LE VERITA’ SCOMODE LEGGI SULLA FAMIGLIA E ONU – SU VINCOLO DI MANDATO IN PARLAMENTO E LATICLAVIO A VITA – ALTRE NEWS ( DA COSENZA, E ALTRO )


LE VERITA’ SCOMODE LEGGI SULLA FAMIGLIA E ONU – SU VINCOLO DI MANDATO IN PARLAMENTO E LATICLAVIO A VITA – ALTRE NEWS ( DA COSENZA, E ALTRO )

anteprima di web – scritto : lunedì, 22 febbraio 2016
 
LE VERITA’ SCOMODE LEGGI SULLA FAMIGLIA E ONU – SU VINCOLO DI MANDATO IN PARLAMENTO E LATICLAVIO A VITA – ALTRE NEWS ( DA COSENZA, E ALTRO )
[ “AZIMUT-NEWSLETTER” : 23.02.’16 ]
“Azimut” – associazione
Ferruccio Massimo VuonoUff. Stampa

Associazione Azimut – WordPress.com

https://azimutassociazione.wordpress.com/

… E ALTRE NEWS ( PER… azimutassociazione.wordpress.com/2016/02/14/sul … …. 41,913 Visite su Wordpress a cui vanno sommati 99.660 visite ricevute sul ..

IN COPERTINA
 [ DA MESSAGGIO -FACEBOOK ]  foto di Monica Martin.
“AZIMUT” NAPOLI –  IL RE E’ NUDO – DAL BIMBO LA BOCCA DELLA VERITA’

[  FOTO TRATTA DA MESSAGGIO – FACEBOOK ]

———————————————————————————————————————————————————————————

Risultati immagini per renzi funambolo

Renzi ad assemblea Pd: ‘Pronto mettere la fiducia sulle Unioni Civili…..”

Risultati immagini per verdini e renziAVEVANO DETTO E RIDETTO CHE IL DISEGNO DI LEGGE NON ERA MATERIA DI ESECUTIVO MA SOLO E SOLTANTO PREROGATIVA DEL PARLAMENTO – CAPOFILA IL LEADER ARROGANTE GRADASSO SPERGIURO E FELLONE…FINIRA’ CHE, IN UNO CON I PUTTANI E VOLTAGABBANA – CON I PEONES E GLI OPPOSITORI DI SUA MAESTA’ , PREVARRA’ IL “…POSCIA PIU’ CHE LA COERENZA POTE’ IL CADREGHINO”…NESSUNO, PROPRIO NESSUNO, VUOLE RITORNARE A CASA!
———————————————————————————————————————————————————————————
NON E’ UNA MINACCIA MA UNA PROMESSA…
GLI SCHELETRI NELL’ARMADIO
DEGLI ITALIOTI-ROSSI…
[ DA ROMA – LEHNER ]
———————————————————————————————————————————————————————————

——- Original Message ——–

Subject: Lehner: perché gli archivi polacchi fanno tremare certi italiani?
Date: Sat, 20 Feb 2016 10:33:32 +0000
From: Giancarlo Lehner <giancarlolehner@hotmail.com>
To:  ( . . . )


Le carte del generale polacco Kiszczak, uomo di Jaruzelski,  al di l� di Wałęsa, alias Bolek spione, fanno tremare vene e polsi anche in Italia? Perché, pur sapendo che tutto nasce dalla vedova che cercò, invano, di vendere quei dossier, “Repubblica” e “Corriere della Sera”, in luogo di registrare i fatti, si scagliano contro il governo polacco? L’emergere di altre verità sulla miseria morale del comunismo mette, certo, a rischio quanti con quel regime, in vario modo, per ideologia o per lucro, ebbero a che fare.Non è una minaccia per qualche mio connazionale, ma è solo l’onesta promessa di chi si occupa di storiografia: ebbene, proprio per verificare quanti italiani sono stati complici dell’imperialismo sovietico in Polonia, mi accingo a chiedere all’ Istituto della memoria polacca il permesso di accedere ai suoi archivi. 
Giancarlo Lehner
———————————————————————————————————————————————————————————
[ TRATTO DA MESSAGGIO – FACEBOOK ]
Italo Zicaro ha condiviso la foto di Ruddi Favero.·
foto di Ruddi Favero.
Ruddi Favero a Ti xe Veneto….

se trovi spazi in bianco

prosegui ugualmente

il servizio continua

.[ TRATTO DA MESSAGGIO – FACEBOOK ]..
 
