NOI E IL GIORNO DELLA MEMORIA – A NAPOLI CI PIOVE : AVVERSO DE MAGISTRIS SINDACO E LA MALAUNITA’ – ALTRE NEWS


NOI E IL GIORNO DELLA MEMORIA – A NAPOLI CI PIOVE : AVVERSO DE MAGISTRIS SINDACO E LA MALAUNITA’ – ALTRE NEWS

NOI E IL GIORNO DELLA MEMORIA – A NAPOLI CI PIOVE : AVVERSO DE MAGISTRIS SINDACO E LA MALAUNITA’ – ALTRE NEWS [ “AZ.” – 28/01/2017 ]
——————————————————————————————————————————————————————————–
———————————————————————————————————-
anteprima di web – servizio tra breve in rete
————————————————————————————————————————————-
il servizio odierno : 28/01/2017
NOI E IL GIORNO DELLA MEMORIA – A NAPOLI CI PIOVE : AVVERSO DE MAGISTRIS SINDACO E LA MALAUNITA’ – ALTRE NEWS [ “AZ.” – 28/01/2017 ]
————————————————————————————————————————————-
VISITA IL SITO

Associazione Azimut | Raccolta di e-mail dell … – WordPress.com

https://azimutassociazione.wordpress.com/

Raccolta di e-mail dell’Associazione Culturale Azimut.

———————————————————————————————————-
 
…..MA VUOI VEDERE  CHE SI “SCASSANO”….. [ il fuorisacco ]
———————————————————————————————————-

Partiti al bivio dopo la sentenza della Consulta sulla legge elettorale. In attesa delle motivazioni si studiano le strategie in base al sistema di voto che potrebbe ora emergere dal recepimento da parte del Parlamento delle modifiche chieste dalla Corte Costituzionale. E uno dei nodi da affrontare sembra quello della lista o ‘listone’ con la quale presentarsi a un eventuale tornata elettorale visto che, bocciato il ballottaggio per la Camera, ad accapararsi il premio di maggioranza sarebbe solo chi fosse in grado di superare il 40% dei voti soglia che al momento, anche stando ai sondaggi, appare proibitiva per tutti.  — Dice no un listone unco anche con Ncd l’ex sindaco di Milano Giuliano Pisapia. “Come ho anche ribadito ieri in un incontro pubblico per me, e non solo per me, sarebbe un incubo ed è folle solo pensarlo”. Così sul suo profilo twitter l’ex sindaco di Milano Giuliano Pisapia ha risposto al giornalista Antonio Polito che, sempre su twitter, gli aveva chiesto se “entrerebbe in un listone unico con il Pd e Alfano”.

.@antoniopolito1 Come ho anche ribadito ieri in un incontro pubblico: per me, e non solo per me, sarebbe un incubo ed è folle solo pensarlo.

 

 

La replica di Alfano arriva a stretto giro. “No: zero assoluto. Io non soffro di incubi. Se ne ho avuto qualcuno, è stato migliore o peggiore ma non uguale a questo”. Lo scrive su twitter il ministro degli Esteri e leader Ap Angelino Alfano rispondendo ad Antonio Polito che gira all’ex titolare del Viminale la stessa domanda rivolta a Giuliano Pisapia: “Ma lei ci starebbe in un listone unico con Renzi e Pisapia (il quale dice che per lui sarebbe un incubo?)”.

[ TRATTO DAL WEB ]
———————————————————————————————————-
IN COPERTINA
———————————————————————————————————-
IL GIORNO DELLA MEMORIA
( . . . )il post i ( . . . ).
 ·

L'immagine può contenere: 10 persone, persone in piedi, bambino e spazio all'aperto

 

( . . . )

Commenti
Arturo Stenio Vuono
NOI E IL GIORNO DELLA MEMORIA  – “AZIMUT” IL POST DEL PRESIDENTE ( VEDI : OLTRE )
 
E' la Giornata della memoria. Ma con la Brexit e Trump l'abbiamo già perduta
IL GIORNO DELLA MEMORIA
———————————————————————————————————-
DA “ARCHIVIO AZIMUT ONLINE” 
 

Risultati di ricerca

NEL GIORNO DELLA MEMORIA NON UNO MA TUTTI GLI …

https://azimutassociazione.wordpress.com/…/nelgiornodellamemorian

29 gen 2016 – NEL GIORNO DELLA MEMORIA NON UNO MA TUTTI GLI OLOCAUSTI ( DA “AZIMUT-ARCHIVIO ONLINE” ) E LINK ARGOMENTI … e a una razza, o per altro e diverso motivo, non “ammessa”, già ricadremmo nell’Olocausto.

