Lehner: Il cardinal Benigni – Fondazione An : “Teoria Gender” John Money disegni di legge Cirinnà – Scalfarotto – Stampa Libera : Nuovo Ordine Mondiale e altre news


Lehner:  Il cardinal Benigni –  Fondazione An : “Teoria Gender” John Money disegni di legge Cirinnà – Scalfarotto – Stampa Libera : Nuovo Ordine Mondiale e altre news

 UNA BUONA LETTURA !
Lehner:  Il cardinal Benigni –  Fondazione An : “Teoria Gender” John Money disegni di legge Cirinnà – Scalfarotto – Stampa Libera : Nuovo Ordine Mondiale e altre news
[ “Azimut-NewsLetter” : 16 gennaio 2016 ]
 
VISITA IL SITO
 

Associazione Azimut – WordPress.com

https://azimutassociazione.wordpress.com/

… Marx voterebbe… azimutassociazione.wordpress.com/2015/12/29/app… …. 40,026 Visite su Wordpress a cui vanno sommati 99.660 visite ricevute sul .

————————————————————————————————————————————————————-
IN COPERTINA
————————————————————————————————————————————————————-
Italo Zicaro ha condiviso il post di Saverio Falcicchio.
 ·

foto di Saverio Falcicchio.
Saverio Falcicchio

Tutti insieme!!!

————————————————————————————————————————————————————-
MATTEO IL BARONETTO – RESISTERE RESISTERE RESISTERE – GLISSA SULLE PROSSIME AMMINISTRATIVE E SI ALLUNGA SINO AL REFERENDUM TRUFFA…
————————————————————————————————————————————————————-
L’ABUSIVO DI PALAZZO CHIGI
[“AZ.”] IL LEADER IMPOSTO E CLANDESTINO-CHI TI HA ELETTO ? – VAI VIA ! ! !

——– Original Message ——–

Subject: 14 gennaio – Leggi le principali notizie del giorno
Date: Thu, 14 Jan 2016 05:06:08 +0100
From: “Secolo d’Italia” <newsletter@secoloditalia.it>
To: “associazioneazimut@tiscali.it” <associazioneazimut@tiscali.it>
Reply-To: newsletter@secoloditalia.it


Se non leggi correttamente questo messaggio, clicca qui
Questo testo viene mostrato quando l'immagine è bloccata
Giovedì, 14 gennaio 2016
Questo testo viene mostrato quando l'immagine è bloccata

“Uniti siamo in vantaggio, ma avremmo difficoltà al ballottaggio. Con Berlusconi in campo, invece, possiamo superare il 42 per cento e vincere al primo turno. Senza Berlusconi, invece, FI calerebbe ancora e saremmo esclusi dalla contesa. Da qui con mia disperazione l’imperativo categorico di restare in campo”.

Leggi tutto ›

Questo testo viene mostrato quando l'immagine è bloccata
Questo testo viene mostrato quando l'immagine è bloccata
Questo testo viene mostrato quando l'immagine è bloccata
Questo testo viene mostrato quando l'immagine è bloccata
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Email
Facebook
Twitter
Google+
Secolo d’Italia
Registrazione Tribunale di Roma n. 16225 del 23/2/1976
​Redazione: Via della Scrofa, 39 – 00186 Roma
———————————————————————————————-
IL POST
 
Arturo Stenio Vuono ( “Azimut” – il presidente Arturo Stenio Vuono ) replica
 
GLOBALIZZAZIONE, L’UNIVERSO CAOS E IL TRAMONTO DEL NOSTRO MONDO
 
———————————————————————————————-
 
C‘è una parola talismano, la formula magica dell’opportunità delle opportunità che, sin dall’inizio del frastuono di tamburi e trombe – per stordirci  -, non ci ha mai convinto. Dicevano e dicono la cosiddetta globalizzazione.Di cosa si tratta veramente ? Il politicamente corretto, a tutt’oggi, nonostante che si sia esercitata sulla pelle dei popoli – di tutti i popoli -, non ammette che si metta in discussione, forma irreversibile della novella storia dell’umanità che vogliono scrivere per imposizione e tirannia. Dispiega la sua geometrica potenza, tra lacrime e sangue, per ricacciarci indietro di almeno un secolo, glorificata dalle consorterie anonime e apolidi, sottomette la sovranità politica e l’indipendenza economica di tutte le nazioni e rende impraticabile la giustizia sociale in tutti i paesi dei cinque continenti. Richiami e appelli sulle storture e le anomalie, sui disastri che ha provocato, sulle ingiustizie,  cadono sistematicamente nel nulla e a poco vale il balbettio di chi è delegato alla guida politica – si fa per dire – delle nazionalità e delle internazionalità; discriminazione, emarginazione, demonizzazione, toccano a tutti gli altri che vi si oppongono,  contrastarla è sempre cosa buona e giusta, marchiati a fuoco di populismo e di estremismo. Una violenza intollerabile, all’insegna del pensiero unico, sorretta dal vassallaggio di tutti i canali della macchina mediatica – la grande mentitrice e la grande meretrice – una tra le tanti architravi del sistema della menzogna. Conflitti e povertà, immense migrazioni bibliche, fenomeni indotti, ne sono la risultanza e provocano, rispettivamente, lo sradicamento delle etnie più deboli e la decadenza di quelle che furono le più forti della civiltà. Una generale ed epocale sciagura, il cui costo sarà ancora più pesante per le generazioni che vi subentrano, nell’universo caos che ha generato e che conduce al tramonto del nostro mondo antico.
 
