REPETITA IUVANT DA “ARCHIVIO AZIMUT ONLINE” RENZI IL BARONETTO ELEZIONI CON IL TIRANNICUM BLACK BLOC GRILLINI SUPERSTAR IL CALIFFO E TANTE DOVIZIE ALTRE NOTIZIE


REPETITA IUVANT DA “ARCHIVIO AZIMUT ONLINE” RENZI IL BARONETTO ELEZIONI CON IL TIRANNICUM BLACK BLOC GRILLINI SUPERSTAR IL CALIFFO E TANTE DOVIZIE  ALTRE NOTIZIE

REPETITA IUVANT DA “ARCHIVIO AZIMUT ONLINE” RENZI IL BARONETTO ELEZIONI CON IL TIRANNICUM BLACK BLOC GRILLINI SUPERSTAR IL CALIFFO E TANTE DOVIZIE  ALTRE NOTIZIE [ “AZIMUT-NEWSLETTER” : 06.02.’16 ]
 
 [ “AZIMUT-NEWSLETTER” : 16-17.05.’15 – STRALCI DAL SERVIZIO IN RETE ]
 
Mattarella scrive alla Terra dei Fuochi: "Verrò presto" Mattarella ha firmato. Ecco come cambia la legge elettorale
IL CAPO DELLO STATO DEVE ESSERE INNANZITUTTO – SOPRATUTTO – IL MASSIMO GARANTE DELLA LEGALITA’ COSTITUZIONALE E ISTITUZIONALE REPUBBLICANA ! ! !
 

…”non vi sia offesa nelle parole”, “sia detto senza offesa” o “senza voler offendere nessuno”…

LA REPUBBLICA NAPOLITANA E IL PROTETTORATO ITALIA – LA (SENZADEMOS)CRAZIA – UNA DEMOCRAZIA SENZA POPOLO – CON LE STERILI E SCONTATE ESTERNAZIONI DEL CAPO DELLO STATO ( CHE CAMBI L’EUROPA – CHE CESSI LA CORRUZIONE – CHE VI SIA IL LAVORO – ECCETERA ) – INIZI A DARE LUI UN SEGNALE : SI SGOMBERI IL PARLAMENTO DAI 130 (NON)DEPUTATI  CHE ANCORA VI SIEDONO ABUSIVAMENTE PER EFFETTO DEL COSIDDETTO PREMIO DI MAGGIORANZA DELLA EX LEGGE ELETTORALE DICHIARATO INCOSTITUZIONALE; SERGIO MATTARELLA ERA COMPONENTE LA CORTE DI CUI ALLA DECISIONE ED E’ DIVENTATO CAPO DELLO STATO ANCHE CON IL VOTO DI QUESTI. NUOVA LEGGE ELETTORALE ( SI FA PER DIRE ) DAL LUGLIO 2016 E PROSSIME FUTURE ELEZIONI ( SECONDO LOR SIGNORI )  AL 2018. QUESTA E’ PURE CORRUZIONE! CORRUZIONE DELLA DEMOCRAZIA!

 
[ “AZIMUT” –  SCRITTO VENERDI’ 1 MAGGIO 2015 ]
 
REPLICA
[ L’AVEVAMO SCRITTO ]
 
