Silvio Berlusconi, intervista al direttore del Mattino Alessandro Barbano, dalla politica internazionale a quella italiana e altre news


Silvio Berlusconi, intervista al direttore del Mattino Alessandro Barbano, dalla politica internazionale a quella italiana e altre news

[ “AZ.” ] – Silvio Berlusconi, intervista al direttore del Mattino Alessandro Barbano, dalla politica internazionale a quella italiana e altre news


[ “AZIMUT-NEWSLETTER” : 24 MARZO 2016 ]


se trovi spazi in bianco
prosegui ugualmente
il servizio continua
VISITA IL SITO

Associazione Azimut – WordPress.com

https://azimutassociazione.wordpress.com/

… di meno Milano e Roma,… azimutassociazione.wordpress.com/2016/03/06/pri … …. 43,003 Visite su Wordpress a cui vanno sommati 99.660 visite ricevute sul …

Hai visitato questa pagina molte volte. Ultima visita: 15/11/15
L’ex presidente del Consiglio e leader di Forza Italia, Silvio Berlusconi, ha rilasciato una lunga intervista al direttore del Mattino Alessandro Barbano. Molteplici i temi trattati, dalla politica internazionale a quella italiana.
[ tratto dal web ]
Risultati immagini per berlusconi intervista al quotidiano il mattino
Presidente Berlusconi, in una lettera al «Foglio» lei propone una coalizione che sotto l’egida dell’ONU riunisca Europa, Usa, Russia, Cina e islam moderato contro l’Isis e vada a estirpare il cancro dove si annida, cioè in Iraq e in Siria. A dirsi sembra facile, se non fosse che i protagonisti di questa cordata sono divisi tra loro, e nel caso dell’Europa anche al suo interno, da interessi diversi e talvolta contrapposti.
«Sì, c’è ancora una forte miopia da parte di singoli, ma l’enormità della minaccia ci consegna un’unica strada: porre fine a questa fabbrica di morte che è l’Isis».

Ma è possibile un’azione militare senza tagliare prima il cordone ombelicale che lega l’Isis a quella parte dell’islam che lo finanzia, per usarlo all’interno di un conflitto intestino lungo trent’anni?
«No, non è possibile con la sola forza delle armi. Ma è possibile con la forza delle armi e della diplomazia coordinate dalla massima istituzione mondiale. Ed è questa la strada indicata dallo stesso Putin nel suo intervento alle Nazioni Unite».

Putin si è infilato in un vuoto politico e ha giocato in questi mesi un ruolo decisivo nel quadrante mediorientale. Lei considera realistica un’intesa operativa di Putin con gli attuali interlocutori di Europa e USA a beneficio della stabilizzazione della Siria?
«Sì, realistica e obbligata. Putin è aperto al dialogo, anche se dispiaciuto delle sanzioni subite per la vicenda ucraina. Se la Russia rischia di andare verso La Cina e l’India non è per sua volontà, ma per una scelta miope dell’Occidente, che con il masochismo delle sanzioni ha danneggiato se stesso prima ancora che la Russia».

Vuol dire che sulla vicenda Ucraina in Europa è prevalso uno schema da guerra fredda, imposto dal Pentagono?
«Non voglio dare interpretazioni, ma stare alla verità dei fatti. I fatti dicono che in Ucraina una democrazia incompleta, se non assente, e una forte crisi economica hanno indotto la popolazione di origine e lingua russa a desiderare un ritorno alla madrepatria. Le condizioni di vita sono slittate in pochi anni sul limite della disperazione. Il nazionalismo nasce da questo dramma sociale, acuito dal confronto che la popolazione fa con la florida condizione dell’economia russa. Sono stato in Crimea con Putin e ho avuto modo di vedere la gente sul Lungomare di Yalta gettarsi tra le sue braccia, piangendo e ringranziandolo. Perché l’Occidente riconosce il referendum degli scozzesi e non quello che in Crimea si è trasformato in un plebiscito con oltre il 90 per cento dei voti per la Russia? C’è, nei confronti di Putin, un punto di vista parziale che vizia l’atteggiamento dell’Europa e degli Usa. E che non aiuta».