 
Il villaggio globale, con la libera circolazione di merci e della merce umana, è la nuova invenzione del turbocapitalismo che ha ucciso le pregresse forme di quello realmente produttivo, dell’economia sociale di mercato e di tutto il correlato politico-economico compassionevole. La competizione truccata s’è realizzata, per il tramite del compromesso invisibile tra alcune potenze padrone del globo, facendo perno sulla formula cinocomunista del minore costo, della conveniente linea dei paesi emergenti e con la sola deroga a vantaggio del protezionismo statunitense.Tutto ciò ha conculcato ogni diritto e tutela, ha determinato il ritorno allo sfruttamento dell’uomo sull’uomo e ci conduce verso la disgregazione dei paesi che non vogliono o non possono rinunciare alle regole.Le nazioni che vi si oppongono, oscurando le ragioni economiche, subiscono aggressioni su aggressioni che si rendono legittime per il cosiddetto “esportarvi la democrazia”; oppure, come nel caso della nuova Russia, con il tentativo provocatorio dell’isolamento politico e del sanzionamento commerciale.Nel nostro vecchio continente è tutto un programma; che non c’è bisogno alcuno, banale e scontato, ai fini di denunciarne il totale allineamento ai nuovi mostri, di evocare il complottismo e il grande vecchio, il burattinaio che muove i fili.In ogni villaggio del villaggio europeo è stato piantato il totem che dalla globalizzazione approda all’ultima tappa della grande spoliazione; i nostri popoli – che sono stati anche derubati della propria moneta – di fatto sono e saranno ridotti alla sola sopravvivenza.
 
Quanto, poi sia funzionale al falso mito della globalizzazione, e all’assassinio delle identità, la condotta dei governi europei qualche esempio di casa nostra.L’Italia di Renzi si accoda sempre più al non contrastare la strategia d’immigrazione-invasione che, di certo, si espande non come un fenomeno naturale;nel 2015 solo in Grecia sono sbarcati 850.000 clandestini e, via terra, ne sono giunti più di un milione nell’intera Unione Europea;e per l’Italia, circa centosessantamila sbarcati nell’anno trascorso, e centosettantamila erano nel 2014, fanno circa 330mila;sono clandestini, musulmani e, a parte la propaganda ingannevole sulla cosiddetta “accoglienza”, sono per la stragrande maggioranza giovani maschi dai venti ai trenta anni. Il pifferaio fiorentino, bravo a capovolgere la realtà, come per l’ex-Fiat ch’è ormai intrapresa transnazionale – in mano anglolandeseamericana – definita modello vincente di industria italiana ( sic ), dovrebbe spiegarci almeno due cose:chi lo ordina di sacrificare le necessità di sopravvivenza dei dodici milioni di italiani poveri e di destinare 43 miliardi di euro all’affare-clandestini ? Chi dispone che in Italia entrino clandestini, senza sapere chi veramente siano, e che dei circa 330.000 – di cui solo circa novantamila nei centri di accoglienza –  a tutti gli altri, i nuovi schiavi, sia consentito girare indisturbati, senza che di loro si abbiano le impronte digitali e foto segnaletiche ? Come dire, per conto di chi continua a fare il lavoro sporco, coprendosi con il solito tran tran di riforme e ripresa?
 
Le risposte già date.La speranza, ci salverà forse , come europei ed italiani, Putin il battezzato, novello zar di tutte le Russie e guida della terza Roma?
 
———————————————————————————————-
CORRISPONDENZE
———————————————————————————————-

——– Original Message ——–

Subject:  il cardinal Benigni
Date: Wed, 13 Jan 2016 11:32:30 +0000
From: Giancarlo Lehner 
To:  ( . . . )


Ricordo gli inizi disgustosi di Roberto Benigni costruiti sull’equazione da bettola: bestemmia uguale a comicità. Soltanto nell’Italia culturalmente degradata dallo stalinotogliattismo smadonnamenti e “porco di qua e porco di là” potevano funzionare e, infatti, funzionarono. Continuò la carriera con le salamelle delle feste dell’Unità, prendendo in braccio Berlinguer, quindi raggiunse l’acme del successo, strizzando i testicoli a Pippo Baudo.Oggi,  a riprova che Santa Romana Ecclesia, grazie al capocomico Bergoglio, ha epifanizzato la magìa dell’avanspettacolo,  il bestemmiatore Benigni è diventato cardinale onorario ed icona del cattolicesimo postmoderno.
Giancarlo Lehner
 

——- Original Message ——–

Subject: comunicazione 3.2016
Date: Wed, 13 Jan 2016 11:35:34 +0000
From: “Segreteria – Fondazione AN” <segreteria@fondazionean.it>
To:  ( . . . )


Carissimi,

 

nel riprendere il dialogo epistolare con tutti Voi e rinnovando gli auguri di un felice e proficuo 2016 mi sento in dovere di richiamare la Vostra attenzione su una questione di tutt’altro che trascurabile rilievo tenuto conto di ciò che potrebbe  determinare a carico dei più giovani a partire dai bambini più piccoli in età prescolare.