10 FEBBRAIO GIORNO DEL RICORDO LA SHOAH D’ITALIA FOIBE …

https://azimutassociazione.wordpress.com/…/10-febbraio-giornodel-rico…

08 feb 2015 – F O I B E 10 FEBBRAIO GIORNO DEL RICORDO LA SHOAH D’ITALIA FOIBE ESODO E MASSACRI A ORIENTE D’ITALIA TRA I TANTI CRIMINI CONTRO L’UMANITA’ … Raccolta di e-mail dell’Associazione Culturale Azimut (per …. NEL GIORNO DELLA MEMORIA NON UNO MA TUTTI GLI OLOCAUSTI …

———————————————————————————————————-
 
2013 – REPLICA [ in anni : 2014 – 2015 – 2016  2017 ]
Tuesday, January 29, 2013
Giorno della Memoria, l’Italia ricorda la Shoah.
L’EDITORIALE
Associazione Azimut - Naples, Italy  “AZIMUT” *
 
Giorno della Memoria, l’Italia ricorda la Shoah
 
    Allorchè, annualmente, si ripete – doverosamente – il ricordo della tragedia, immane ed epocale, che colpì il popolo ebraico, noi osserviamo il silenzio e proviamo angoscia e intima sofferenza. Sì.  E come uomini, da sempre “a destra”, (ri)confermiamo il nostro impegno – pure di sempre – contro ogni < totalitarismo > e ogni tipo di < razzismo > come contro ogni forma di persecuzione e discriminazione delle c.d. < diversità >. Centrale è la persona, in quanto tale, sacra e inviolabile, tant’è che se vi fosse stata anche una sola vittima, una soltanto, in ragione – solo e soltanto – della propria sua e specifica < appartenenza > , e a una classe sociale, e a una religione, e a una razza, o per altro e diverso motivo, non “ammessa”, già ricadremmo nell’Olocausto. Ma ci siamo appartati dalle celebrazioni”ufficiali” che, francamente, offrono più di un motivo di non sincerità. Passato il “clamore” , e l’ipocrisia, e nostro il sincero silenzio, le riflessioni.  Inderogabili e necessarie.
 
    Non esitiamo, intanto, a considerare che, per la corrente < vulgata >, eredi di ogni olocausto, e di molteplici < crimini contro l’umanità > – tuttora impuniti -, celebrano questa tragedia – e questa sola – “tambureggiando” di < nazifascismo> , un termine inventato – strumentalmente – non per onorare i periti del < popolo della diaspora > ma per falsificare, scientemente, a riguardo dell’Italia che fu. E (ci) chiediamo : cosa mai c’entra il < nazismo > col < fascismo > ? e cosa mai hanno avuto – ideologicamente e dottrinariamente – in comune ? e come, ancora, si possa far rientrare – contro ogni evidenza – una indubitabile < concezione latina > del nostro popolo nel “cono d’ombra” della Shoah ? 
 
   Questo vale per l’Italia. Questo, non lo accettiamo. Non a caso i “registi sovietici”, andando oltre la “mistificazione casalinga”,  sino a quando il < socialismo reale >       imperante, per imput – comunista, ma – in forme diverse – si continua – , hanno “diligentemente”  aggiunto e fatto il “lavoro sporco” : additando, in riferimento alle deportazioni ed ai campi di concentramento in Europa,  il cosiddetto < orrore fascista >; “tutto a posto e niente in ordine” che, infatti, il termine nazista non in uso, per così dire, essendo che il < bolscevismo > ed il < nazionalsociaismo > comportano una “cuginanza”. Il < Fascismo >, lo sappiamo bene, fu altra cosa !
 
    La furibonda reazione alle dichiarazioni che, per l’occasione, Silvio Berlusconi ha esternato – però nel disapprovare le < leggi razziali > adottate in Italia – la dice lunga sui veri motivi che guidano i < gendarmi della memoria >, a solo – ed esclusivamente – scopo politico: coprirsi, con uno scudo, praticando e “cavalcando” l’una e l’una solissima < condanna >, onde non rendere conto dei crimini “rossi” o “bianchi”, o “gialli”, passati e presenti, vietati alla denuncia; così, con ignominia, perpetuando l’abietto impedimento, almeno  alla pari condanna, e disapprovazione, di ogni e qualsiasi sorta di < olocausto > che ha colpito o colpisca l’umanità. In ogni continente, e in ogni frangente, incluse le stesse popolazioni germaniche, a conflitto cessato, e per molto tempo, da parte della feroce < armata rossa >. Senza se o ma !
 
