ULTIMO POST SU FACEBOOK MOODY’S TOGLITI DALLE PALLE -: SCENARIO ITALIA FESTA IMMACOLATA CALABRIE


ULTIMO POST SU FACEBOOK MOODY’S TOGLITI DALLE PALLE -: SCENARIO ITALIA FESTA IMMACOLATA CALABRIE

ULTIMO POST SU FACEBOOK MOODY’S TOGLITI DALLE PALLE -: SCENARIO ITALIA FESTA IMMACOLATA CALABRIE [ “AZ.” – 8.12.’16 ]
IN COPERTINA
Mattarella apre le consultazioni: chi salirà al Colle? Assenti Renzi e Grillo. Giallo sulla delegazione M5s
post su facebook
( . . . )

———————————————————————————————————-

Detto Napoletano :” Sè stanno pèrdendo dint’à nu bicchìre d’acqua.”

———————————————————————————————————-

[ tratto dal web ] – ( . . . ) – Sono cominciate alle 18 le consultazioni di Mattarella con le alte cariche dello Stato, a seguito delle dimissioni del Governo Renzi. ( . . . ) Il primo ad incontrare il capo dello Stato è il presidente del Senato Pietro Grasso, accolto, come da prassi, dagli squilli di tromba nel cortile d’onore del Quirinale. Alle 18.30 è attesa invece la presidente della Camera Laura Boldrini mentre alle 19 toccherà al presidente emerito Giorgio Napolitano.Matteo Renzi ieri si è dimesso dopo la messa in sicurezza dei conti pubblici con un’approvazione lampo della manovra. Si apre così la crisi di governo.  Il premier dimissionario indica due vie: elezioni subito dopo la sentenza della Consulta sull’Italicum, attesa il 24 gennaio, o un governo di responsabilità nazionale con una maggioranza larga, fino alla fine della legislatura. Per ora Matteo Renzi si chiama fuori da tutto anche dalla delegazione Pd che andrà sabato alle consultazioni. Nel Pd aleggia lo spettro di una rottura con i renziani, che tentano di convincere il leader ad accettare un reincarico, mentre una maggioranza trasversale del partito guarda al Capo dello Stato per un governo di larghe intese, anche senza Matteo Renzi, che arrivi fino al 2018. – ( . . . ) –  [ “AZIMUT” – NAPOLI : SONO VERAMENTE FUORI DI TESTA – INSISTERE E’ UMANO MA PERSEVERARE E’ DIABOLICO….. ]

———————————————————————————————————-

MOODY’S TOGLITI DALLE PALLE [ “AZIMUT” – NAPOLI ]

———————————————————————————————————-

[ tratto dal web ] – ( . . . ) – L’incertezza legata all’esito del referendum costituzionale in Italia e alla caduta del governo guidato da Matteo Renzi hanno portato Moody’s a tagliare le prospettive per l’Italia, portando l’outlook da ‘stabile’ a ‘negativo’. Mentre il rating per ora resta confermato a Baa2. La decisione arriva a poche ore dalle dimissioni di Renzi formalizzate dal Quirinale. – ( . . . ) – [ “AZIMUT” : OHIBO’ ! ]

———————————————————————————————————-

al termine il fuorisacco – leggi:

PENSANO AGLI IMMIGRATI E SI DIMENTICANO DEGLI ITALIANI

———————————————————————————————————-

———————————————————————————————————-

GIANCARLO LEHNER – DA ROMA

———————————————————————————————————-

——– Original Message ——–

Subject: Lehner: l’ossimoro della informazione che non informa
Date: Thu, 8 Dec 2016 08:55:43 +0000
From: Giancarlo Lehner 
To:  ( . . . )

Essendo l’informazione in Italia un ossimoro, per sapere qualcosa o, almeno, porsi dei quesiti, bisogna consultare i mass media esteri, dove, ad esempio, a proposito di Van Der Bellen, il neopresidente austriaco benedetto dalla UE, si chiedono spiegazioni sulla presunta collaborazione con la Stasi, il sanguinario servizio segreto della RDT.  Da noi, ovviamente non è stato riportato neanche il dubbio di siffatte liaisons dangereuses, non infrequenti, del resto, nelle biografie del personale politico della comunità europea.

