IN ESCLUSIVA – INEDITO: Vojtyla – Lehner…


IN ESCLUSIVA – INEDITO: Vojtyla – Lehner…

(  Massimo Vuono : un prezioso, incommensuràbile, regalo fatto a me e lo consegno a Tutti voi ! )
La consegna e l’ambizione
RIVINCITA – RISCATTO – RISCOSSA
ANCHE PER NAPOLI – L’ANNO GIUSTO
  
VOJTYLA – LEHNER [ in esclusiva ] – anteprima di web – UNA BUONA GIORNATA E UNA BUONA LETTURA !
IN ESCLUSIVA
F.Massimo Vuono, a “viva voce”, per voi Tutti: ecco L’INEDITO: Vojtyla – Giancarlo Lehner…la rivelazione… << – Karol mi voleva bene – >> … << – l’agente di Vojtyla in Unione Sovietica – >> …
(inèdito: un prezioso, incommensuràbile, regalo fatto a me e lo consegno a Tutti voi ! )
da servizio precedente – pubblicato
“Azimut” – Ufficio Stampa – F. Massimo Vuono ( nella foto )
candidato PdL alla V^ Municipalità di Arenella Vomero ( Comune Napoli )
 
Dedico il mio impegno elettorale, in corso, al nostro Papa Beato e Santo!
[ Massimo Vuono ]
 

 WOJTYLA: DOPO SEI ANNI SI AVVERA 'SANTO SUBITO'  Papa Benedetto XVI (S) saluta suor Tobiana (C), per circa 27 anni al fianco del papa polacco, e Suor Marie Simon Pierre (D) durante la cerimonia di beatificazione in piazza San Pietro, Citta' del Vaticano 

IL NOSTRO PAPA MAGNUS ( per bocca di Sua Santità Benedetto XVI )
 AZIMUT – ASSOCIAZIONE CULTURALSOCIALE – NAPOLI – www.associazioneazimut.blogattivo.com
LA RIVELAZIONE : << – KAROL MI VOLEVA BENE – >> …..
[ fatta per omaggio e sostegno a Massimo ]
G R A Z I E !
GIANCARLO LEHNER, 
DAL NOSTRO AMICO: << – L’AGENTE DI KAROL VOJTYLA  IN UNIONE SOVIETICA – >>: PER IL VECCHIO E IL NUOVO TESTAMENTO… [ Giancarlo Lehner , oggi deputato per << – Campania 2 – >> ]
Original Message From: Giancarlo Lehner To: arturo stenio vuono Sent: Saturday, May 07, 2011 2:01 PM
Subject: RE: ANTEPRIMA WEB / PUBBLICAZIONE IN SITO-BLOG
Caro Massimo,
ti voglio fare un regalo beneaugurante, raccontandoti quello che un tuo fautore, sicuro del tuo successo elettorale perché meritato, fece per Karol Wojtyla.  Era il 1989 e nell’Urss di Gorbaciov, nonostante tutte le allucinazioni occidentali, credere in Dio era ancora una professione di fede assai perigliosa. All’amico Andrej Mironov spaccarono tutti i denti perché si ostinava a ribadire d’essere cristiano. Andrej, con la bocca piena di sangue, continuò a ripetere: io credo in Cristo. Andrej fu l’ultimo prigioniero politico dell’Urss di Gorby. Io ero, allora, a tratti, corrispondente da Mosca dell’Avanti!, ma anche quando scrivevo nella sede romana di via Tomacelli non ero tenero con i comunisti. Tenevo una rubrica firmata « – Slam – » , titolata « – Vento dell’Est – » , e tutti pensavano che dietro quello pseudonimo si celasse il direttore Antonio Ghirelli.  Non so come l’avesse capito, ma Giovanni Paolo II sapeva che dietro quella firma c’ero io. Il Pontefice, lettore assiduo dei miei corsivi, incaricò Irina Alberti, già segretaria di Solgenitsyn e direttrice del “Pensiero russo”, giornale stampato a Parigi ed unico a raccontare per anni la verità sui Paesi della Cortina di ferro e sulla Chiesa del silenzio, di contattarmi per un incarico speciale. Caro Massimo, Irina Alberti, l’intellettuale russa di fede cattolica e grande amica del Papa, si mise in contatto con me, attraverso il genero e sua figlia, per chiedermi di prendere dei rischi per un’iniziativa bella e nobile. Il Santo Padre voleva che io facessi stampare e distribuire, clandestinamente e illegalmente, un milione di copie del Vecchio e del Nuovo Testamento in Unione sovietica. Il Pontefice – mi fece sapere Irina Alberti – pregava per me, perché potessi concretare l’iniziativa, uscendone illeso. Portai a termine l’incarico e mi legai per sempre, io israelita, alla grande, eccezionale figura di Giovanni Paolo II. Essendo, per natura, umile, modesto e sobrio, non racconto nulla dei pericoli e degli incidenti di percorso capitatomi in Urss, né mi sono mai vantato d’aver messo in gioco la mia libertà ed anche la vita per la riuscita del progetto di Karol Wojtyla. Ecco Massimo, puoi tranquillamente dire in pubblico che Giancarlo Lehner, l’agente di Wojtyla in Unione sovietica, un titolo che nessun altro può vantare, ti appoggia e fa votare per te, perché ne sei degno e te lo meriti, al Comune di Napoli – per la quinta Municipalità dell’Arenella e Vomero. Karol mi voleva bene e conto che voglia bene anche ai miei amici. Forza Massimo!
Giancarlo Lehner

Giancarlo Lehner
Biografia

Laureato in Lettere e Filosofia, , già assistente alla Sapienza di Storia della Critica letteraria e Storia della Letteratura italiana, docente presso vari licei romani, in ultimo il “Virgilio” (sino al 1991), scrittore, storico, giornalista, fondatore con altri del mensile Nuova Polizia e Riforma dello Stato, già direttore de L’Avanti! e de Il Giusto Processo. È deputato dalla XVI legislaturaIl 1º settembre 2009 è stato eletto Presidente del neonato Movimento Politico Culturale denominato “Nuova ForzaItalia for President” che ripercorre intellettualmente le idee liberali che costituirono “Forza Italia”. Il 24 marzo 2010, il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi ha effettuato una telefonata durante un comizio elettorale a Polla, per dare la sua approvazione e il suo totale sostegno a Nuova Forza Italia for Presidente. Il 18 febbraio 2011 annuncia il suo ingresso nel gruppo parlamentare a sostegno della maggioranza di Iniziativa Responsabile. “Dopo una vita politicamente spericolata, ho messo la testa a posto. Dalla settimana prossima, a Montecitorio, sarò assiso sui banchi dei ‘Responsabili’ “, afferma in una nota il deputato che lascia così il gruppo del Popolo della Libertà della Camera.[1]

Procedimenti giudiziari

A seguito di alcune accuse rivolte nei suoi scritti alla magistratura è stato condannato per diffamazione aggravata: la prima volta dal Tribunale di Trento per il pamphlet, edito da Mondadori, Attentato al governo Berlusconi: articolo 289 Codice Penale, in cui effettuava riferimenti a iniziative della magistratura accostandole al reato di “Attentato agli organi Costituzionali”[2]; la seconda volta, in seguito a un articolo pubblicato dal quotidiano Il Giornale il 29 gennaio 2004 dal titolo Un’indagine malata e avente per oggetto un’istruttoria del pm milanese Ilda Boccassini: quale sanzione accessoria alla condanna, il Tribunale di Brescia ha disposto la pubblicazione della sentenza emessa a carico di Lehner e dell’allora direttore responsabile Maurizio Belpietro sulla prima pagina de Il Giornale del 27 aprile 2007, in corpo doppio rispetto ai normali caratteri tipografici, nello spazio normalmente riservato al fondo. [3].