    Chi più di noi, d’altronde, fatte le debite proporzioni, può comprendere il dramma degli ebrei, già – da tempo – nei secoli < dispersi >? Noi, e chi più di noi,  fatti segno, “democraticamente ” – almeno per mezzo secolo e più – , di ogni discriminazione politica e di accuse, le più atroci ed infamanti; e quindi, per essere stati ristretti nella “riserva indiana”,  come la gente del < polo escluso > ! Noi, se c’è consentito, tra le fila del proditorio, bestiale, bersaglio di assassini e infami che hanno fatto strage di decine di martiri, innocenti, si converrà, perciò – noi – una specie di  “ebrei politici” della cosiddetta, “onorata”, antifascistissima, e “timorata”, e “pulita” < prima repubblica > !
 
    D’altronde , per passare ad altro,  tragedie, a noi più vicine, sottaciute e negate, volutamente e criminalmente ignorate, tanto per citare un solo esempio, soltanto nel recente, ci hanno consentito – seppure nel prosieguo del “boicottaggio rosso”, intellettuale e culturale, – di celebrare un < Giorno del Ricordo > per i nostri fratelli di Dalmazia, d’Istria, Fiume e della  Venezia Giulia, “incaprettati” e mutilati, torturati, violentati,  precipitati nelle foibe, e l’esodo – verso ogni continente – di quelle italianissime popolazioni. Tuttora restano i falsi dei testi scolastici e la pervicace menzogna dei < cattivi maestri >. Una vergogna consumata per < oscurare > !
 
   Uno, e non il maggiore, dei crimini di quel comunismo che, ancora per l’oggi, si consente la “guida morale” di “discepoli” – checchè se ne dica – , in sede di celebrazioni per l'< HOLOCAUST MEMORIAL DAY >. Non c’è odio, da parte nostra, ma sete di giustizia e di fede nella verità. Tutto deve ripararsi ! Tutto deve, alfine, essere detto !
 
   Come la stampa ha – poi –  riportato, per quanto ha interessato il dire del “vituperato” < cavaliere >, si può avere la controprova di quanto sia stato dirompente “sconfinare” dal fascismo come il < male assoluto >. S’è letto, peraltro, che : < …Il giorno dopo la frase di Berlusconi su Mussolini – che “fece anche cose buone” – pronunciata durante la Giornata della memoria, la polemica è ancora alta e a poco è servita la nota serale della presidenza del Pdl che esplicitava una condanna senza appello dello leggi razziali. Oggi il Cavaliere bolla gli attacchi dei quali viene fatto oggetto come “una polemica gonfiata solo per la campagna elettorale” …>. E, noi, aggiungiamo, come già detto, e non solo.
 
