AMATRICE E I BORGHI DELLA MEMORIA – IL SISMO E GLI EUNUCHI DI BRUXELLES E ROMA – ALTRE NEWS


AMATRICE E I BORGHI DELLA MEMORIA – IL SISMO E GLI EUNUCHI DI BRUXELLES E ROMA –  ALTRE NEWS 

AMATRICE E I BORGHI DELLA MEMORIA – IL SISMO E GLI EUNUCHI DI BRUXELLES E ROMA –  ALTRE NEWS 
[ “AZ.-NEWS” : 25 AGOSTO 2016 ]
 

[ STESSA ORA – E STESSO GRADO – DE L’AQUILA IN ABRUZZO ]
ASSOCIAZIONE CULTURALSOCIALE “AZIMUT” NAPOLI
[ “AZIMUT-NEWSLETTER” : AGOSTO 2016 ]
 
———————————————————————————————————————————————————————————
IN COPERTINA
AMATRICE E I BORGHI DELLA MEMORIA 
Viva sotto le macerie: la bimba abbraccia il suo eroe. Le foto NON LI DIMENTICHIAMO !
———————————————————————————————————————————————————————————
 “AZIMUT” – IL POST DEL PRESIDENTE
Arturo Stenio Vuono
Arturo Stenio Vuono
IL COMMENTO – IL SISMO E GLI EUNUCHI DI BRUXELLES E ROMA  [ 25.08.16 ]
 
Ai lettori. Scrivere “a caldo”, è sempre il meglio; meglio che il prendere appunti, leggere e rileggere, “calibrare”; si finisce, sempre, col non rendere l’idea. Avevamo sperato che la spallata della natura ci risparmiasse dei più gravi danni e dal conteggio di tante vittime; lo avevamo creduto, in un primo tempo, ma non è stato così. Amatrice e i borghi della memoria, in pratica, non sono più. Nei momenti difficili ci accorgiamo che, spesso e volentieri, ci autoflagelliamo perchè colpisce la mobilitazione, senza risparmio, di tutti coloro che vanno a soccorrere – a parte i tantissimi volontari -, ben oltre le prescrizioni imposte dal dovere; e la grande dignità dei terremotati. Gli italiani, in verità, meriterebbero una classe dirigente alla loro altezza.
 
Oggi, il consiglio dei ministri – come d’uso – adotta le determinazioni dell’ordinario (  dichiarazione dello stato di emergenza e gli stanziamenti per l’intervento, e la prima assistenza, etc. ) che interessano non più di tanto; il giudizio sull’esecutivo verrà  sul quando e il come della ricostruzione. Amatrice e i borghi della memoria, colpiti duramente dal terremoto, non sono solo le comunità – con i molti anziani custodi delle tradizioni – , sono insule di arte splendida e di vestigi antichi come, del resto, tutti i piccoli centri in penisola. Quì occorre domandarsi se, a fronte delle inevitabili calamità, sia lecito non prevedersi le tutele preventive ( come, d’altronde, avviene per il dissesto idrogeologico ) per un tale patrimonio storico-artistico incommensurabile. Quando i rivolgimenti naturali mietono, purtroppo, vittime – come da sempre avviene – la distruzione dei borghi, e dei loro centri storici, è pure un dramma.
 
L’economia austera, per marchio Ue, con buona pace dei predicatori di flessibilità – che mai riscontriamo -, non consente – com’è risaputo – alcun tipo di investimenti; e che siano posti fuori conto  dai parametri fissati per il contenimento del cosiddetto << debito pubblico >>. Tal’è il cappio, dal quale – dunque – liberarsì, che sopprime ogni e qualsiasi interesse nazionale. Non diteci, per favore, che strumentalizziamo la tragedia oppure che scopriamo l’acqua calda. Il coro delle esternazioni solidali è alla larga dal << problema >>.
 