Pubblicazioni

È autore, a parte le migliaia di articoli su riviste e quotidiani italiani ( “Panorama”, “Ircocervo”, “ Libero”, “il Giornale”, “Il Roma”, “Il Tempo”, etc. etc.) dei seguenti volumi, alcuni antologizzati in testi scolastici per i licei e le Università:

1) Idea di nazione in Italia e in Europa, Firenze 1973.

2) Economia, politica e società nella prima guerra mondiale, Firenze 1974.

3) Parola di generale, Milano 1975.

4) Dalla parte dei poliziotti, Milano 1978.

5) Turati e Gramsci per il socialismo, Milano 1987 (con L. Lagorio).

6) Il giorno che sconvolse l’Urss, Roma 1989.

7) Palmiro Togliatti, biografia di un vero stalinista, Milano 1991.

8) Dialoghi del terrore/I processi ai comunisti italiani in Unione sovietica (1930-1940), Firenze 1991 (con F. Bigazzi).

9) Borrelli, autobiografia di un inquisitore, non autorizzata, Milano 1995.

Per i tipi della Mondadori:

10) La strategia del ragno, Milano 1996 (vincitore del premio Fiuggi).

11) Il caso Sergio Caneschi, Milano 1996.

12) Attentato al governo Berlusconi, Milano 1997.

13) Toga!Toga!Toga!, Milano 1998.

14) Due pesi / Due misure, Milano 1999.

15) La tragedia dei comunisti italiani/Le vittime del Pci in Unione sovietica, Milano 2000 (con F. Bigazzi).

16) Legittimo sospetto/Trent’anni di toghe rosse, Milano 2002.

17) Storia di un processo politico/giudici contro Berlusconi 1994-2002, Milano 2003.

18) L’affare SME, Milano 2003.

19) Prove di non colpevolezza, Milano 2004.

20) Carnefici e vittime/I crimini del Pci in Unione sovietica, Milano 2006.

21)Dall’utopia al cattivo gusto/L’unità da Gramsci a Furio Colombo, Milano 2006 (con Lapo Lehner).

22) La famiglia Gramsci in Russia,Milano 2008(premio Ignazio Silone 2009)

In lingua russa:

23) Effetto Berlusconi, Olma Press, Mosca 2002 (con M. Sinitsyna).

Sta preparando il volume intitolato: « – Gli italiani nel Comintern/Una storia di crimini contro l’umanità – »

Note

  1. ^ http://www.dagospia.com/rubrica-3/politica/articolo-22914.htm 2.LEHNER, LASCIO PDL E VADO CON “RESPONSABILI”… (ANSA) – “Dopo una vita politicamente spericolata, ho messo la testa a posto. Dalla settimana prossima, a Montecitorio, sarò assiso sui banchi dei ‘Responsabili’ “. Lo afferma in una dichiarazione Giancarlo Lehner, che lascia così il gruppo del Pdl della Camera.
  2. ^ La Repubblica
  3. ^ ADN Kronos
  • modifica per la pagina: 10:41, 22 feb 2011.
Massimo Vuono è – pure –  su Facebook 
Servire Napoli, per la Collina !
 
  
 Vuono –  Azimut  – Napoli  May 2011
Forza Massimo
IN PRIMIS, VOTARE – E POI PREFERENZIARE SIGNIFICA SCEGLIERE – NECESSITA UNA SELEZIONE DIFFERENTE…

Questo non è un semplice messaggio elettorale;è innanzitutto, sopratutto, esempio di chiarissima coerenza – rinnovato impegno di << – Politica & Onore – >> ( sino in fondo ) – che ripropone un grande << – Progetto – >> ( e fedeltà al patto sottoscritto ) sul territorio collinare.
Per una rinnovata << – scelta di campo – >> 
“AZIMUT “
 FORZA  MASSIMO  !


dal programma – candidato
F. Massimo VUONO
Auspicio e più : La << – Città Collinare – >> che verrà
MUNICIPALITA’ 5 – ARENELLA VOMERO E “OLTRE”. – Dal quotidiano << – Il Mattino – >> di Napoli – sabato 7 maggio 2011 – pag.38 Napoli Primo piano – “Hanno detto” – Vuono ( PdL ) : << – Le Municipalità vanno riformate, in funzione della futura area metropolitana di Napoli. Al quinto parlamentino vanno annessi i Colli Aminei, i Camaldoli e la parte alta dell’Avvocata – >> .
     
L A    C O L L I N A

 Azimut associazione – il presidente
     www.associazioneazimut.blogattivo.com   FORZA MASSIMO ! 
 Team online – Azimut         webm. adm. Fabio Pisaniello
I siti del << – prima – >> ( li ricordiamo ):


Noi, noi non navighiamo “a vista”…
    Politica
[ mantenere ( come sulle strade ) – sempre – la Destra ]
    
“Azimut” associazione – azimut in web” – L’INFORMAZIONE ONLINE, NON CONFORMISTA, TRA CRONACA E STORIA, CONTRO LA CONTINUA  “DOMICILIAZIONE” DEL << — SISTEMA DELLA MENZOGNA — >>; NEL RISPETTO DEL DIRITTO DI OPINIONE  E DI ESPRESSIONE, E DEL PIENO PLURALISMO. [ “Azimut”, come simbolo degli uomini  coerenti, liberi, forti, onesti e coraggiosi… ( una “merce rara” ! )… ]
[ direzione responsabile : presidenza associazione ]
Ufficio Stampa ( Ferruccio Massimo Vuono ) : massimovuono@libero.it
Sede: Via P. Del Torto, 1 – 80131 Napoli
Info: 339. 2004026 – 339. 4848276 Tel. 340. 3492379 – Telfax 081. 7701332
[ webm. adm. Fabio Pisaniello

A PRESTO SENTIRCI [ “Azimut” – associazione  – Napoli ]


Per contattare Massimo:
riferimenti:
tel. 339. 2004026  / info : 340. 3492379 / telfax: 081. 7701332 / Via P. Del Torto n.1 – RIONE ALTO – 80131 Napoli

Annunci

Napoli può – La collina cambia: è tempo di scelte! Domenica, 8 Maggio – ore 11:30 – Teatro Diana


NAPOLI PUO’ – LA COLLINA CAMBIA : E’ TEMPO DI SCELTE ! DOMENICA, 8 MAGGIO – ORE 11:30 – TEATRO DIANA
[ AZ. NewsLetter : 08.05.’11 ]
ROMA / DAL COLLE ) . 7 MAGGIO 2011
ultimora
Napolitano: Con nuova squadra, governo si presenti a Camere

QUESTO E’ UN SERVIZIO DI COMUNICAZIONE
[ anticonformista ]
    
“Azimut” – Non possiamo, non vogliamo, non dobbiamo tacere :
“Arsenico e vecchi merletti” ovvero << – vetero repubblikanes – >> ,  il “tormentone infinito”… 
[ “…e qui vult capere, capeat…” ]
IL TANTO “VITUPERATO LEADER”…DA CHI SI DESTREGGIA, FARFUGLIANDO IL “POLITIKESE”,,,OHIBO’ !
…E L’ALTERNATIVA DI “LOR SIGNORI”…TRA “MARCIATORI”, “ROSSI-LIBERAL”E “GUITTI”…AHINOI!

