NATALE 2015 LA MIA CASA E’ LA MIA CHIESA CAPODANNO ED EPIFANIA ENTRA IL 2016 SENZATETTO NON DIMENTICHIAMOLI ! E ALTRE NEWS


NATALE 2015 LA MIA CASA E’ LA MIA CHIESA CAPODANNO ED EPIFANIA ENTRA IL 2016 SENZATETTO NON DIMENTICHIAMOLI ! E ALTRE NEWS

AUGURISSIMI
L’ANNO CHE SE NE VA…..ENTRA IL 2016
“…ogni Natale / nasce il Bambino / nasce per  i buoni / e per i cattivi / Ci abbraccia tutti / e  ci dona una speranza / ci benedice / e ci mostra la via / perciò (ri)solleviamoci / che inizia un’altro anno.”
 
 
OGGI – NATALE 2015 LA MIA CASA E’ LA MIA CHIESA CAPODANNO ED EPIFANIA ENTRA IL 2016 SENZATETTO NON DIMENTICHIAMOLI ! E ALTRE NEWS [ “Azimut-News” : 23.12.2015 ]
 
IL POST SU FACEBOOK (DALLA FAMIGLIA OLIVIERI – COSENZA E LA POESIA )
 
 
LA POESIA DI NATALE 2015 – [ “AZIMUT” ] – Come ogni anno. Dal nostro collaboratore online – dalle Calabrie ( Cosenza )-Olivieri Giancarlantonio 
 
[in vernacolo calabrese -con traduzione: vedi oltre
 
ci scusiamo se non perfetta]

Natale duemilaquindici

 

Stanotti aiu fattu propriu

nù bruttu suonnu

chiri ca ti fannu scantrà

lassanuti n’anticchia conturbato

 M’aiu sunnato ca li governanti

avianu emanatu nu decretu

ca  bannava du’ munnu lu presepiu,

picchì eversivo e antisociale

 

S’avia d’ arrestà chin’ù facia

sciullà tutti li corpi du reatu e

requisì nascite e Bommini,

ppì defenne l’ordine e rà pace

 

Dalla tv granni prufìssuori cu i

progressisti e ancunu prievitu

s’eranu tutti quann’ammuinati

ppì spiegà sta cosa a’ra populazione

 

Tutti à ni dì cumi ‘nu Bomminiellu

cù Maria,Giuseppe e dua picurielli

 sò grave offesa pì li sarracini e 

minacciano pace e convivenza

 

Mi so scetato proprio quann’i gendarmi

eran trasuti rint’a’ casa mia

ppì m’arrestà e sciollà u’ presepio

chiru,ca già da ninnu fazz’ognanno

 

Tuttu spagnatu zumpo di lu liettu

Fuiu rint’ù saluni e minu nu

suspirunu i cuntetezza,u’ prisepiu                                                                                                                                                                                                                          

st’ancora là dù stev’aieri

 

Cittu cittu cumi n’imbriacatu

mi mintu a ddà ancunu rituocco,

c’un capu ‘u suonnu fattu int’à nuttata,

m’addummannavu se a’ ru munnu

 

Ci putiano stà piezzi e’fitienti

capaci d’arrivà a st’infamità,

pu mi dicia,Giancà è sulu nu suonnu

è a capu cà sbania ppì suo cuntu

 

Sì a’capu sbania, ma scapp’avanti

e a vote vida là u’nun si vida nente

perciò può esse c’u’ prisepiu

n’offenna i saracini ma i senzadio

 

Ca o’ vuonnu fà lassà a tutti quanni,

perciò m’arracumannu nuia p’ì Natali

armammu a capannella c’u Bomminu

e tant’ auguri ppi ra notte santa.

 

Olivieri Giancarlantonio   Da”La bellezza del vernacolo”      (Cosenza 22.12.2015)

 
Questa notte ho fatto proprio
un brutto sogno
di quelli che ti fanno spaventare
lasciandoti un poco conturbato
Mi sono sognato che i governanti
avevano emanato un decreto
che bandiva dal mondo il presepe
perchè eversivo e antisociale
 
Si doveva arrestare chi lo faceva
smontare tutti i corpi del reato e
requisire la nascita del Bambino
per difendere l’ordine e la pace
 
Dalla Tv grandi professori con i
progressisti e alcuni preti
s’erano tutti quanti mobilitati
per spiegare questa cosa alla popolazione
 
Tutti a dirci di come un Bambinello
con Maria, Giuseppe e due pecorelle
sono grave offesa per i saraceni e
minacciano pace e convivenza
 
Mi sono svegliato proprio quando i poliziotti
erano entrati dentro casa mia
per arrestarmi e smontare il presepe
quello che già  da bambino faccio ogni anno
 
Tutto impaurito salto dal letto
Scappo dentro il salone e faccio un
sospiro di contentezza, il presepe
sta ancora la’ dove stava ieri
 
Zitto zitto come un’ubriaco
mi metto a dare qualche ritocco
con in testa il sogno che ho fatto nella nottata
domandandomi se al mondo
 
Ci potevano essere questi pezzi di fetenti
capaci di arrivare a questa infamità
poi mi dicevo Giancarlo è solo un sogno
è la testa che sfrenesia per suo conto
 
Sì la testa sfrenesia, ma vado in avanti
e a volte vedo dove là non si vede niente
perciò può essere che il presepe
non offende i saraceni ma i senzadio
 
 
Che lo vogliono far lasciare a tutti quanti,
perciò mi raccomando noi a Natale
costruiamola capannella col Bambino
e tanti auguri per la notte santa.
 

Olivieri Giancarlantonio   Da”La bellezza del vernacolo”      (Cosenza 22.12.2015)

 
 
————————————————————————————————————————————————————-
MEMENTO
<< …..” GESU’ CRISTO SI VEDE A BETLEMME, SI CONOSCE A NAZARETH, SI AMMIRA SUL TABOR, E’ CREDUTO SUL GOLGOTA, SI AMA ATTRAVERSO IL VANGELO…..E’ L’UNICO, IL VERO RIVOLUZIONARIO CHE DELLA SUA CROCE FECE LEVA E BANDIERA PER SOLLEVARE IL MONDO AGLI SPLENDORI DELLA FEDE DIVINA…..IO LO VEDO COME L’ASSE DELLA STORIA ED I SECOLI DANZARGLI INTORNO…..GLI UOMINI SI APPOGGIANO ALLA CROCE, GUARDANO I SUOI OCCHI CHE RISCHIARANO LE VIE DELL’ETERNITA’….. >> 
[ Benito Mussolini – Natale 1944 ]
———————————————————————————————-
NATALE 2015-TARTASSATI SPOGLIATI E DEPREDATI-NON DIMENTICHIAMOLI !
“SUICIDATI” – NON DIMENTICHIAMOLI !
AGENZIA ENTRATE VAMPIRO E (IN)EQUITALIA USURAIA…..
[ “AZIMUT” – MOSTRARE NON BASTA – DOPO COSA FANNO CHI MOSTRA ? ]
—————————————————————————————————————————————————————————

( da messaggio su facebook )