 

Si tratta della cosiddetta “teoria Gender” della quale forse per una carenza di informazioni e, contemporaneamente, per una suggestiva ed artata distorsione delle forme di comunicazioni ufficiali a riguardo non si ha probabilmente esatta contezza.

 

Se è vero che tra i valori che ci riteniamo depositari e primi difensori vi è quello della famiglia naturale e parimenti di coloro che ne sono il felice frutto ovvero i figli non possiamo, ritengo, rimanere indifferenti né inerti rispetto a questa ennesima violenza che si intenderebbe pedagogicamente perpetrare per legge a carico dei nostri bambini e dei nostri giovani.

 

Perché meglio possiate comprendere la gravità del problema e per non limitarsi ad un accorato ma generico appello, a tal proposito ritengo che la cosa più utile sia allegare alla presente, per le Vostre opportune considerazioni e riflessioni, alcune slide, tranquillamente rinvenibili sul web, di provenienza ufficiale che sintetizzano detta teoria a partire dal suo fondatore John Money, noto tra l’altro per aver fornito giustificazioni scientifiche alla pedofilia, nonché esemplificano quali dovrebbero essere gli standard per l’educazione sessuale a partire da 0 a 4 anni.

 

Credo che la visione di detto sconvolgente materiale esima da particolari sottolineature sui devastanti effetti che la diffusione e l’applicazione di tale teoria provocherà, soprattutto sui giovanissimi, e, ripeto, in ossequio al nostro ruolo ed alla nostra missione ritengo che a qualunque livello si debba necessariamente intervenire contrastando in ogni sede questa teoria che si inserisce a pieno titolo nel percorso di distruzione della famiglia naturale contenuto nei disegni di legge presentati dalla senatrice Monica Cirinnà e dall’onorevole Ivan Scalfarotto.

 

Confido pertanto che in attesa delle decisioni che assumerà il C.d.A. per eventuali campagne di sensibilizzazioni a riguardo Vogliate attivarVi in tutte le forme possibili a sostegno di una vera battaglia di civiltà. 

 

Un caro saluto

 

Franco Mugnai

———————————————————————————————-
IL NOSTRO SUD
———————————————————————————————-
Roberto Matragrano ha condiviso il post di Vincenzo Serio.
foto di Vincenzo Serio.
Vincenzo Serio

“Io sono napoletano e vivo nella più antica capitale d’occidente, eravamo metropoli, quando new york non esisteva e Londra e Parigi erano piccole città..

Io sono napoletano e appartengo alla cultura più antica d’Europa, quella cultura che ci permetteva di parlare greco quando tutti parlavano latino..

Io sono napoletano e parlo una lingua che era lingua diplomatica alla corte di Caterina la Grande.Quella lingua che ha dato all’italia una tradizione musicale, letteraria e teatrale..

Io sono napoletano e vivo in una città dove in 600 anni di inquisizione MAI si è acceso un fuoco per bruciare persone e dove MAI all’inquisizione spagnola fu permesso di insediare un tribunale..

Io sono napoletano e vivo una città che ha fatto dell’accoglienza e della tolleranza la cifra della sua riconoscibilità, una città dove gli dei antichi vivono insieme agli dei nuovi,le anime sono così grandi da contenerli e amarli tutti..

Io sono napoletano e vivo in una città che ha inventato “il sospeso” ,il caffè pagato all’estraneo che mai conoscerai, perchè nessuno si senta mai così povero da non potersi permettere un caffè..

Io sono napoletano e vivo in una città che anche nel massimo suo splendore e della sua potenza, MAI ha invaso altri popoli con le armi per soggiogarli e dominarli.Li abbiamo sempre conquistati con la cultura con l’amore e con una canzone..

Io sono napoletano e vivo in una città che da sola ,insieme a Parigi ha dato un senso alla definizione di FLANEUR ,il passeggiare per il passeggiare ,per ammirare e godere del paesaggio umano della vita..

Io sono napoletano e possiedo il passato così come il futuro, poichè questa è la città dove tutto comincia e tutto finisce..

Io sono napoletano e il mio destino è affidato all’integrità di un uovo seppellito dal “mago” Virgilio nelle viscere della terra.. Perchè la vita se non ha magia non vale la pena di essere cantata..

Io sono napoletano e ho nel corpo tutte le ferite e tutti i dolori di Iside che cerca il corpo di Osiride . Questo corpo mai ricomposto cerco di far nascere nel pellegrinaggio dei sette santuari..