UNA BUONA GIORNATA E UNA BUONA LETTURA !
 
Associazione Azimut – Arenella / Vomero – Napoli
NAPOLI PUO’ – LA COLLINA CAMBIA : E’ TEMPO DI SCELTE ! DOMENICA, 8 MAGGIO – ORE 11:30 – TEATRO DIANA –  [ AZ. NewsLetter : 08.05.’11 ]
 Mostra immagine a dimensione intera  
Associazione Azimut – NAPOLI  |  Domenica 8 maggio – Teatro Diana [ appuntamento : ore 11:30 ] – Associazione Azimut  –  Arenella Vomero – Napoli:May 2011

Festa della Liberazione NAPOLI, PUO’  
“AZIMUT” : LA << – STRADA MAESTRA – >> / LA “DRITTA VIA” /  LIBERI MA SCHIERATI !

Massimo Vuono è – pure –  su Facebook
Servire Napoli, per la Collina !
 
 
 Vuono –  Azimut  – Napoli  May 2011
Forza Massimo
IN PRIMIS, VOTARE – E POI PREFERENZIARE SIGNIFICA SCEGLIERE – NECESSITA UNA SELEZIONE DIFFERENTE…

Questo non è un semplice messaggio elettorale;è innanzitutto, sopratutto, esempio di chiarissima coerenza – rinnovato impegno di << – Politica & Onore – >> ( sino in fondo ) – che ripropone un grande << – Progetto – >> ( e fedeltà al patto sottoscritto ) sul territorio collinare. Per una rinnovata << – scelta di campo – >>  [ “AZIMUT ” ]
 F O R Z A    M A S S I M O   !



 Azimut associazione – il presidente

     www.associazioneazimut.blogattivo.com   F O R Z A    M A S S I M O    ! 
 Team online – Azimut     webm. adm. Fabio Pisaniello
IN BOCCA AL LUPO ! CREPI IL LUPO !

In copertina
 
Dedico il mio impegno elettorale, in corso, al nostro Papa Beato e Santo!
[ Massimo Vuono ]
 

 WOJTYLA: DOPO SEI ANNI SI AVVERA 'SANTO SUBITO'  Papa Benedetto XVI (S) saluta suor Tobiana (C), per circa 27 anni al fianco del papa polacco, e Suor Marie Simon Pierre (D) durante la cerimonia di beatificazione in piazza San Pietro, Citta' del Vaticano 

IL NOSTRO PAPA MAGNUS ( per bocca di Sua Santità Benedetto XVI )
 AZIMUT – ASSOCIAZIONE CULTURALSOCIALE – NAPOLI – www.associazioneazimut.blogattivo.com

( loro )  “chiodo fisso” ….
DAL 1994
<< – “VETEROREPUBBLIKANES” & “TIRO AL PICCIONE” – >> 
[ IL “BERSAGLIO” ? SEMPRE LO STESSO ! ]
PER I << – POTERI FORTI – >> E “SERVENTI IN LIVREA”…
QUEST’O E’ L’UOMO…IL << – MALE ASSOLUTO – >> ….
GLI ILLUMINATI PRECEDENTI – MEMENTO
  
( NELLE FOTO ) :GIOVANNI LEONE – ANTONIO SEGNI – FRANCESCO COSSIGA : TRE CAPI DELLO STATO, FATTI OGGETTO DI VIOLENTE E VERGOGNOSE CAMPAGNE MEDIATICHE, GRAVEMENTE DIFFAMATORIE E CON ARGOMENTI “COSTRUITI” ED INVENTATI DI SANA PIANTA, SUCCESSIVAMENTE RISULTATI – INFATTI – ASSOLUTAMENTE NON VERITIERI, CHE FURONO COSTRETTI A “SGOMBRARE IL CAMPO” DELLE ISTITUZIONI PRO “PADRONI DEL VAPORE. OK ! OPPURE NO ? CHE DITE ?
N O I    A B B I A M O    U N A    M E M O R I A    D A    E L E F A N T E…

( nostra ) “locandina fissa”…
Vincenzo Camuccini 1798. Morte di Cesare
La << – domanda dalle cento pistole – >> :
prevarranno gli artefici – postulatori del cosiddetto “ultimo atto” ?
non lo crediamo ]

Pubblicina elettorale
Una candidatura, perciò, significa pure stare – chiaramente – “fuori dal mucchio”…..
ELEZIONI AMMINISTRATIVE : 15 / 16 MAGGIO 2011
La consegna e l’ambizione
RIVINCITA – RISCATTO – RISCOSSA
ANCHE PER NAPOLI – L’ANNO GIUSTO
SERVIRE NAPOLI, PER LA COLLINA !
F O R Z A    M A S S I M O    !

Barra il simbolo e scrivi Vuono
 
 Massimo Vuono, lista ” il Popolo della Libertà – Berlusconi – per Gianni Lettieri”
Festa della Liberazione candidato PdL  – al Consiglio della Quinta Municipalità : Arenella – Vomero, a Napoli.
Massimo Vuono è – pure –  su Facebook
Servire Napoli, per la Collina !
  
Per contattare Massimo:
riferimenti:
tel. 339. 2004026  / info : 340. 3492379 / telfax : 081. 7701332 / Via P. Del Torto n.1 – RIONE ALTO – 80131 Napoli E.mail : massimovuono@libero.it – an.arenella@libero.it –associazioneazimut@tiscali.it

“Azimut” – Ufficio Stampa
Estratto del PROGRAMMA
 Massimo Vuono, lista ” il Popolo della Libertà – Berlusconi – per Gianni Lettieri”
 candidato PdL  – al Consiglio della Quinta Municipalità : Arenella – Vomero, a Napoli
DECENTRAMENTO E COLLINA
Napoli, 03 maggio ’11 
<< – Le municipalità vanno riformate, in funzione della futura “area metropolitana”  di Napoli – >> .  Lo sostiene Massimo Vuono, candidato del Popolo della Libertà per il consiglio di Arenella – Vomero; che propone, intanto, di << – ridisegnare la “Città Collinare” e aprire un dibattito – confronto – >> . Alla quinta municipalità, secondo Vuono, che si impegna per la  convocazione del locale referendum consultivo, << –  vanno annesse omogenee zone come i “Colli Aminei”, tutto il circondario dei Camaldoli e la parte alta di Avvocata” – >>.
( fine messaggio )
AREE MERCATALI
Napoli, 5 maggio ’11 – Tratto dal quotidiano << – Roma ( “il Giornale di Napoli” ) – >> — (  a pag. 8 – Primo Piano  – In breve  ) : VOMERO ARENELLA – Vuono: risistemare le aree mercatali. Napoli. Ferruccio Massimo Vuono, candidato alla V Municipalità per il PdL, interviene sulla riorganizzazione delle aree mercatali. << – Per Casale DE Bustis occorre una ristrutturazione del fabbricato centrale, liberando le arterie vicine. Solo botteghe al Borgo Antignano, attivazione aree a ridosso di Via Castellino, mercato settimanale ai Camaldoli e sito al Rione Alto per il residuo “ambulantato non stanziale”. – >> .
TURISMO E OCCUPAZIONE
precedente – breve intervista
SUL QUOTIDIANO << – ROMA ( “il Giornale di Napoli” ) – >> , domenica 1° Maggio 2011 , PRIMO PIANO – pag. n. 8 – intervista : Candidato PdL Municipalità Arenella Vomero – Vuono : << – Turismo della collina, così faremo lavorare i giovani – >> –  ( . . . ) — [ il testo dell’intervista, già da noi pubblicato, può essere riletto : vai al nostro sito – blog ] .
PER LEGGERE IL PROGRAMMA ( VEDI: OLTRE )