LE VERITA’ SCOMODE  [ TRATTO DAL 
<< ROMA 
( “il GIORNALE di NAPOLI” ) >> 
vedi : sotto

Dichiarazione universale e diritti dell’uomo

Opinionista: 

Luciano Schifone

Il dibattito sul tema delle unioni civili o, se si vuole, più precisamente sulla proposta di legge Cirinnà è stato particolarmente intenso e più che plurale e variegato. Tuttavia, nonostante il diluvio di interventi autorevoli su tutti i luoghi mediatici, giornalistici, televisivi o anche sulla ineffabile rete dei cosiddetti “social” del Web, c’è un argomento che non ho mai sentito né letto. Infatti da più parti si è fatto richiamo alla sollecitazione dell’Europa a legiferare in materia di unioni civili, pare ci sia addirittura un ordine del giorno del Parlamento Europeo in tal senso. Dunque si è posta come fondamentale la questione della adesione ad una sorta di orientamento internazionale, per mettere l’Italia al passo con gli altri Paesi sul piano del riconoscimento dei diritti civili, quasi che non sia concepibile avere su questi argomenti una modalità di vita diversa dal dettato del “politicamente corretto”. Eppure, nessuno, che io sappia, ha fatto riferimento a documenti internazionali che, essendo ritualmente approvati e sottoscritti dagli Stati, addirittura costituiscono fonte giuridica per decisioni di Tribunali Internazionali . Mi riferisco alla dichiarazione universale dei diritti dell’uomo approvata nel 1948 dall’assemblea dell’Onu e sottoscritta quindi da tutti i Paesi aderenti, ovviamente compresa l’ Italia. Come mai? Eppure tutte le volte che in passato si è discusso di riconoscimento delle prerogative e delle caratteristiche meritevoli di tutela quali espressione della dignità umana, si è sempre sbandierata quella “dichiarazione” che è certamente il punto più avanzato e complessivo della definizione della tutela della dignità umana e delle sue relazioni con la società. Forse se, come si è detto, si pensa che un Paese debba conformare necessariamente la propria legislazione non alle sue tradizioni ed alla sua cultura prevalente, ma all’orientamento internazionale, quella “dichiarazione” andrebbe visitata nella parte che può interessare. Ecco allora che si scopre il perché di questa trascuratezza o dimenticanza. Si scoprirebbe così ad esempio che all’articolo 16 è scritto “1. Uomini e donne in età adatta hanno il diritto di sposarsi e di fondare una famiglia, senza alcuna limitazione di razza, cittadinanza o religione….. 3. La famiglia è il nucleo naturale e fondamentale della società e ha diritto ad essere protetta dalla società e dallo Stato”. Come si vede, in particolare il comma 3 definisce con semplici ma rigorose parole il concetto, reale che diventa giuridico, di famiglia naturale. Dunque lo Stato non solo è tenuto a riconoscere la unicità e la specificità della famiglia naturale, ma è tenuto anche a proteggerla! A me sembra che questa definizione contenuta in un atto internazionale che assume rilievo di fonte giuridica, chiarisca senza ombra di dubbio che la famiglia naturale è l’unica “formazione sociale”, che riceve un riconoscimento di specifica attribuzione di funzioni sociali proprie. Dunque per il diritto internazionale altre “formazioni sociali” come le unioni civili possono essere definite diversamente, ma mai possono essere inquadrate o assimilate alla unicità della “famiglia naturale”. Ma c’è di più! C’è ancora un altro documento, che è un Trattato Internazionale, che può aiutare a dirimere un’altra questione che pure qualcuno ha sollevato ovvero la necessità che la politica debba assumersi il compito di contemperare e fare compromesso fra le due sfere di diritto in conflitto nella questione della cosiddetta “stepchild adoption”, ovvero del diritto del bambino ad avere una famiglia naturale con una mamma ed un papà, e quello dell’omosessuale all’uguaglianza e non alla discriminazione . Ebbene, sarebbe opportuno andare a rivedere la Convenzione Internazionale dei Diritti dell’Infanzia e dell’ Adolescenza, che è alla base dell’Unicef, approvata nel 1991 dall’Italia insieme a 180 Paesi. All’articolo 3 della Convenzione e scritto testualmente: “Interesse superiore del bambino in tutte le decisioni riguardanti i bambini, prima di tutto bisogna pensare all’interesse superiore del bambino”. Mentre all’ articolo 9 recita testualmente: “Il bambino ha diritto di vivere con i suoi genitori” Offro dunque alla discussione due Trattati Internazionali stranamente o colpevolmente dimenticati in questo aspro dibattito e che sono, invece, attualmente le linee più avanzate e condivise a livello planetario, che non possono essere richiamati solo quando fa comodo.

———————————————————————————————————-

QUEL CANCRO DEL CAMBIO DI CASACCA…..