Io sono napoletano e abito una città nata dal corpo di una sirena, morta di dolore per non essere riuscita a sedurre Ulisse. Perchè l’intelligenza non si fece sedurre dalla passione, non sapendo a cosa stava rinunciando..

Io sono napoletano e abito una città della quale Hans Christian Andersen, mirabile inventore di favole venuto a trovarci dalle fredde luci del profondissimo nord ,andandosene ebbe a dire: ” Quando sarò morto ,tornerò a Napoli a fare il fantasma,perchè qui la notte è indicibilmente bella”..

Si può continuare ad libitum, ma intanto essendo napoletano ,non posso non volgere il mio pensiero a chi nasce Borghezio e ai suoi simili, noi non saremo mai capaci di tanto odio, noi amiamo il coraggio dell’ironia e a chi ci insultò dagli spalti di uno stadio dicendoci NAPOLETANI VI ODIAMO TUTTI preferimmo rispondere con un ironico GIULIETTA E’ NA ZOCCOLA , Shakespeare non si offese,i cretini non capirono,il mondo intero rise..” (Raffaele Isidro Parodi)

Commenti
Roberto Matragrano
Roberto Matragrano Stupenda e bellissima. Napoli ti rimane sempre nel cuore. Non so perché ma incosciamente Napoli è la mia Capitale.

———————————————————————————————-
TRA BREVE IN RETE
———————————————————————————————-
 
IL POST DI VUONO SENIOR GLOBALIZZAZIONE, L’UNIVERSO CAOS E IL TRAMONTO DEL NOSTRO MONDO  ALTRE NOTIZIE – 
[ “Azimut-NewsLetter” : lunedì, 11 gennaio 2016 ]
 
C’ERA UNA VOLTA IL SUD DELL’AUTARCHIA E DELLA LIBERTA’ AUTOSUFFICIENTE QUANDO NON SI POSSEDEVA NULLA SI AVEVA TUTTO IL DENARO SERVIVA A POCO ALTRE NEWS
[ “Azimut-NewsLetter” : 13 gennaio 2016 ]
 
Dalla famiglia alle tasse, dalle riforme al lavoro. Ecco le 7 menzogne capitali di Renzi Pinocchio [ “Azimut-NewsLetter” : 14 gennaio 2016 ]
 
Lehner: i tre Chamberlain di oggi – La tolleranza illimitata porta alla scomparsa della tolleranza ( Karl Popper ) altre news
[ “Azimut-NewsLetter” : 15 gennaio 2016 ]
 
OGGI : Lehner:  Il cardinal Benigni –  Fondazione An : “Teoria Gender” John Money disegni di legge Cirinnà – Scalfarotto – Stampa Libera : Nuovo Ordine Mondiale e altre news
[ “Azimut-NewsLetter” : 16 gennaio 2016 ]
 
———————————————————————————————-
TRATTO DA STAMPA LIBERA
———————————————————————————————-

NUOVO ORDINE MONDIALE, siamo ormai entrati nella quarta fase
Redazione | 13-01-2016 Categoria: Guerra [Mondialismo] Stampa

NUOVO ORDINE MONDIALE, siamo ormai entrati nella quarta fase del piano per la dominazione del mondo

Luis Zapater, professore di diritto costituzionale presso l’Università di Valencia (Spagna) e portavoce del partito SOLVE, giovedì 19/12/2013, ha spiegato cos’è il“Nuovo Ordine Mondiale” e come s’intende stabilire una tirannia universale, al fine di sottomettere tutti i popoli della terra al potere di un governo unico mondiale, con una sola legislatura, una sola magistratura e una sola forza pubblica di sicurezza e militare per tutto il mondo.

  • Cos’è il Nuovo Ordine Mondiale?

Questa domanda ha due risposte possibili: La risposta politicamente corretta e quella che non lo è.La risposta politicamente corretta dovrebbe attenersi a evidenziare solo il piano di convergenza internazionale ideato dalla fine della seconda guerra mondiale per stabilire una ‘Lega delle Nazioni’per consentire la risoluzione pacifica delle controversie e il rispetto dei diritti umani nel mondo.Dopo la seconda guerra mondiale, i leader delle potenze alleate vincitrici, in particolare il presidente degli Stati Uniti, hanno detto che la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani delle Nazioni Unite del 1948, istituisce un“Nuovo Ordine Mondiale”.La prima risposta possibile è fissata solo sulle apparenze. La seconda risposta possibile politicamente non corretta, definisce il cosiddetto “Nuovo Ordine Mondiale”, come un piano progettato che va realizzandosi da circa gli ultimi 300 anni della storia dell’umanità per stabilire una tirannia universale, cioè, di sottomettere tutti i popoli della Terra al potere di un governo unico mondiale, con una singola legislatura, una sola magistratura e una sola forza pubblica di sicurezza e militare per tutto il mondo.Il cosiddetto “processo di globalizzazione” è iniziato alla fine del ventesimo secolo in tutto il mondo, sarebbe una delle tante sfaccettature della progressiva creazione di questo nuovo ordine. Oggi solo la Russia, Siria, Iran, Venezuela e Corea del Nord sono riluttanti ad accettare il nuovo status quo. Non ho citato la Cina nella lista perché la sua posizione è ambivalente.