Torniamo all’Isis e a una guerra che non si dice, ma è già nei fatti. Tredici anni fa, in Iraq, i neo-conservatori cercarono con la guerra di esportare la democrazia. Fu un fallimento. Lei vuole ritentare l’impresa?
«Proprio no. Tredici anni fa contrastai la volontà di Bush. Lo racconta con efficacia uno dei pochi capitoli sinceri e veritieri del libro di Alan Friedman. In Iraq c’erano tre etnie in conflitto tra loro e un 60 per cento della popolazione analfabeta. Alla quale parlare di democrazia era ridicolo. Purtroppo ciò vale ancora per buona parte del Medioriente e dell’Africa. I paesi stabili sono tutti governati da regimi. Prendi il Marocco, la Giordania, la Siria, l’Egitto. Quando capì che Bush puntava all’attacco, cercai una garanzia per Saddam con l’aiuto di Gheddafi. E l’avevo trovata. Il resto è storia. Volai a Washington con Valentino Valentini, incontrai Bush, Condoleezza Rice, Cheney e il capo del Pentagono. La storiella del leone e del lupo con cui cercai di sdrammatizzare la crisi l’ho raccontata altre volte. Risero tutti, tranne Bush. Perché Saddam aveva attentato alla vita del padre. E questa era una cosa che lui non poteva dimenticare. Così gli Stati Uniti sono andati in Iraq, hanno fatto quello che hanno fatto. E anche per questo è cresciuto l’odio delle popolazioni nei confronti dell’Occidente».

Vuol dire che oggi stabilizzare il Medioriente significa riconsegnarlo realisticamente al migliore dei dittatori possibili?
«Non vedo alternative a una soluzione di questo tipo. Se qualcuno le ha, discutiamone pure. Ma con realismo e senza il velleitarismo degli ultimi anni».

Sta pensando alla Libia?
«Certo che sì. Anche quella è stata una battaglia persa nel presente e vinta nella storia. Litigai duramente con Sarkozy e cercai di portare dalla mia parte Hillary Clinton. Ma la decisione ormai era assunta. Quando arrivammo a Parigi credendo che si potesse discutere, gli aerei francesi erano già in volo ad attaccare la colonna di Gheddafi che andava verso Bengasi. Nessuno come me aveva chiaro in quel momento il disastro che si andava delineando. Perché ero il leader più vicino a Gheddafi, avevo visto con i miei occhi i capi delle 105 tribù divise in tre aree e l’un contro l’altra armate che a lui facevano ogni anno omaggio, rinunciando alla guerra permanente in segno di riconoscenza per quella leadership. Provatelo a fare adesso un governo che, in Libia, decida per tutti».

Ma il migliore dei dittatori possibili per la Siria è Assad?
«Vladimir la pensa così, ne è proprio convinto. Io non escludo che si possa trovare una guida alternativa, sostenuta dall’Occidente e capace di governare su quel che sarà della Siria. Dove c’è stata una guerra civile tra due parti che ha fatto trecentomila morti. Quanto basta per rendere una ricomposizione difficilissima. Ma bisogna provarci».

Nella sua lettera al Foglio c’è un altro caposaldo: vincolare l’accoglienza al rispetto della persona. Vuol dire porre fine a un multiculturalismo che ha infiltrato in Europa enclavi dove si coltiva, non solo il terrorismo, ma anche un brodo antioccidentale. È il volto delle donne che inveiscono a Molenbeek contro la polizia che arresta Salah. Come si fa a vincolare l’accoglienza al rispetto? Con le ricette di Salvini?
«Macché, non si può mandare via un milioneseicentomila musulmani che vivono in Italia. Ci vuole un’opera convinta di acculturamento e di imposizione di regole. Che renda visibili e chiari per tutti i nostri valori, partendo da una consapevolezza che non può essere nascosta: dentro i versetti del Corano ci sono anche principi che non predicano la civile convivenza. Bisogna poter dire questo in Occidente e condividerlo con i musulmani di buona fede, disposti a dare una lettura moderna della loro storia e dell’orgine della loro fede. Maometto non era solo un capo religioso, ma anche un capo militare. Gesù non ha mai fatto prigionieri».

Quando lo disse Ratzinger, fu messo alla gogna.
«Anch’io sono stato messo alla gogna un po’ di anni fa. Oggi ci sono molte più persone disposte ad ammetterlo, senza che questo comporti atteggiamenti xenofobi o di intolleranza. Quando i tempi si fanno più bui, solo la verità può illuminarli».

