PRIMA L’ITALIA AL REFERENDUM DEL 4 DICEMBRE PER IL “NO” – PER FAVORE : QUESTA FATELA GIRARE IN SPECIE FRA GLI INDECISI E I NOSTRI CONNAZIONALI ALL’ESTERO


PRIMA L’ITALIA AL REFERENDUM DEL 4 DICEMBRE PER IL “NO” – PER FAVORE : QUESTA FATELA GIRARE IN SPECIE FRA GLI INDECISI E I NOSTRI CONNAZIONALI ALL’ESTERO

PRIMA L’ITALIA AL REFERENDUM DEL 4 DICEMBRE PER IL “NO” – PER FAVORE : QUESTA FATELA GIRARE IN SPECIE FRA GLI INDECISI E I NOSTRI CONNAZIONALI ALL’ESTERO [ “AZ.” – 17.11.’16 ]
l'immagine del profilo di Lorenzo Fabio Romano
PRIMA L’ITALIA
 
 Arturo Stenio Vuono IL PARTITO DELLA NAZIONE AGLI ORDINI DI BRUXELLES SARA’ SEPOLTO DA UNA VALANGA DI “NO” LA MODIFICA DELL’ART.117 DELLA NOSTRA COSTITUZIONE REPUBBLICANA NON PASSERA’ VIVA L’ITALIA LIBERA E SOVRANA
 
( . . . )
17 novembre 2016 

La bufala di Renzi che pone il veto ( ovvero porrà ! ? ) il finto veto sul bilancio Ue; Renzi fa finta di attaccare la Ue e poi vuole inserire nella nostra Costituzione l’obbligo ad accettare tutto ciò che decideranno a Bruxelles.  

LO SCETTRO APPARTIENE AL POPOLO SOVRANO – FERMA IL DECLINO DELLA PATRIA ! – ( …) “…la ciccia della riforma costituzionale di Renzi sta tutta nel nuovo articolo 117. Se il 4 dicembre vinceranno i “Sì”, infatti, il principale effetto sarà il completamento del percorso iniziato con i governi Monti e Letta: il completo e assoluto asservimento dell’Italia all’Ue. Un rischio di cui non troverete traccia sul quesito referendario(..) Chi racconta che la nostra Nazione non possa fare diversamente in quanto membro dell’Ue, dice balle. ( …) Ciò vuol dire che una Costituzione che conservi margini di sovranità nazionale è possibile. Basta volerlo.Qui non è questione di destra o sinistra, renziani o antirenziani, ma della sovranità dell’Italia. Difendiamola.” [IL “ROMA” – 3 NOVEMBRE 2016 – Almeno 117 motivi per difendere l’Italia – stralci dall’articolo di Gianluca Pettinato] – REVISIONE COSTITUZIONALE [  VOTA NO ] – NESSUN DORMA –

Risultati immagini per re giorgio napolitanoRisultati immagini per ecco il partito della nazione ATTENTI AL << RE >> E A QUEI TRE !  REFERENDUM COSTITUZIONALE CONFERMATIVO E IL SOLITO IMBROGLIO:ECCO LA LORO SCHEDA INGANNEVOLE CON IL QUESITO FARLOCCO.LA MODIFICA DELL’ART.117 DELLA COSTITUZIONE NON COMPARE.

<< La potestà legislativa è esercitata dallo Stato e dalle Regioni nel rispetto della Costituzione, nonchè dei vincoli derivanti dall’ordinamento dell’Unione europea e dagli obblighi internazionali.>> 

Risultati immagini per scheda referendum costituzionale 2016

———————————————————————————————————-

———————————————————————————————————-

REFERENDUM 4 DICEMBRE 2016

“AZIMUT” ASSOCIAZIONE CULTURALSOCIALE NAPOLI – IN RETE :
 direzione responsabile: presidenza Associazione
 team azimut online:  Fabio Pisaniello webm. adm. des.
 Uff. Stampa Associaz. “Azimut” :   Ferruccio Massimo Vuono 
(Arturo Stenio Vuono :  presidente di “Azimut” – Napoli)
“AZIMUT” – VIA P. DEL TORTO, 1 –  80131 NAPOLI
[ ex : Prima Traversa Domenico Fontana )
TEL. 340. 34 92 379 / FAX: 081.7701332
 