 Original Message From: Vuono – To: ( . . . ) Sent: Tuesday, May 03, 2011 6:48 PM

Subject: PER NOSTRI “CONTATTI” / DA VUONO A.S.

Gentilissimi,
solo poche righe – scusandoci – per segnalarVi la candidatura di F. Massimo ( lista . “il Popolo della Libertà – Berlusconi – per Gianni Lettieri” ) che concorre per l’elezione del nuovo consiglio della Municipalità V^ di Arenella – Vomero.
Stiamo andando verso i giorni decisivi : la segnalazione della preferenza è fatto essenziale.
Cureremo, ancora, lasciare – presso di Voi quanto sia sufficiente a ricordarlo* : per ls famiglia, e se possibile per i Vs. amici.
Grazie molte. Cordialmente.   Arturo Stenio Vuono
 ( pubblicina elettorale – in distribuzione )

Il mio programma
Il programma di sempre
COLLINA – VUONO : ESTRATTO DEL PROGRAMMA
MUNICIPALITA’ 5 – COLLINA : ARENELLA – VOMERO
FERRUCCIO VUONO  iUNIOR MASSIMO )  – IL PROGRAMMA in ” 7 PUNTI sette “
( 119. 592 ResidentiI – Kmq 7, 42 – e ancora “oltre” )
L’IMPEGNO Se eletto – al governo o all’opposizione : coerenza, controllo e trasparenza )
SCHEDA ARANCIONE : BARRARE IL SIMBOLO  E SCRIVERE VUONO ]
SICUREZZA E LEGALITA’
 “Sportello Antiusura” ,  “Osservatorio Territoriale” e il presenziamento d’uno specifico“Numero Verde – Sicurezza” .
DECENTRAMENTO E COLLINA
 “Città Metropolitana”: progetto –  6 aree ( flegrea, nord, orientale, centro, storica e collinare ); e per la municipalità Arenella – Vomero,   futura estensione verso : “Cesarea- Mazzini-G. Santacroce”, “Capodimonte-Colli Aminei-M. Pietravalle ex Cupa Imparato”, “Camaldoli-Santacroce-Orsolone-L.Bianchi” (  convocazione del locale referendum consultivo ).
MANUTENZIONE E INTERVENTI
° sistemazione del sottosuolo   consolidamento del “reticolo Camaldoli”,  lavori di “urbanizzazione primaria” , repressione dell’abusivismo edilizio, eliminazione del rischio ambientale. a monte,  concausa  dei cronici dissesti verso il Vomero
° “piano straordinario per le arterie” : l’eliminazione delle vibrazioni indotte da traffico veicolare e da vettore – su rotaie ( in specie per le zone della “metropolitana collinare” ) e lavori diconsolidamento e di sottofondazione per i fabbricati.
° Riorganizzare  le c.d. “aree mercatali” :“Casale De Bustis” ( ristrutturazione  fabbricato centrale, liberare le arterie viciniori ), “Borgo Antignano” ( solo botteghe ), attivazione aree a ridosso della via P. Castellino; mercato, settimanale, ai Camaldoli e sito al “Rione Alto” per l’esercizio del  residuo “ambulantato non stanziale”. 
° Istituire  l’itinerario “storico-paesaggistico-turistico” : musei Cimarosa e S. Martino“Centro Collana”, Villa Floridiana, chiese vomeresi e “Borgo Antignano”, antica Arenella “scavata nel tufo”, aree verdi e “Parco urbano Camaldoli” ( con servizi ) , e sino all’Eremo; la sua gestione a mezzo consorzio misto ( quote al 51% Comune di Napoli + 49% ai privati ).
°  piani settoriali : per il decoro architettonico, eliminazione delle case fatiscenti, restauro conservativo, nuova edilizia popolare; e con l’acquisizione pubblica di opere abusive o con l’abbattimento di quelle non rientranti nel c.d. “stato di necessità”.
ASSISTENZA E ATTIVITA’ SOCIALE 
Assicurare la permanenza della popolazione anziana al domicilio,  censire i cittadini“diversamente abili” bisognevoli di assistenza integrativa; e favorire pure l’intervento di ” società a imprenditoria sociale giovanile ” ( soci aggiunti gli stessi assistiti ) che se ne vogliano far carico; curare l’accoglienza dei familiari di “pazienti a lunga degenza ospedaliera” presso“Cardarelli”, “Pascale”, ecc. ( facilitando l’uso di case a foresterie o tipo “pensione familiare” ); proporre  altri sostegni e/o riduzione dei tributi comunali per le “categorie disagiate”e per i ceti meno abbienti.
SCUOLA, CULTURA E SPORT
° Garantire la massima agibilità logistica delle scuole , cointeressare gli studenti alle attivitàistituzionali, promuovere la pedagogia per la “cultura della legalità” e l’esercizio del “coraggio civile”.
° Valorizzazione della cultura ( e di ogni forma di arte e di tradizione, in genere ) : svolgimento di manifestazioni annuali nelle zone di S. Martino, “Borgo Antignano”,  circondario della piazza Immacolata, “Rione Alto” e ai Camaldoli; istituire l’anagrafe delle risorse e delle energie in sede locale; organizzare  selezioni concorsuali ( con il “premio di municipalità”); introdurre una “Estate Collinare” al Vomero: concerti, presentazione di opere librarie, mostre e dibattiti; e all’Arenella:  “salotto collinare” , intrattenimenti  di teatro all’aperto, cabaret; aiCamaldoli : canzone e musica popolare ).
° Aprire alla platea giovanile tutti gli spazi ginnici e le palestre scolastiche: la gestione,devoluta   alle organizzazioni polisportivesia per la pratica di c.d. “discipline minori”,  che perla prevenzione del disagio  e  della deriva delle “droghe”.
GESTIONE AMMINISTRATIVA E SERVIZI
° Rendere compiuta l’informatizzazione dei servizi demografici e amministrativi, sviluppare al massimo l’autocertificazione e per le prestazioni residue, in sede, migliorare la ricezione dell’utenza.
° Stimolare – per il commercio dei generi alimentari – la costituzione d’una “rete vendite, a piccolo e medio dettaglio, coordinata” ( i “consorzi di botteghe” anche a “conduzione familiare” ),  competitiva  e  più conveniente, stante la  “grande distribuzione”; per gli altri settori merceologici, massimo sostegno alle attività promozionali. 
° Rivitalizzare l’artigianato e gli “antichi mestieri“: loro conoscenza ( a parte il c.d. “mercato del lavoro” ) che rientri nella formazione scolastica e che recuperi – anche in questo campo – lamemoria e la tradizione.
° Varare un “piano traffico generale” 1ipotizzare aree a parcheggio auto di sosta protetta, con servizi in loco e “collegamento-navette” ( in zona “Pigna” verso Vomero, allo svincolo tangenziale Arenella, sulla via Gabriele Jannelli e in spazi all’altezza degli ospedali “Monaldi” –“Cotugno” ); 2. abolire le strisce blu ( in determinate fasce orarie “carico-scarico merci”;autorizzazioni accessi esterni : visite ospedaliere; pure ove l’auto certificata “mezzo di lavoro” ); 3. “isole pedonali” per il diminuito standard-circolazione e per l’eliminazione dell’inquinamento acustico-ambientale ( al “Rione Alto” : diretti accessi pedonali per la viaJannelli ); 4. variante per  la “bretella di via S.Giacomo dei Capri” ( esproprio di aree per il completo allargamento dell’arteria ); 5. ampliamento del “Largo Cangiani” sottopasso e nuovo dispositivo: vie  Montesano, Quagliariello, anche verso Bianchi,  riaprendo l’ “antica Montelungo”, per S. Ignazio di Loyola e G. Jannelli ). 
° Consolidare l’igiene pubblica: disinfezione-lavaggio delle arterie, espurgo  fogne,disinfestazione e derattizzazione, spazi di disimpegno per animali domestici, reale raccolta differenziata dei rifiuti,  manutenzione e pulizia delle zone ad arredo urbano; cointeressare  tutte le realtà condominiali , con riunioni dei legali rappresentanti pro-tempore di fabbricato, a concomitanti azioni  – per il privato – di bonifica ordinaria e straordinaria del territorio .
PARTECIPAZIONE E “SOCIETA’CIVILE”
La  partecipazione non è solo quella dei gruppi organizzati ( consulte per le pari opportunità,delle associazioni volontariato, per i cittadini stranieri ); istituire consigli per il “question time” dei cittadinii, utilizzare l’assemblea pubblica e lo sportello dei servizi  per il raccordo con la “società civile” (  svolgendo adunanze esterne monotematiche; fornendo assistenza istituzionale per  le iniziative di petizioni o di consultazioni referendarie, ecc. ); creare l’ufficio per le “ Pubbliche Relazioni“con le locali “categorie produttive”, “corpi intermedi sociali” e “organizzazioni del lavoro”.    [ FINE ]