Alla larga, certo che sì,  tutti in altre faccende – affaccendati ( accoglienza, eccetera ), restiamo in attesa di conoscere misure di << par condicio >> : alberghi, caserme, immobili in disuso ( da recupero di urgenza ), parrocchie e conventi, resi disponibili  per ospitare i nostri connazionali ; la diaria, per ogni terremotato, che venga – direttamente – gestita dagli interessati senza “creste” di intermediazione o cooperativistiche, di organismi “senza fini di lucro” ( e qui vult, capere capeat ); e, ancora, gli stanziamenti strutturali, europei e nostrani, a valere per l’intero periodo – transitorio – occorrente alla ricostruzione; l’esonero totale dai balzelli e il rapido trasferimento dalle tende al coperto.
 
Non lo chiediamo ma lo pretendiamo. Dagli eunuchi di Bruxelles e Roma !
———————————————————————————————————————————————————————————
IL TERREMOTO – AGGIORNAMENTI  ( TRATTO DAL WEB )
———————————————————————————————————————————————————————————
 

E’ salito a 247 il numero dei morti accertati, secondo l’ ultimo bilancio diffuso dal Dipartimento della Protezione Civile. Le vittime sono 190 nel Reatino e 57 nell’Ascolano. Alle 5:17 nuova scossa di magnitudo 4.5, chiaramente avvertita in Marche e Lazio. — Continua ad aggravarsi il bilancio del sisma di magnitudo 6 che alle 3,36 della scorsa notte ha scosso il centro Italia, devastando una serie di centri tra Lazio, Umbria e Marche.  Sono migliaia gli sfollati mentre si continua a scavare nei centri colpiti, ancora al centro di uno sciame sismico come conferma l’Ingv. La situazione sismica nella zona del terremoto infatti  “continua ad essere di forte attivita con molte repliche che si susseguono nell’area”. TUTTI I VIDEO DELLA TRAGEDIA — La prima violentissima scossa di stanotte ha colpito Amatrice, Accumoli (Rieti) e Arquata del Tronto (Ascoli Piceno); una seconda di magnitudo 5.4 è stata registrata alle 4,33 con epicentro tra Norcia (Perugia) e Castelsantangelo sul Nera (Macerata). Macerie e dolore, ad Amatrice scenario di guerra – IL REPORTAG —- Accumoli devastata. Sindaco,’non dimenticateci’ – IL REPORTAG — Le scosse sono state avvertite anche a molti chilometri di distanza, fino a Roma e Napoli. La terra intanto continua a tremare: un’altra violenta scossa, di magnitudo 4.9, è stata avvertita nel primo pomeriggio scatenando il panico. Violente scosse di terremoto sono state registrate anche stasera in alcune località delle Marche. Una devastazione “peggiore di quella dell’Aquila, mai vista una cosa così”, è stata la reazione dei soccorritori. Imprecisato il numero dei dispersi. Tra le vittime ci sono molti bambini — Pescara del Tronto, il paese spazzato via – IL REPORTAGE — Delle 132 vittime, 86 sono nel versante laziale, 46 in quello marchigiano. Sono 1500 gli sfollati