Che ruolo ha in questa confusione la crisi di sovranità che attraversa l’Europa?
«La crisi dell’Europa è crisi di leadership, cioè mancanza di leader capaci di prendere decisioni e di comunicarle al popolo. Il suo perdurare sta facendo ammalare l’opinione pubblica».

Certo non se la passano meglio i leader dei partiti italiani. Che sono alle corde di fronte a qualunque decisione. Per esempio quella di scegliere un candidato per le elezioni amministrative di Roma. Che fa, Berlusconi, a Roma? Resiste al pressing di alcuni suoi consiglieri per ritirare Bertolaso, quelli che le sussurrano all’orecchio che la Meloni con il suo appoggio e una campagna seria potrebbe farcela?
«Mi dispiace deluderla, ma non c’è nessun pressing. Nel partito sono tutti su Bertolaso. Con convinzione. Perché guardano al bene di Roma, e sanno che ciò che può fare lui per la città non riuscirebbe a farlo nessun altro. Meno che mai quei candidati che hanno fatto nella loro vita solo politica».

Ma il successo dell’alleanza non giustificherebbe una rinuncia? Così divisi, è molto probabile che nessuno dei candidati del centrodestra giunga al ballottaggio. Se Bertolaso stesso dovesse valutare un passo indietro di fronte a sondaggi non incoraggianti, lei che farebbe?
«Non se ne parla neppure. Ho fatto tanta fatica per convincerlo, è un candidato che non ha paragoni con altri. Ed era stato inizialmente gradito anche da Salvini e Meloni, che poi inspiegabilmente hanno cambiato idea. Non c’è nessun motivo per ritirare un candidato in cui credo moltissimo, l’unico che può portare Roma dalla crisi in cui si trova oggi a uno stato di salute. Confido nel buonsenso dei romani e sono convinto che Bertolaso abbia chance di vincere anche al primo turno».

Vuol dire piuttosto che confida anche in una resipiscenza dei suoi alleati?
«Sì, confido anche in quella. Spero che, quando a un mese dalle elezioni capiranno che non hanno nessuna chance di andare al ballottaggio, facciano convergere i loro voti su Bertolaso».

Ma le amministrative sono un modo per contarsi nel futuro Italicum? Se, per esempio, a Milano FI prende meno della Lega e a Roma prende meno di Fratelli d’Italia, nel futuro listone della nuova legge elettorale peseranno i rapporti di forza usciti dalle urne di giugno? E allora le carte del centrodestra le darà ancora lei?
«No, i rapporti non peseranno, anche perché a Roma il voto è condizionato dall’avere noi consentito una lista civica intestata a Bertolaso, che ovviamente raccoglierà molti voti di Forza Italia. Se si andrà alle politiche con un listone, le percentuali di presenza saranno prese valutando i sondaggi di quel momento storico, magari i sondaggi di tre istituti diversi. Ma aggiungo che con il mio ritorno in campo non ho nessun dubbio che Forza Italia sarà di gran lunga il primo partito della coalizione».

A Napoli il Pd punta al suicidio, ma le spaccature del centrodestra rischiano di indebolire anche la corsa di Lettieri a un de Magistris che, fin qui, è riuscito a eludere dietro le debolezze altrui un dibattito sui risultati non esaltanti dei suoi cinque anni a Palazzo San Giacomo.
«Ho fiducia anche nel buonsenso dei napoletani. De Magistris vinse cinque anni fa presentando un programma di 23 punti. Non ne ha realizzato uno. La gente preferirà un uomo del fare come Lettieri, un imprenditore capace e che può mettere al servizio della città l’esperienza di cui c’è bisogno. La partita è aperta e ce la giocheremo sino alla fine».

Il Sud era una brughiera del centrodestra, oggi è una riottosa savana di Renzi. Lei ha rinunciato al Sud?
«E lei la chiama rinuncia? Dimentica che Forza Italia ha subito una violenza assoluta con l’espulsione del proprio leader dalla vita politica, non con i mezzi delle libere elezioni ma con l’uso politico della giustizia? Se una crisi di consenso c’è stata, il motivo è questo. Ma il mio ritorno in campo, secondo alcuni sondaggi, potrebbe riportarci addirittura ad essere il primo partito».