NAPOLI, 3 MAGGIO 2006 TUTTI I DIRITTI RISERVATI ]


Team online – Azimut        Fabio Pisaniello – webm. adm. – I siti del << – prima – >> ( li ricordiamo ) :
[ trovi – pure – il programma / a suo tempo elaborato /  per il territorio di Arenella – Vomero ]

Corrispondenze e << – taccuino storico – >>
Original Message From: lupo ragnarok
Sent: Thursday, May 05, 2011 12:00 PM
Subject: Viani e la crisi del PDL genovese
– Vinai e la crisi del PDL genovese – di Claudio Papini (con un’intervista radio a Vinai)
– Il partigiano collettivo – di Filippo Giannini (con un video sinistrissimo anti-repubblichini)
– Vendola, la Puglia, l’Italia – di Vito Schepisi (con la parodia di Vendola agli “Sgommati”)
Original Message From: Filippo Giannini
Sent: Wednesday, May 04, 2011 10:22 AM
Subject: Articolo
Questo articolo sarà pubblicato su “Il Popolo d’Italia“.*
[ “Azimut” : spazio aperto a tutti, senza filtri e censure; e, nella fattispecie,interessando – solo – il fatto storico, e laciando alla firma del dott. Giannini tutte le diverse notazioni-riflessioni di carattere politico, etc., e un certo “tono”… ]

