VERSO IL 25 MARZO ENTRA IN CAMPO – CORAGGIO ! ! !


VERSO IL 25 MARZO ENTRA IN CAMPO – CORAGGIO ! ! !

anteprima di web – servizio tra breve in rete

———————————————————————————————————————-

VERSO IL 25 MARZO ENTRA IN CAMPO – CORAGGIO ! ! ! [“AZ.” – 18/03/2017 ]

———————————————————————————————————————-

VISITA IL SITO

Associazione Azimut | Raccolta di e-mail dell … – WordPress.com

https://azimutassociazione.wordpress.com/

Raccolta di e-mail dell’Associazione Culturale Azimut.

———————————————————————————————————————-

IN COPERTINA

———————————————————————————————————————

VERSO  IL 25 MARZO

I RIVOLUZIONARI DI CARTONE – CHI LI HA VISTI ?

———————————————————————————————————

REPETITA IUVANT

———————————————————————————————————

ENTRA IN CAMPO – CORAGGIO !  ! !

——————————————————————————————————–

UE SUMMIT A ROMA ( 25 MARZO 2017 ) TU DA CHE PARTE STAI ?

[ “AZ.” – 18/03/2017 ]

VISITA IL SITO

Associazione Azimut | Raccolta di e-mail dell … – WordPress.com

https://azimutassociazione.wordpress.com/

Raccolta di e-mail dell’Associazione Culturale Azimut.

UE –  SUMMIT A ROMA

——————————————————————————————————–

LINK – CLICCA E LEGGI [ TRATTO DAL WEB ]

Cronaca.

Al corteo a Roma del 25 marzo, organizzato dalla piattaforma Eurostop, attesi anche manifestanti da Grecia, Francia e Germania. La conferenza dei parlamenti ue alla Camera. DIRETTA

Disordini tra forze dell’ordine e manifestanti durante una manifestazione a Roma, FOTO ARCHIVIO 5 ottobre 2012

————————————————————————————————————————————————————-

IL COMMENTO

“AZIMUT” IL PRESIDENTE ARTURO STENIO VUONO : Non c’è bisogno di attendere la giornata del 25 marzo, è già tutto scritto;25 MARZO A ROMA TUTTO PREDISPOSTO : i media già mobilitati a tirare la volata alle nomenklature Ue e ai << contro >> , si fa per dire, i soliti sfascisti autorizzati; in mezzo non ha da esistere nessuno; la consegna è, come sempre, quella di oscurare la vera, unica, alternativa di opposizione – pacifica e democratica – alla troika, di populisti – identitari e sovranistI; però, chissà, il diavolo fa le pentole ma non fa i coperchi; il copione potrebbe essere azzerato da una variabile indipendente…..

————————————————————————————————————————————————————-

——————————————————————————————————–

LA MOBILITAZIONE PER IL 25 MARZO A ROMA

( . . . )·

( . . . ) ! #ItaliaSovrana

( . . . )·

Tre cortei il 25marzo: euro-entusiasti, ultra-sinistra e noi del Polo Sovranista. Tu da che parte stai? #25marzoStopUE

Marco Cerr

Commenti

Arturo Stenio Vuono IL 25 TUTTI A ROMA

Imperium – Europa nazione – YouTube

▶ 3:16…Altro…

Imperium – Europa nazione

Title: Europa nazione (European nation) Band: Imperium Country: Italy

YOUTUBE.COM

————————————————————————————————————————————————————————————————————————————————————

CONTRO LA GLOBALIZZAZIONE E IL CAPITALCOMUNISMO

——————————————————————————————————————————

——————————————————————————————————————————

UE SUMMIT A ROMA ( 25 MARZO 2017 ) TU DA CHE PARTE STAI ?

[ “AZ.” – 18/03/2017 ]

———————————————————————————————————

———————————————————————————————————

TRATTO DAL WEB

——————————————————————————————————–

POLITIQUE

[COULISSES POLITIQUES] Quand Rothschild sponsorise Macron

David de Rothschild avec Emmanuel Macron. Plus de trois ans comme banquier d’affaires pour la “maison”. Photo © SIPA

Coulisses politiques. Aucune entreprise n’a financé le mouvement [En marche!, NDLR], aucune structure juridique, se défendait Emmanuel Macron sur BFM TV le 24 février.

Certes. Mais il semblerait que ses anciens patrons sponsorisent tout de même l’enfant de la “maison” en toute discrétion. En témoigne ce texto envoyé il y a quelques mois par la direction de Rothschild à un listing très sélect de banquiers d’affaires de la place parisienne : « Chers amis, un cocktail dînatoire de levée de fonds est organisé pour Emmanuel Macron le 27 septembre à 20 heures à la Terrasse Martini, 50 avenue des Champs-Élysées. À cette occasion, Emmanuel vous fera part de sa vision et de ses propositions, cela sera aussi l’occasion de discuter avec lui de façon informelle. Si vous souhaitez vous joindre à nous, pourriez-vous le confirmer en répondant à ce SMS, en indiquant si vous serez accompagné. Pour des raisons de confidentialité, nous vous demandons une très grande discrétion autour de cet événement. » Selon En marche!, 6,5 millions d’euros de dons ont été récoltés auprès d’environ 20 000 particuliers. Seulement 3 % de ces dons seraient supérieurs à 5 000 euros

———————————————————————————————————

MEMENTO / 1

LA STORIA – LINK

———————————————————————————————————

Risultati di ricerca

LA STORIA – I CONTI NON TORNANO NELLA “VULGATA” SULLA …

https://azimutassociazione.wordpress.com/…/la-storia-i-conti-non-tornano-nella-vulgat...

