali.it

( per leggere la rivista : in edicola oppure versione online )

——————————————————————————————————————————————————————————-
LEGGI IL “SECOLO d’ITALIA” – LINK
——————————————————————————————————————————————————————————

——– Original Message ——–

Subject: 5 Dicembre – Leggi le principali notizie di oggi
Date: Sat, 05 Dec 2015 05:17:03 +0100
From: “Secolo d’Italia” <newsletter@secoloditalia.it>
To: “associazioneazimut@tiscali.it” <associazioneazimut@tiscali.it>
Reply-To: newsletter@secoloditalia.it


Se non leggi correttamente questo messaggio, clicca qui


Questo testo viene mostrato quando l'immagine è bloccata
Sabato, 05 Dicembre 2015
Questo testo viene mostrato quando l'immagine è bloccata

Salgono Cinquestelle e Fratelli d’Italia, ferma la Lega, scende il Pd. L’ultimo sondaggio Ixè fotografa una situazione che va sempre più consolidandosi: il Partito democratico continua a calare, mentre il Movimento 5 Stelle non smette di salire. La possibilità che avvenga il sorpasso è molto remota, ma tutte le attenzioni si concentrano a questo punto sul possibile ballottaggio previsto dall’Italicum in cui invece, il M5S potrebbe spuntarla.

Questo testo viene mostrato quando l'immagine è bloccata
Questo testo viene mostrato quando l'immagine è bloccata
Questo testo viene mostrato quando l'immagine è bloccata
Questo testo viene mostrato quando l'immagine è bloccata
Questo testo viene mostrato quando l'immagine è bloccata
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Email
Facebook
Twitter
Google+
Secolo d’Italia
Registrazione Tribunale di Roma n. 16225 del 23/2/1976
​Redazione: Via della Scrofa, 39 – 00186 Roma
——————————————————————————————————————————————————————————
  
Associazione Azimut, Naples, Italy.  
  
 
FINE SERVIZIO –  A PRESTO !
 
ASSOCIAZIONE CULTURALSOCIALE “AZIMUT” NAPOLI
 direzione responsabile: presidenza Associazione
team azimut online:  Fabio Pisaniello webm. adm. des.
Uff. Stampa Associaz. “Azimut”: 
 
Ferruccio Massimo Vuono
 

Copyright 2015 .”Azimut” associazione All rights reserved.

DISCLAIMER
Costituzione della Repubblica Italiana Art. 21: Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione. Ai sensi della Legge 7 marzo 2001, n.62, il presente Sito, non rappresenta una testata giornalistica in quanto verrà aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale. Le immagini qui inserite sono nella maggior parte tratte da internet; se qualche immagine violasse i diritti d’autore, comunicatelo e sarà immediatamente rimossa. Gli Autori degli articoli dichiarano di non essere responsabili per i commenti inseriti nei post, ne per i contenuti dei link esterni, pur presenti in questo blog. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. A richiesta delle autorità il blog è tenuto a comunicare l’indirizzo IP di eventuale diffamatore. Quindi chi scrive accetta le condizioni di responsabilità per ciò che scrive.
Il proprietario del sito non è responsabile e non ha assoluto controllo sugli articoli di cui non è autore pertanto chiunque scriva in questo sito è ritenuto ed accetta implicitamente di essere legalmente responsabile di quanto sostiene e scrive.

Web Master: Admin

azimutassociazione@libero.it

“Associazione Azimut”<associazioneazimut@tiscali.it>

 
 
“AZIMUT” – LA POSTAZIONE TELEMATICA DELLA LIBERTA’
ASSOCIAZIONE CULTURALSOCIALE “AZIMUT”  NAPOLI – IN SITO WEB L’INFORMAZIONE ONLINE NON CONFORMISTA [ TRA CRONACA E STORIA ] CONTRO IL SISTEMA DELLA MENZOGNA ! ! !
 
“Azimut” associazione – Via P. Del Torto n. 1 – 80131 Napoli 
Telfax 081 – 7701332 Info 340 – 3492379
E.mail: an.arenella@libero.it (segreteria)-massimovuono@libero.it (ufficio stampa)
[per sostenere l’associazione-solo su su c/c  banc. intestato Arturo Stenio Vuono]
Iban IT74 YO1O 1003 4351 0000 0003 506  BIC IBSPITNA         Banco Napoli SpA Filiale Na. 35 Via Onofrio Fragnito nn. 28/52   80131 Napoli

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...