*DE  LEGIBUS  AD  PERSONAM

di Filippo Giannini

Voi tutti accusate Silvio Berlusconi di essersi buttato in politica per guidarla e varare leggi ad personam così da salvarsi dai tanti processi che si è ( e che gli hanno ) tirato contro. ( ,,, * ) ( …….. * ) Non passa giorno che i mass-media non presentino un personaggio che lamenta che < ci sono famiglie che non arrivano a fine mese >. Come sono premurosi! Quasi in odore di santità! Solo dopo aver approfondito la conoscenza di alcuni di questi  quasi santi, siamo rimasti sconvolti da notizie, sino a poco prima, impensabili. I quasi santi sono, in realtà, dei paraculi; sì, perché solo i paraculi possono escogitare queste paraculatine (scusate la volgarità dell’espressione). Solo in un secondo tempo abbiamo recepito che le leggi ad personam sono una prassi comune in questo Paese dei Diritti e delle libertà, espressione di Luciano Violante, usata per festeggiare una delle tante giornate inutili, oltre che vergognose, come quella del 25 aprile, giorno della riconquistata libertà. Quale libertà? Suvvia, non continuiamo a fare i bischeri: i paraculetti avevano bisogno di abbattere il truce tiranno per reinstaurare il Paese dei paraculetti. Sono anni ormai che si parla delle leggi ad personam concepite da Berlusconi, allora osserviamo: ci dovrebbe essere una legge che vieta il cumulo delle pensioni, allora ci domandiamo: come mai i vari Prodi, Scalfaro, Amato ( da quello che sappiamo, il cumulo delle pensioni di questo parlamentare supera i 20 mila Euro al mese ), Ciampi e chissà quanti altri godono di simili privilegi. Le prebende dei parlamentari e dei senatori, con relativi benefici ( diritto alla pensione dopo pochi mesi di attività parlamentare, telefono, viaggi ecc. ecc. tutto gratis ), non sono leggi ad personam che si sono auto-concesse? In altre parole, per essere più chiari, questi privilegi che i soliti noti si sono attribuiti, sarebbero stati impensabili se non si fosse riconquistata la libertà.  Come è accaduto tutto questo? Un semplice esempio ( da Italia Sociale ), volgiamo lo sguardo a quanto accadde a luglio del 1943, quando i liberatori sbarcarono in Sicilla. È noto che il Fascismo sgominò la mafia la quale, per sopravvivere, dovette fuggire negli Stati Uniti dove trovò un ambiente favorevole alla propria sopravvivenza. Quando gli strateghi americani concepirono lo sbarco in Sicilia, contattarono alcuni importanti boss mafiosi siculo-americani, tra i quali Lucky Luciano, proponendo loro un cospicuo patto: la libertà e la ricchezza in cambio di un sostanzioso appoggio al momento dello sbarco. Per la riconquista della Sicilia verranno mobilitate le famiglie più prestigiose della mafia americana: gli Adonis, i Costello, gli Anastasia, i Profaci. Circa tremila gli uomini d’onore che saranno utilizzati dall’esercito a stelle e strisce, per la loro guerra di liberazione della roccaforte europea. Cioè era stata concepita una guerra ad personam mafia-statunitense. Andiamo avanti. Gli eroi sbarcano e gli invasori vengono ovunque accolti con fiori, reverenze, applausi e offerte di segnorine. Ma il bello venne dopo: con l’appoggio di questo formidabile esercito subentra una nuova battaglia, quella delle cariche. Con l’arrivo della libertà e dei liberatori e con il rientro dei mafiosi aventi diritto alla ricompensa, ebbe inizio la spartizione, come dagli accordi, delle prebende; e su questo argomento i liberatori furono larghi di maniche. Alcuni esempi: Genco Russo diviene sindaco di Mussomeli, Calogero Vizzini ( un super assassino colpevole di una cinquantina di omicidi ) fu nominato sindaco di Villalba, questo personaggio al momento dell’insediamento fu salutato dalla folla al grido di Viva la mafia. Cinquecento uomini di cosa nostra, confinati dal regime fascista ad Ustica, furono immediatamente liberati, tornarono a casa per prendere possesso dei posti vacanti di sindaco e di funzionari  nelle amministrazioni. Lo stesso governo civile alleato, che era guidato da Charles Poletti, completerà il proprio organico pescando nel ricco serbatoio mafioso: Damiano Lumia, nipote di Calogero Vizzini, divenne interprete del Civil Affair; a Vincenzo di Carlo, capo della mafia di Raffadali, venne affidata la responsabilità dell’ufficio requisizioni del grano. Il capo mafia di Corleone, Michele Navarra, fu incaricato di raccogliere gli automezzi militari abbandonati. Grazie alla democrazia statunitense, la Sicilia è ora saldamente in pugno a cosa nostra, la quale, costituita una struttura politico-militare, quella separatista, fu in grado di assicurare il controllo del territorio e delle rotte marittime agli States. Mentre negli altri territori sotto controllo dei vincitori era vietata qualsiasi attività politica, i separatisti organizzano pubbliche riunioni, cui prendevano parte ufficiali americani in divisa. Il separatismo siciliano godeva di ampi appoggi nei più importanti complessi industriali, finanziari e politici americani, per esempio la signora Eleonora Roosevelt (moglie del Presidente) scrisse: < Saremo lieti e orgogliosi se la Sicilia potrà essere la nostra longa manus degli Stati Uniti in Europa >. Materiale bellico verrà fatto pervenire a nuclei dell’esercito separatista a cura di Salvatore Sciortino. Ed ora, concludendo. O italiani, da queste radici quale altra Italia vi sareste aspettati? Cosa avveniva nell’altra parte? Finora abbiamo esaminato solo alcune delle nobili persone che hanno condannato il male assoluto ed ora, quale persona informata dai fatti (mi sembra che oggi si dica così!), diamo uno sguardo alle malefatte compiute dal male assoluto (solo questo termine caratterizza la capacità intellettuale di colui che lo concepì. Ma andiamo avanti). Vogliamo iniziare come l’essere demoniaco concepiva le leggi ad personam? Tutti sanno, o dovrebbero sapere, dato che ci sono in giro tanti capiscioni, che a guerra terminata Donna Rachele,  quando si accinse a chiedere la pensione del marito, sorsero mille difficoltà, in quanto Benito Mussolini aveva sempre rifiutato ogni compenso. Esattamente come agiscono le anime candide citate all’inizio di questo scritto.Repubblica Sociale Italiana ( ahi, ahi, ahi), anche qui il mostro in assoluto, mettendo in atto la sua legge ad personam rifiutò ogni emolumento, sino a quando Giovanni Dolfin, capo della Segreteria particolare, si trovò in difficoltà per espletare le esigenze degli uffici. Il Ministro Pellegrini-Giampietro, in una memoria pubblicata su Il Candido del 1958, ha scritto: < Nel novembre era stato preparato un decreto, da me controfirmato, con il quale si assegnava al capo della RSI, l’appannaggio mensile di 120 mila lire. Il decreto, però, che doveva essere sottoposto alla firma del Capo dello Stato, fu da lui violentemente respinto una prima volta. Alla presentazione, effettuata dal Sottosegretario di Stato, Medaglia d’Oro Barracu, seguì una seconda del suo Segretario particolare Dolfin. A me, che, sollecitato da Dolfin e dall’economo, ripresentai per la terza volta il decreto, Mussolini disse: “Sentite Pellegrini, noi siamo in quattro: io, Rachele, Romano e Annamaria. Mille lire ciascuno sono sufficienti”. Dovetti insistere per fargli notare che, a parte l’insufficienza della cifra indicata, in relazione al costo della vita, occorreva tener conto delle spese della sua casa e degli uffici. Dopo vive sollecitazioni finì per accettare, essendo egli anche Ministro degli Esteri, solo l’indennità mensile di 12.500 lire assegnata ad ogni ministro. Nel dicembre 1944, però mi inviò una lettera che pubblicò, rinunciando ad ogni e qualsiasi emolumento, ritenendo sufficienti alle sue necessità i diritti d’autore >. Amici lettori, non vi pare di vedere le stesse azioni di quei passerotti, sopra ricordati, che rifiutano ostinatamente ogni aggiunta di pensione a quelle già ricchissime che si sono autoconcessi, con furbatine, (neanche a dirlo!) assolutamente democratiche ? Qualcuno potrebbe osservare: sì, Lui, ma i fascisti… ammazzali loro! Beh! Giudicate voi. A guerra terminata nel bel mezzo della  caccia al fascista e delle inquisizioni cui erano sottoposti, lo Stato democratico e finalmente libero (di rubare!) aprì un’inchiesta a carico di 5005 (cinquemila e cinque) gerarchi e alti funzionari del mai sufficientemente deprecabile infausto Ventennio, inchiesta tendente ad accertare quanto i fascisti avessero rubato. L’operazione di indagine andò avanti per un paio di anni. Ma a farsa si somma farsa. Come scritto non si trovò nulla di illegale; un bel giorno apparve su tutti i giornali ( politicamente corretti ) la notizia: < Trovato il tesoro di Italo Balbo; è nascosto in una cassetta di sicurezza in una banca >. Il giorno deciso dagli inquirenti per aprire la cassetta inquisita furono convocati operatori, giornalisti, il fior fiore dei politici e, con gran pompa, la famigerata cassetta fu aperta; obbrobrio, il tesoro era una sciarpa: la sciarpa Littorio. Dopo di che, dato che c’è un limite per il ridicolo anche per la Repubblica nata dalla Resistenza, l’inchiesta sui 5005 ( cinquemila e cinque ) indagati, zitti, zitti, gli inquisitori chiusero le indagini e accantonarono l’inchiesta. La rabbia degli ometti, dovendo competere contro un siffatto Uomo, si esplica armando  l’informazione di cui sono padroni, cosa garantita dai paesi plutocratici che vedono ancora, come allora, il terrore che le idee lasciate nel Ventennio possano rimettere radici. Allora ecco il motivo, ripetiamo essendo padroni dell’informazione, di falsare fatti realmente accaduti sostituendoli con fantasie e pure menzogne. Ma qui si erge la voce del più grande giornalista svizzero, anche scrittore e storico, Paul Gentizon: < Se v’è un nome che nel dramma resterà puro ed immacolato, sarà quello di Mussolini. In tutte le circostanze ed anche dinanzi alla più atroce avversità. Egli è rimasto di una fermezza incrollabile; sino alla morte è rimasto fedele all’onore, e non ha capitolato. I suoi avversari, senza parlare dei suoi fedeli, non possono che inchinarsi sulla sua tomba in rispetto e ammirazione >. Per ottemperare a questo civile dovere, gli avversari dovrebbero essere UOMINI e non omuncoli; da qui la necessità di tentare di uccidere quell’uomo giorno dopo giorno, anzi, ora dopo ora. Ma non muore. Questo è e sarà ( ce l’auguriamo ) il loro dramma. Per concludere ecco come Mussolini vedeva l’avvenire della sua tanto amata Italia, nei decenni che seguiranno la fine del Secondo conflitto mondiale: < Con l’8 settembre si è perduto qualcosa di molto prezioso, che l’Italia faticherà duramente a riconquistare: l’onore nazionale e il rispetto che sino a ieri essa aveva in tutto il mondo. Un popolo senza rispetto e senza onore diventa un giocattolo nelle spire degli interessi politici dei vincitori. Non sarà difficile all’ipocrisia del tradizionalismo britannico trovare dei pretesti con cui mascherare i suoi sentimenti di vendetta e tutto sarà fatto nel nome della democrazia, della giustizia e della libertà: un paravento dietro il quale si nascondono gli interessi del più sudicio capitalismo, venga questo da Londra, da New York o da Mosca. IL POPOLO ITALIANO VIVRA’ UN PERIODO AMARISSIMO, CHE VEDRA’ SCREDITATI E TRAVOLTI TUTTI I PRINCIPI DELL’ONESTA’ E DELLA MORALE. Probabilmente nei paesi vinti si provvederà immediatamente a imporre una così detta costituzione democratica: ne seguiranno liti parlamentari, scandali politici e turpitudini morali senza fine, da cui ci si potrà attendere di tutto eccetto che qualcosa di buono e di costruttivo > ( Mussolini si confessa, di Georg Zachariae, pag.192 )