19 mar 2016 – LA STORIA – I CONTI NON TORNANO NELLA “VULGATA” SULLA MORTE DEL DUCE … [ “AZIMUT-NEWSLETTER” : VENERDI’, 18 MARZO 2016 ] … I fori di proiettile e quello che non torna nella “vulgata” sulla morte del Duce

[ “AZIMUT-NEWSLETTER” : VENERDI’, 18 MARZO 2016 ]

———————————————————————————————————————————————————————————

LA STORIA – I CONTI NON TORNANO NELLA “VULGATA” SULLA MORTE DEL DUCE [ TRATTO DAL WEB ]

DA MESSAGGIO POSTATO SU FACENOOK

Oggi 17 marzo giorno di San Patrizio ricordiamo il sacrificio di Bobby Sand e cantiamo a voce alta questa ballata.W la liberta’ abbasso la perfida Albione.Onore a Bobby Sands !

Il giorno di San Patrizio – Antica Tradizione

“Io difendo il diritto divino della nazione irlandese all’indipendenza sovrana, e credo in essa, così come credo nel diritto di ogni uomo e donna irlandese a…

YOUTUBE.COM

———————————————————————————————————

MEMENTO / 2 [ tratto dal web ]

———————————————————————————————————

CATEGORIA: BOCCHINO TARCHI FINI FLI LANNA PERINA SECOLO DESTRA FASCISMO

Inquinati Ed Inquinanti, Considerazioni A Margine Del «Bocchino-Pensiero»

Fascinazione Martedì, Marzo 29, 2011

di Paolo Ruotolo

«Non posso non essere convintamente antifascista, perché il fascismo ha inquinato la destra italiana, impedendo al nostro Paese di avere una destra normale, di stampo occidentale». Dalla poltrona di «Che tempo che fa» Italo Bocchino, vicepresidente di Futuro e Libertà per l’Italia, è stato drastico. Un giudizio, il suo, senza sconti né revisionismi. Una valutazione politica prima ancora che storica, che non ripropone la solita e vecchia litanìa della «comunità umana che fa i conti con il proprio passato» – ché quelli, a dire di tutti gli astanti di Fiuggi, furono consumati con la nascita di Alleanza Nazionale – ma attraverso cui l’ex allievo prediletto di Pinuccio Tatarella si incarica di sconfessare, sic et simpliciter, un’intera stagione di idee. Quelle stesse idee a cui, a sentire militanti e simpatizzanti «di base», si abbevera ancora larga parte di Fli.

Bocchino afferma in modo risoluto di essere antifascista. Opinione legittima, ancorché fuori contesto e fuori tempo, giacché parlare di antifascismo nel 2011 appare un po’ anacronistico, a meno di non voler attribuire l’epiteto di fascista a Berlusconi (il che sarebbe evidentemente una corbelleria storica e politica). Tuttavia le parole del vicepresidente di Fli suonano in assoluta dissonanza con quanto si può leggere negli scritti di tanti – forse la maggioranza – degli intellettuali di riferimento e dei militanti della nuova formazione politica di Gianfranco Fini. Innanzitutto perché è la stessa categoria politologica di «destra» a star stretta ai futuristi, che al contrario non perdono occasione per smarcarsi da un’etichetta che considerano inadeguata e riduttiva. In secondo luogo perché le pulsioni culturali di riferimento (si guardi le terza pagina del «Secolo» sotto la direzione di Flavia Perina) ripropongono – in chiave aggiornata e attualizzata – intuizioni, sensibilità, «idee-forza» saldamente ancorate al fermento ideale che accompagnò – spesso in un legame di stretta interconnessione – il fascismo.

È di tutta evidenza che il percorso sviluppato in questi anni, a partire proprio dalla riflessione culturale ospitata sulle pagine del «Secolo», è stato nettamente orientato al superamento di qualsivoglia riflesso nostalgico e proiettato verso il futuro. Nel contempo, però, si è mosso senza steccati e preconcetti. Abbandonando gli aut-aut in luogo degli et-et (operazione peraltro già tentata dalla Nuova Destra di Marco Tarchi). Contaminazione sì, dunque, ma senza nessun particolare ostracismo né scomunica. Anzi, con l’ambizione – dichiarata – di recuperare attivamente un pezzo della storia della destra intesa come continuità ideale del fervore e dell’originalità culturali maturati dentro e fuori quel Movimento Sociale Italiano fondato sulle ceneri della RSI. Nessuno stupore, quindi, se tantissimi tra i giornalisti, gli scrittori, gli intellettuali eretici che si sono avvicinati a Futuro e Libertà per l’Italia guardano – alcuni collaborandovi attivamente – con favore, e senza nasconderlo, all’esperienza culturale di Casa Pound Italia. Una realtà indipendente e anticonformista ma tutt’altro che «antifascista» e per nulla convinta che il fascismo abbia «inquinato la destra italiana».