Milano da una parte, Roma e Napoli dall’altra. I sondaggi raccontano due Italie. La prima dove la democrazia rappresentativa passa dai politici ai tecnici senza traumi e convergendo verso il centro, e l’altra dove l’assedio dell’antipolitica soffoca i partiti tradizionali e mette a nudo la loro crisi. Se le primarie sono un’incompiuta, neanche i suoi circoli sono riusciti a riportare i migliori dentro la politica, non le pare?
«La politica ha deluso molti cittadini e nelle ultime tre elezioni, due regionali e una europea, ha votato solo una metà dell’elettorato. Ci sono 26 milioni di italiani sfiduciati. Dobbiamo tornare a parlare a loro con un programma nuovo. Significa aggiornare ai tempi la nostra rivoluzione liberale, costruendo una proposta per il governo del Paese e una squadra di protagonisti. Forza Italia centrerà la sfida e per questo sto chiamando all’impegno politico, come feci nel ‘94, personalità che vengono dal mondo dell’impresa, delle professioni, della cultura e del volontariato. Costruiremo una strategia politica ed elettorale forte, nelle sedi del discorso pubblico, le piazze, i media, la rete. Abbiamo un anno, o forse due anni di tempo per tornare il primo partito del Paese e superare da soli il 40 per cento alle elezioni. Io ci credo».

Ma lei si vede ancora a capo di questo cartello? Dica la verità, Berlusconi, ha smesso di cercare un erede? Quattro, cinque anni fa, quando era ancora in gioco e sotto l’attacco politico-giudiziario, sembrava porsi il problema del passaggio del testimone più di quanto non faccia adesso. La delusione di Alfano l’ha traumatizzata? Non crede che sia proprio questa lunga transizione a impedire al centrodestra di tornare forza egemone?
«No, non è cambiato nulla. So bene che l’operazione per riportare alla politica tanti cittadini delusi deve avere al centro un protagonista. Un candidato alla presidenza del Consiglio forte, che non sarò io, con una squadra autorevole e competente. Da tempo lavoro a questo progetto e ci sono possibilità che si concretizzeranno presto. Ma intanto, per quanto riguarda la corsa elettorale, un Berlusconi riportato nella pienezza della sua innocenza, come sono certo farà presto la Corte di Strasburgo, sarà la vera spinta verso la rimonta e la vittoria».

Lei lo crede ancora?
«Certamente sì, c’è un amore nei miei confronti che tocco ogni volta che cammino per strada. La gente ha capito che cosa mi hanno fatto, mi vuole molto più bene di qualche anno fa. Anche gli avversari sanno in cuor loro che fin qui hanno vinto barando. Sono integro, mentalmente e fisicamente. Posso scendere in campo domattina. Se fosse necessario, come ho fatto nel 94 tornerei a sacrificarmi per il mio Paese. Spero tuttavia di trovare qualcuno che possa prendere il testimone da me ed essere il leader di tutto il centrodestra».

Chi è Renzi, oggi, per lei?
«È un presidente del consiglio abusivo e illegittimo. Con primarie manovrate ha preso in mano la segreteria del Pd, da cui ha fatto il balzo a Palazzo Chigi, dopo avere garantito che mai ci sarebbe andato se non non attraverso regolari elezioni. Guida un governo non eletto dal popolo, che si sostiene grazie al voto di sessanta senatori del centrodestra. Un governo contro il voto degli italiani che calpesta la sovranità nazionale».

E Verdini chi è? Un ex alleato, un nemico, un «compagno» che sbaglia?«Verdini è un protagonista di una certa politica che ha ritenuto che l’avventura di Renzi possa continuare nel tempo, e ha scelto di aggregarsi ad essa. Da lì è venuta fuori l’incompatibilità della sua presenza in Forza Italia. Ci siamo salutati con una stretta di mano e con una presa d’atto dei diversi convincimenti».