Giancarlo Lehner

———————————————————————————————————-
ULTIMO POST SU FACEBOOK MOODY’S TOGLITI DALLE PALLE -: SCENARIO ITALIA FESTA IMMACOLATA CALABRIE [ “AZ.” – 8.12.’16 ]
———————————————————————————————————-
tratto da nostra E.mail anteprima di web – servizio tra breve in rete
———————————————————————————————————-
———————————————————————————————————-
Arturo Stenio Vuono
8.12.’16
Tipico canto cosentino. Buon ascolto a tutti e vi Raccomando…Commentate! Per maggiori informazioni e/o richieste contattami La base con ti testo la trovi q…
YOUTUBE.COM
——————————————————————————————
( . . . ) un link.
( . . . )

Grande canzone di Enrico Granafei su immagine di Cosenza. Si narrano le squisitezze del cuddruriaddru cosentino……
YOUTUBE.COM

Cantori Cosentini A’ Strina Cusentina 2009 – YouTube

03 feb 2010 – Caricato da CantCosentini

A Strina Cusentina. … Cantori Cosentini A’ Strina Cusentina2009. CantCosentini …

a strina cusentina – YouTube

13 nov 2010 – Caricato da lupokkiotto96

tipica canzone tradizionale che si canta in calabria durante le feste natalizie per portare augurio e buon …

‘a strina calabrese – YouTube

24 dic 2010 – Caricato da svanzoo

‘a strina calabrese. svanzoo. SubscribeSubscribedUnsubscribe 3636 …. Strina Cosentina By …

——————————————————————————————
ULTIMO POST SU FACEBOOK MOODY’S TOGLITI DALLE PALLE -: SCENARIO ITALIA FESTA IMMACOLATA CALABRIE [ “AZ.” – 8.12.’16 ]
———————————————————————————————————————————————————————————
IL FUORISACCO
———————————————————————————————————————————————————————————
—Messaggio originale—-
Da: “Circolo Culturale Excalibur” <circolo.excalibur@libero.it>
Data: 8-dic-2016 13.36
A: <azimutassociazione@libero.it>
Ogg: PENSANO AGLI IMMIGRATI E SI DIMENTICANO DEGLI ITALIANI

In allegato formato PDF

[ . . . ]

 

PENSANO AGLI IMMIGRATI

E SI DIMENTICANO DEGLI ITALIANI

 


[ . . . . . ]

 

Il popolo italiano è stato per decenni un popolo di emigranti. I nostri nonni, con la valigia di cartone legata con lo spago in mano e un groppo in gola, approdavano in paesi dove erano spesso sfruttati e mal tollerati. All’ingresso dei bar della Svizzera interna si potevano leggere cartelli con scritto “vietato l’ingresso ai cani e agli italiani”.

Il clima sociale in quei paesi era quindi simile a quello che si avverte oggi in Italia. Vi è però una differenza sostanziale: gli italiani andavano in paesi dove c’era bisogno di mano d’opera per sostenere un’economia in forte crescita. Paesi dove non esisteva la disoccupazione e dove il livello di benessere andava aumentando, anche grazie agli immigrati.

La situazione dell’Italia di oggi è, invece, completamente diversa. Ci troviamo in piena stagnazione economica con un tasso di disoccupazione, soprattutto giovanile, mai visto in passato e un livello di povertà in forte aumento (siamo giunti al 20 % della popolazione). Secondo i dati dell’ISTAT abbiamo circa tre milioni di disoccupati a fronte dei quali registriamo oltre 2 milioni di lavoratori stranieri stabilmente occupati in tutti i settori della nostra economia a cui si aggiungono le centinaia di migliaia di extracomunitari che lavorano in nero e in varie forme di precariato. Grosso modo i due valori, immigrati occupati e italiani disoccupati, si equivalgono.

Di conseguenza, stando ai numeri, se non ci fossero gli stranieri in Italia non ci sarebbe disoccupazione e le condizioni di lavoro sarebbero sicuramente migliori.