    Ma a ben vedere, in sostanza – poi – il < Fascismo > c’entra fino a un certo punto; il regime della < diarchia >, nel < ventennio >, originato – inizialmente – dal responso, altamente maggioritario delle urne, in una cornice perfettamente liberaldemocratica,  nel prosieguo si basò, sempre in vigore lo < Statuto Albertino > e in piedi il senato di nomina regia, opinabile – dunque – una definizione di dittatura, in parte, per la conduzione, accentrata e autoritaria, del governo del Regno da parte dell’allora presidente del Consiglio – Benito Mussolini – accompagnato, sempre, dall’altissimo consenso popolare. I cittadini italiani, appartenenti all’ebraismo, non lesinarono di appoggio e furono, per molta parte, presenti in posti di prestigio nelle istituzioni. Una sinergia che, certamente, venne – poi – a mancare per l’emanazione delle < leggi razziali > che, in circostanze non imputabili alla diretta volontà del capo del governo, introdusse – in Italia – una sorta di < antiebraismo spirituale >; anche in questo caso nulla in comune con quello che definiremo “biologico e di razza” del nazionalsocialismo. Indubitatamente si ruppe un filo di ampia collaborazione, seppure, le leggi – sostanzialmente – “disapplicate”; e, comunque sia, incontestabile che le persecuzioni, come le deportazioni, furono del dopo ovvero quando cessò il regime. Parimenti incontestabile che i cittadini ebrei – durante il conflitto – non ebbero modo di patire sofferenze ove, fortunosamente, in zone sotto giurisdizione dei militari italiani. Quanti degli attuali antifascisti possono vantare, per il passato, uguale comportamento?
    Ma v’è di più, si vuole far torto a un popolo – l’italiano – che nel < Giardino dei Giusti >, in Israele, compare con oltre 500 cittadini ( ma la cifra è sottostimata ) che hanno agito in modo eroico a rischio della propria vita per salvare la vita anche di un solo ebreo….. dalla Shoah…; ( Giusti tra le nazioni ) “…tra i giusti italiani vi sono persone, come Giovanni PalatucciGiorgio Perlasca o monsignor Angelo Rotta, la cui azione ha portato alla salvezza di migliaia di ebrei; persone ( come don Francesco Repetto e don Carlo Salvi a Genova, don Leto Casini e padre Cipriano Ricotti a Firenze, padreAldo Brunacci e padre Rufino Niccacci a Assisi, don Arturo Paoli a Lucca, padre Maria Benedetto a Roma, don Arrigo Beccari a Nonantola, donRaimondo Viale a Borgo San Dalmazzo, ecc. ) i quali si trovarono a gestire complesse reti di assistenza clandestina…; e persone che nella semplicità della loro esistenza quotidiana e nella spontaneità di un gesto di amore hanno salvato anche una sola vita”…Molti gli uomini delle istituzioni medici, militari, impiegati dello     stato, etc. ; “…La salvezza dell’80-85% della popolazione ebraica italiana dovette richiedere la complicità e la connivenza di migliaia di persone…”;”…la solidarietà italiana si estese ben oltre i confini nazionali: Giorgio Perlasca, monsignor Angelo Rotta e i Cicutti in UngheriaGuelfo Zamboni e i Citterich ( i genitori del giornalista Vittorio Citterich)  in Grecia; Gino Signori in Germania; Lorenzo Perone in Polonia; Fosco Annoni in Ucraina…”; c’è da chiedersi come mai, nel < Giardino >, ove – com’è noto – abbonda il ricordo dei molti italiani, i non mai “dissociati” o “pentiti” del fascismo , a tutt’oggi, si ricordano pochissimi “…membri della Resistenza, partigiani e antifascisti (Rinaldo ArnaldiGiuseppe Brusasca,Giacinto Domenico LazzariniFortunato SonnoLorenzo Spada)….”; una domanda che non avrà mai risposta, non che ve ne sia il bisogno poichè l’alterazione “luciferima” dei fatti è tutta all’insegna dell’arcinoto < usum Delfini >.
 
    Del resto, come ampiamente risulta, infatti, l'< isolamento civile > e  il contrasto frontale, con la “condanna all’esilio” – anche in patria -, tocca agli storici – che “osano” scandagliare i troppi meandri oscuri del comportamento dei < vincitori >, anche i più rigorosi,  messi – indiscriminatamente –  all’indice e definiti del revisionismo >, e, dunque, non – questo il paradosso – il < negazionismo > di per sè stesso; nel tentativo di farli coincidere e “criminalizzare” ogni ricerca che demolisca l’ < innocenza > degli alleati, delle democrazie occidentali e, in specie, quella dell’ex Unione Sovietica.
* Arturo Stenio Vuono – presidente Associazione
 
UN VIDEO
LO << SCHERMO PROTETTORE >>

Mussolini e gli ebrei. La vera storia. – YouTube

07 mag 2014 – Caricato da INFORMAZIONE ALTERNATIVA-2°canale

Si consiglia anche la lettura del libro di Andrea Giacobazzi: L’asse Roma-Berlini-Tel Aviv.

————————————————————————————————————————————-

MEMENTO

———————————————————————————————————-

TRA I TANTI CRIMINI CONTRO L’UMANITA’ ESENTATI DA UNA NORIMBERGA…..
———————————————————————————————————-
 A NAPOLI CI PIOVE : AVVERSO DE MAGISTRIS SINDACO
[ oggi : da messaggi su facebook o in rete – per leggere visionare e ascoltare clicca link e testi )
———————————————————————————————————-
NAPOLI . CASA COME BANCOMAT

Napoli. De Magistris balla la tammurriata – YouTube

https://www.youtube.com/watch?v=cCZUxlDtYO4
29 mar 2016 – Caricato da Il Mattino
Pasquetta sul fondo confiscato Lacandona, a Chiaiano, con un De Magistris scatenato nelle danze. Il …
———————————————————————————————————-

In merito alla disastrata situazione della scuola Ignazio di Loyola, sita nell’omonina via al Rione Alto, ci sono importanti novità.
Ieri in audizione in commis

Altro…

 
 

Grandissima partecipazione a Villa Luisa per la riunione sulle assurde ed illegittime pretese della Napoliservizi e del Comune di Napoli ai titolari di domande 

Altro…

 
 
o ( . . . )  la foto ( . . . )

Come già preannunciato, è stato calendarizzato nelle prossime sedute di Consiglio comunale il mio ordine del giorno teso a sospendere la riscossione del Comune e della Napoliservizi per gli immobili in attesa di condono edilizio.