Ma se l’assedio dell’antipolitica dovesse continuare, lei esclude che il patto del Nazareno possa tornare a essere una strada obbligata? Dica la verità: la considera davvero un’esperienza irripetibile o piuttosto qualche volta prova un po’ di nostalgia?
«Ho creduto nel patto del Nazareno perché pensavo che ci offrisse la possibilità di modernizzare il Paese attraverso riforme studiate, progettate e realizzate insieme. Questo era nelle intenzioni, almeno nelle mie. Ma il seguito è stato diverso. Renzi senza interpellarci ha imposto diciassette cambiamenti, tra cui la riforma del Senato, la legge elettorale, e la rottura degli accordi sulla scelta del capo dello Stato. Ho compreso che lui voleva cucire un vestito fatto su misura per sé. Un vestito che prevedesse una sola Camera che fa le leggi, un partito che ha la maggioranza in questa Camera e un leader che ha tutto il potere in questo partito. Qualcosa che somiglia a un regime. Ma non ha fatto bene i conti con gli imprevisti. Perché quel vestito rischia adesso di stare a puntino al movimento Cinquestelle. E questa sarebbe una cosa tragica per la democrazia. Perciò stiamo in campo e ci staremo sempre di più».

Se sotto il suo governo fosse avvenuto un cambio al vertice di Telecom per mano di un colosso delle tlc francesi controllate dallo Stato, che cosa sarebbe accaduto?
«La rivoluzione. Ma sarebbe accaduta anche se avessimo occupato militarmente così tanti ruoli nelle aziende che dipendono dall’ammistrazione pubblica, la Rai per esempio, quanto sta facendo il governo Renzi».

Cosa sarà invece del suo impero mediatico? Non risponda, la prego: se ne occuperanno i miei figli. Lei ha spento i rumors su una possibile fusione con «Vivendi» indicando il perimetro di una collaborazione sulla TV on demand, ma ovunque, attorno alle cattedrali della politica, si disegnano processi di concentrazione. Repubblica e La Stampa insegnano. È un destino?
«Probabilmente sì, ma per certi settori, forse non per altri. Per la produzione di format o la vendita di film e fiction al singolo utente è importante che ci sia un’offerta europea. Vedo un futuro difficile per la televisione a pagamento ma ancora molte chance per la free television, che resta l’unico mezzo per promozionare offerte e prodotti a un target di cinque, otto, dieci milioni di utenti». Non teme che Bolloré possa diventare l’uomo più potente d’Italia, in una parola più potente di lei?
«Non ho mai pensato a me in termini di potenza, è l’ultimo dei pensieri. Bolloré è una persona che conosco bene, è un ottimo imprenditore che porta avanti una sua linea di sviluppo, ha la possibilità con “Vivendi” di disporre di somme importanti. Credo che i suoi profitti stiano nelle cose. In ogni caso il quadro del potere in Italia è così frammentato da impedire a chiunque di imporsi come attore di comunicazione contro gli altri. Non vedo il rischio». Giovedì 24 Marzo 2016

se trovi spazi in bianco
prosegui ugualmente
il servizio continua
altre news
se trovi spazi in bianco
prosegui ugualmente
il servizio continua
Leonardo Martini ha condiviso la foto di Leonardo Martini.
·
foto di Leonardo Martini.
Leonardo Martini

CONDIVIDETE!

Molti dei miei compaesani, amici o conoscenti mi chiedono: Leonardo ma come mai tra tutti i leader politici proprio Berlusconi segui?

Risposta:

Perchè Silvio Berlusconi nel 1994 ha impedito l’ascesa al potere dei Democratici di Sinistra (che erano una maschera del Partito Comunista) che predicavano una politica dittatoriale e anti democratica. Ho scelto proprio Silvio perché ha posto fine ad una terribile guerra, quella fredda che ha per anni messo a terra l’intero pianeta. Berlusconi ha fatto abbracciare la Russia e l’America che se ancora oggi fossero state nazioni amiche avremmo certamente avuto due super potenze contro la minaccia Islamica. Ho scelto Berlusconi perchè ha dato vita ad un sogno che in parte ha realizzato e in parte no perché da quando scese in campo una parte della magistratura legata da un “filo rosso” adoperava il proprio potere per far fuori un avversario politico. Non conta l’età anagrafica… conta ciò che per noi ha fatto e che sicuramente farà con l’aiuto dei giovani che hanno preso la sua strada e che giurano di proseguire dove lui è stato bloccato!