Un conto, dunque, è il giudizio storico sul fascismo, che Bocchino è libero di formulare come meglio crede. Altra faccenda, invece, è l’aspetto più propriamente politico. Il fascismo, infatti, ha permeato l’intera storia della destra politica italiana. Ne ha definito i contorni e scandito i riferimenti culturali; ne ha guidato l’azione politica ed è stato, spesso, la molla del suo stesso superamento. D’altro canto il direttore responsabile del «Secolo», Luciano Lanna, nel suo ultimo lavoro editoriale («Il fascista libertario») si propone sin dal titolo dell’opera l’obiettivo di individuare gli elementi culturali di quella temperie che fu l’esperienza fascista da rilanciare e riprendere nell’Italia di oggi. Se per Bocchino il fascismo ha «inquinato» la destra allora anche Fli è terreno da bonificare in modo pressoché totale. Se il fascismo ha «inquinato» la destra italiana allora anche la vicenda umana e politica di Bocchino è un controsenso – se non proprio un «non senso» – perché la sua personale collocazione avrebbe dovuto riguardare l’ala «destra» della Democrazia Cristiana più che il MSI. Per la lunga giaculatoria sui diritti civili, invece, sarebbe opportuno per Bocchino rileggere la Carta del Carnaro e le vicende dell’impresa Fiumana di D’Annunzio, che sono parte integrante – oltre che precursori – di quel fascismo che egli considera un agente politico inquinante.

Se con la sua infelice dichiarazione il vicepresidente di Fli ha voluto indossare le vesti del moderno democratico al cospetto del sincero antifascista Fazio (che gli domandava con una spocchia di superiorità morale degna di miglior causa come, da giovani, si potesse aver trovato nel fascismo qualcosa di positivo da seguire) l’esito è stato decisamente fallimentare. Se invece egli crede davvero a ciò che ha detto è il caso di ammettere in modo limpido di aver sbagliato tutto nella vita. Perché anche Bocchino, purtroppo, è uno dei tanti figli – lui sì, inquinato – di quella tradizione ideale e politica.

————————————————————————————————————————————————————-

MEMENTO / 3

DAL “CORSERA”

————————————————————————————————————————————————————-

shadow

fab5359

Ha detto che si è avvicinata a CasaPound perché ne condivide le idee e le opere. Ha detto che, per ora, di una candidatura non ha parlato e che con il movimento di estrema destra collaborerà soltanto. E poi che utilizzerà la sua popolarità di showgirl a sostegno di iniziative benefiche e sociali, e che settimana prossima incontrerà Gianluca Iannone, che di CasaPound è il presidente. Nina Moric, 40 anni, croata, con passaporto italiano dal 2005, è netta: «C’ è bisogno di gente che ama l’ Italia. Per questo mi metto in gioco».
CasaPound è un movimento della destra radicale.
«Io sono sempre stata di destra, è un piacere per me aderire alle loro idee. Loro hanno tanto da dimostrare, per far capire chi sono veramente. Finora non ci sono riusciti».

Lei che supporto darà?
«Collaborerò, nelle attività sociali. Mi occuperò di aspetti legati alla comunicazione».

Lei aveva detto che avrebbe proposto una candidatura.
«Per una candidatura si vedrà».

Li conosce da molto? 
«Ho avuto dei contatti, Iannone l’ ho sentito per telefono. Con il gruppo ci siamo avvicinati reciprocamente, anche grazie ai social. Tutti possono sapere le mie convinzioni politiche. Io credo in tutto ciò che fa CasaPound. Loro amano l’ Italia, come Trump ama gli Stati Uniti. Il nostro Paese ha bisogno di gente carismatica».

Che cosa pensa del fascismo?
«Il fascismo c’ era 70 anni fa, ora non esiste più. Io sono nata sotto il regime comunista e so che cosa vuol dire la mancanza di libertà. Trovo esagerato collegare CasaPound a quel fascismo».

Lei sa chi era Ezra Pound? 
«Uno scrittore, mi pare, inglese (in realtà americano, ndr )».

Sostenne il regime fascista in Italia, fino alla caduta della Repubblica sociale italiana.
«Sì, lo so che è stato fascista, ma che cosa c’ entra con il 2017? In passato per esempio i fascisti ce l’ avevano con i gay, ma CasaPound la pensa diversamente. Loro non hanno mai pronunciato parole razziste o xenofobe».

<

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...