  • Quando verrà visualizzata la nuova espressione ORDINE MONDIALE?

Un noto studioso del “Nuovo Ordine Mondiale”, l’argentino Adrian Salbuchi, dice che il termine “Nuovo Ordine Mondiale”, è stato detto nel 1919, in occasione dell’adozione del trattato infame di Versailles, una delle principali cause dello scoppio della Seconda Guerra Mondiale.Penso che anche prima del 1919 esisteva un progetto nella mente dei più potenti cospiratori di questo mondo riguiardo l’instaurazione di un nuovo ordine mondiale, e si pensa che la prima volta venne detto daAdam Weishaupt nel 1776, quando scrisse i principi alla base del “Novus Ordo Secolorum” (o nuovo ordine dei secoli), con il simbolo massonico di una piramide con l’occhio che tutto vede (simbolo aggiunto alla banconota da un dollaro).I principi stabiliti da Adam Weishaupt nel 1776, misero le basi per la realizzazione finale di ciò che oggi chiamiamo “Nuovo Ordine Mondiale”:abolizione della monarchia e di tutti i tipi di governo organizzati sotto il vecchio regime, la soppressione della proprietà privata e dei mezzi di produzione per gli individui e le società con la conseguente abolizione delle classi sociali, l’abolizione dei diritti di successione, la distruzione del concetto di patriottismo e nazionalismo e sostituzione con un governo mondiale di controllo internazionale, l’abolizione del concetto di famiglia tradizionale e vietare ogni religione con l’istituzione di fatto di un ordine luciferino.

  • È la Massoneria una dei piloti di questo ‘Nuovo Ordine Mondiale’? In che modo?

Sin dalla fondazione degli Stati Uniti a questa giornata di oggi, il progetto del Nuovo Ordine Mondiale è stato sostenuto dalla massoneria internazionale.L’idea di una “Repubblica Democratica Universale” è stata lanciata da Ramsay, Gran Maestro della loggia francese, prima ancora che da Adam Weishaupt, nel 1741. La base fondamentale della Repubblica Universale sarebbe l’idea di tolleranza assoluta elevata a principio politico fondamentale, che ora è perfettamente in atto in questo periodo di tempo.L’influenza della Massoneria nella presa del potere da parte del liberalismo e la costruzione dello stato democratico liberale è un fatto storico che non ho inventato, infatti, il rapporto tra la nascita della democrazia e dei partiti con la massoneria, era così grande che il docente di storia contemporanea presso l’Università di Vigo, Alberto Valín dice, nella sua tesi di dottorato, che “i partiti politici sono un’invenzione della Massoneria”.Naturalmente questa teoria non contraddice la storia: Prima della Rivoluzione francese la gente di ogni paese, non era socialmente raggruppata per colore o fazione politica, ma per appartenenza ad un sindacato o ad un’associazione professionale di mestieri, religione, etnia, ecc.

  • Quali sono le fasi di attuazione del Nuovo Ordine Mondiale?