solo nelle Marche. Fra gli altri, non ce l’hanno fatta un piccolo di 4 anni di Amatrice, deceduto in ospedale e Marisol, una bimba di 18 mesi sorpresa mentre dormiva, nella casa delle vacanze in cui si trovava con i genitori ad Arquata del Tronto. La mamma, originaria dell’Aquila, era scampata nel 2009 al sisma ed aveva deciso di trasferirsi ad Ascoli dopo quella terribile esperienza. —- Ad Amatrice si soffre anche per la tragedia di due gemelli di 7 anni, Simone e Andrea Serafini, entrambi morti. Si sono salvati invece, ad Arquata del Tronto, due fratellini di 4 e 6 anni che la nonna ha nascosto sotto il letto; il nonno è morto. Ad Amatrice è stato trovato morto il bambino di 11 anni che aveva chiesto aiuto da sotto le macerie. Sempre ad Amtrice è crollato lo storico Hotel Roma famosonel centro storico della cittadina reatina, che ospitava 70 persone, finora le salme rinvenute sono due. E’ fortunatamente estratto vivo, ad Accumoli, nel reatino, un 43enne romano rimasto per molte ore incastrato con le gambe e parte del corpo tra le macerie, ed una bambina di 10 anni a Pescara del Tronto. —  Renzi, è arrivato nel pomeriggio nei luoghi colpiti, “non lasceremo nessuno da solo”, ha detto, annunciando lo stato di emergenza e provvedimenti già da domani in Consiglio dei ministri e ringraziando chi da stanotte “scava a mani nude: il lavoro continua, la priorità è scavare. Sono state scritte pagine di solidarietà e commoventi”. — Soccorsi e unità cinofile ad Amatrice — La macchina delle operazioni si è mossa da tutta Italia, c’è stata qualche polemica iniziale sul ritardo nei soccorsi, poi rientrata. Sono 700 i vigili del fuoco al lavoro nell’area del cratere. ———– Timori per il patrimonio culturale nelle zone più colpite. Piccole crepe si sono aperte nella struttura esterna del Duomo di Urbino, che è stato transennato. Crolli nel monastero di S.Chiara a Camerino e, ad Amatrice, nella basilica di San Francesco e la chiesa di Sant’Agostino. Il ministero dei beni culturali ha allertato le sue unità di crisi. A Roma sottoposto a verifiche il Colosseo, ma nessun danno. “Qui non c’è più niente. Solo macerie. E’ impressionante. Sembra un bombardamento”, ha detto la presidente della Camera, Laura Boldrini, giunta a Pescara del Tronto, frazione di Arquata del Tronto in provincia di Ascoli Piceno. — Il Pontefice ha rimandato la sua catechesi del mercoledì, per recitare con i fedeli, in via del tutto eccezionale, una parte del Rosario. A Roma è rientrato dalla Sicilia il presidente Mattarella, a lui in una telefonata il presidente Usa Obama ha offerto ‘aiuto e assistenza’. Stessa offerta anche da parte del Segretario di Stato Kerry al ministro degli Esteri Gentiloni. Oggi e domani bandiere a mezz’asta in segno di lutto sugli edifici pubblici. — 