 

———————————————————————————————————-

IL SERVIZIO ODIERNO

OGGI – 25.MA COMMEMORAZIONE DI CICCIO FRANCO A REGGIO CALABRIA : 16 NOVEMBRE 2016 – L’EDICOLA E ALTRE NEWS [ ANTEPRIMA SI WEB – “AZ.” : 17 NOVEMBRE 2016 ]

IN COPERTINA

Risultati immagini per la squadra del si referendum su facebook

———————————————————————————————————

LO SFASCISTA SE LA RIDE….

———————————————————————————————————-

Matteo Renzi a Caltanissetta,  con il ministro per le Infrastrutture,  Graziano Del Rio, visita il cantiere per la realizzazione della galleria  L’ITALIA DI RENZI ( vedi : sotto )

BUSSA ALL’UE PER I FONDI PRO IMMIGRATI, ETC., MAI PER L’ASSISTENZA….

———————————————————————————————————-

———————————————————————————————————-

Italia “matrigna”, un bambino su 3 a rischio povertà: rapporto choc

Italia “matrigna”, un bambino su 3 a rischio povertà: rapporto choc

mercoledì 16 novembrePovertà ed esclusione sociale, case fredde e poco luminose, nessun gioco, niente sport, abbandono precoce della scuola: è la condizione di migliaia e migliaia di bambini e ragazzi, non in un Paese in via di sviluppo ma in Italia. A fotografare impietosamente, anche quest’anno, la condizione dei minori nel Bel paese è il settimo “Atlante dell’Infanzia (a rischio) ‘Bambini, Supereroi’” di Save the Children, un viaggio nell’Italia dei bambini in 48 mappe, presentato a Roma e che per la prima volta viene pubblicato da Treccani. L’infanzia in Italia, dice Save the Children, è un tesoro che va protetto, soprattutto se si considera che i bambini nel nostro Paese sono sempre meno. Il 2015 ha fatto registrare il record negativo di nati: 485.780 bambini, un livello di guardia mai oltrepassato dall’Unità d’Italia. Il tasso di natalità, pari a 8 nati ogni 1.000 residenti, si sta abbassando di anno in anno dal 2008, quando era pari a 9,8 su 1.000. Anche i minorenni sono sempre meno: il loro peso specifico sul totale della popolazione è sceso dal 17% del 2009 al 16,5% attuale.

Bambini, livello di povertà superiore alla media europea

Il nostro Paese presenta livelli di povertà minorili superiori alla media europea: quasi 1 minore di 17 anni su tre (32,1%) è a rischio di povertà ed esclusione sociale in Italia contro una media Ue del 27,7%. I bambini di 4 famiglie povere su 10 soffrono il freddo d’inverno perché i loro genitori non possono permettersi di riscaldare adeguatamente la casa, il 39% contro una media Ue del 24,7%. Più di un minore su 4 abita in appartamenti umidi, con tracce di muffa alle pareti e soffitti che gocciolano, un dato nettamente più elevato della media europea (25,4% contro il 17,6%), mentre l’abitazione di oltre 1 bambino su 10 in famiglie a basso reddito non è sufficientemente luminosa. In Italia più di 1 bambino su 20 (1-15 anni) non riceve un pasto proteico al giorno e non possiede giochi; più del 13% non ha uno spazio adeguato a casa dove fare i compiti e non può permettersi di praticare sport o frequentare corsi extrascolastici; quasi uno su 10 non può indossare abiti nuovi o partecipare alle gite scolastiche e quasi uno su 3 non sa cosa voglia dire trascorrere una settimana di vacanza lontano da casa.