(…) la foto

Nessun testo alternativo automatico disponibile.
Andrea Santoro

Acquisizioni e ingiunzioni del Comune… Qualcosa inizia a muoversi. Su mia richiesta si riuniranno il primo febbraio le commissioni competenti in consiglio comunale che discuteranno della mia mozione tesa a sospendere i provvedimenti della Napoliservizi.

 
( . . . ) il post di Andrea Santoro.
L'immagine può contenere: 3 persone
L'immagine può contenere: 4 persone, folla e spazio al chiuso
L'immagine può contenere: 6 persone, persone sedute e spazio al chiuso
L'immagine può contenere: 2 persone
(. . . ) 4 nuove foto.

Ancora un incontro affollatissimo, ancora tanta gente impaurita dalle assurde pretese di De Magistris. La casa non si tocca!

 

De Magistris sempre più lontano da Napoli. Quella che racconta con i suoi proclami è una fiction che si infrange quotidianamente con realtàhttps://t.co/fJAQW61Ihu

Get the whole picture – and other photos from Andrea Santoro
PIC.TWITTER.COM/FJAQW61IHU|DI ANDREA SANTORO
 
———————————————————————————————————-
 A NAPOLI CI PIOVE : AVVERSO LA MALAUNITA’
[ oggi : da messaggi su facebook o in rete – per leggere visionare e ascoltare clicca link e testi )
———————————————————————————————————————————————————————————

Inno Due Sicilie – YouTube

16 feb 2008 – Caricato da Lega Sud Ausonia

Inno delle Due Sicilie. … Inno Due Sicilie. Lega Sud Ausonia. SubscribeSubscribedUnsubscribe …

Malaunità – Eddy Napoli / videoclip ufficiale (sottotitoli in … – YouTube

https://www.youtube.com/watch?v=J0zGmoWo9ns

05 gen 2012 – Caricato da Angelo Forgione

video del brano di Eddy Napoli sulla vera storia dell’unità d’Italia e del processo risorgimentale.

NAPOLI SVENTURATA…

Se Tornasse Ferdinando II di Borbone Valerio Minicillo Regno delle …

07 set 2016 – Caricato da ALBERTO PETILLO

Se Tornasse Ferdinando II di Borbone Valerio Minicillo Regno delle Due Sicilie Briganti. ALBERTO …

APPELLO PER L’ASSISE MERIDIONALE
———————————————————————————————————-
 ( . . . )  il  post ( . . . )
L'immagine può contenere: 5 persone, persone sedute
( . . . )

E fu così che RAI 3 si accorse che il Meridionalismo c’è !

 ( . . . )  ( . . . )  ( . . . )
Questo è il documento-appello presentato alla stampa stamattina.
1)Per la istituzione della Giornata della Memoria che ricordi il genocidio delle popolazioni meridionali tra il 1860 ed il 1871 ad opera dell’esercito sabaudo.
2)Per la rimozione dei monumenti ed il cambio dei toponimi dedicati ai criminali di guerra savoiardi.
3)Per la modifica dei testi e dei programmi scolastici al fine di trasmettere la verità storica alle giovani generazioni.
4)Per l’obiettivo della unificazione economica,sociale,civile e non solo geografica.
Nessun testo alternativo automatico disponibile.
Nessun testo alternativo automatico disponibile.
Nessun testo alternativo automatico disponibile.
( . . . )  i ( . . . )

Si è tenuta questa mattina presso la saletta conferenze del Caffè Gambrinus la conferenza stampa indetta dal ” Gruppo Azione Meridionale ” che ha avuto quale oggetto: la richiesta all’UNESCO di indire “Una giornata della memoria per le vittime delle popolazioni delle Due Sicilie…massacrati nel corso dell’annessione del regno ad opera dell’esercito piemontese “savoia” nell’occasione si presenta così la macro aggregazione Gruppo Azione Meridionale…a cui aderiscono anime e