NELL’ITALIA LIBERATA CI HANNO DATO LIBERTA’ DI PAROLA MA SI SONO RISERVATI IL DIRITTO DI NON ASCOLTARE
 
“…LA COSIDDETTA RIFORMA, PER GIUNTA APPROVATA COME NON MODIFICABILE, E’ FATTA SU MISURA PER GARANTIRE AL CAPO DEL POLITBURO – SEGRETARIO DEL PARTITO E PRESIDENTE DEL CONSIGLIO – IL PIENO CONTROLLO DELLA FUTURA CAMERA SOVIET CHE DIVERRA’, DI FATTO, SOLO ORGANO DI RATIFICA;E SEGUIRA’ IL FUTURO SENATO DELLA REPUBBLICA, NON ABOLITO – COME SI DICE – MA MODIFICATO, CHE NON AVRA’ POTERI DI INTERFERIRE. TUTTO IL POTERE ALLA CAMERA IN MANO D’UNA MAGGIORANZA CHE, PER EFFETTO DELLA SOLA META’ DEGLI ELETTORI CHE NON DISERTA LE URNE,  RISULTERA’ DAL VOTO – AL MASSIMO – DI DUE ITALIANI SU DIECI ALLA LISTA DEL PARTITO VINCENTE FRUENTE, PER L’APPUNTO, DEL PREMIO DI MAGGIORANZA. QUANTO ALLA SOGLIA MINIMA DI SBARRAMENTO, FISSATA PER L’ENTRATA IN PARLAMENTO DEI PARTITI, LUNGI DALL’INTENZIONE DI VOLERE GARANTIRE LA MASSIMA RAPPRESENTANZA, E’ PREDISPOSTA ALLO SCOPO, E DI REALIZZARE  SOLO L’ULTERIORE  FRAMMENTAZIONE DELLA MINORANZA – COMPOSTA DALLE ALTRE FORZE POLITICHE –  CHE GIA’ HA SCARSA POSSIBILITA’ DI INCIDERE, E PER DOTARE L’ESERCIZIO DEL PARTITO UNICO OVVERO IL SUO GRUPPO PARLAMENTARE, COME L’ESECUTIVO, DELLA FOGLIA DI FICO, RAPPRESENTATA DA QUALCHE GRUPPUSCOLO DI PRETORIANI, D’UNA PRESUNTA COALIZIONE GOVERNATIVA. PROCEDERE A COLPI DI VOTI DI FIDUCIA E’ DIVENUTO, ORMAI, UNA NORMALITA’ E,

COME GIA’ NAPOLITANO, PER MATTARELLA L’ANOMALIA NON E’ ALL’ORDINE DEL GIORNO, A TUTT’OGGI E’ SILENZIO ASSOLUTO, UNA PIA ILLUSIONE L’EVENTUALE E SPERATO DINIEGO ALLA FIRMA. La cosiddetta riforma delle riforme, dunque, sarà la tavola suprema per la governabilità e si baserà sul premio di maggioranza alla lista che supera il 40% dei voti, o ballottaggio tra i due partiti più votati se nessuno supera quella soglia. Il ricorso all’eventuale secondo turno, ove proprio necessario, servirà, nella convinzione che il rapporto di forza – tra  i partiti – non muti, per garantire il tutto è in ordine e niente a posto; implicito che partirà, alle future elezioni politiche, la strategia anche per una opposizione funzionale; e il lavorio per tirare una doppia volata, Renzi e Grillo si prestano alla bisogna; entrambi, telecomandati, abili comunicatori, per opposti fronti, capaci di coincidere con le aspettative della gente ma per puntare, nei fatti, a operare – esattamente – per l’incontrario. Questa, in sintesi, la realtà della quale gli italiani sembrano – ancora – non accorgersi; e sino a quando ? Nulla di nuovo sotto il sole; i domestici della maggioranza, come è noto, sono stati sempre una costante della nostra repubblica cui si contrapponeva, parimenti, l’opposta pletora di maggiordomi della minoranza.Una diversa, differente, posizione senza padroni non era permessa, e mai concessa. Il conducator d’Italia dei “suicidati” , non è una novità. Una soluzione che sembra indovinata, dopo i tanti tentativi abortiti di restaurazione, e che, per il momento, mette alle corde tutti i veri innovatori, a destra – al centro – e a sinistra -, per riportarci al prima del 1994; questo lo stato dell’arte e il progetto in cantiere che, però, ha qualche punto debole e non vaccinato per tutti i rischi; metti che, per l’imponderabile, gli italiani ritrovino, per una qualche ragione, la via delle urne; che si immagini, sulle schede, il logo d’una lista che assembli tutti i simboli dell’ex centrodestra; oppure solo quello leghista e di forze alleate; le maggioranze, e le minoranze, sarebbero nuovamente in predicato. Possono sparigliarsi le carte ? Forse che sì e forse che no. Per ora abbiamo MATTEO RENZI IL PIFFERAIO FIORENTINO COL VENTO IN POPPA MA CON NOI NON FA MERENDA.”

 
—————————————————————————————————
UN POCO DI SATIRA NON GUASTA – IN SATIRA VERITAS
—————————————————————————————————————
 
[ da messaggio “postato” su facebook ]