 Un bambino su 3 al freddo, niente giochi né scuola

Per affrontare la questione della povertà, l’Italia, secondo gli ultimi dati Eurostat (2013) destina una quota di spesa sociale destinata a infanzia e famiglie pari alla metà della media europea (4,1% contro 8,5%), mentre i fondi destinati a superare l’esclusione sociale sono pari appena allo 0,7% contro una media europea dell’1,9%. Gli interventi di welfare messi in campo dal nostro Paese per il 2014 sono riusciti a ridurre il rischio di povertà per i minori del 10%, un risultato che ci pone tra gli ultimi nel Vecchio Continente, considerando che mediamente in Ue gli interventi sociali riescono a ridurre il rischio di povertà del 15,7%.

5 milioni di bimbi in zone altamente sismiche

Nel nostro Paese, la percentuale di giovani tra i 18 e i 24 anni che abbandonano precocemente gli studi, fermandosi alla licenza media, supera la media europea (14,7% contro 11%), nonostante negli ultimi 10 anni il tasso di dispersione scolastica si sia ridotto del 7,4%. IN AREE SISMICHE – In Italia 5,5 milioni di bambini e ragazzi sotto i 15 anni vivono in aree ad alta e medio-alta pericolosità sismica. Si tratta di un territorio che copre circa il 70% delle province italiane che comprende 45 città sopra i 50.000 abitanti che ospitano 900.000 minorenni sotto i 15 anni.

———————————————————————————————————-

metting-ciccio-franco-25-annibversario-platea

25.MA COMMEMORAZIONE DI CICCIO FRANCO A REGGIO CALABRIA : 16 NOVEMBRE 2016 

———————————————————————————————————-

Le Destre si ritrovano alla 25° commemorazione di Ciccio Franco …

6 ore fa – Le Destre si ritrovano alla 25° commemorazione di Ciccio Franco … uomini politici che non hanno bisogno di presentazione: Renato Meduri, …


metting-ciccio-franco-25-annibversarioReggio Calabria  – 17\11\2016 – Emozionante è questo il termine giusto per descrivere l’incontro che si è svolto a Palazzo Foti ieri nel tardo pomeriggio per celebrare il 25° anniversario della scomparsa di Ciccio Franco. A ricordare le gesta dell’anima della rivolta popolare reggina molti camerati dell’epoca, uomini che lo hanno seguito nel suo percorso politico e giovani incuriositi dalla sua storia. L’evento era realizzato dal Centro Studi Tradizione e Partecipazione, da Reggio Futura e dalla Fondazione di Alleanza Nazionale. Al tavolo a presentare i moltissimi ospiti ed ad introdurre i temi di discussione, in una sala gremita in ogni ordine di posto, Nicola Malaspina, Giuseppe Agliano e Antonello Scagliola. Toccante il momento del video passato sui monitor della sala e la canzone che lo concludeva. Si quindi sono alternati sul palco ed hanno arringato gli intervenuti, molti personaggi della destra storica e moderna, con argomenti che hanno spaziato dalla politica economica  alla storia d’Italia, riuscendo sempre a fare collegamenti con la città di Reggio Calabria. Si sono susseguiti così sul palco uomini politici che non hanno bisogno di presentazione: Renato Meduri, Natino Aloi, Massimo Abbatangelo, Adriano Tilgher e Franco Mugnai, insieme ai più recenti Orsomarso, Arena, e Gianni Alemanno, il tutto sotto lo sguardo attento e compiaciuto di Giuseppe Scopelliti. Durante le narrazioni e le riflessioni si è notato un fermento particolare tra il pubblico sopratutto in relazione al fatto che la destra oggi cerca una sua rappresentanza  forte ed unita nello scacchiere politico nazionale, al momento lo scenario è frastagliato, basato su fragili intese che dovrebbero diventare accordi, in modo da ridare il posto che compete ad una parte politica che si è saputa fare male da sola una volta raggiunto il potere. Forse i troppi personalismi e qualche scelta incauta hanno contribuito alla debacle. Il Referendum è visto, con unanime condivisione, come il modo per salvare gli italiani da una riforma mal pensata e se è possibile  mandare anche a casa il presidente del Consiglio Matteo Renzi, il non eletto dal popolo che ha anche il ruolo di segretario nazionale del partito Democratico. Per ottenere questi risultati gli intervenuti hanno auspicato che la destra e le diverse anime che la compongono tornino ad essere una cosa sola. La figura di Ciccio Franco e della sua vicenda umana\politica è servita come momento d’incontro e riflessione agli intervenuti ed ai presenti nella speranza che la dedizione e la correttezza dell’eroe della rivolta reggina doni vigore all’azione politica di tutta la destra italiana

———————————————————————————————————

DA “AZIMUT ARCHIVIO ONLINE” ( clicca link – leggi e ascolta )

———————————————————————————————————-

Risultati di ricerca

QUEL 14 LUGLIO 1970 REGGIO DI CALABRIA PRIMA RIVOLTA …

https://azimutassociazione.wordpress.com/…/quel-14luglio-1970-reggio

15 lug 2015 – QUEL 14 LUGLIO 1970 REGGIO DI CALABRIA PRIMA RIVOLTA“IDENTITARIA” D’EUROPA [ “AZIMUT-NEWSLETTER” – 14 LUGLIO 2015 ].

Reggio Calabria – i moti del 1970/71 a Santa Caterina – YouTube

06 mar 2008 – Caricato da Giuseppe Furnari

video amatoriale integrale per la prima volta trasmesso su circuito mondiale da pino … Reggio …

LE ALTRE NOTIZIE IN RETE [  I LINK – vedi : oltre  ]

———————————————————————————————————

POST – FACEBOOK

OSCAR LUCENTE E’ ANDATO AVANTI POLITICO E STUDIOSO UOMO  DI SPECCHIATISSIMA PROBITA’ – S’E’ AVVIATO VERSO L’ALTRA DIMENSIONE DELL’ESSERE – LO PIANGONO LE CALABRIE E COSENZA [vedi : notizie  in rete]
LUTTO IN CALABRIA-COSENZA:E’MORTO OSCAR LUCENTE [“AZIMUT-NEWSLETTER”:16.11.’16]– https://azimutassociazione.wordpress.com  tra breve in rete- 
UNA PERDITA INCOLMABILE – LA DIPARTITA DI OSCAR LUCENTE POLITICO RISPETTATO STUDIOSO E DOCENTE STIMATO – GENTILIANO E TRADIZIONALISTA – FINE INTELLETTUALE – IL COSENTINO UOMO DI DESTRA E NON DI PARTE E  DI SPECCHIATISSIMA PROBITA’ [ la dipartita : Aprigliano ( Cs. ) : 15 novembre 2016 ] – IL NOSTRO SINCERO CORDOGLIO – LA NOTIZIA E ALTRO ANCORA  ( tratto dal web ) : “E’ morto ad Aprigliano, dopo una lunga malattia, il professor Oscar Lucente, ex dirigente scolastico e politico molto conosciuto in provincia di Cosenza. Aveva 76 anni.Lucente è stato consigliere provinciale del Msi-Dn e primo federale del Movimento sociale negli anni ’90, ( . . . ) Fu candidato al Senato nel collegio di Cosenza nel ’92, ( . . . )  Arrivò quinto, ( . . . ) col Msi rimasto in piedi tra le ceneri della prima Repubblica. Un po’ tutti fecero man bassa di elezioni e incarichi. Persone di ogni specie occuparono poltrone che avevano visto solo in Tv. Lucente no, era fatto così. Non aveva ambizioni, nonostante avesse tutte le qualità per poter competere a tutti i livelli politici nazionali.Uomo schivo e gioviale, Lucente era persona onesta e di sani principi. Per questo conquistò anche la stima degli avversari politici. Non scese mai a compromessi, né si contaminò con la politica degradata ( . . . ) Era libero da ogni condizionamento; uno dei pochi in città a fare politica per passione e non per interessi.Colto e raffinato, Oscar Lucente aveva collaborato con i quotidiani “Il Tempo” ed il “Roma”. Suoi articoli sono apparsi sulla rivista di eloquenza “Gli oratori del giorno”, su “Meridiano sud” e “Presenza”.E’ stato redattore della rivista pedagogica “Politela”. Ha pubblicato un saggio su Domenico Piro, uno su “Giovanni Gentile” e “Il Vangelo secondo Matteo” in dialetto apriglianese come, nello stesso idioma, realizzò la recensione di Duannu Pantu, il “Prete anticonformista” del suo paese natale.” – “Sì è spento dopo una lunga malattia ( . . . ) il professore Oscar Lucente. Preside di scuola media, uomo colto, è stato ( . . . ) primo segretario provinciale del Msi-An ( . . . ) Lucente è stato sempre apprezzato e rispettato per la sua onestà intellettuale anche dai “nemici”. Nel 1994 sfiorò l’elezione alla Camera nel collegio di Rende. Avrebbe certamente meritato per capacità e onestà di calcare palcoscenici ancora più importanti”. ( . . . ) – per le condoglianze
invia a Casa di Lucente Prof. Oscar
o telefona :  0984421037
Indirizzo Via Isidoro Piro, 35
Località 87051 Aprigliano (CS)
———————————————————————————————————-
LE NOTIZIE IN RETE [ LINK – clicca e leggi ]
——————————————————————————-—————————

Risultati di ricerca

“1991/2016: da Ciccio Franco alla città Metropolitata. Vent’anni di …

ildispaccio.it/…/126653-1991-2016-da-cicciofranco-alla-citta-metropoli…

6 giorni fa – Il 16 novembre l’eento organizzato da Reggio Futura … Ciccio Franco, una iniziativa storico-politico-culturale che attraversa tutto … “1991/2016 – DA CICCIO FRANCO ALLA CITTA’ METROPOLITANA – 25 ANNI DI DESTRA”.

Le Destre si ritrovano alla 25° commemorazione di Ciccio Franco …

6 ore fa – Le Destre si ritrovano alla 25° commemorazione di Ciccio Franco … uomini politici che non hanno bisogno di presentazione: Renato Meduri, …

L’attualità del pensiero del sen. Ciccio Franco a 25 anni dalla scomparsa

1 giorno fa – Ciccio Franco rimane il protagonista della rivolta di Reggio che … Lo spirito che guidava l’azione di Ciccio non era solo quello di un …

Reggio, morto nella notte Antonio Franco, sindacalista Ugl e nipote di …

http://www.strill.it/…/reggio-morto-nella-notte-antonio-franco-sindacalista-ugl-…

09 nov 2016 – Antonio era anche il nipote di Ciccio Franco, guida della rivolta dei Moti di …. Il 25 novembre convegno pubblico sulle ragioni del no del PCI …

Reggio Calabria, iniziativa per l’anniversario della scomparsa del Sen …

7 giorni fa – … intendono organizzare, in occasione del 25° anniversario della scomparsa del Sen. Ciccio Franco, una giornata di studi storico-politico-culturale che sarà presentata, domani venerdì 11 novembre alle ore 16,30 presso la …

Ciccio Franco – Wikipedia

Ciccio Franco, all’anagrafe Francesco Franco (Reggio Calabria, 28 marzo 1930 – Reggio Calabria, 16 novembre 1991), è stato un politico, sindacalista e attivista italiano, dirigente reggino del Movimento Sociale Italiano – Destra Nazionale e senatore. La sua figura acquisì particolare notorietà per il suo ruolo di ” capopopolo” …. Questa pagina è stata modificata per l’ultima volta il 25 ott 2016 alle 13:24.

Ciccio & Franco – Wikipedia

Ciccio & Franco è stato un fumetto italiano pubblicato da Gallo Rosso Editrice e disegnato da … Dal 4 novembre 1967 al 10 febbraio 1968 Franco e Cicciofurono protagonisti anche di una serie di 16 albi di fumetti, editi dalla Gallo … Cose dell’ altro mondo (18 novembre 1967); I pirati siamo noi (25 novembre1967); I due …

Reggio ricorda Ciccio Franco a 25 anni dalla scomparsa – Il Dispaccio

blog.ildispaccio.com/…/126910-reggio-ricorda-cicciofranco-a-25-anni-…

Ciccio Franco, una giornata di studi storico-politico-culturale così articolata: … Mar, 15 Novembre 2016 08:50 Reggio ricorda Ciccio Franco a 25 anni dalla …

———————————————————————————————————-

L’EDICOLA

———————————————————————————————————-

——– Original Message ——–

Subject: 17 Novembre – Leggi le principali notizie del giorno
Date: Thu, 17 Nov 2016 5:14:36 +0100
From: Secolo d’Italia <newsletter@secoloditalia.it>
To: associazioneazimut@tiscali.it
Reply-To: newsletter@secoloditalia.it
Se non leggi correttamente questo messaggio, clicca qui
Questo testo viene mostrato quando l'immagine è bloccata
Giovedì, 17 Novembre 2016
Questo testo viene mostrato quando l'immagine è bloccata
È come se ogni anno tutti gli abitanti di una città grande come Padova o Taranto si trasferissero in massa in Italia. Sono questi numeri record dell’emergenza migranti in Italia. A dirlo Mario Morcone, capo del Dipartimento immigrazione del Viminale, in audizione in Commissione diritti umani al Senato.                                                                                                                                                                                       Leggi tutto >
Questo testo viene mostrato quando l'immagine è bloccata
Questo testo viene mostrato quando l'immagine è bloccata
Questo testo viene mostrato quando l'immagine è bloccata
Questo testo viene mostrato quando l'immagine è bloccata

L’IDEA DI DESTRA DEL GIORNO

Email
Facebook
Twitter
Google+
Secolo d’Italia
Registrazione Tribunale di Roma n. 16225 del 23/2/1976
Redazione: Via della Sc
PRIMA L’ITALIA AL REFERENDUM DEL 4 DICEMBRE PER IL “NO” – PER FAVORE : QUESTA FATELA GIRARE IN SPECIE FRA GLI INDECISI E I NOSTRI CONNAZIONALI ALL’ESTERO [ “AZ.” – 17.11.’16 ]

———————————————————————————————————-

IL SERVIZIO ODIERNO

OGGI – 25.MA COMMEMORAZIONE DI CICCIO FRANCO A REGGIO CALABRIA : 16 NOVEMBRE 2016 – L’EDICOLA E ALTRE NEWS [ ANTEPRIMA SI WEB – “AZ.” : 17 NOVEMBRE 2016 ]

———————————————————————————————————-

VERSO IL 4 DICEMBRE DELLA LIBERAZIONE [ PER IL “NO” –  “AZ.” – 17.11.’16 ]
Risultati immagini per la postazione telematica della libertà azimut 
UNA “LETTERA AGLI INDECISI” :[ PER IL “NO” –  “AZ.” – 17.11.’16 ]
“AZIMUT” ASSOCIAZIONE CULTURALSOCIALE NAPOLI – IN RETE :
 direzione responsabile: presidenza Associazione
 team azimut online:  Fabio Pisaniello webm. adm. des.
 Uff. Stampa Associaz. “Azimut” :   Ferruccio Massimo Vuono 
(Arturo Stenio Vuono :  presidente di “Azimut” – Napoli)
“AZIMUT” – VIA P. DEL TORTO, 1 –  80131 NAPOLI
[ ex : Prima Traversa Domenico Fontana )
TEL. 340. 34 92 379 / FAX: 081.7701332
 
 
 
Annunci

Un pensiero su “PRIMA L’ITALIA AL REFERENDUM DEL 4 DICEMBRE PER IL “NO” – PER FAVORE : QUESTA FATELA GIRARE IN SPECIE FRA GLI INDECISI E I NOSTRI CONNAZIONALI ALL’ESTERO”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...