Peppe Masaniello Quaranta
———————————————————————————————————-
NOI E IL GIORNO DELLA MEMORIA – A NAPOLI CI PIOVE : AVVERSO DE MAGISTRIS SINDACO E LA MALAUNITA’ – ALTRE NEWS [ “AZ.” – 28/01/2017 ]
I
L SERVIZIO CONTINUA
———————————————————————————————————-
———————————————————————————————————-
GIANCARLO LEHNER – DA ROMA
———————————————————————————————————-

——– Original Message ——–

Subject: Lehner: anche in cucina governeranno i giudici
Date: Fri, 27 Jan 2017 09:57:49 +0000
From: Giancarlo Lehner 
To:  ( . . . )

Visto lo stravolgimento della Costituzione, il vilipendio di Montesquieu, la morte della Politica, l’irrilevanza delle competenze, l’esondazione in divenire della casta togata, anche i ricettari saranno preda dell’onnivoro Faraone Supplente.

Nel sautè di cozze e vongole è meglio il pepe o il peperoncino?

Vissani taccia. Alla Consulta l’ardua sentenza.

Giancarlo Lehner

———————————————————————————————————-
[ oggi : da messaggi su facebook o in rete – per leggere visionare e ascoltare clicca link e testi )
———————————————————————————————————-
 ( . . . ) un link.
La prima cosa che Renzi avrebbe dovuto fare stamani sarebbe stato chiedere scusa agli italiani. Chiedere scusa per l’incompetenza, l’approssimazione, la furbizia con cui hanno confezionato una legge elettorale che è fuori dalla…
 
( . . . ) un link.
Prima l’America per rendere gli Stati Uniti di nuovo grandi. Le promesse elettorali di Donald Trump diventano realtà, o quasi. Gli ordini…
 
( . . . )  il  post.
( . . . )

Tra qualche ora a Washington si marcerà per la vita. Sarà una marcia storica. Ne scrivo su Cultura Cattolica. Buona lettura.

———————————————————————————————-
7 ARTICOLI RECENTI – TRA BREVE IN RETE
———————————————————————————————-
 
RIVISITARE IL PASSATO A FRONTE DEL MISERABILE PRESENTE – ALTRO  – [“AZ.” : 22/01/2017 ]
EROI E LATITANTI
DUE INTERPELLANZE : PADRE DALL’OGLIO E IL “GAS SIRIANO” SCARSI DI NOTIZIE FATECI SAPERE ! ALTRO [ “AZ.” – 22/01/2017 ]
DISCORSO INSEDIAMENTO DI TRUMP – INTERVENTI LEHNER E NARDIELLO – L’EDICOLA E ALTRE NOTIZIE [ “AZ.” – 23/01/2017 ]
 
 
FUTURO CHE VERRA’ ! ? “AZIMUT” IL POST DEL PRESIDENTE VUONO SENIOR 
[ AZ. -24/01/2017 ]
 
HABEMUS L’ITALCUM-TIRANNICUM PURGATO DALLA CORTE – VIA LIBERA ALLE URNE – LETTERA  PER L’ITALIA LASCIATA SOLA – A NAPOLI CI PIOVE E ALTRE NEWS [“AZ.” – 26/01/2017 ]
 
 
28 GENNAIO  ITALIA SOVRANA IN PIAZZA “ODOR DI SCHEDE” CI RISIAMO COME VOLEVASI DIMOSTRARE IL PRIMO BERLUSCA E ALTRI ( ? ) – NOTIZIE DI CASA NOSTRA E DEL MONDO  
[ “AZ.” – 27/01/2017 ]
 
 
OGGI : 
NOI E IL GIORNO DELLA MEMORIA – A NAPOLI CI PIOVE : AVVERSO DE MAGISTRIS SINDACO E LA MALAUNITA’ – ALTRE NEWS [ “AZ.” – 28/01/2017 ]
 
———————————————————————————————————-
UNA BUONA LETTURA  E UNA BUONA DOMENICA ! A PRESTO !
———————————————————————————————————-
“AZIMUT” ASSOCIAZIONE CULTURALSOCIALE NAPOLI – IN RETE :
 direzione responsabile: presidenza Associazione
 team azimut online:  Fabio Pisaniello webm. adm. des.
 Uff. Stampa Associaz. “Azimut” :   Ferruccio Massimo Vuono 
(Arturo Stenio Vuono :  presidente di “Azimut” – Napoli)
“AZIMUT” – VIA P. DEL TORTO, 1 –  80131 NAPOLI
[ ex : Prima Traversa Domenico Fontana )
TEL. 340. 34 92 379 / FAX: 081.7701332
FINE INTERVENTO 

 

Annunci