Ho scelto Silvio Berlusconi perchè i suoi governi hanno realizzato tutto questo:

-RIFORMA DELLA SCUOLA E DELL’UNIVERSITA’ (legge 169/2008 e legge 240/2010)

-RIFORMA DEL PROCESSO CIVILE (legge 69/2009)

-LEGGE SULLA RISTRUTTURAZIONE DELLE GRANDI IMPRESE IN CRISI (legge 166/2008)

-PACCHETTO SICUREZZA (legge 94/2009)

-FEDERALISMO FISCALE (legge 42/2009 e gli otto decreti attuativi: dlgs 85/2010 sul federalismo demaniale; dlgs 156/2010 su Roma Capitale; dlgs 216/2010 sui fabbisogni standard; dlgs 23/2011 sul federalismo municipale; dlgs 68/2011 su autonomia tributaria di Regioni e Province; dlgs 88/2011 su perequazione e rimozione squilibri; dlgs 149/2011 su premi e sanzioni per Regioni, Province e Comuni; dlgs 118/2011 su armonizzazione sistemi contabili)

-RIFORMA DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE (dlgs 150/2009)

CODICE DELL’AMMINISTRAZIONE DIGITALE (dlgs 235/2010)

-CODICE ANTIMAFIA (dlgs 159/2011)

-ABOLIZIONE ICI: Da giugno 2008 non deve più essere pagata l’imposta comunale sulla prima casa, ossia l’immobile adibito ad abitazione principale; l’esclusione non riguarda invece quegli immobili di lusso adibiti ad abitazione principale ma compresi nella categoria (categoria catastale A1, A8 e A9). Per le abitazioni di lusso si continuano comunque ad applicare le detrazioni vigenti. L’«abitazione principale», sulla quale non si deve più pagare l’Ici, è la casa dove il contribuente ha la residenza anagrafica. Si può comunque dimostrare di avere come dimora abituale un immobile diverso da quello in cui si ha la residenza anagrafica ed ottenere il beneficio su quell’abitazione.I proprietari non dovranno più pagare l’imposta anche sulle pertinenze (come box, garage, cantine) dell’abitazione principale. Le pertinenze sono però esenti nei limiti stabiliti nei regolamenti.

-SOSTEGNO AL REDDITO: Per sostenere il reddito dei lavoratori dipendenti, dal primo luglio 2008 è partita la detassazione degli straordinari e dei premi di produttività. Un altro provvedimento concreto, il cui fine è quello di rendere meno leggera la busta paga di operai ed impiegati, per ridare potere d’acquisto a milioni di lavoratori dipendenti. Il primo vantaggio per il lavoratore è costituito dalla differenza fra l’aliquota Irpef – che va dal 23% in su – e questo nuovo prelievo del 10%. Il secondo vantaggio è costituito dal minor prelievo fiscale legato appunto alle addizionali; poiché le detrazioni per i familiari a carico diminuiscono a mano a mano che il reddito complessivo sale, tenere sganciato l’ammontare di premi e straordinari – ed è il terzo vantaggio – renderà più consistenti le detrazioni stesse.

-LOTTA ALL’EVASIONE FISCALE: Da lunedì 9 febbraio 2009 i Comuni, attraverso un canale telematico, hanno accesso – in modalità protetta e tracciata ai dati dell’anagrafe tributaria che riguardano i contratti di somministrazione di luce, gas e acqua, quelli di locazione, i bonifici bancari e postali per ristrutturazioni edilizie e le informazioni sulle denunce di successione di immobili. L’attività anti evasione fiscale dei comuni è incentivata e premiata con il riconoscimento di una congrua percentuale sui tributi recuperati. A queste misure, va aggiunta la realizzazione del federalismo fiscale che, con il coinvolgimento sempre più stretto degli enti locali, renderà ancora più complicato evadere

-LOTTA ALL’IMIGRAZIONE CLANDESTINA. Le nuove norme contenute nel “Pacchetto sicurezza” (legge 94/2009) ampliano i casi di espulsione degli immigrati clandestini e prevedono l’espulsione anche per i cittadini comunitari, attraverso la misura dell’allontanamento di chi non ha reddito o di chi delinque. Il limite della pena per applicare l’espulsione è stato ridotto a due anni (prima era di dieci). Il giudice, in tutti i casi di condanna dello straniero o del cittadino comunitario a più di due anni di carcere, ne ordina il rimpatrio. Previsto il carcere da sei mesi a tre anni per chi lucra sullo straniero senza permesso di soggiorno, affittandogli casa o altro immobile. Con la condanna scatta anche la confisca del bene.