In altre parole:  l’attuale espressione geografica ( … * )
 [ * omissis ]

In Urbe, Giovanni Paolo Magnus, Il Papa – già acclamato Santo; Lehner e Vuono: al Sindaco Capitolino Alemanno; e altre news…


n Urbe, Giovanni Paolo Magnus, Il Papa – già acclamato Santo; Lehner e Vuono: al Sindaco Capitolino Alemanno; e altre news…


La mia campagna elettorale – per un giorno –  
ferma : mai provata una simile emozione
[ Massimo Vuono – si confessa… ]
Chi vive per la verità è proteso verso una forma di conoscenza che si infiamma sempre più di amore per ciò che conosce.. ..Fate della vostra vita un capolavoro Non abbiate paura del futuro, perchè il futuro siete voi! *
( Karol Wojtyla ) PAPA GIOVANNI PAOLO II, BEATO IL 1 MAGGIO 2011.  F. Massimo Vuono


lunedì, 2 maggio – 2011 Cronaca e ricordi – ieri:  ——— EVENTO PLANETARIO

C R O N A C A    E    R I C O R D I
GIOVANNI PAOLO – PAPA MAGNUS
[ …ci disse di aprire le porte a Cristo e di non avere paura… ]
Che Tu sia benedetto, tra i benedetti, nei secoli dei secoli…
SANTO SUBITO !
WOJTYLA: DOPO SEI ANNI SI AVVERA 'SANTO SUBITO'  Papa Benedetto XVI (S) saluta suor Tobiana (C), per circa 27 anni al fianco del papa polacco, e Suor Marie Simon Pierre (D) durante la cerimonia di beatificazione in piazza San Pietro, Citta' del Vaticano 
RITORNA NELLA SUA PIAZZA
Associazione Azimut – Napoli –  May  2011
In Urbe, Giovanni Paolo Magnus, Il Papa – già acclamato Santo; Lehner e Vuono: al Sindaco Capitolino Alemanno; e altre news…
[ AZ. News : lunedì, 2 maggio – 2011 ]
 Associazione Azimut  – agenzia Lehner – beatificazione di Giovanni Paolo II  –  c’è una proposta per Roma [ vedi: oltre ]
[ AZ. News : lunedì, 2 maggio – 2011 ]
 
Una buona giornata e una buona lettura !
SI MOSTRO’ – PURE – SOFFERENTE…
PAPA BENEDETTO, ha compiuto la missione
per divina provvidenza… 
GIOVANNI PAOLO – IL BEATO
Suore in piazza san Pietro Suor Tobiana (S), per circa 27 anni al fianco del papa polacco, e Suor Marie Simon Pierre con la reliquia di Giovanni Paolo II durante la cerimonia di beatificazione in piazza San Pietro, Citta' del Vaticano
LA CERIMONIA

 
Associazione Azimut  –  April 2011
agenzia Lehner – beatificazione di Giovanni Paolo II / la proposta
vedi : oltre
[ AZ. News : sabato, 30 aprile 2011 ]
Azimut – associazione culturalsociale – Napoli
BENE, ALEMANNO !
[ Attendiamo la decisione del Sindaco di Roma ]
       
R O M A    S F O L G O R A N T E…. [ ieri e oggi ] 
“Azimut”  webm. adm. Fabio Pisaniello  – Associazione Azimut  – Vuono | ANTEPRIMA DI WEB –  April 2011

        

IN COPERTINA
[ sotto il manto della Vergine – una missione terrena epocale ]
 
  
Una giornata che nasce da lontane – giuste lotte…..
il nostro PAPA MAGNUS – Santo Subito ! Il gigante della Fede che liberò il Lavoro
dal << – classismo – >> ! —- 1° maggio 2011 –  From: Vuono – Azimut  – Napoli
[ informa l’amico Lehner ]
 Original Message From: Giancarlo Lehner – To: arturo stenio vuono  – Sent: Saturday, April 30, 2011 11:43 AM – Subject: RE: agenzia Lehner
 
Il sindaco Alemanno dia un contributo significativo alla beatificazione di Giovanni Paolo II e al ristoro della dignità nazionale, intestando al beato Karol Wojtyla il grande viale di Roma, attualmente dedicato, a mo’ di oltraggio alle sue vittime polacche, russe, tedesche, spagnole, israelite ed italiane, al carnefice stalinista Palmiro Togliatti. – Giancarlo Lehner
“Azimut”
[ e tra gli “eredi” del << – migliore – >> ]
domanda dalle << – cento pistole –  >> :
[ il “nostro” … liberal ( sic ! )… ]
aderirà alla proposta Lehner ?
Forse che si – e forse che no…