———————————————————————————————————————————————————————————
COSA SI DICE IN RETE
——————————————————————————————————————————————————————————–
da messaggio “postato” su facebook  il post ( . . . )
( . . . )
L'immagine può contenere: spazio all'aperto
( . . . )

( . . . ) 

C’e’ il superenalotto di questa settimana con un montepremi altissimo… sbloccatelo e fate ricostruite le vite di chi ha perso tutto nei loro territori..gentilmente, condividete..

 
 
da messaggio “postato” su facebook

( . . . )·

Se questo governo non assicurerà immediatamente una sistemazione dignitosa in hotel o appartamenti e vitto a tutti coloro che hanno perso casa per questo terremoto e tirerà fuori i containers, credo sia la volta che prendiamo i forconi e finisce male. E non credo di essere il solo a pensarla così!
Adesso ovviamente stanno partendo le raccolte di aiuti privati ma tocca al governo fare subito per gli Italiani così duramente colpiti almeno quello che fa da troppo tempo per i clandestini!
#pensieroeazione!

 
 
da messaggio “postato” su facebook

 
da messaggio “postato” su facebook  il post ( . . . )
( . . . )
( . . . ) è triste.

( . . . ) · Buggiano, Toscana
WWW.OSSERVATOREBARESE.IT
 
 
[ IL SERVIZIO CONTINUA ]

Mi piace

Love

Ahah

Wow

Sigh

G
———————————————————————————————————————————————————————————
ALTRE NEWS   ( E L’EDICOLA ) –  [ “AZ.-NEWS” : 25.08.16 ]
———————————————————————————————————————————————————————————
da messaggio “postato” su facebook

( . . . )

Calamità naturali, non contate sullo stato. Il Governo sacrifica tutto per restare in Europa, anche l’essenza delle ragioni che giustificano l’esistenza in vita di un apparato statale. Per restare in Europa, il governo non paga i risarcimenti ai cittadini colpiti da calamità naturali ( alluvioni, terremoti o frane) all’esito di un provvedimento adottato dal Governo Monti mediante decreto legge. Tale provvedimento – ispirato alle politiche iperliberiste seguite anche dai governi successivi – dopo avere introdotto la tassa sulle disgrazie mediante apposita accisa da prelevare sulla benzina, ha polverizzato le speranze di coloro che rimangono vittima di calamità naturali. In Italia non esiste più lo stato solidale ma lo stato. predone. Tale provvedimento è stato ovviamente adottato anche con la malcelata finalità di agevolare l’usura degli istituti assicurativi.

Il danno e la beffa. Non c’è luogo comune più abusato, ma stamattina, quando il terremoto ha…
ILFATTOQUOTIDIANO.IT|DI
( . . . ) un link.
Il costo maggiore di tutta l’operazione è stato sicuramente quello della nave…
IMOLAOGGI.IT
 
 
( . . . )  il post ( . . . )
( . . . )

E bravi i pentastellini!😠😠😠👊💩

Davvero alcuni vogliono Di Maio come prossimo premier?
Volete capire che continuerà il progetto dei banchieri europei?
E comunque Merkel è odiata dal popolo tedesco

condiviso da Daniele Del Grosso, deputato e membro della commissione Esteri alla Camera
NOTIZIE.TISCALI.IT

——– Original Message ——–

Subject: Speciale Terremoto
Date: Thu, 25 Aug 2016 05:54:04 +0200
From: “Secolo d’Italia” <newsletter@secoloditalia.it>
To: “associazioneazimut@tiscali.it” <associazioneazimut@tiscali.it>
Reply-To: newsletter@secoloditalia.it


Se non leggi correttamente questo messaggio, clicca qui
Questo testo viene mostrato quando l'immagine è bloccata
Giovedì, 26 Agosto 2016
Questo testo viene mostrato quando l'immagine è bloccata
Sono decine le repliche, alcune delle quali forti, che hanno seguito il sisma di magnitudo 6.0 avvenuto alle 3.36  tra i comuni di Accumoli e Arquata del Tronto, in una delle zone italiane a sismicità elevata. La situazione è in piena evoluzione, dicono dalla Sala Sismica gli esperti dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Ingv) e al momento è impossibile prevedere come la situazione potrà evolversi.                                                                                                                                                                                                                            Leggi tutto >
Questo testo viene mostrato quando l'immagine è bloccata
Questo testo viene mostrato quando l'immagine è bloccata
Questo testo viene mostrato quando l'immagine è bloccata
Questo testo viene mostrato quando l'immagine è bloccata

L’IDEA DI DESTRA DEL GIORNO

Email
Facebook
Twitter
Google+
Secolo d’Italia
Registrazione Tribunale di Roma n. 16225 del 23/2/1976
Redazione: Via della Scrofa, 39 – 00186 Roma
———————————————————————————————————————————————————————————
OGGI – AMATRICE E I BORGHI DELLA MEMORIA – IL SISMO E GLI EUNUCHI DI BRUXELLES E ROMA – ALTRE NEWS [ “AZ.-NEWS” : 25.08.16 ]
———————————————————————————————————-
 
ASSOCIAZIONE CULTURALSOCIALE “AZIMUT”  NAPOLI 
 
 direzione responsabile: presidenza Associazione
 team azimut online:  Fabio Pisaniello webm. adm. des.
 Uff. Stampa Associaz. “Azimut�:   Ferruccio Massimo Vuono 
(Arturo Stenio Vuono – presidente di “Azimut” – Napoli)
“AZIMUT” – VIA P. DEL TORTO, 1 – 80131 NAPOLI
TEL. 340. 34 92 379 / FAX: 081.7701332
 
 
FINE SERVIZIO
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...