———————————————————————————————————-

[ TRATTO DA MESSAGGIO – FACEBOOK ]

Sì al Vincolo di Mandato

Sì al Vincolo di Mandato

Siamo stanchi di chi tradisce il mandato elettorale. Siamo stanchi dei trasformisti. Siamo stanchi di chi rinuncia ai propri valori per qualche poltrona. Ne abbiamo abbastanza di chi non mantiene fede agli impegni elettorali. Solo in questa legislatura 1 parlamentare su 3 ha cambiato casacca. Modifichiamo subito l’articolo 67 della Costituzione e introduciamo il vincolo di mandato per tutti gli eletti in Parlamento. Chi cambia partito deve andare a casa. Sì al vincolo di mandato. No ai voltagabbana!

Sì al Vincolo di Mandato ha lanciato questa petizione con solo una firma e allora ci sono 67 sostenitori. Lancia la tua propria petizione per creare il cambiamento cui ti preoccupi.

Diciassette anni fa moriva Pinuccio Tatarella: Gasparri lo ricorda
[ nella foto : Tatarella e Gasparri ]
 
[ “AZ.” ] – Nel 17.mo della sua scomparsa abbiano ricordato l’indimenticabile Giuseppe (Pinuccio) Tatarella ; e tra le tante cose , prima che fosse convocato a Torino per il trapianto del fegato, già prima della sua prematura scomparsa, ch’era in preparazione una sua urgente proposta di legge “antiribaltone” ; provvedimento che, nell’interpretazione autentica del mandato senza vincoli degli eletti, previsto nella costituzione repubblicana, però fosse applicato alla sola attività legislativa ma decadendo il parlamentare che avesse “cambiato casacca”, disattendendo il mandato – ricevuto dagli elettori – di appartenenza ad una maggioranza di coalizione e ad una formazione politica, dichiarate in campagna elettorale;legge anche estensibile a tutti gli enti territoriali.
———————————————————————————————————-

se trovi spazi in bianco

prosegui ugualmente

il servizio continua

———————————————————————————————————-

SENZA PAROLE

———————————————————————————————————-

foto di Non Ci Posso Credere.

[ TRATTO DA MESSAGGIO – FACEBOOK ]

——————————————————————————————————–

SUI CURDI – TRATTO DA “il GIORNALE” di MILANO

———————————————————————————————————-

se trovi spazi in bianco

prosegui ugualmente

il servizio continua

Le medaglie curde nella lotta al terrorismo

La Turchia li vorrebbe eliminare, ma il loro ruolo è stato fondamentale

Francesco Alberoni – Dom, 21/02/2016 

Durante la Guerra fredda la Turchia aveva una importanza strategica fondamentale. Controllando il Bosforo poteva bloccare la flotta russa nel Mar Nero e collocava missili americani quasi nel centro dell’impero sovietico.

Con la fine della Guerra fredda nel 1989 l’intero sistema sovietico era sul punto di sparire e la Turchia perse importanza. L’ha ripresa in altro modo quando gli americani hanno incominciato a seguire la strategia che gli inglesi chiamavano «Il grande gioco».

Gli inglesi non volevano che i russi, dopo aver conquistata la Siberia, si volgessero a Sud e prendessero l’India. Essi perciò usarono i Paesi islamici contro la Russia. Dopo la Seconda guerra mondiale gli americani hanno continuato questa politica. Dapprima hanno armato i mujaheddin afghani contro i sovietici. Ma anche dopo la scomparsa dell’Urss hanno posto sanzioni alla Russia e indebolito o distrutto tutti i regimi che erano stati filorussi: Gheddafi, Saddam Hussein, Assad, aiutando invece fino in fondo la Turchia e le monarchie del Golfo anche se queste finanziavano il terrorismo antiamericano di Al Qaida e del Califfato.

Godendo della fiducia americana insieme a cui combattevano il regime di Assad, la Turchia era convinta di poter dettare il nuovo assetto della Siria e dell’Irak, ma non ha tenuto conto che nella zona ci sono i curdi e questi, in Irak come in Siria, hanno sconfitto i jihadisti e costruito una regione autonoma piazzata proprio sul confine turco. I curdi sono una spina nel fianco dei turchi che li odiano e vorrebbero ammazzarli tutti. Per ora li bombardano, ma minacciano una grande offensiva terrestre con l’Arabia Saudita, ufficialmente contro l’Isis, di fatto contro i curdi. Ma non ne faranno nulla. Pensano davvero che gli occidentali gli lascerebbero fare un altro genocidio? No, i curdi si sono guadagnati troppe medaglie combattendo contro l’Isis e ormai hanno l’amicizia sia della Russia che degli Usa. Perciò su da bravo, Erdogan, smettila di bombardarli, accetta un negoziato sui curdi e vedrai che poi un contentino i tuoi amici americani te lo daranno.

———————————————————————————————————————————————————————————
LA DISSACRAZIONE DEL MITO / 1
———————————————————————————————————————————————————————————
[ TRATTO DA MESSAGGIO – FACEBOOK CON IL VIDEO ]
Da notifiche