-EMERGENZA RIFIUTI: Il 21 maggio 2008, nella prima riunione operativa del Consiglio dei Ministri (tenutasi a Napoli come da impegno preso in campagna elettorale), attraverso il decreto legge 90/2008 il governo ha stabilito una serie di interventi che in soli 58 giorni hanno messo fine all’emergenza rifiuti in Campania. Erano ben 551 i Comuni della Campania interessati dall’emergenza. Questi centri producono circa 7.200 tonnellate di rifiuti al giorno: l’uscita dall’emergenza ha permesso di raccogliere e avviare a smaltimento la produzione quotidiana di immondizia insieme con le migliaia di tonnellate accumulatesi nei mesi precedenti. Oggi in quelle zone si riescono a smaltire 7.700 tonnellate di rifiuti al giorno. Sono state attivate tutte le discariche che era possibile mettere in funzione immediatamente; parte dell’immondizia è stata avviata in Germania (520 tonnellate al giorno); parte è stata pretrattata e avviata agli impianti di termovalorizzazione di altre Regioni. L’invio dei rifiuti in Germania è terminato a fine marzo 2009.

-RINEGOZIAZIONE MUTUI: Chi può accedere alla rinegoziazione? Tutti coloro che hanno acceso un mutuo a tasso variabile per acquisto, costruzione e ristrutturazione dell’abitazione principale. Da quando si potrà rinegoziare?Sostanzialmente nell’ultimo quadrimestre dell’anno dopo che le banche avranno formulato ai clienti le proposte di rinegoziazione. La Convenzione interesserà le rate in scadenza dopo il primo gennaio 2009. La rata viene bloccata al 2006, calcolata come media aritmetica delle rate pagate in quell’anno dal cliente. Se i tassi salgono, crescerà la differenza tra la rata originaria e quella della rata rinegoziata, e la differenza sarà addebitata su un conto di finanziamento accessorio. Se i tassi scendono, il risparmio sarà portato a decremento del conto di finanziamento accessorio che potrebbe anche azzerarsi. Le banche sono libere di aderire o meno alla Convenzione ma, se aderiscono, sono obbligate a rinegoziare qualora il cliente lo chieda. Nell’accordo tra Abi ed esecutivo rientra anche la istituzione di un Osservatorio sulla trasparenza dei mutui cui parteciperanno rappresentanti del Ministero dell’Economia, delle banche e dei consumatori. Costi portabilità azzerati.

-STALKING: Introdotto nel codice penale il reato di «atti persecutori», il cosiddetto stalking che riguarda le molestie insistenti, che scatta quando c’è una ripetitività di azioni contro una persona. Ora è un reato «provocare un perdurante stato di ansia o paura nella vittima ovvero ingenerare un fondato timore per l’incolumità propria o di un prossimo congiunto o di una persona alla medesima legata da relazione affettiva ovvero tale da alterare le proprie abitudini di vita». La pena è la reclusione da 6 mesi a 4 anni. Si agisce su querela della persona offesa che ha 6 mesi di tempo per presentarla e il magistrato può procedere d’ufficio nel caso in cui la vittima sia un minore o una persona disabile. Giro di vite per chi compie violenza sessuale (si rischia fino all’ergastolo) e per chi compie molestie insistenti, con l’inserimento del reato di stalking nel codice penale e il patrocinio gratuito per le vittime di stupri. L’ergastolo è la pena prevista per chi uccide durante una violenza sessuale, o atti sessuali con minorenne, violenza sessuale di gruppo o stalking. Giro di vite anche sui benefici penitenziari per chi è condannato per delitti a sfondo sessuale: maggiori difficoltà di accedere al lavoro esterno, permessi premio e misure alternative alla detenzione.

-ALITALIA. Il 13 gennaio 2009, CAI, la nuova compagnia di bandiera, ha ufficialmente aperto i battenti, completando un lungo e faticoso percorso di molti mesi, nei quali la “cordata italiana” ha saputo superare molti ostacoli e raggiungere l’obiettivo di mantenere all’Italia una compagnia di bandiera. I possessori di azioni Alitalia sono stati indennizzati con le risorse provenienti dai “conti dormienti”. La legge sul salvataggio Alitalia (legge 111/2008) è stata pubblicata sulla Gazzetta ufficiale il 23 giugno 2008.