Come si spiega questa situazione? Con la solita storiella dei lavori umili rifiutati dagli italiani e dei giovani che non vogliono sporcarsi le mani?

I fannulloni e i bamboccioni sono sempre esistiti, solo che oggi sono enfatizzati per giustificare il ricorso agli immigrati, gli unici che accettano di essere sfruttati e di lavorare in condizioni indegne per un paese civile. Vediamo qualche esempio.

Nei cantieri edili del nord (ma nel resto d’Italia la situazione non è molto diversa) in passato si sentivano parlare i vari dialetti meridionali e il bergamasco, oggi è una babele di lingue …e i nostri manovali e muratori che fino a pochi decenni fa lavoravano, e bene, in qualunque cantiere che fine hanno fatto? Sono diventati tutti ingegneri o più facilmente si rabbattano o peggio ancora hanno allungato la lista dei disoccupati?

Al sud, dove la disoccupazione è cronica, la raccolta del pomodoro e degli agrumi per le grosse industrie alimentari (che fanno finta di nulla) l’hanno sempre fatta i meridionali, oggi disoccupati. Scalzati dagli extracomunitari che lavorano 10/12 ore al giorno per poche decine di euro e dormendo sotto le piante. Inoltre i cosiddetti caporali, i reclutatori di mano d’opera, sono anche loro extracomunitari e fanno pure i razzisti ingaggiando solo i loro connazionali.

Nei  cantieri navali di Monfalcone dove si costruiscono i grandi transatlantici che solcano gli oceani per i ricchi vacanzieri, il 70% degli operai è costituito da stranieri. La Fincantieri, proprietaria dello stabilimento, per non sporcarsi le mani, demanda alle cooperative di lavoro l’assunzione del personale. Queste cooperative, essendo in concorrenza tra loro, per aggiudicarsi l’appalto, fanno a gara a chi abbassa di più la retribuzione e le condizioni di lavoro degli operai. Possono farlo grazie alla legge sul lavoro interinale (introdotta da Prodi e perfezionata da Berlusconi) che consente loro di inquadrare i lavoratori come soci e non come dipendenti aggirando, in questo modo, le tutele sindacali e i minimi salariali. Il risultato è scontato: ad accettare uno stipendio da fame per un lavoro precario e massacrante sono solo gli immigrati, per la gioia della società che vede ridursi i costi e aumentare gli utili. Da notare che Fincantieri è una azienda statale, quindi di proprietà del popolo italiano che, come si direbbe a Napoli, si ritrova, in questo caso, “cornuto e mazziato”. La stessa situazione la ritroviamo negli ospedali con gli infermieri, e in altre realtà pubbliche e sta diventando prassi per le aziende private.

Se da un lato dobbiamo comprendere le ragioni degli immigrati, che ci ricordano quelle dei nostri emigranti dei primi anni del novecento, dall’altro non dobbiamo chiudiamo gli occhi davanti ai nostri diseredati. E’ notizia di questi giorni di un giovane italiano che si è suicidato dopo aver ucciso moglie e figlioletto a causa delle difficoltà economiche in cui versava dopo aver perso il lavoro, tragedia che si aggiunge alla lunga lista di piccoli imprenditori in rovina che si sono tolti la vita. Se queste persone arrivano al gesto estremo è perché si sentono totalmente abbandonati a se stessi da uno stato che ha tolto loro ogni speranza. Uno stato che pensa più agli immigrati e ai profughi che agli italiani in difficoltà o che, nella migliore delle ipotesi per un mal compreso senso di uguaglianza (lascito marxista ripreso dal nuovo corso della Chiesa), li pone sullo stesso piano.

Una madre invece prima aiuta i sui figli e poi – se ne ha la possibilità – aiuta i figli degli altri. Ed è quello che dovrebbe fare uno stato a cui sta a cuore il benessere del suo popolo. Invece i nostri politici per farsi belli agli occhi del mondo e per assecondare le aberranti logiche del cosiddetto mercato globalizzato, hanno creato le condizioni di una guerra tra poveri.