La prima fase (1741-1919), prevedeva la distruzione degli imperi cristiani. Il primo a cadere fu l’Impero Spagnolo con l’emancipazione delle Americhe tra il 1823 e il 1898. Poi venne il turno dei tre imperi che scomparvero a causa della prima guerra mondiale: Impero Russo, Impero Tedesco e Impero Austro-Ungarico.L’obbiettivo di questa prima fase è stato raggiunto attraverso un certo numero di organizzazioni internazionali. I Rothschild, i Rockeffeller e i Morgan, oltre a sponsorizzare il trattato di Versailles, misero a punto un piano strategico a lungo termine in tutto il mondo che portò alla creazione di un certo numero di organizzazioni internazionali: il Council of Foreign Relations (CFR) e la RIIA nel Regno Unito (Istituto di Relazioni Internazionali)La seconda fase? La distruzione delle nazioni: dal 1919 ad oggi. Questa fase, a mio avviso avrebbe tre sotto-fasi corrispondenti ai “tre ordini mondiali” attuati nel ventesimo secolo:La prima sotto-fase, 1919-1945, si è conclusa con la fine della Seconda Guerra Mondiale (Seconda Guerra Mondiale), che elimina le potenze europee dalla direzione del mondo, sostituite da due superpotenze con finalità internazionaliste (in un caso l’internazionalismo proletario e l’altro con la presunta democratizzazione universale).La seconda sotto-fase è stata preparata a Yalta e Teheran. Questo “nuovo ordine mondiale” ha portato alla creazione delle Nazioni Unite nel campo della politica internazionale, mentre nella sfera economica ha portato alla conferenza di Bretton Woods, dove è stato istituito il Fondo Monetario Internazionale, la Banca Mondiale e l’Organizzazione Mondiale del Commercio con il compito di amministrare la pace dei vincitori della WW2 e standardizzare il dollaro.La fine si è avuta con la distruzione del mondo USSR quando coloro che gestiscono il mondo si sono resi conto che si doveva terminare l’esperimento comunista e promuovere la caduta della superpotenza sovietica.In questa fase è stato fondato, nel 1954, il Club Bilderberg, che riunisce esponenti del mondo della politica e dell’economia del mondo occidentale e dei direttori di potenti organizzazioni internazionali come la NATO o il FMI.La terza sottofase, il “Terzo Ordine Mondiale”, è nato con la caduta del muro è, quindi, la copertura degli Stati Uniti a potenza mondiale con la caduta dell’Unione Sovietica.In questa fase, i governanti del popolo, hanno sperimentato (come dice Salbuchi) il modo migliore per controllare le persone con la manipolazione dell’opinione pubblica attraverso la televisione.Inoltre, per raggiungere la fase attuale della globalizzazione, era necessario che una delle due superpotenze scomparisse. La superpotenza superstite è diventata la forza trainante della globalizzazione, com’è stato. In questo “Terzo Ordine Mondiale” ha guadagnando maggior rilievo il Club Bilderberg.Nella terza fase abbiamo la distruzione della famiglia e il principio di autorità nella società avviati dalla rivoluzione sociale degli anni Sessanta, i Beatles, il movimento hippy, pacifismo, il femminismo, il liberalismo e maggio ’68.In quarto luogo, con l’istituzione di una singola potenza mondiale dal 1999, si è creata la tirannia universale, con un unico leader, identificato da alcune persone religiose come l’Anticristo, un parlamento internazionale unico, un unico esercito, ecc.Un presupposto fondamentale per questi quattro obiettivi era l’attacco, ancora in corso, contro la religione cattolica che ha avuto inizio quando Voltarie ha lanciato il suo proclama: “Ecrasez l’infame”.Il significato è: “Schiacciate l’infame”, “Schiacciate l’orrore” oppure, quello che preferisco, “dagli alla canaglia.” Secondo un recente biografo, Ian Davidson, con questa frase Voltaire si riferiva “alla superstizione, alla repressione teologica, ai Gesuiti, ai monaci, ai fanatici regicidi, e a ogni forma di inquisizione; in breve a tutti gli aspetti negativi che nascevano dall’oscura alleanza fra la Chiesa Cattolica e lo Stato francese.” Nel 19esimo secolo la frase è riuscita a compiere la sua missione, non solo in Francia ma in tutto l’Occidente, dove i poteri di Chiesa e Stato sono stati separati. I motivi sono più che validi, senza un chiara e robusta separazione i due poteri, fra loro uniti, non possono fare altro che corrompersi e diventare i tiranni, in nome di un “potere più alto”, e non i servitori del popolo.

  • A che punto siamo ora?

Purtroppo siamo già più di 40 anni nella terza fase e siamo entrati nella ​​quarta grazie al precipitare degli avvenimenti della fine del secolo scorso e l’inizio di quello in corso, che comprende la guerra in Iraq, l’attentato alle torri gemelle, la primavera araba, le guerre in Afghanistan.

Il punto di passaggio alla quarta fase, a mio parere, c’è stato con gli eventi che hanno messo fine all’Unione Sovietica (la Perestroika 1987, la caduta di Gorbaciov, del muro di Berlino nel 1989, l’insediamento Knockdown dell’URSS nel 1991, il ritiro dall’Afghanistan nel 1992). Anche la guerra del 1991 avrebbe segnato la svolta ed il passaggio da un mondo bipolare (USA-URSS) ad uno unipolare guidato dagli Stati Uniti.

Luis Zapater

La data di inizio di questa quarta fase potrebbe essere il 24 marzo 1999, data di inizio dei bombardamenti della NATO contro la Serbia, che corrisponde alla comparsa di un mese dopo, il 24 Aprile 1999 in una riunione del Consiglio Atlantico a Washington, del documento intitolato “Nuovo Concetto Strategico della NATO”, in cui ci sono cambiamenti significativi al sistema e scopo dell’organizzazione originale, stabilendo per la prima volta un approccio globale alla sicurezza, “a che fare con il terrorismo internazionale, conflitti etnici, stagnazione economica e oppressione politica”.Ciò significa che, contro tutti gli ex ordini internazionali, contro il diritto internazionale, la NATO ha il diritto, completamente autogarantito, d’intervenire in qualunque momento e in qualsiasi parte del mondo.La NATO ha assunto la funzione di polizia universale:“Dato che le forze della NATO potrebbero essere costrette ad operare al di fuori dei confini della NATO, bisogna essere pronti ad intervenire al di là di quei confini”, con o senza il sostegno delle Nazioni Unite.Inoltre, nella guerra del 1999 contro la Serbia, i membri della NATO hanno mostrato di avere a cuore, soprattutto il conseguimento degli interessi delle potenze anglosassoni (USA e il Regno Unito di Gran Bretagna), ma possono ledere gli interessi geostrategici degli altri paesi europei della NATO, come è successo con l’istituzione, grazie alla sconfitta della Serbia – Kosovo, di uno stato musulmano nel cuore dell’Europa.Si ricorda che la globalizzazione non è solo un’interdipendenza globale dell’economia e della comunicazione, ma piuttosto una società mondiale culturalmente più omogenea, con i valori della “cultura occidentale”.Con la globalizzazione non solo si cerca di estendere la cultura occidentale, ma anche la controcultura: matrimoni tra gay, aborto libero, disobbedienza, attacco al principio di autorità, disprezzo contro la religione.