Questi invece i principali provvedimenti del quinquennio 2001-2006 (II e III Governo Berlusconi):

-LEGGE OBIETTIVO PER LE GRANDI OPERE (legge 443/2001)

-RIFORMA DELLA DISCIPLINA DEL LAVORO (dlgs 276/2003)

-RIFORMA DELLA DISCIPLINA SULL’IMMIGRAZIONE (legge 189/2002)

-RIFORMA DELLE PENSIONI E AUMENTO DELLE PENSIONI SOCIALI (legge 243/2004)

-RIFORMA DEL DIRITTO FALLIMENTARE (dlgs 5/2006)

-RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO (legge 366/2001)

-RIFORMA DEL SISTEMA RADIOTELEVISIVO (legge 112/2004)

-ABOLIZIONE DEL SERVIZIO MILITARE OBBLIGATORIO DOPO 143 ANNI con formazione del nuovo esercito di professionisti (legge 226/2004)

-LEGGE SULL’IMPRESA SOCIALE (legge 118/2005)

-LEGGE SULLA TUTELA DEL RISPARMIO (legge 262/2005)

-DISCIPLINA DEL CONFLITTO DI INTERESSI (legge 215/2004)

-NUOVA LEGGE ELETTORALE (legge 270/2005)

-SOPPRESSIONE DELL’IMPOSTA SULLE SUCCESSIONI E DONAZIONI (legge 383/2001)

-NUOVE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI (legge 3/2003, l’articolo 51 dispone la tutela della salute dei non fumatori e il divieto di fumare nei locali pubblici)

-REVISIONE DEL TESTO UNICO DELLE LEGGI SULLA DROGA (legge 49/2006)

-CODICE DELLE COMUNICAZIONI ELETTRONICHE (dlgs 259/2003)

-CODICE DELLA NAUTICA DA DIPORTO (dlgs 171/2005)

-CODICE DELLA NAVIGAZIONE AEREA (dlgs 96/2005 e 151/2006)

-CODICE PER LA TUTELA DEI BENI CULTURALI (dlgs 42/2004)

-CODICE DEL CONSUMATORE (dlgs 206/2005)

-CODICE DELLA STRADA E PATENTE A PUNTI (dlgs 151/2003)

-CODICE DELLA PROPRIETA’ INDUSTRIALE (legge 273/2002)

-CODICE DELLE ASSICURAZIONI (dlgs 209/2005)

-CODICE DELL’AMBIENTE (dlgs 152/2006)

-CODICE DEGLI APPALTI (dlgs 163/2006)

-CODICE PER LA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI (dlgs 196/2003)

TRA BREVE IN RETE

[ “AZ.” ] – OGGI – SILVIO BERLUSCONI INTERVISTA AL DIRETTORE DEL MATTINO ALESSANDRO BARBANO DALLA POLITICA INTERNAZIONALE A QUELLA ITALIANA E ALTRE NEWS

[ “Az.-News” : 24.03.’16 ]
“Azimut” associazione – Via P. Del Torto n. 1 – 80131 Napoli 
Telfax 081 – 7701332 Info 340 – 3492379
E.mail: an.arenella@libero.it (segreteria)-massimovuono@libero.it (ufficio stampa)
[per sostenere l’associazione-solo su su c/c  banc. intestato Arturo Stenio Vuono]
Iban IT74 YO1O 1003 4351 0000 0003 506  BIC IBSPITNA         Banco Napoli SpA Filiale Na. 35 Via Onofrio Fragnito nn. 28/52   80131 Napoli
 
————————————————————————————————-
 
ASSOCIAZIONE CULTURALSOCIALE “AZIMUT” NAPOLI
 direzione responsabile: presidenza Associazione
team azimut online:  Fabio Pisaniello webm. adm. des.
Uff. Stampa Associaz. “Azimut�: 
 
Ferruccio Massimo Vuono
 
azimutassociazione@libero.it

 “Associazione Azimut”<associazioneazimut@tiscali.it>

VISITA IL SITO

Associazione Azimut – WordPress.com

https://azimutassociazione.wordpress.com/

… di meno Milano e Roma,… azimutassociazione.wordpress.com/2016/03/06/pri … …. 43,003 Visite su Wordpress a cui vanno sommati 99.660 visite ricevute sul …

Hai visitato questa pagina molte volte. Ultima visita: 15/11/15
A PRESTO !
——————————————-
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...