Azimut – il presidente
 Scrivi a Gianni Alemanno
e inviaci la copia
( usa commento – post / nostro sito – blog ) 
—————-
SOSTENIAMO LA PROPOSTA DELL’ON.LE DR. GIANCARLO LEHNER
INVIARE E.MAIL AL SINDACO DI ROMA

da << – Tiscali Redazione – >>
scroscio di battimano, qualcuno canta, qualcun’altro piange dalla commozione. Viene svelato l’arazzo con la foto del Papa, scattata dal fido fotografo polacco Grzegorz Galazka nel 1989. Mentre a Napoli, finalmente, si scioglie il sangue di San Gennaro, a Roma salgono all’altare Suor Tobiana, la religiosa che assistette Giovanni Paolo II nell’ultima fase della malattia, e suor Marie Simon Pierre, la religiosa francese ‘miracolata’ per intercessione di Wojtyla, e portano a Benedetto XVI una reliquia con il sangue (non coagulato) di Giovanni Paolo II che gli fu prelevato durante il ricovero al Gemelli.
Nell’omelia Ratzinger ha ricordato il pontificato di Wojtyla a partire dalla data del funerale, e sottolinea che, tra la folla che affollò piazza San Pietro l’otto aprile 2005, “noi sentivamo aleggiare il profumo della sua santità, e il popolo di Dio ha manifestato in molti modi la sua venerazione per lui. Per questo – ha puntualizzato ancora il Papa – ho voluto che, nel doveroso rispetto della normativa della Chiesa, la sua causa di beatificazione potesse procedere con discreta celerità”. Benedetto XVI ha sottolineato che Wojtyla è beato “per la sua fede, forte e generosa, apostolica”, ma non ha mancato di ricordare gli aspetti più storici e politici del suo pontificato, quando, in riferimento al crollo del comunismo in Polonia e nell’Unione sovietica ha affermato che Giovanni Paolo II ha invertito il corso della storia “con la forza di un gigante” ed ha “legittimamente” rivendicato al cristianesimo la “carica di speranza che era stata ceduta in qualche modo al marxismo e all’ideologia del progresso”. Il primo maggio, ricorda ancora il Papa, è festa del lavoro, è festa della Divina misericordia, ma per Wojtyla beato in cielo, dice, c’è “la festa tra gli Angeli e i Santi”. In piazza, a Roma, festeggia un milione e mezzo di pellegrini.
01 maggio 2011
Redazione Tiscali

Credetemi. – Io riprendo il mio cammino : con nuova e rinnovata forza. IO CREDO ! [ Ferruccio Massimo Vuono ]
ELEZIONI AMMINISTRATIVE – NAPOLI ( 15 – 16 MAGGIO 2011 )
 Massimo Vuono, lista ” il Popolo della Libertà – Berlusconi – per Gianni Lettieri”
Festa della Liberazione candidato PdL  – al Consiglio della Quinta Municipalità : Arenella – Vomero, a Napoli.
Massimo Vuono è su Facebook
Servire Napoli, per la Collina !
  
Per contattare Massimo:
riferimenti:
tel. 339. 2004026  / info : 340. 3492379 / telfax : 081. 7701332 / Via P. Del Torto n.1 – RIONE ALTO – 80131 Napoli E.mail : massimovuono@libero.it – an.arenella@libero.it –associazioneazimut@tiscali.it

SUL QUOTIDIANO << – ROMA ( “il Giornale di Napoli” ) – >> , domenica 1° Maggio 2011 , PRIMO PIANO – pag. n. 8 – intervista : Candidato PdL Municipalità Arenella Vomero – Vuono : << – Turismo della collina, così faremo lavorare i giovani – >> – 

[ NAPOLI – << – Una fra le tante proposte in grado di favorire sbocchi occupazionali sul territorio collinare, riguarda la
 possibilità di istituire l’itinerario “storico-paesaggistico-turistico”: musei Cimarosa e San Martino, “Centro Collana”, Villa Floridiana, chiese vomeresi e Borgo Antignano, antica Arenella “scavata nel tufo”, aree verdi e Parco Urbano Camaldoli, sino all’Eremo – >> . Ha le idee chiare Massimo Vuono ( nella foto ), candidato del Popolo della Libertà al consiglio della Municipalità Arenella-Vomero. << – Il governo della Municipalità che immagino – spiega Vuono – può orientare gli interventi in merito, con la gestione dei servizi a mezzo consorzio misto-partecipato: quote al 51% Comune di Napoli e 49% ai privati, come – ad esempio – le agenzie di viaggio che ne curino l’offerta e la pubblicità – >> .
Vuono rilancia anche la necessità di un << – piano straordinario per le arterie stradali, con l’eliminazione delle vibrazioni indotte da traffico veicolare e da vettore su rotaie, in specie per la zone della metropolitana collinare, e lavori di consolidamento e di sottofondazione per i fabbricati – >> . Il giovane candidato del PdL sostiene inoltre la necessità di allargare al massimo la partecipazione dei cittadini, anche attraverso la creazione di un ufficio per le Pubbliche relazioni con le categorie produttive locali.
Ferruccio Massimo Vuono
il ROMA – anche in edizione online : www.ilroma.net
clicca e leggi

la pagina  del quotidiano, con l’intervista

Team online – Azimut        Fabio Pisaniello – webm. adm. – I siti del << – prima – >> ( li ricordiamo ) :
[  trovi – pure – il programma / a suo tempo elaborato /  per il territorio di Arenella – Vomero ]

Politica
[ mantenere ( come sulle strade ) – sempre – la Destra ]
Mostra immagine a dimensione intera    PDL 
Azimut” associazione – azimut in web” – L’INFORMAZIONE ONLINE, NON CONFORMISTA, TRA CRONACA E STORIA, CONTRO LA CONTINUA  “DOMICILIAZIONE” DEL << — SISTEMA DELLA MENZOGNA — >>; NEL RISPETTO DEL DIRITTO DI OPINIONE  E DI ESPRESSIONE, E DEL PIENO PLURALISMO. [ “Azimut”, come simbolo degli uomini  coerenti, liberi, forti, onesti e coraggiosi… ( una “merce rara” ! )… ]
[ direzione responsabile : presidenza associazione ]
Ufficio Stampa ( Ferruccio Massimo Vuono ) : massimovuono@libero.it
Sede: Via P. Del Torto, 1 – 80131 Napoli
Info: 339. 2004026 – 339. 4848276
Tel. 340. 3492379 – Telfax 081. 7701332
[ webm. adm. Fabio Pisaniello ]
A PRESTO SENTIRCI [ “Azimut” – associazione  – Napoli

Noi, noi non navighiamo “a vista”…   

   

INFORMATIVA AI SENSI DEL D.LGS. 196/2003. Si informano i destinatari della presente email che gli indirizzi sono stati forniti direttamente dall’interessato o, in alcuni casi, reperiti direttamente in internet. Inoltre tali indirizzi vengono utilizzati unicamente per le comunicazioni di carattere politico, culturale, economico, etc., dell’Associazione e non verranno nè comunicati, nè ceduti a terzi. I titolari possono, ai sensi dell’articolo 7 del D.lgs. 196/2003 richiedere la cancellazione; comunicando, nei modi d’uso, agli indirizzi di posta elettronica : ogni loro decisione in merito.

ELEZIONI AMMINISTRATIVE : 15 / 16 MAGGIO 2011
La consegna e l’ambizione
RIVINCITA – RISCATTO – RISCOSSA
ANCHE PER NAPOLI – L’ANNO GIUSTO
SERVIRE NAPOLI, PER LA COLLINA !
FINE INTERVENTO

Raccolta di e-mail dell'Associazione Culturale Azimut

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: