TRINACRIA (IN)FELIX Muos : le parabole hanno messo radici E ALTRE NEWS


TRINACRIA (IN)FELIX  Muos : le parabole hanno messo radici E ALTRE NEWS

TRINACRIA (IN)FELIX  Muos : le parabole hanno messo radici E ALTRE NEWS [ “Azimut-NewsLetter” : 30 marzo 2016 ]
VISITA IL SITO

Associazione Azimut – WordPress.com

https://azimutassociazione.wordpress.com/

… di meno Milano e Roma,… azimutassociazione.wordpress.com/2016/03/06/pri … …. 43,003 Visite su Wordpress a cui vanno sommati 99.660 visite ricevute sul …

Hai visitato questa pagina molte volte. Ultima visita: 15/11/15

Associazione Azimut – WordPress.com

https://azimutassociazione.wordpress.com/

… [ TRATTO DAL WEB ] azimutassociazione.wordpress.com/2016/03/19/la-… …. 44,110 Visite su Wordpress a cui vanno sommati 99.660 visite ricevute sul .

 
Piace a 215 persone +1 questa settimana
Rodrigo Rodriguez e altri 40 amici
Copertura dei post questa settimana: 286
se trovi spazi in bianco
prosegui ugualmente
il servizio continua
IN COPERTINA
Risultati immagini per matteo renzi
LO SFASCISTA E IL BELPAESE
———————————————————————————————————————————————————————————
LO SFASCISTA E IL BELPAESE
 
———————————————————————————————————————————————————————————
le parabole hanno messo radici

——- Original Message ——–

Subject: Muos : le parabole hanno messo radici
Date: Mon, 28 Mar 2016 21:39:31 +0200
From: Vincenzo Mannello <info@vincenzomannello.it>
To: ( . . . )
———————————————————————————————————————————————————————————
La sottostante mia riflessione è del 12 gennaio 2013,regolarmente pubblicata su sito ed affidata ai media :

“Del Muos mi sono occupato poco e tanto meno in prima persona. Ci sono battaglie che è bene combattano forze “fresche” e pure “incensurate”. Purtroppo ritengo che il loro sforzo non otterrà assolutamente nulla. L’impianto è addirittura vitale per il sistema di rilevazione e guida satellitare per droni ed affini nel prossimo futuro. Figurati se gli Usa possono permettere che venga modificato un progetto risalente a più di un decennio fa. E che ha già portato la vicina (a Niscemi) Sigonella ad essere la base principale anche dei droni nel Mediterraneo e nel sud-est asiatico. Solo una rivoluzione potrebbe impedire la realizzazione del Muos in Sicilia. Ma, sempre a mio modesto parere, per ora di rivoluzioni non se ne parla. In Sicilia come in Italia ed Occidente”.

In aggiunta,il giorno dopo,a fronte della “coraggiosa” iniziativa di Crocetta (Presidente della Regione) nel “bloccare” il Muos,aggiunsi :“Crocetta chiude ai lavori per la istallazione della antenna. Con il plauso di tutti,pure il mio. Ora,se fa sul serio ed è davvero “autonomista” come dichiara,APPLICHI l’art. 31 dello Statuto della Regione Siciliana.Si faccia coraggio,assuma il comando delle forze dell’ordine,pure delle ForzeArmate,e blocchi “manu militari” tutte le operazione Usa e del servo governo italiano”.Chiedo a quanti trovino interessante il tema di riproporre tutto integralmente…visto che la situazione è in stallo ma “scivola” par pari verso la messa in attività della struttura.“Non fa male” a persone e cose,oramai gli  “esperti” del Tribunale hanno certificato i (loro) dati…al massimo potrebbe avere un impatto (ambientale ??) sulla “Riserva naturale” in cui è stata collocata.Ma cosa volete possa essere (per gli ideatori) ??Da non esperto del settore mi viene difficile credere che,al momento opportuno,i cervelloni militari yankee abbiano sbagliato le coordinate dei 4 siti ove collocare le parabole. A quanto ho letto negli Usa ci sono cittadine abitate a due passi dalle stesse,senza apparenti problemi.Se i comandi americani hanno avuto “pazienza” nel sopportare proteste (sacrosante) e cause civili e penali è soltanto perché il sistema satellitare non serviva in piena attività in questo decennio.Oggi la situazione è differente : tra Libia,Egitto,Israele,Siria ed altre amenità il Mediterraneo,con tutto il Medio Oriente, è un vulcano attivo di guai.Gli Stati Uniti completeranno il Muos e lo renderanno pienamente operativo…non basteranno le proteste delle coraggiose mamme ed i soldi spesi in avvocati vari a fermare l’opera. Renzi,o chi per lui,accetterà o subirà…ci sono protocolli segreti che hanno fatto dal 1945 dell’Italia una colonia di fatto a stelle e strisce.Tutte balle,le mie ?? Per il bene della mia terra mi auguro di sbagliare ma lo vedremo prima di altri tre anni….


Grazie per l’attenzione
Vincenzo Mannello

le parabole hanno messo radici

———————————————————————————————————-
SARA’ VERO ? SARA’ NON VERO ? ( tratto dal web )
———————————————————————————————————-
 
 
15 / 02 / ’15
L’attacco alle Torri Gemelle « è stato pianificato dal governo degli Stati Uniti, ma è stato eseguito per procura, in modo tale che l’attacco contro l’America e il popolo degli Stati Uniti sembrasse un’aggressione effettuata da organizzazioni terroristiche internazionali».Attenzione: « Le prove fornite sarebbero a tal punto convincenti, da smontare completamente la versione ufficiale dell’11 Settembre sostenuta dal governo degli Stati Uniti». Quali prove? Quelle che starebbero per essere pubblicate a Mosca, controfirmate nientemeno che da Vladimir Putin. Ultima mossa, clamorosa, per tentare di fermare la macchina da guerra che – dalla Siria all’Ucraina – sta assediando i non-allienati allo strapotere di Washington, Russia e Cina in primis, tenendo sotto ricatto anche i paesi del petrolio e la stessa Europa, costretta a varare sanzioni autolesioniste contro l’impero del gas e usare la Nato come minaccia contro Mosca. Il presidente russo, annuncia la “Pravda”, si prepara dunque al colpo del ko: l’esibizione di «prove schiaccianti», satellitari, che inchioderebbero l’intelligence di Bush al crimine dell’11 Settembre, spaventoso massacro ai danni dei cittadini americani, da terrorizzare al punto da indurli a sostenere le guerre a venire, cominciando da Iraq e Afghanistan.La notizia trapela dal newsmagazine “Veterans Today”: un collaboratore, Gordon Duff, segnala che sulla “Pravda” del 7 gennaio 2015 si parla 

Putin-11-Settembre

dell’imminente, clamorosa iniziativa dei russi: smascherare definitivamente l’imbroglio mondiale dell’11 Putin 11 SettembreSettembre, quello degli arei dirottati sulle Torri “all’insaputa della Cia e dell’Fbi”, senza alcuna reazione da parte della difesa aerea americana. «Le evidenze satellitari russe che provano la demolizione controllata del World Trade Center con “armi speciali” – scrive “Come Don Chisciotte” – sono state recensite da un redattore di “Veterans Today”, mentre si trovava a Mosca». Gli analisti ritengono che l’attuale situazione di “guerra fredda” tra Washingon e Mosca rappresenti la quiete prima della tempesta: «Putin colpirà una sola volta, ma ha intenzione di farlo con notevole durezza», annuncia “Veterans Today”. «L’elenco delle prove include delle immagini satellitari», aggiunge il newsmagazine, e il materiale in via di pubblicazione «dimostrerebbe la complicità del governo degli Stati Uniti negli attacchi del 9/11 e la successiva manipolazione dell’opinione pubblica ». – « Le ragioni dell’inganno e dell’assassinio dei propri cittadini – continua Duff – avrebbero servito gli interessi petroliferi degli Stati Uniti e delle corporazioni statali del Medio Oriente». La Russia si preparerebbe quindi a dimostrare, in modo clamoroso, che «l’America ha utilizzato il terrorismo “false flag”, sotto falsa bandiera, contro i suoi stessi cittadini, per creare il pretesto per un intervento militare in paesi stranieri». Se così dovesse essere, aggiunge Duff, «la conseguenza diretta della tattica di Putin sarebbe quella di rendere note le politiche terroristiche segretamente adottate dal governo degli Stati Uniti: secondo gli analisti americani, la credibilità del governo statunitense ne risulterebbe compromessa e ci sarebbero, di conseguenza, delle proteste di massa nelle città e infine una rivolta generalizzata». A quel punto, si domanda Duff, gli Usa come potranno Obamarapportarsi ancora sulla scena politica mondiale? «La leadership americana nella lotta contro il terrorismo internazionale ne risulterebbe totalmente compromessa, dando un immediato vantaggio agli Stati-canaglia e ai terroristi islamici ». Lo stesso Barack Obama non è immune da accuse: tutti ricordano la

Obama

scandalosa gestione dell’ultimo capitolo dell’affare Bin Laden, dichiarato morto in Pakistan senza uno straccio di prova, il presunto cadavere inabissato nell’Oceano Indiano. Morti anche i soldati del commando che avrebbe ucciso il capo di Al-Qaeda ad Abbottabad: fulminati “per errore” da fuoco amico, a Kabul, poche settimane dopo il misterioso blitz. Tutte le voci più importanti della dissidenza, negli Usa, hanno denunciato come palesemente falsa la versione ufficiale sulla strage dell’11 Settembre, mentre il Senato degli Stati Uniti ha concluso, di recente, che l’Fbi era perfettamente al corrente delle mosse dei futuri dirottatori-kamikaze. Finora, il manistream ha avuto buon gioco nel rifiutare i sospetti, avvalorando la verità ufficiale sulla base di una semplice tesi: il crimine evocato – strategia della tensione, con numeri smisuratamente stragistici – è troppo mostruoso per essere accettato. Impossibile digerire l’idea che qualcuno, al Pentagono, abbia organizzato l’attentato del secolo, arrivando addirittura ad “accecare” l’aviazione Usa per molte ore e a “sequestrare” il presidente Bush, fatto letteralmente scomparire “per proteggerlo”, e anche per impedirgli di reagire. “Complottismo”, è stata finora la formula liquidatoria per seppellire le scomode verità sull’11 Settembre, illuminate da prestigiose contro-inchieste: le Torri sarebbero crollate secondo le procedure della “demolizione controllata”, grazie all’impiego di esplosivi speciali come la nano-termite, di origine militare. E se ora Putin riuscisse davvero a confermare questa versione con evidenze esclusive?

Gioele-Magaldi2

Gioele Magaldi, autore del dirompente libro “Massoni”, sulla scorta di documentazione top secret di origine massonica (che l’autore si dichiara pronto a esibire in caso di contestazioni) rivela che Osama Bin Laden non fu soltanto reclutato dalla Cia in Afghanistan ai tempi dell’invasione sovietica, ma fu “affiliato” nientemeno che da Zbigniew Brzezinski e inserito nel potentissimo club ultra-segreto delle superlogge internazionali. Una di queste, denominata “Hathor Pentalpha”, sarebbe stata creata da Bush padre con intenti palesemente eversivi: usare il terrorismo per manipolare l’opinione pubblica e trascinare l’Occidente nella “guerra infinita”, a beneficio delle super-lobby del petrolio e delle armi. Nella “Hathor Pentalpha” sarebbe arruolato anche Tony Blair, che più di ogni altro si spese per costruire la suprema menzogna delle inesistenti “armi di distruzione di massa” di Saddam Hussein. Oggi, l’erede di Bin Laden è il “califfo” Abu Bakr al-Baghdadi, misteriosamente scarcerato nel 2009 dal centro di detenzione di Camp Bucca in Iraq, perché potesse combattere nel sedicente “Esercito Siriano Libero” e poi fondare l’Isis, il cui nome coincide con quello della divinità egizia Iside, vedova di Osiride, nei testi antichi chiamata anche “Hathor”. Solito schema: creare l’armata del terrore per poi scatenare una guerra. E, prima ancora, una campagna elettorale: quella di Jeb Bush, ultimo rampollo della dinastia presidenziale del fondatore della “Hathor Pentalpha”, Gioele Magaldidefinita «superloggia del sangue e della vendetta» perché nata quando Bush – affiliato a superlogge reazionarie – fu battuto nella corsa alla Casa Bianca da Ronald Reagan, sostenuto da clan massonici concorrenti.Sempre secondo Magaldi, lo stesso Putin è “affiliato” a una superloggia latomistica internazionale. L’autore di “Massoni” sostiene inoltre che da qualche anno sia in atto una sorta di guerra inframassonica: le “Ur-Lodges” progressiste starebbero preparando una controffensiva, dopo gli ultimi decenni in cui il mondo è caduto letteralmente nelle mani dell’élite finanziaria che ha pilotato la globalizzazione più selvaggia, calpestando i diritti dei popoli e gettando anche l’Occidente in una crisi senza precedenti, il cui punto più critico è l’Europa, dove le classi medie sono state rapidamente impoverite a beneficio dell’oligarchia neo-feudale che domina Bruxelles con il dogma neoliberista del rigore. In parallelo, si muovono scenari geopolitici: come previsto da tutti gli analisti, il gigante cinese è cresciuto in modo esponenziale, minacciando la supremazia americana. La Russia di Putin, prima provocata in Siria e ora assediata in Ucraina a due passi da casa, rappresenta la prima linea del fronte, mentre i Brics lavorano nelle retrovie per preparare un’alternativa multipolare, anche finanziaria, alla “dittatura” del petrodollaro. Quella che Papa Francesco chiama Terza Guerra Mondiale si sta avvicinando. Nel tentativo di scongiurarla, Putin giocherà davvero la sconvolgente carta delle “prove definitive” per accusare il governo Usa per l’11 Settembre?

http://ununiverso.altervista.org/blog/putin-11-settembre-organizzato-dagli-usa-eccovi-le-prove/

———————————————————————————————————-
ALTRE NEWS
———————————————————————————————————-
———————————————————————————————————————————————————————————
1 – IL TERRORE A BRUXELLES E L’EUROPA MOLLE ALTRE NEWS [ “Az.-News” : 23.03.’16 ] – 2 TERRORISMO BUONISMO E NON SOLO INTERVENTI  GIANCARLO LEHNER IL POST DI  ARTURO STENIO VUONO E LE DICHIARAZIONI DI GIORGIA MELONI… ( “SECOLO D’ITALIA” ) ALTRE NEWS [ “Az.-News” : 25.03.’16 ] 
– 3 LUNEDI’ DELL’ANGELO LIGNOLA SUL “ROMA” C’E’ UN DISPERATO BISOGNO DI EROI PASQUA A GAETA E ALTRE NEWS  [ “AZIMUT-NEWSLETTER” : 28.03’16 ] – 4 GIANFRANCO ROTONDI PRESIDENTE DI RIVOLUZIONE CRISTIANA SULLA POLITICA ESTERA DI BERLUSCONI INTERVENTI DA ARCHIVIO AZIMUT ONLINE E ALTRE NEWS [ “AZIMUT-NEWSLETTER” : 29 MARZO 2016 ]
———————————————————————————————————-
Raffaele Basile ha condiviso la foto di Avanguardia NERA.
foto di Avanguardia NERA.
Avanguardia NERA 

( mauri)

IL MEGLIO DELLA SINISTRA

Aprite gli occhi cari sostenitori del movimento 5 stelle. Quello che vi vogliono far credere con le rinunce alle indennità con tanti tagli che si propongono sono l’amo che hanno gettato per adescarvi. La realtà è un’altra. Vedete bene chi realmente agisce alle loro spalle……….

Espulsi 5 stelle a Napoli , Luca Capriello , Vincenzo Russo , Elio D’Angelo , Sara Scia e molti altri
YOUTU.BE
———————————————————————————————————-
L’EDICOLA
———————————————————————————————————-
 

——– Original Message ——–

Subject: 29 marzo – Leggi le principali notizie del giorno
Date: Tue, 29 Mar 2016 05:13:05 +0200
From: “Secolo d’Italia” <newsletter@secoloditalia.it>
To: “associazioneazimut@tiscali.it” <associazioneazimut@tiscali.it>
Reply-To: newsletter@secoloditalia.it


Se non leggi correttamente questo messaggio, clicca qui
Questo testo viene mostrato quando l'immagine è bloccata
Martedì, 29 marzo 2016
Questo testo viene mostrato quando l'immagine è bloccata

E’ stato il 2015 l’anno nero dei cristiani perseguitati nel mondo. Secondo la World Watch List 2016 pubblicata il 13 gennaio scorso dalla ong internazionale Porte Aperte, l’anno passato sono stati uccisi 7.100 cristiani, rispetto ai 4.344 del 2014. le chiese attaccate, invece, sono state oltre 2.400, contro le 1.062 dell’anno precedente.

Questo testo viene mostrato quando l'immagine è bloccata
Questo testo viene mostrato quando l'immagine è bloccata
Questo testo viene mostrato quando l'immagine è bloccata
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Email
Facebook
Twitter
Google+

——– Original Message ——–

Subject: 28 marzo – Leggi le principali notizie del giorno
Date: Mon, 28 Mar 2016 05:38:03 +0200
From: “Secolo d’Italia” <newsletter@secoloditalia.it>
To: “associazioneazimut@tiscali.it” <associazioneazimut@tiscali.it>
Reply-To: newsletter@secoloditalia.it


Se non leggi correttamente questo messaggio, clicca qui
Questo testo viene mostrato quando l'immagine è bloccata
Lunedì, 28 marzo 2016
Questo testo viene mostrato quando l'immagine è bloccata

Tra un gesto simbolico e la verità io preferisco percorrere la strada che ci porta alla sostanza della vicenda e cioè sapere che cosa è accaduto. Ciò non vuoi dire che resteremo a guardare. Io voglio ribadire ai genitori di Giulio e ai cittadini che il governo italiano avrà il nome degli assassini».

Questo testo viene mostrato quando l'immagine è bloccata
Questo testo viene mostrato quando l'immagine è bloccata
Questo testo viene mostrato quando l'immagine è bloccata
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Email
Facebook
Twitter
Google+
Secolo d’Italia
Registrazione Tribunale di Roma n. 16225 del 23/2/1976
​Redazione: Via della Scrofa, 39 – 00186 Roma
 
———————————————————————————————————-
se trovi spazi in bianco
prosegui ugualmente
il servizio continua
“Azimut” associazione – Via P. Del Torto n. 1 – 80131 Napoli 
Telfax 081 – 7701332 Info 340 – 3492379
E.mail: an.arenella@libero.it (segreteria)-massimovuono@libero.it (ufficio stampa)
[per sostenere l’associazione-solo su su c/c  banc. intestato Arturo Stenio Vuono]
Iban IT74 YO1O 1003 4351 0000 0003 506  BIC IBSPITNA         Banco Napoli SpA Filiale Na. 35 Via Onofrio Fragnito nn. 28/52   80131 Napoli
 
————————————————————————————-
 
ASSOCIAZIONE CULTURALSOCIALE “AZIMUT” NAPOLI
 direzione responsabile: presidenza Associazione
team azimut online:  Fabio Pisaniello webm. adm. des.
Uff. Stampa Associaz. “Azimut”: 
 
Ferruccio Massimo Vuono
 
azimutassociazione@libero.it

 “Associazione Azimut”<associazioneazimut@tiscali.it>

VISITA IL SITO

Associazione Azimut – WordPress.com

https://azimutassociazione.wordpress.com/

… di meno Milano e Roma,… azimutassociazione.wordpress.com/2016/03/06/pri … …. 43,003 Visite su Wordpress a cui vanno sommati 99.660 visite ricevute sul …

Hai visitato questa pagina molte volte. Ultima visita: 15/11/15
A PRESTO !
——————————————–
Annunci

1 commento su “TRINACRIA (IN)FELIX Muos : le parabole hanno messo radici E ALTRE NEWS”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...