  • Pensi che il Nuovo Ordine Mondiale vincerà, oppure il piano di dominazione del mondo è destinato a fallire?

Nel breve-medio termine, l’agenda continuerà e prevede l’inizio di una III° Guerra Mondiale: conflitto internazionale in Siria, Iran o Corea del Nord.Per fortuna la Russia ci ha salvato da questa situazione nel mese di ottobre di quest’anno (2013 ndr), ma succeda o no, la natura non permetterà che il mondo sia governato dal male in una spirale di caos a tempo indeterminato.Per ora, pur avendo il più alto potere distruttivo di tutta la storia dell’umanità, hanno sollevato l’opposizione di oltre un terzo della popolazione europea che non si rassegna a sparire e che essi chiamano “società intollerante”.

Fonte: blog.luniversovibra.com

 
se trovi spazi in bianco
prosegui ugualmente
il servizio continua

———————————————————————————————————————————————————————————

ALTRE NEWS
———————————————————————————————————————————————————————————
foto di Luisa Casertano.
Luisa Casertano a Noi che NON voteremo Movimento Cinque Stelle (Gruppo Ufficiale)

15 ore fa · 

Mentre guardavo questa foto, pubblicata da qualche amico facente parte di questo gruppo, m’è venuto da riflettere. In particolare, ho riflettuto sul declino del popolo italiano. Un tempo, neanche troppo lontano, a tre soggetti del genere, che non hanno mai amministrato neanche le spese di casa loro e che certo non brillano per risultati raggiunti nel mondo del lavoro o a livello universitario (vero, Giggino?), non si avrebbe fatto amministrare neanche la cassa di un modesto negozietto di paese. Oggi, invece, questi individui sono osannati come rockstar, addirittura ritenuti da alcuni come dei grandi statisti ed esempio di una generazione vincente, preparata e capace. Ed è proprio dalla stima, spesso cieca, che una parte corposa di popolazione nutre nei confronti di gente del genere che arguisco che il livello di declino abbia toccato soglie parecchio alte, ormai. Un tempo, ad essere ammirati, rispettati e presi d’esempio, erano i migliori avvocati, i migliori medici, i professori universitari ed in generale chi aveva dato prova di avere capacità fuori dall’ordinario e chi aveva raggiunto determinati risultati a livello lavorativo. Ora, invece, l’ignoranza, l’incompetenza, la supponenza e l’arroganza, sembrano essere diventati i valori aggiunti a cui aspirare, perchè sinonimo, secondo alcuni, di purezza e voglia di fare. Niente di più sbagliato: l’ignoranza, la tracotanza e l’incompetenza, rappresentano il mix più esplosivo esistente, soprattutto per chi si candida a guidare un paese, che a prescindere da quello che dice Grillo, che farebbe fare ad una casalinga il ministro dell’economia, è parecchio complicato. Questi tre giovani non sono l’esempio da seguire: sono semplicemente l’ennesimo schiaffo in faccia di una società malata ai giovani che realmente studiano, si impegnano ed ottengono risultati.

 
Marco Valle ha condiviso il post di Destra.it.

“Indian Summer”, un libro su San Babila e i “Sanbabilini”. Un lavoro originale e vero (terribilmente vero…) che convincerà chi é stato testimone diretto di quel

Altro…

“Indian Summer”, un libro su San Babila e i “Sanbabilini”. Un lavoro originale e vero (terribilmente vero…) che convincerà chi é stato testimone diretto di quella storia dura e…
WWW.DESTRA.IT
 
Italo Zicaro ha condiviso la foto di Progetto Dreyfus.
foto di Progetto Dreyfus.
Progetto Dreyfus con Marta Rocca.

LA VITA DEGLI EBREI IN FRANCIA E’ IN PERICOLO E NOI NON CI STIAMO

Il presidente del concistoro ebraico di Marsiglia, Zvi Ammar, ha invitato i suoi correligionari “a non indossare la kippah in strada per non essere riconosciuti come ebrei”.

“Lancio questo appello con dolore”, ha detto Ammar al quotidiano la Provence, all’indomani dell’aggressione a colpi di machete contro un insegnante ebreo di questa città francese. Il professore è stato ferito a coltellate da un sedicenne, poi arrestato, che ha detto di aver agito a nome dello stato Islamico.

Non mettere la kippah, il copricapo religioso indossato dagli uomini
ebrei, “può salvare delle vite umane e niente è più importante di
questo”, ha detto Ammar, spiegando di essersi consultato ieri sera con il gran rabbino Ohana. “E’ triste arrivare a questo nel 2016 in un paese democratico come la Francia – ha proseguito Ammar – ma di fronte ad una situazione eccezionale bisogna prendere misure eccezionali. Non voglio che si muoia a Marsiglia perchè si porta una kippah in testa… Io stesso questo sabato, per la prima volta nella mia vita, non porterò la kippah per andare in sinagoga”.