Ci fosse un governo veramente nazionale e vicino al suo popolo, per ristabilire un minimo di giustizia sociale, introdurrebbe nella prossima manovra finanziaria una semplice norma: incentivi a chi assume italiani e aumento dei contributi per sostenere i costi dell’accoglienza a chi assume stranieri. Accompagnata dall’abolizione di tutte le cooperative di lavoro, vere e proprie agenzie legalizzate di sfruttamento delle braccia.

Pensate che chiunque andrà al prossimo governo abbia gli attributi per farlo?

Gianfredo Ruggiero, presidente Circolo Culturale Excalibur

Per saperne di più è disponibile il libro di Gianfredo Ruggiero LA FORZA DELLE IDEE

[ . . . ]

———————————————————————————————————————————————————————————

MASCALZONATE E CONNIVENZE  – AVETE NOTATO CHE PER I MEDIA NON CI SONO PIU’ SBARCHI….  I VIDEI ( REPLICA )

La Grande Invasione – IL PIANO BOLDRINI – YouTube

22 mar 2016 – Caricato da NERO ITALICO

La Grande Invasione – IL PIANO BOLDRINI. NERO ITALICO. Subscribe SubscribedUnsubscribe …

Immigrazione: LA GRANDE SOSTITUZIONE – YouTube

18 set 2015 – Caricato da NERO ITALICO

Immigrazione: LA GRANDE SOSTITUZIONE. NERO ITALICO …. Guarda la seconda parte: Bergoglio …

La grande sostituzione Immigrazione La Gabbia 16 03 16 YouTube …

18 mar 2016 – Caricato da Alessandro Innocenzi

La grande sostituzione Immigrazione La Gabbia 16 03 16 YouTube 360p. Alessandro Innocenzi …

Immigrazione: Genocidio del Popolo Europeo IL PIANO KALERGI …

03 set 2013 – Caricato da NERO ITALICO

NERO ITALICO … conte Richard Nikolaus von Coudenhove-Kalergi non dirà in effetti gran che ….

Lo spot svedese per la Grande Sostituzione etnica – YouTube

14 ott 2016 – Caricato da Il Primato Nazionale

Lo spot svedese per la Grande Sostituzione etnica. Il Primato Nazionale … SOSTITUZIONE – Duration …

Immigrazione: TUTTA LA VERITA’ – YouTube

05 lug 2015 – Caricato da NERO ITALICO

NERO ITALICO. SubscribeSubscribed …. Immigrazione: LA GRANDE SOSTITUZIONE … Bergoglio ..

———————————————————————————————————————————————————————————
——————————————————————————————————
ULTIMO POST SU FACEBOOK MOODY’S TOGLITI DALLE PALLE -: SCENARIO ITALIA FESTA IMMACOLATA CALABRIE [ “AZ.” – 8.12.’16 ]
——————————————————————————————————
 
 
“AZIMUT” ASSOCIAZIONE CULTURALSOCIALE NAPOLI – IN RETE :
 direzione responsabile: presidenza Associazione
 team azimut online:  Fabio Pisaniello webm. adm. des.
 Uff. Stampa Associaz. “Azimut” :   Ferruccio Massimo Vuono 
(Arturo Stenio Vuono :  presidente di “Azimut” – Napoli)
“AZIMUT” – VIA P. DEL TORTO, 1 –  80131 NAPOLI
[ ex : Prima Traversa Domenico Fontana )
TEL. 340. 34 92 379 / FAX: 081.7701332
FINE INTERVENTO 
——————————————————————————————————
ULTIMO POST SU FACEBOOK MOODY’S TOGLITI DALLE PALLE – SCENARIO ITALIA FESTA IMMACOLATA  CALABRIE – PENSANO AGLI IMMIGRATI E SI DIMENTICANO DEGLI ITALIANI
Annunci

4 pensieri su “ULTIMO POST SU FACEBOOK MOODY’S TOGLITI DALLE PALLE -: SCENARIO ITALIA FESTA IMMACOLATA CALABRIE”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...