Con questo post segnaliamo il nostro profondo sconforto e senso di angoscia nell’apprendere il reale stato dell’antisemitismo in Francia – e nel resto d’Europa – e siamo qui per non abbassare la nostra testa davanti a tutto questo.

Condividi sulla tua bacheca questo post ed esprimi la tua solidarietà a quanti, oggi, non possono professare liberamente e pacificamente il proprio credo religioso.

 

«Bowie nazista!»: ecco tutto l’odio della sinistra che oggi lo piange

Ora che David Bowie è morto tutti a piangerlo e commemorarlo. Anche a sinistra. Anche, cioè, quelli che l’hanno sempre avversato. Che l’hanno odiato. Soprattutto a sinistra. Perchè David…
WWW.SECOLODITALIA.IT|DI TANO CANINO
Commenti
Renato Prota
Renato Prota Sinistra?? Di quale sinistra state parlando, delle figlie di banchieri? O dei devastatori di territori? O dei vari sindaci inquisiti. Dove cazzo sta’ questa stramaledetta rappresentanza di compagni

foto di Renato Prota.
 
[ TRATTO DA STAMPA LIBERA ]

FREDDY JACKSON

Sono molti i misteri a cui gli scienziati non sono ancora stati in grado di dare una spiegazione in giro per il mondo: dai giochi di luce più anomali ai mostri marini, dalle sfere incandescenti che emergono dall’acqua ai fantasmi, dagli oggetti volanti non identificati ai morti che resuscitano, chi ama gli enigmi e crede al sovrannaturale ha di che sbizzarrirsi. Nella maggior parte dei casi, dando un’occhiata alle foto che in apparenza sembrano inspiegabili ci si rende conto che si tratta di immagini manipolate o di fake; ma, in altre circostanze, le foto appaiono reali, e quindi il mistero si infittisce. Come nel caso di una donna che si getta da un palazzo alto più di 80 piani e arriva a terra senza che il suo corpo sembri danneggiato.

In questa foto di gruppo appare l’immagine di Freddy Jackson, un uomo che era morto due giorni prima che lo scatto venisse realizzato.

———————————————————————————————————————————————————————————
Associazione Azimut
Associazione Culturale Azimut
 
  
Associazione Azimut, Naples, Italy.  
  
 
ASSOCIAZIONE CULTURALSOCIALE “AZIMUT” NAPOLI
 direzione responsabile: presidenza Associazione
team azimut online:  Fabio Pisaniello webm. adm. des.
Uff. Stampa Associaz. “Azimut”: 
 
Ferruccio Massimo Vuono
 
 

——————————————————————————————————-

“Azimut” associazione – Via P. Del Torto n. 1 – 80131 Napoli 
Telfax 081 – 7701332 Info 340 – 3492379
E.mail: an.arenella@libero.it (segreteria)-massimovuono@libero.it (ufficio stampa)
[per sostenere l’associazione-solo su su c/c  banc. intestato Arturo Stenio Vuono]
Iban IT74 YO1O 1003 4351 0000 0003 506  BIC IBSPITNA         Banco Napoli SpA Filiale Na. 35 Via Onofrio Fragnito nn. 28/52   80131 Napoli
 
DISLAIMER – Costituzione della Repubblica Italiana Art. 21 : Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ognialtro mezzo di diffusione.Ai sensi della Legge 7 marzo 2001, n.62, il nostro Sito, non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale. Le immagini inserite sono quasi sempre tratte da internet;ove si violasse il dettato dei diritti  di autore, su richiesta, si provvede alla loro cancellazione. Gli Autori degli articoli non sono responsabili per gli eventuali commenti inseriti nei post, parimenti per i link esterni che si riproducono nel blog.I commenti dei lettori, ove lesivi dell’immagine e onorabilità dei terzi sono del tutto estranei agli autori, pure se espressi anonimamente o in forma criptata. Il blog, a richiesta delle autorità, collabora ai fini dell’individuazione dell’indirizzo IP del possibile diffamatore.Chi vi scrive condivide le condizioni di responsabilità per ciò che manifesta. Il Sito non è responsabile, nelle persone che lo dirigono e lo coordinano, e non ha assoluto controllo su tutti gli articoli di cui non è autore e chi vi partecipa con interventi, eccetera, si ritiene e accetta, implicitamente, l’essere responsabile di quanto sostiene e manifesta. [ Web Master : Admin ]
Associazione Azimut
Associazione Culturale Azimut
 
azimutassociazione@libero.it
associazioneazimut@tiscali.it
 
——————————————————————————–
 
[ anteprima di web ]  – FINE SERVIZIO – A PRESTO !
Annunci

Un pensiero su “Lehner: Il cardinal Benigni – Fondazione An : “Teoria Gender” John Money disegni di legge Cirinnà – Scalfarotto – Stampa Libera : Nuovo Ordine Mondiale e altre news”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...